Il ruolo ebraico nella rivoluzione bolscevica e il primo regime sovietico russo

Nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1918, una squadra di polizia segreta bolscevica uccise l’ultimo imperatore della Russia, lo zar Nicola II, insieme a sua moglie, Tsaritsa Alexandra, al loro figlio quattordicenne, Tsarevich Alexis, e alle loro quattro figlie. Furono abbattuti in una grandinata di spari in una stanza a mezza cantina della casa di Ekaterinburg, una città nella regione montuosa degli Urali, dove furono tenuti prigionieri. Le figlie erano finite con le baionette. Per impedire un culto per lo zar morto, i corpi furono portati via in campagna e sepolti in fretta in una tomba segreta.

autorità bolsceviche in un primo momento riferirono che l’imperatore Romanov era stato colpito dopo la scoperta di un complotto per liberarlo. Per qualche tempo le morti dell’imperatrice e dei bambini furono tenute segrete. Gli storici sovietici sostenevano per molti anni che i bolscevichi locali avevano agito da soli nello svolgimento delle uccisioni, e che Lenin, fondatore dello stato sovietico, non aveva nulla a che fare con il crimine.

Nel 1990, il drammaturgo e storico di Mosca Edvard Radzinsky annunciò il risultato della sua dettagliata investigazione sugli omicidi. Ha portato alla luce le reminiscenze della guardia del corpo di Lenin, Alexei Akimov, che ha raccontato come ha personalmente consegnato l’ordine di esecuzione di Lenin all’ufficio telegrafico. Il telegramma è stato anche firmato dal capo del governo sovietico Yakov Sverdlov. Akimov aveva salvato il nastro telegrafico originale come registro dell’ordine segreto. 1

La ricerca di Radzinsky ha confermato ciò che le precedenti prove avevano già indicato. Leon Trotsky – uno dei più stretti colleghi di Lenin – aveva rivelato anni prima che Lenin e Sverdlov avevano preso insieme la decisione di mettere a morte lo Zar e la sua famiglia. Ricordando una conversazione nel 1918, Trotsky scrisse: 2

La mia prossima visita a Mosca avvenne dopo la caduta [provvisoria] di Ekaterinburg [verso le forze anticomuniste]. Parlando con Sverdlov, ho chiesto di passaggio: “Oh sì, e dov’è lo zar?”

“Finito”, rispose. “È stato colpito.”

“E dov’è la famiglia?”

“La famiglia insieme a lui.”

“Tutti loro?”, Chiesi, apparentemente con una traccia di sorpresa.

“Tutti loro” rispose Sverdlov. “Che mi dici?” Stava aspettando di vedere la mia reazione. Non ho risposto

“E chi ha preso la decisione?”, Ho chiesto.

“L’abbiamo deciso qui. Ilyich [Lenin] ha creduto che non dovremmo lasciare i Bianchi uno striscione vivo per radunarsi intorno, specialmente nelle attuali difficili circostanze. ”

Non ho fatto ulteriori domande e ho considerato la questione chiusa.

Recenti ricerche e ricerche di Radzinsky e di altri hanno anche corroborato l’account fornito anni prima da Robert Wilton, corrispondente del London Times in Russia per 17 anni. Il suo racconto, Gli ultimi giorni dei Romanov – originariamente pubblicato nel 1920 e ripubblicato nel 1993 dall’Istituto per la revisione storica – si basa in gran parte sui risultati di un’indagine dettagliata condotta nel 1919 da Nikolai Sokolov sotto l’autorità di ” Capo bianco “(anticomunista) Alexander Kolchak. Il libro di Wilton rimane uno dei resoconti più accurati e completi dell’omicidio della famiglia imperiale russa. 3

Una solida conoscenza della storia è stata a lungo la migliore guida per comprendere il presente e anticipare il futuro. Di conseguenza, le persone sono più interessate alle questioni storiche durante i periodi di crisi, quando il futuro sembra più incerto. Con il collasso del dominio comunista nell’Unione Sovietica, 1989-1991, e mentre i russi si sforzano di costruire un nuovo ordine sulle rovine del vecchio, le questioni storiche sono diventate molto attuali. Per esempio, molti si chiedono: come hanno fatto i bolscevichi, un piccolo movimento guidato dagli insegnamenti del filosofo sociale ebreo tedesco Karl Marx, a prendere il controllo della Russia e ad imporre un regime crudele e dispotico al suo popolo?

