LA RISPOSTA USA A SOCI: STRAGE DI SOLDATI SIRIANI. ESCALATION.

Il 7 febbraio, aerei USA hanno bombardato e massacrato più di cento tra soldati e forze governative di Bashar al Assad  mentre queste stavano combattendo contro un gruppo ribelle arabo-curdo che detiene alcuni pozzi petroliferi a Deir Ezzor.   La   motivazione che Washington ha dato per questo che la Siria chiama “un crimine di guerra e contro l’umanità è stata, dapprima, “siamo intervenuti a protezione di forze  che con noi combattono l’ISIS”, sottoposte a ”un attacco ingiustificato”.

Più tardi, la scusa è cambiata. Siamo intervenuti per proteggere da “un attacco non provocato  le Forze Democratiche Siriane”  (SDF) in “autodifesa”, perché con loro ci sono “membri in servizio della coalizione che sono lì per consigliare, assistere ed accompagnare” – dunque a difesa delle loro truppe (e britanniche, e forse francesi) che stanno guidando  le   SDF non nella fantomatica guerra all’ISIS,  ma per mantenere agli Stati Uniti e ai suoi jihadisti una zona di territorio sovrano siriano, ricca di petrolio dunque  autosufficiente economicamente.  Gli americani hanno  affermato  che sono lì coi terroristi perché  si tratta di “una zona di 8 chilometri lungo la linea di de-conflitto concordata dell’Eufrate”.   La Siria dice che non c’è stato alcun “concordato”  del genere fra i belligeranti,  cosa che sembra confermata perché gli Stati Uniti non hanno partecipato a negoziati: si sono piazzati lì, semplicemente, coi loro corpi speciali.  I comandi Usa hanno asserito che “la coalizione a guida USA  aveva avvertito i comandanti russi della presenza di forze SDF molto in anticipo rispetto all’attacco che abbiamo respinto”.

Palesemente,  il massacro dei soldati siriani è la risposta americana alla Conferenza di Soci, il grande successo diplomatico di Mosca, che  è riuscita a riunire 1500 delegati di quasi tutte le componenti etniche o politiche della Siria, nemiche ed  amiche, le quali hanno firmato  un documento comune sul futuro pluralista della Siria, che (fra l’altro)  non  impone né prevede la detronizzazione previa del presidente Assad. La base di un  programma di pacificazione nazionale che Usa, Francia, Inghilterra, ed ovviamente Mogherini (Merkel), hanno fatto di tutto per svalutare il Congresso di Soci,   anzitutto non partecipandoci e dandolo per non avvenuto;pochi giorni prima, Macron aveva organizzato a Parigi una conferenza contro il presidente Bashar-al-Assad”,  allo scopo “ di metterlo sotto accusa e impedirgli di candidarsi alle elezioni, basandosi sui rapporti  [falsi, ndr.]   della Missione ONU sull’impiego di armi chimiche”.

Come abbiamo già raccontato, il loro piano è stato sventato dall’arrivo a sorpresa, a Soci, di Staffan De Mistura, che in qualità di plenipotenziario incaricato dall’ONU  sulla Siria – dunque in piena legittimità – ha controfirmato, quindi legittimato ed approvato, il documento dei 1500.

SIRIA: IL DELEGATO ONU LEGITTIMA IL CONGRESSO DI SOCI. BEL COLPO DI STAFFAN DE MISTURA.

Ci siamo  domandati se aveva superato il suo mandato, De Mistura,  dando una così alta legittimazione. Ovviamente era un’inesattezza: un plenipotenziario ONU, per definizione, non ha limiti di mandato  per fare la pace. E   certo il nuovo segretario  generale, il portoghese di sinistra Guterres, è di tutt’altra stoffa di Ban Ki Moon, servo degli americani se  mai  ce ne sono stati: anche  questo un segno del  tramonto  del prestigio internazionale americano.

Quindi a Washington non è restato che gettare sul progetto di pacificazione, firmato da De Mistura,  la spada di Brenno. L’esercizio della violenza e del massacro che segnala: “Noi siamo qui  e contiamo perché possiamo uccidervi”.  Il “diritto  internazionale” del  Gangster  mondiale, coniugato al “diritto” talmudico.

