Friends

 

 

 Di luciano garofoli

 

«Gli infedeli spuntarono sui pendii con le loro divisioni come nuvole di un temporale, ricoperti di un metallo blu. Arrivavano con un’ala di fronte ai valacchi e moldavi addossati ad una riva del Danubio e con l’altra ala fino all’estremità delle divisioni tartare, coprivano il monte ed il piano formando un fronte di combattimento simile ad una falce. Era come se si riversasse un torrente di nera pece che soffoca e brucia tutto ciò che gli si

Leggi tutto

SUL PAPA E I SUOI CONTESTATORI

 

“Tutto il mondo moderno si è diviso in conservatori e progressisti.

 L’attività dei progressisti è quella di continuare a fare errori.

 L’attività dei conservatori è quella di evitare che gli errori siano corretti”

 (G. K. Chesterton)

Il grande scrittore inglese, cattolico intransigente che sapeva tirare di fioretto, non poteva meglio di così descrivere il dramma che affligge oggi non solo la modernità ma la Chiesa, che sembra aver dimenticato pur vivendo nel mondo

Leggi tutto

di Roberto PECCHIOLI

 

Considerazioni inattuali. Nel calderone dei fulminei mutamenti di massa dell’epoca nostra, che rendono irriconoscibile la società, tramontano idee, modi di vivere, valori. Una delle vittime della modernità trionfante è l’onore. “La mia anima a Dio, la mia vita al re, il mio cuore alla dama, e l’onore per me”, fu per secoli il motto della Cavalleria. Oggi l’anima è ignorata persino dalla chiesa, non ci sono più dame, ma partner occasionali con cui sfogare gli impulsi

Leggi tutto

 

                                                          di Roberto PECCHIOLI

 

Estate, esterno giorno. In uno spiazzo oltre una curva della strada panoramica per Cavalese due lenzuola e una coperta pietosa proteggono il corpo di un uomo. La bicicletta spezzata a pochi metri svela il mistero di quella morte recentissima. Gli automobilisti infastiditi dalla coda creata dalla tragedia riprendono la marcia. Nessuno si ferma, soddisfatto che il traffico riprenda. Si allontana anche chi scrive, dopo aver silenziosamente recitato un Requiem per lo sventurato. Ha vinto ancora una

Leggi tutto

 

di Roberto Pecchioli

Mi duole il mio Paese, scriveva il poeta francese Robert Brasillach dalla prigione da cui uscì per essere fucilato nel 1945 per collaborazionismo nonostante la mobilitazione del mondo culturale. “Mi fa male per le sue vie affollate in questi empi anni, per i giuramenti non mantenuti, per il suo abbandono e per il suo destino, per il grave fardello che grava sui suoi passi. Il mio Paese mi fa male per i suoi doppi giochi, per l’oceano

Leggi tutto

Buongiorno Dott. Blondet,
La contatto per porre alla sua attenzione un fatto assai grave.
Come già immaginavo, la totalità dei “giornaloni mainstream” hanno totalmente ignorato questa mia lettera di denuncia.
Spero che un libero pensatore come lei possa aiutarmi a dare il giusto eco all’ennesima conferma di una Italia, di una Europa debolissime e schiave dell’America.
La mia ragazza (d’ora in poi N.R.) è una cittadina Iraniana residente in Italia con regolare permesso di soggiorno illimitato e partita IVA.
In
Leggi tutto

BY  ON

In questo sintetico ed essenziale contributo, si mettono in luce la natura e le caratteristiche della Cavalleria Cristiana. Con un linguaggio teologico e “catechetico”, si evidenzia la funzione della Cavalleria  – in quanto esercizio eminente della Regalità – i suoi modelli tratti dalle Scritture e il suo Archetipo eterno sussistente nel Cristo Logos (Apocalisse). Si evidenzia altresì come “l’oscurarsi della Regalità” rappresenti storicamente una delle ragioni del crollo della Cristianità occidentale e della

Leggi tutto

LEGALITA’ E LEGITTIMITA’

(una nota a margine della crisi del governo giallo-verde)

 

Il difficile normativismo kelseniano

La crisi di governo di quest’estate ha riproposto una antica questione di filosofia politica. Quella del rapporto tra la legalità formale e la legittimità sostanziale. In un sistema politico-giuridico liberal-democratico, ossia kelseniano – il riferimento è ad Hans Kelsen il filosofo della “dottrina pura del diritto” –, prevale una concezione normativista che assegna alla legalità formale un primato del tutto indipendente dal radicamento sostanziale

Leggi tutto