Perché Israele ha tentato di avvelenare un chierico cristiano palestinese

RAMZY BAROUD

Corrono ma non si affaticano“, è una citazione dalla Bibbia (Isaia, 40:31) che adorna la homepage di Kairos Palestine, un’organizzazione cristiana che si oppone all’occupazione israeliana.

Questo importante documento, che mette in parallelo un’iniziativa simile proveniente dal Sudafrica durante gli anni della lotta contro l’apartheid, è arrivato a rappresentare ovunque la voce unificata della comunità cristiana palestinese.

Uno dei principali sostenitori di Palestina di Kairos è l’arcivescovo Atallah Hanna.

Dal 2005 è capo della diocesi di Sebastia della Chiesa greco-ortodossa di Gerusalemme. Da allora ha usato la sua posizione di leader per sostenere l’unità palestinese in tutte le sue manifestazioni.

Presumibilmente, Hanna è stato sotto la mira da Israele per molti anni, poiché il suo tipo di leadership è problematico dal punto di vista di un potere politico e militare egemonico che richiede sottomissione assoluta.

Quindi, quando l’arcivescovo fu ricoverato in ospedale il 18 dicembre, secondo quanto riferito a causa di un “avvelenamento israeliano“, i palestinesi erano molto preoccupati.

Pochi giorni dopo, stava ricevendo cure mediche urgenti in un ospedale giordano per quello che Hanna stesso ha descritto come “avvelenamento da sostanza chimica“. Qualunque sostanza potesse essere stata, si diceva che fosse stata scaricata da una bomboletta di gas dell’esercito israeliano, per fare pressione sulla chiesa di Hanna a Gerusalemme.

“I cristiani di Palestina sono una famiglia di giordani e palestinesi“, ha detto ai giornalisti dal suo letto d’ospedale.

Coloro che hanno familiarità con il discorso di Hanna sanno esattamente a cosa puntava, il ribelle leader cristiano, quando parlava dell’unicità dei cristiani palestinesi in Giordania e Palestina: unità che, purtroppo, ha eluso i palestinesi per molto tempo.

Leggete il resto qui:
(MB  –  Si capisce che mi dissocio da questa accusa senza prove)
Print Friendly, PDF & Email