Negli ultimi anni, gli ebrei di tutto il mondo hanno espresso preoccupazione ansiosa per lo spettro dell’antisemitismo nelle terre dell’ex Unione Sovietica. In questa nuova e incerta epoca, ci viene detto, i sentimenti repressi di odio e rabbia contro gli ebrei sono ancora una volta espressi. Secondo un’indagine sull’opinione pubblica condotta nel 1991, ad esempio, la maggior parte dei russi voleva che tutti gli ebrei lasciassero il paese. 4 Ma proprio perché il sentimento anti-ebraico è così diffuso tra i popoli dell’ex Unione Sovietica? Perché così tanti russi, ucraini, lituani e altri incolpano “gli ebrei” per così tante disgrazie?

Un soggetto tabù

Sebbene ufficialmente gli ebrei non abbiano mai costituito più del 5% della popolazione totale del paese, 5 hanno svolto un ruolo sproporzionato e probabilmente decisivo nel regime dei bolscevichi, dominando efficacemente il governo sovietico durante i suoi primi anni. Gli storici sovietici, insieme alla maggior parte dei loro colleghi in Occidente, per decenni preferirono ignorare questo argomento. I fatti, però, non possono essere negati.

Con la notevole eccezione di Lenin (Vladimir Ulyanov), la maggior parte dei principali comunisti che presero il controllo della Russia nel 1917-20 erano ebrei. Leon Trotsky (Lev Bronstein) era a capo dell’Armata Rossa e, per un certo periodo, era il capo degli affari esteri sovietici. Yakov Sverdlov (Solomon) era sia il segretario esecutivo del partito bolscevico sia – come presidente del Comitato esecutivo centrale – capo del governo sovietico. Grigori Zinoviev (Radomyslsky) era a capo dell’Internazionale comunista (Comintern), l’agenzia centrale per diffondere la rivoluzione nei paesi stranieri. Altri eminenti ebrei includevano il commissario di stampa Karl Radek (Sobelsohn), commissario per gli affari esteri Maxim Litvinov (Wallach), Lev Kamenev (Rosenfeld) e Moisei Uritsky. 6

Lo stesso Lenin era prevalentemente di origine russa e di Kalmuck, ma era anche ebreo di un quarto. Il nonno materno, Israel (Alexander) Blank, era un ebreo ucraino che fu successivamente battezzato nella Chiesa ortodossa russa. 7

Inesauribile internazionalista, Lenin considerava la lealtà etnica o culturale con disprezzo. Aveva poca considerazione per i suoi compatrioti. “Un russo intelligente”, ha osservato una volta, “è quasi sempre un ebreo o qualcuno con sangue ebraico nelle sue vene”. 8

Riunioni critiche

Nel sequestro del potere comunista in Russia, il ruolo ebraico era probabilmente critico.

Due settimane prima della “Rivoluzione d’Ottobre” bolscevica del 1917, Lenin convocò un incontro segreto a San Pietroburgo (Pietrogrado) in cui i dirigenti chiave del Comitato centrale del partito bolscevico fecero la decisione decisiva di prendere il potere in una violenta presa di potere. Delle dodici persone che presero parte a questa riunione decisiva, c’erano quattro russi (incluso Lenin), uno georgiano (Stalin), un polacco (Dzerzhinsky) e sei ebrei. 9

Per dirigere l’acquisizione, fu scelto un “Political Bureau” di sette uomini. Consisteva di due russi (Lenin e Bubnov), uno georgiano (Stalin) e quattro ebrei (Trotsky, Sokolnikov, Zinoviev e Kamenev). 10 Nel frattempo, il Pietroburgo (Pietrogrado) Soviet – il cui presidente era Trotsky – istituito un 18-member “Comitato militare rivoluzionario” ad esercitare di fatto la presa del potere. Comprendeva otto (o nove) russi, uno ucraino, un polacco, uno caucasico e sei ebrei. 11 Infine, per supervisionare l’organizzazione della rivolta, il Comitato Centrale Bolscevico istituì un “Centro militare rivoluzionario” di cinque uomini come comando operativo del Partito. Consisteva di un russo (Bubnov), uno georgiano (Stalin), un polacco (Dzerzhinsky) e due ebrei (Sverdlov e Uritsky). 12

Voci contemporanee di avvertimento

Osservatori ben informati, sia all’interno che all’esterno della Russia, hanno preso atto al momento del cruciale ruolo ebraico nel bolscevismo. Winston Churchill, per esempio, in un articolo pubblicato sull’8 febbraio 1920, numero del London Illustrated Sunday Herald , mise in guardia che il bolscevismo è una “cospirazione mondiale per il rovesciamento della civiltà e per la ricostituzione della società sulla base di uno sviluppo arrestato, di invidiosa malevolenza e impossibile uguaglianza “. L’eminente leader politico e storico britannico ha continuato a scrivere: 13