La cosa è stata preordinata e lo dimostrano il sostegno  vergognoso che EU, Macron e britannici  hanno dato, rinnovando l’accusa che Assad perpetra attacchi chimici  “contro il suo stesso popolo”  (con il cloro!,  non molto efficace…); e subito dopo, i  media televisivi  europei  hanno diffuso un video su “centinaia di morti” provocati da Russi e Siriani a Goutha, un video dove tra il fumo ribelli pieni  di umanità salvano bambini, insomma nello stile (ormai inconfondibile)  degli Elmetti Bianchi, ossia dei servizi britannici. Ovviamente,  con l’immancabile giunta che “tre ospedali sono dalle bombe  di Assad”.  Esattamente come Aleppo, Goutha è pieno  non di jihadisti, ma di  ospedali  e di bambini denutriti.  Seguono lacrime della Goracci e di Più Europa.

Video Rai.TV – TG1 – SIRIA il dramma di Ghouta   

http://it.euronews.com/2018/02/08/siria-ghouta-assad-iran-damasco

Il motivo vero  è che “gli inglesi, che stanno combattendo con gli Stati Uniti contro il presidente siriano Bashar al-Assad, vogliono  ottenere un cessate il fuoco  “umanitario” nella parte orientale di Ghouta  allo scopo di  riorganizzare i ribelli che sostengono” (DWN). Ovviamente i russi non ci stanno.

L’Onu ha condannato  la Siria, ma  è  quello “di Ginevra”.  Dove le istanze ebraiche di Jeffrey Feltman, ebreo sionista  e numero 2 affiancato a De Mistura, sono tenute più in considerazione.

 

L’aviazione russa ha effettivamente intensificato i bombardamenti su Goutha, dove resistono i jihadisti di Washington, come risposta al bombardamento americano sulle truppe siriane, per accelerare la ripulitura dei pericolosi angoli riforniti di armi Usa,  fra cui i MANPAD uno dei quali ha abbattuto l’aereo russo  qualche giorno  fa.  Si tratta di far capire agli irregolari sul campo che non si violano impunemente  gli accordi  di de-conflitto  presi coi russi .

Perché – secondo osservatori qualificati sul posto, e il giornale d’opposizione Al  Etihad – l’intervento americano avrebbe avuto lo scopo di sabotare un accordo già raggiunto, in cui i “suoi” jihadisti  avevano già cominciato  a cedere pacificamente una zona, l’ex campo petrolifero  Conoco oggi improduttivo, in accordo con una compagnia privata russa militare chiamata”Wagner Group”, che ha col legittimo governo siriano un contratto: si terrà il 25% degli introiti petroliferi dai pozzi che “recupera e protegge” per conto di Damasco.

hanno mandato a monte un accordo già raggiunto

“Fatto interessante, una settimana fa, i locali avevano parlato di un imminente riconsegna  concordata   dell’impianto [Conoco al governo siriano] da parte di una fazione araba all’interno delle SDF”,   ha scritto la fonte locale Hassan Hassan  (vedete il secondo tweet):

Le SDF, sostenute dagli Usa, sono in parte curde, e in parte arabo-siriane.

 Secondo The Syrian Observer, “le SDF (Syrian Democratic Forces) avevano informato la coalizione a guida USA di questo accordo. La coalizione aveva invitato i  combattenti SDF  di non resistere alle forze del regime e consegnare l’area”, ché anzi “le SDF avevano già evacuato   l’armamento pesante dalle parti della zona tenute da  milizie arabe e turcmene”.

http://syrianobserver.com/EN/News/33814

Il che fa’ pensare che le componenti “arabe e turcmene” delle SDF  avessero aderito a un piano di de-conflitto, che può avere un rapporto col Documento di Soci. La fazione curda ha chiamato gli aerei USA  per opporsi alla pacificazione? Nemmeno questo è certo.

