Friends

Per quali valori ci chiedono di combattere

 

 

CTybDFyXIAUXOjX

Qualche giorno fa, un amico mi ha inviato la vignetta di cui sopra. Che rende molto bene per quali “valori” l’Occidente si difende. Di mezzo, certo, c’è il problema, atavico, della libertà. Perché l’uomo è creato libero. Libero per amare – un amore coatto non sarebbe amore – o per rifiutare l’amore nell’affermazione autoreferenziale, in una “fenomenologia dell’individuo assoluto” che, gnosticamente, vuole auto-costruirsi la salvezza e l’immortalità. Fino a sentirsi al di sopra del bene e del male, … Leggi tutto

Ma anche l'Occidente ha i suoi fanatici religiosi. Eccoli qui.

di Maurizio Blondet

IMG-20151007-WA0001

L’articolo dell’amico Siro Mazza – ma tu manderesti tuo figlio da questa gente? – ha suscitato uno speciale tipo di commenti. Commenti rabbiosi, di una rabbia incontrollata, profferiti con la bava alla bocca: di gente che va’ ai concerti e nelle discoteche e non tollera che si critichi la loro occupazione primaria, a cui loro attribuiscono un significato immenso e una rilevanza gigantesca. E’ qualcosa in cui sono totalmente immersi, un totalitarismo da tempo libero che non Leggi tutto

Ma tu manderesti tuo figlio da  gente così?

di Siro Mazza

Eagles Of Death Metal - Cover - Back

Sabato scorso, fra i tanti filmati andati in onda sui Tg, si vedeva la scena di un padre in lacrime, che aveva comprato il biglietto a suo figlio, per andare ad assistere al concerto del “Bataclan”. Cioè: non era il ragazzo ad aver chiesto al genitore ignaro di andare a sentire un gruppo rock; no, era il padre (ancora giovane, sulla quarantina) ad aver spedito il figlio al massacro. Chissà se gli aveva dato anche qualche euro … Leggi tutto

di Ludovico Nobile

 

Come un altro? Ma chi lo ha detto che la catastrofe aerea del 31 Ottobre 2015 in Egitto sia l’ennesima false flag organizzata dai servizi segreti occidentali?

 

Perché parliamo di un altro abbattimento? Perché’ l’MH17 della Malaysian Airline è stato senza dubbi abbattuto con la complicità dei servizi segreti americani per imporre all’Europa (perché’ in verità è a noi che fanno male) le sanzioni alla Russia, rendendo tale abbattimento una gigantesca operazione psicologica per … Leggi tutto

UNA PAGINA FONDAMENTALE DELLA NOSTRA STORIA –
LA DISPUTA TRA KEYNESISMO E MONETARISMO QUALE MANIFESTAZIONE DEL PROBLEMATICO RAPPORTO TRA GIUSTIZIA E MERCATO
(Terza Parte) di Luigi Copertino

Linee ideali per una politica di equità sociale nel governo dell’economia di mercato

Nicholas Kaldor, dalle sue scoperte di economia monetaria, faceva derivare anche chiare conseguenze politiche e pratiche. Per l’economista anglo-ungherese gli obiettivi di una politica monetaria sociale, e quindi – aggiungiamo noi – etica, devono mirare a rafforzare l’economia reale, la … Leggi tutto

UNA PAGINA FONDAMENTALE DELLA NOSTRA STORIA –
LA DISPUTA TRA KEYNESISMO E MONETARISMO QUALE MANIFESTAZIONE DEL PROBLEMATICO RAPPORTO TRA GIUSTIZIA E MERCATO
(Seconda Parte) di Luigi Copertino

Prime critiche scientifiche al monetarismo

Ora, come accadde per la teoria keynesiana alla fine degli anni ’70, anche la teoria monetarista di Milton Friedman trovò, negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, le sue difficoltà operative che ne misero in forte dubbio la valenza scientifica, fino a ridimensionarla fortemente se non ad … Leggi tutto

KEYNESISMO E MONETARISMO prima parte

UNA PAGINA FONDAMENTALE DELLA NOSTRA STORIA –
LA DISPUTA TRA KEYNESISMO E MONETARISMO QUALE MANIFESTAZIONE DEL PROBLEMATICO RAPPORTO TRA GIUSTIZIA E MERCATO
(Prima Parte) di Luigi Copertino

Giustizia, equità e mercato

A Piazza del Campo, in Siena, sorge il Palazzo Pubblico, al cui interno, nella sala detta del Mappamondo, dove in origine si svolgevano le riunioni del Consiglio Generale della Repubblica senese, Simone Martini, tra il 1312 ed il 1315, sulla parete di fondo, ha dipinto la sua famosa “Maestà”. … Leggi tutto

Udo Ufkotte, per anni giornalista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, è diventato celebre per aver rivelato come   molti giornalisti europei siano a libro-paga della Cia, della finanza e dei politici, confessando di essere lui stesso a servizio dei servizi americani: Gekaufte Journalisten, Giornalisti Comprati, si intitolava il suo saggio. Adesso esce con un altro: Mekka Deutschland (sottotitolo: La silenziosa islamizzazione), Kopp Verlag (2015).   Una miniera di informazioni politicamente scorrette sulla Germania islamizzata,   di cui un amico ci ha fornito … Leggi tutto