Non è necessario esagerare il ruolo svolto nella creazione del bolscevismo e nell’effettiva realizzazione della rivoluzione russa da parte di questi ebrei internazionali e per lo più atei. È certamente molto grande; probabilmente supera tutti gli altri. Con la notevole eccezione di Lenin, la maggior parte delle figure di spicco sono ebrei. Inoltre, l’ispirazione principale e la forza motrice provengono dai leader ebrei. Così Tchitcherin, un puro russo, è eclissato dal suo subordinato nominale, Litvinoff, e l’influenza dei russi come Bukharin o Lunacharski non può essere paragonata al potere di Trotsky, o di Zinovieff, il dittatore della cittadella rossa (Pietrogrado), o di Krassin o Radek – tutti gli ebrei. Nelle istituzioni sovietiche la predominanza degli ebrei è ancora più sorprendente. E il prominente, se non addirittura il principale,

Inutile dire che le passioni più intense di vendetta sono state eccitate nei seni del popolo russo.

David R. Francis, ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, avvertì in un dispaccio di gennaio 1918 a Washington: “I leader bolscevichi qui, la maggior parte dei quali sono ebrei e il 90% dei quali sono esiliati, hanno poca cura per la Russia o per qualsiasi altro paese ma sono internazionalisti e stanno cercando di avviare una rivoluzione sociale mondiale ” 14

L’ambasciatore dei Paesi Bassi in Russia, Oudendyke, ha fatto lo stesso punto alcuni mesi dopo: “A meno che il bolscevismo non venga stroncato sul nascere immediatamente, è destinato a diffondersi in una forma o nell’altra sull’Europa e sul mondo intero in quanto è organizzato e opera di ebrei che non hanno nazionalità e il cui unico scopo è distruggere per proprio conto l’ordine esistente delle cose ” 15

“La rivoluzione bolscevica”, dichiarò un importante documento della comunità ebraica americana nel 1920, “era in gran parte il prodotto del pensiero ebraico, del malcontento ebraico, dello sforzo ebraico di ricostruire” 16.

Come espressione del suo carattere radicalmente anti-nazionalista, il nascente governo sovietico emise un decreto pochi mesi dopo l’assunzione del potere che rese l’antisemitismo un crimine in Russia. Il nuovo regime comunista divenne così il primo al mondo a punire severamente tutte le espressioni di sentimenti anti-ebraici. 17 funzionari sovietici apparentemente consideravano tali misure indispensabili. Sulla base di un’attenta osservazione durante una lunga permanenza in Russia, lo studioso ebreo americano Frank Golder riferì nel 1925 che “poiché molti dei leader sovietici sono ebrei, l’antisemitismo sta guadagnando [in Russia], in particolare nell’esercito [e] tra i vecchia e nuova intellighenzia che sono affollate per le posizioni dei figli di Israele “. 18

Viste degli storici

Riassumendo la situazione in quel momento, lo storico israeliano Louis Rapoport scrive: 19

Subito dopo la rivoluzione [bolscevica], molti ebrei furono euforici per la loro alta rappresentazione nel nuovo governo. Il primo Politburo di Lenin era dominato da uomini di origini ebraiche.

Sotto Lenin, gli ebrei furono coinvolti in tutti gli aspetti della rivoluzione, compreso il suo lavoro più sporco. Nonostante i voti dei comunisti per sradicare l’antisemitismo, si diffuse rapidamente dopo la Rivoluzione – in parte a causa della prominenza di tanti ebrei nell’amministrazione sovietica, così come nelle traumatiche e inumane spinte sovietiche che ne seguirono. Lo storico Salo Baron ha notato che un numero immensamente sproporzionato di ebrei si è unito alla nuova polizia segreta bolscevica, la Cheka E molti di coloro che sono caduti in conflitto con la Cheka sarebbero stati uccisi da investigatori ebrei.

La leadership collettiva emersa nei giorni di morte di Lenin era guidata dall’ebreo Zinoviev, un adonis loquace, meschino e dai capelli ricci, la cui vanità non conosceva limiti.

“Chiunque avesse avuto la sfortuna di cadere nelle mani della Cheka”, scrisse lo storico ebreo Leonard Schapiro, “ebbe un’eccellente possibilità di trovarsi di fronte, e probabilmente ucciso da un investigatore ebreo.” 20 In Ucraina, “Ebrei costituiva quasi l’80% degli agenti Cheka di grado superiore “, riferisce W. Bruce Lincoln, un professore americano di storia russa. 21 (Iniziando come la Cheka , o Vecheka ) la polizia segreta sovietica fu in seguito conosciuta come GPU, OGPU, NKVD, MVD e KGB.)