La sola cosa certa è che, lungi dall’accettare  l’attenuazione del  conflitto, “USA e Israele hanno scelto l’escalation della guerra in Siria”; come scrive  Stephen Lendman su Globalresearch: e non vuole farlo sedendosi a un tavolo a trattare (con chi? Con animali parlanti?) ma bombardando ed usurando pezzo per pezzo l’esausto esercito siriano affiancato da Hezbollah ed Iran. Con  il programma di trascinare l’Iran  e la Russia in un conflitto sempre più vasto.

Chiunque capisce che  in questo intricato groviglio di alleati regolari e irregolari, mercenari e contrattisti  russi e corpi speciali britannici, può – e deve – scoppiare il conflitto mondiale  voluto ed atteso.  In questa situazione esplosiva, restano da cifrare le intenzioni turche.

L’esercito turco ha preso di mira combattenti YPG nella regione nord-ovest di Afrin da gennaio. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha detto oggi che quello che ha fatto finora in Afrin è solo un “riscaldamento”, nei prossimi giorni ci saranno “ulteriori passi”. Aveva ripetutamente minacciato di estendere l’offensiva alla città di Manbij”, scrive DWN.  Che aggiunge: “L’approccio dell’Alleanza Atlantica   verso  il partner della NATO, la Turchia, non è chiaro. Finora, l’Occidente non ha espressamente condannato l’invasione della Turchia in violazione del diritto internazionale, ma ha parlato di diritto della Turchia all’autodifesa. Persino la Russia non si è esplicitamente opposta all’invasione turca che era possibile, anche se l’Aeronautica russa controlla lo spazio aereo su Afrin. La Turchia agisce in una imperscrutabile doppia alleanza  sia con gli americani che con i russi”. Dunque anche il giornale tedesco si aspetta un possibile voltafaccia di Erdogan, le cui mire sulla Siria sono note.  Molta attenzione alle mosse del turco:

“Secondo l’AFP, Ankara ha detto giovedì che Erdogan ha concordato con il capo di stato russo Vladimir Putin in una telefonata che presto si incontreranno a Istanbul con il presidente iraniano Hassan Ruhani per un vertice tripartito. Anche con Ruhani Erdogan aveva concordato telefonicamente un incontro del genere. Dall’inizio del 2017, i tre paesi hanno condotto una campagna per una soluzione politica del conflitto siriano e hanno raggiunto un ampio accordo tra i vari partiti in conflitto siriano durante una conferenza a Sochi. Tuttavia, l’Occidente non riconosce i risultati di Soci” (DWN).

In  un  simile esplosivo momento, ecco che cosa fa la Mogherini a nome della Commissione Europea

“E’  strategia della Commissione europea per integrare nell’Ue sei Paesi dei Balcani occidentali”: si  tratta di Serbia e Montenegro,  Albania e Repubblica ex Jugoslava di Macedonia,  Bosnia Erzegovina e Kosovo. Una strategia che va contro la volontà popolare almeno di Serbia e Montenegro, ed una provocazione in più contro Mosca.

Chi la ferma? Non è stata eletta da nessuno.

Non ci resta che concludere provvisoriamente con Moon of  Alabama  (il   sito meglio informato sulla Siria) : “Gli Usa devono essere prudenti: anche gli altri sanno fare giochi sporchi. Le sue truppe nella Siria del Nord-Est hanno linee di rifornimento sottili e mal protette. Come le forze  Usa in Irak, sono vulnerabili ad attività clandestine dell’altra parte. Non sarei sorpreso se esse (le truppe Usa)  ricevessero “attenzioni” inattese e sanguinose”.

Vale la pena di ricordare che solo poche settimane fa il generale Suleimani, il capo supremo degli iraniani in Siria, aveva scandito:  “Quando finisce la lotta contro l’ISIS,nessun soldato americano sarà tollerato sul suolo siriano. Vi consiglio di andar via spontaneamente”.

Print Friendly, PDF & Email
  • Paciullo

    Era meglio non attivarsi per attaccare quegli avvoltoi protetti dagli USA, purtroppo in certi casi è meglio pazientare, piuttosto che immolare 100 esseri umani. Rimanere nelle proprie posizioni sarebbe stato meglio, del resto Deir Ez Zor è in mano ad Assad, l’esercito siriano è meglio che rinfoltisca le proprie linee in virtù dell’offensiva verso Idlib.

