UNA GROSSA PERDITA PER L’ESPANSIONE DELLA DEMOCRAZIA

Il killer di Soleimani e Bin Laden, capo CIA in Medio Oriente,  ucciso nell’aereo Usa abbattuto in Afghanistan

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION HERE

….

“Ayatollah Mike”, il celebre e misterioso comandante della Central Intelligence Agency di Langley (Virginia) nelle operazioni in Medio Oriente sarebbe rimasto ucciso nello schianto dell’aereo militare Us Air Force precipitato ieri, lunedì 27 gennaio, nell’Afghanistan centrale e su cui viaggiavano ufficiali CIA, NSA (National Security Agency).

«L’aereo abbattuto era il comando mobile della CIA per Michael D ‘Andrea, capo delle operazioni contro Iraq, Iran e Afghanistan, la piattaforma spia più avanzata d’America e il centro di comando mobile con tutte le attrezzature e i documenti ora nelle mani dei nemici» si legge su VT (per cui mi onoro di collaborare dall’Italia).

«VT Damasco: (fonti dell’intelligence russa confermano) È stato riferito che (Mike de Andrea) responsabile del dossier dell’assassinio del martire maggiore generale Qassem Soleimani è stato ucciso nell’incidente dell’aereo americano che è stato abbattuto in Afghanistan. È la figura di spicco dell’intelligence della CIA nella regione. Il massimo ufficiale della CIA è stato ucciso nell’incidente del bombardiere americano in Afghanistan».

Il resto qui:

CLAMOROSO: Il killer di Soleimani e Bin Laden, capo CIA in Medio Oriente, ucciso nell’aereo Usa abbattuto in Afghanistan

 

Sulla figura di D’Andrea, ecco un articolo del New York Times del 2  giugno 2017:

La C.IA nomina il “Principe Oscuro” per eseguire operazioni in Iran, segnalando un indurimento della strategia

 

WASHINGTON – È conosciuto come il Principe Oscuro o Ayatollah Mike, soprannomi che ha guadagnato come ufficiale della Central Intelligence Agency che ha supervisionato la caccia a Osama bin Laden e alla campagna americana di attacchi con  droni che ha ucciso migliaia di militanti islamici e centinaia di civili.  Fumatore incallito, è un convertio all’Islam …

Ora  Michael D’Andrea, ha un nuovo lavoro. Guidare  le operazioni iraniane della CIA, primo segnale  importante che l’amministrazione Trump sta  imboccando  la linea dura che il presidente ha promesso contro l’Iran durante la sua campagna.

Il nuovo ruolo di D’Andrea è una delle numerose mosse all’interno dell’agenzia di spionaggio che segnalano un approccio più muscolare per operazioni segrete sotto la guida di Mike Pompeo.

L’Iran è stato uno degli obiettivi più difficili per la CIA L’agenzia ha un accesso estremamente limitato al paese – nessuna ambasciata americana è aperta a fornire copertura diplomatica –  […]

D’Andrea, un convertito all’Islam , che ha una reputazione fuori misura e il track record per confermarlo: forse nessun singolo funzionario della CIA è più responsabile dell’indebolimento Al Qaeda..

“Convertito all’Islam”

“Può eseguire un programma molto aggressivo, ma in modo molto intelligente”, ha dichiarato Robert Eatinger, un ex avvocato della CIA che era profondamente coinvolto nel programma di droni dell’agenzia.

Illustre torturatore e re degli  assassini mirati

Negli anni successivi agli attacchi dell’11 settembre, D’Andrea è stato profondamente coinvolto nel programma di detenzione e interrogatorio, che ha portato alla tortura di un certo numero di prigionieri ed è stato condannato in un ampio rapporto del Senato nel 2014 come disumano e inefficace. È stato reso pubblico solo il sommario esecutivo del rapporto di 6.700 pagine; l’amministrazione Trump ha iniziato a restituire copie del documento completo al Congresso , che non è soggetto alle richieste del Freedom of Information Act, sollevando la prospettiva che non verrà mai rilasciato.

D’Andrea ha assunto il Centro antiterrorismo dell’agenzia all’inizio del 2006 e ha trascorso i successivi nove anni a dirigere la caccia ai militanti di tutto il mondo.

Gli agenti sotto la sua direzione hanno svolto un ruolo fondamentale nel 2008 nell’uccisione di Imad Mugniyah, il capo delle operazioni internazionali per Hezbollah, il gruppo militante sciita appoggiato dall’Iran con base in Libano. Lavorando con gli israeliani, la CIA ha usato un’autobomba per uccidere Mugniyah mentre tornava a casa a Damasco, dove Hezbollah gode di forti legami con il sostegno del governo siriano.

Allo stesso tempo, D’Andrea stava accelerando il programma di droni in Pakistan. I droni divennero lo strumento antiterrorismo preferito dal presidente Barack Obama, che approvò personalmente gli attacchi contro i leader militanti.

Quando  D’Andrea subentrò come capo dell’antiterrorismo, solo una  mezza dozzina  di droni dell’agenzia era operativa in Pakistan, e quell’anno ci furono solo tre colpi.  Nel 2010, quando la campagna dei droni era al culmine, l’agenzia ha lanciato 117 attacchi contro i militanti di Qaeda e altri jihadisti che si rifugiano nelle aree tribali montuose che corrono lungo il confine nord-occidentale del Pakistan con l’Afghanistan.

Ma ci  sono state anche battute d’arresto. D’Andrea era al timone quando una fonte della CIA che lavorava segretamente per Al Qaeda si fece esplodere in una base americana in Afghanistan, uccidendo sette agenti di agenzia. Fu il singolo attacco più mortale al personale della CIA in oltre un quarto di secolo.

E a gennaio 2015, un drone ha colpito un complesso di Qaeda in Pakistan dove, all’insaputa della CIA, i militanti tenevano in ostaggio due ostaggi: Warren Weinstein, un operatore umanitario e consulente economico americano, e Giovanni Lo Porto, 37 anni, italiano. Entrambi gli uomini furono uccisi nello sciopero…..

Molti di quelli che lo conoscono hanno  paura di lui;  e pensavano che fosse sconsiderato, ma in realtà non lo era”, ha detto il sig. Eatinger. “Era molto preciso e teneva le persone a standard molto elevati.”

 

  • I resti carbonizzati dei passeggeri – perchè i Talebani sono incivili.
Print Friendly, PDF & Email