Friends

                                                                   di Roberto PECCHIOLI 

Un quadro antico di mediocre qualità rappresentava un sontuoso pranzo in una corte rinascimentale. Al centro il principe, ai lati nobili, dignitari, ufficiali in alta uniforme, dame alle prese con le innumerevoli portate del banchetto. Agli estremi altri personaggi ammessi al desco, probabilmente i cortigiani, la vil razza dannata di Rigoletto, oltre naturalmente ai domestici di servizio. Nel salone altri personaggi attendevano i resti del pasto, gli avanzi gettati da lorsignori: animali domestici, nani, buffoni di corte,

Recentemente la Polonia ha approvato una legge che commina sino a 3 anni di carcere a chi diffama la Nazione polacca, associando l’aggettivo “polacchi” ai campi di concentramento tedeschi costruiti in terra polacca dopo l’occupazione della Polonia da parte del III Reich (1° settembre 1939), oppure attribuendo pubblicamente alla Polonia le deportazioni di ebrei messe in atto dalla Germania nazionalsocialista, affermando, così, di fatto la complicità polacca con la persecuzione germanica degli ebrei dell’Europa del nord.

Ciò che lascia perplessi

… “La digitalizzazione del denaro è un mezzo per il governo o per qualunque forza di oppressione con cui controllare le popolazioni trattenendo o confiscando la le loro risorse vitali per sostenere la vita, il loro reddito. Il denaro delle blockchain come i Bitcoin, dicono gli ‘specialisti’, è più sicuro di qualunque sistema bancario che il mondo abbia conosciuto fino ad oggi. Questo mito sembra essere crollato. La CNBC il 29 gennaio ha riferito che l’exchange di criptovalute giapponese era

                                                               di Roberto PECCHIOLI

L’interruttore cognitivo, in psicologia, è un meccanismo che desta o risveglia l’attenzione, un concetto o una parola in grado di polarizzare nel senso voluto coloro a cui ci si rivolge. La stucchevole polemica antifascista di queste settimane è diventata l’interruttore cognitivo dell’immaginario nazionale.  Matteo Renzi si è iscritto ad una “anagrafe antifascista”, molti comuni votano mozioni con cui proibiscono gli spazi municipali a non meglio identificati fascisti, qualche città revoca con 75 anni di ritardo la cittadinanza

Tyler Durden
Zero Hedge
Sa Defenza 
In seguito al bombardamento della notte scorsa, riferisce  che almeno due, combattenti mercenari russi in Siria sono stati uccisi dalle forze della coalizione a guida Usa, questa mattina Bloomberg è uscita con un’esclusiva, secondo la quale il numero dei cadaveri è molto maggiore di quanto non fosse stato divulgato :Secondo quanto riferito da Bloomberg , le forze armate USA avrebbero ucciso un “mucchio” di soldati russi in Siria la scorsa settimana

PUTIN: ORA PARLO IO

È una biografia scritta da Hubert Seipel, giornalista di lungo corso. È stato corrispondente dall’estero per Stern e Der Spiegel, prima di dedicarsi alla televisione.

È stata sua la prima intervista diffusa in tutto il mondo ad Edward Snowden.

Dopo avergli dedicato un documentario trasmesso da ARD, la più importante TV pubblica tedesca, Seipel ha intervistato diverse volte Putin.

Il libro è il frutto di anni di interviste, analisi, conversazioni, conoscenza.

In Italia è stato pubblicato da Piemme.

Non

Carissimi Amici, Carissimi Lettori,

 

scrivo queste righe nel giorno del mio compleanno. Era il 1956. Il tempo vola. E’ un soffio e non ce accorgiamo. Poi ci fermiamo, vediamo la nostra vita e ci chiediamo che cosa ne abbiamo fatto.

“Ti invito ogni giorno”, mi ha scritto stamattina un carissimo amico sacerdote, “a fare come il Cireneo: tu te ne vai per la tua strada, poi ad un bel momento trovi l’uomo-Dio piegato sotto il peso della Croce,

di Marcello Pamio

https://www.disinformazione.it/Sistema_collasso.htm

Stanno accadendo cose che voi sudditi non potete immaginare…
Anagrammare la citazione di «Blade Runner» diviene obbligatorio per descrivere quello che sta interessando gli Stati Uniti d’America. Talmente dirompenti sono alcuni eventi che giustamente nessun giornale, telegiornale o radio in Italia ne ha parlato. Quando ciò avviene, quando i megafoni del mainstream evitano di parlarne significa che l’affare è molto grosso!
Andiamo per ordine.

Donald Trump è indubbiamente uno dei presidenti più criticati della storia americana.