  • Zerco

    E intanto su tutti i media tornano (ma che coincidenza) i bombardamenti di Assad sui civili e l’emergenza umanitaria alle povere Idlib e Goutha assediate, ma su tutti i TG chi si rivede? I nostri amici eroici Caschi Bianchi! Altro giro, altro regalo…

  • sea

    La fase finale della Guerra in Siria e’ arrivata . E’ un momento delicato in cui ogni parte cerca di posizionasi in modo da averne il Massimo vantaggio.
    La stampa turca di opposizione ha seri dubbi sulle reali intenzioni di Erdogan che, anche in politica interna, sta prendendo atteggiamenti e decisioni che lasciano sconcertati anche I suoi collaboratori piu’ vicini.
    Gli USA hanno bisogno di un territorio ( quello occupato dai curdi ) che serva a loro da cuscinetto e base per la loro politica mediorientale ( o quello che ne rimane) e di truppe locali che possano essere usate come “boots on the ground” che ne’ l’America ne’ Israele hanno a sufficenza.
    Tillerson e’ atteso in Turchia ( fa un viaggio in parecchie nazioni mediorientali) . SI vedra’ che risultato porteranno questi colloqui.

  • jafar

    Quello che non è chiaro è perché in moltissimi casi i russi girano le spalle…tutte le volte che Israele attacca hezbollah o postazioni siriane.vicino a damasco la contra aerea che i russi avrebbero fornito ai siriani non viene mai attivata…

    • Luca

      …per non cadere nel tranello e creare un “casus belli”…

      • Backward

        Ma andiamo, USA e NATO possono inventarsi un false flag quando vogliono, guardi cosa hanno organizzato con l’11 settembre. Crediamo davvero che abbiano bisogno di imboccare i russi, per far scoppiare la guerra?

        • Luca

          Vero, possono inventarsi quello che vogliono… se prendi tutte le provocazioni fatte alla Russia vedi che non c’è mai stata una reazione di “pancia” persino quando fu abbattuto l’aereo dalla Turchia… ti immagini se fosse accaduto alla controparte??

      • farouq a

        Gli americani provocano in continuazione i russi per ottenere dei vantaggio sapendo benissimo che non ci sarà nessuna guerra atomica, non provocano assolutamente invece il turco, perché sanno benissimo che otterranno la reazione di un pazzo

    • Andrea Ceschin
  • Saverio GPallav

    dove non è riuscito l’Isis ci provano direttamente i mandanti a costo di togliersi la maschera…

  • FC

    Mah, seguendo alcune fonti dell’esercito siriano sul posto non si è parlato dell’attacco che avrebbe ucciso 100 soldati… ne parlavano i siti nostrani ed internazionali ma non i siriani. Probabilmente una fake news, o al massimo sono state coinvolte truppe tribali non direttamente sotto di controllo di Damasco

    • Giuseppe

      Non so se è la stessa fonte che leggo io, ma anche in questa si dice che non c’è stato nessun attacco di questo tipo.
      Si invitava a prestare poca fede a Moons Alabama che in molte altre occasioni avrebbe peccato di stramberie

      • FC

        Sì, è la stessa, ma in generale il dubbio lo avevo anche prima perché sui media siriani (almeno quelli tradotti un minimo) non avevo trovato praticamente nulla (eppure 100 soldati sono tanta roba); solo da poco è arrivata la condanna, ma è estremamente generica e di prassi.

    • Marian

      Infatti, l’attacco aereo della coalizione Usa a Deir ez-Zor è stato rivolto a milizie volontarie fedeli ad Assad, non all’esercito regolare ed ha causato soltanto una ventina di feriti. Questa è la versione russa diramata da ‘sputniknews.com’ l’8/2/2018
      .
      ” MoD russo: gli Stati Uniti cercano il controllo sui beni economici della Siria – Durante un’operazione di ricognizione nei pressi dell’ex raffineria di petrolio Al-Isba nella provincia di Deir ez-Zor, i miliziani filo/governativi sono stati attaccati dalla coalizione a guida statunitense… I miliziani sono stati sottoposti a improvvisi colpi di mortaio e fuochi d’artiglieria, dopo di che gli elicotteri della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti li hanno colpiti”, si legge nella dichiarazione, dicendo che un totale di 25 miliziani sono rimasti feriti nell’attacco. Il Ministero ha sottolineato che l’incidente è avvenuto perché l’operazione dei miliziani siriani “non era coordinata con il comando della task force russa”.
      .

  • Vamos a la Muerte

    Il Direttore ha assolutamente ragione: ai successi diplomatici dei Russi gli yankees rispondono come dei gangsters senza cervello (del resto è nella loro natura di zotici ignoranti): il problema è che da questa situazione intricatissima che è la Siria dove si sovrappongono i ruoli e le alleanze e dove è ormai con i “boots on the ground” anche la scheggia impazzita del sultano turco, “può scoppiare il conflitto mondiale voluto ed atteso” (l’alternativa è l’Ucraina).
    Con il crollo della Borsa di Wall Street lunedì scorso che fa da preludio all’ormai prossimo rialzo dei tassi della Federal Reserve che sancirà un nuovo tracollo economico mondiale, “tutte le pedine sembrano essere già al loro posto” come ha scritto oggi il sempre ottimo Federico Dezzani.

    http://federicodezzani.altervista.org/lunedi-nero-le-banche-centrali-preparano-crollo/

    In attesa della Prima Mossa che darà il via alle danze…

    Gianluca

  • Pierpaolo1947

    L’unica cosa che i fatti recenti riescono a dimostrare è che gli aerei USA non è possibile abbatterli, mentre quelli russi sì.
    Bastano un aereo turcho e pure solo una carabattola di MANPAD.
    E di questo non si può non tener conto.

    • Mr.Y

      Infatti uno che tiene sempre la macchina in box, tranne il sabato quando si fa una ventina di km x fare la spesa bello tranquillo, ha un rischio molto più basso di fare incidenti rispetto a chi fa il mondiale rally (con aggiunta di tizi che ti sparano addosso tutto quello che hanno). Geniale osservazione.
      Il resto del commento è irrilevante.

      • Mr.Y

        @blondet
        C.v.d. Visto quello che è successo oggi.

  • Piersabatino Deola
  • Pelzen

    Fa pensare che la strage dei siriani ad opera dei giudei sionisti americani fosse già a conoscenza dei russi che hanno lasciato fare. Se è vero quanto si legge, la pubblicità a favore della Russia, nonostante le attività svolte, non porterà a risultati fiammanti, fatto salvo che non sia tutto funzione delle prossime elezioni politiche in Russia in cui Putin vuol mostrare la faccia meno feroce di quel che potrebbe essere, a spese della vita dei siriani.

  • learco

    Sembra che tutti gli attacchi israeliani contro le forze di Assad, con aerei e con missili, siano stati respinti, con due jet abbattuti.
    Dopo l’ennesimo tentativo fallito, il governo Nethanyahu si è dovuto rivolgere ai russi per chieder loro di contribuire a ridurre le tensioni lungo il confine siriano.
    Gli americani, in compenso, hanno centrato due autoveicoli civili uccidendo o ferendo 40 persone.
    Il giornale Haaretz in questi giorni se n’è uscito con un articolo in cui ha ammesso che l’arbitro della situazione mediorientale ormai è Putin ed è probabilmente grazie al suo interessamento se gli iraniani non sono riusciti a posizionarsi in massa lungo il confine del Golan.
    Quindi, sembra che tutto continui ad essere sotto controllo: gli israeliani continuano a dimostrare una perdita impressionante delle proprie capacità militari, gli americani ormai sono ridotti a poche basi e qualche territorio, ma non hanno più alcuna profondità strategica da cui poter ripartire per ribaltare la situazione.
    “Le chiavi della Russia si trovano in Siria” diceva Caterna la Grande nel ‘700.
    Adesso sono al sicuro nelle tasche del suo degno erede: lo zar Vladimir.

  • alfredo monti

    Ma Trump approva queste azioni banditesche?