Alla luce di tutto questo, non dovrebbe sorprendere che Yakov M. Yurovksy, il capo della squadra bolscevica che ha compiuto l’omicidio dello zar e della sua famiglia, fosse ebreo, come lo era Sverdlov, il capo sovietico che ha co-firmato Lenin ordine di esecuzione. 22

Igor Shafarevich, un matematico russo di statura mondiale, ha criticato aspramente il ruolo ebraico di abbattere la monarchia Romanov e di stabilire un regime comunista nel suo paese. Shafarevich era un dissidente principale durante gli ultimi decenni del dominio sovietico. Un importante attivista per i diritti umani, è stato membro fondatore del Comitato per la difesa dei diritti umani nell’URSS.

In Russofobia , un libro scritto dieci anni prima del crollo del regime comunista, notò che gli ebrei erano “incredibilmente” numerosi tra il personale della polizia segreta bolscevica. La caratteristica ebraicità dei carnefici bolscevichi, ha continuato Shafarevich, è più evidente nell’esecuzione di Nicola II: 23

Questa azione rituale simboleggiava la fine di secoli di storia russa, in modo che potesse essere paragonata solo all’esecuzione di Carlo I in Inghilterra o di Luigi XVI in Francia. Sembrerebbe che i rappresentanti di una minoranza etnica insignificante dovrebbero tenersi il più lontano possibile da questa azione dolorosa, che si riverbera in tutta la storia. Eppure, quali nomi ci incontriamo? L’esecuzione è stata personalmente supervisionata da Yakov Yurovsky che ha sparato allo Zar; il presidente del Soviet locale era Beloborodov (Vaisbart); il responsabile dell’amministrazione generale di Ekaterinburg era Shaya Goloshchekin. Per completare l’immagine, sul muro della stanza in cui è avvenuta l’esecuzione c’era un distico di un poema di Heine (scritto in tedesco) sul re Balthazar, che offese Geova e fu ucciso per l’offesa.

Nel suo libro del 1920, il giornalista veterano britannico Robert Wilton ha offerto una valutazione altrettanto severa: 24

L’intero record del bolscevismo in Russia è indelebilmente impressionato dal marchio di invasione aliena. L’omicidio dello Zar, deliberatamente progettato dall’ebreo Sverdlov (che venne in Russia come agente pagato della Germania) e realizzato dagli ebrei Goloshchekin, Syromolotov, Safarov, Voikov e Yurovsky, è l’atto non del popolo russo, ma di questo invasore ostile.

Nella lotta per il potere che seguì la morte di Lenin nel 1924, Stalin emerse vittorioso sui suoi rivali, riuscendo infine a mettere a morte quasi tutti i più importanti leader dei primi bolscevichi – tra cui Trotsky, Zinoviev, Radek e Kamenev. Con il passare del tempo, e in particolare dopo il 1928, il ruolo ebraico nella massima direzione dello stato sovietico e del suo partito comunista diminuì notevolmente.

Messo a morte senza processo

Per alcuni mesi dopo aver preso il potere, i leader bolscevichi considerarono il portare “Nicholas Romanov” di fronte a un “Tribunale rivoluzionario” che avrebbe pubblicizzato i suoi “crimini contro il popolo” prima di condannarlo a morte. Il precedente storico esisteva per questo. Due monarchi europei avevano perso la vita a causa degli sconvolgimenti rivoluzionari: l’Inghilterra Carlo I fu decapitata nel 1649 e il francese Luigi XVI fu ghigliottinato nel 1793.

In questi casi, il re fu messo a morte dopo un lungo processo pubblico, durante il quale gli fu permesso di presentare argomenti in sua difesa. Niccolò II, tuttavia, non fu né accusato né processato. Fu segretamente messo a morte – insieme alla sua famiglia e al suo staff – nel cuore della notte, in un atto che somigliava più a un massacro in stile gangster che a un’esecuzione formale.

Perché Lenin e Sverdlov abbandonarono i piani per un processo dimostrativo contro l’ex Zar? Nella visione di Wilton, Nicholas e la sua famiglia furono assassinati perché i governanti bolscevichi sapevano abbastanza bene che mancava un genuino sostegno popolare, e giustamente temevano che il popolo russo non avrebbe mai approvato l’uccisione dello zar, a prescindere da pretesti e formalità legalistiche.

Da parte sua, Trotsky difese il massacro come misura utile e persino necessaria. Ha scritto: 25

La decisione [di uccidere la famiglia imperiale] non era solo opportuna ma necessaria. La severità di questa punizione ha mostrato a tutti che avremmo continuato a combattere senza pietà, fermandoci davanti a nulla. L’esecuzione della famiglia dello Zar fu necessaria non solo per spaventare, spaventare, e infondere un senso di disperazione nel nemico, ma anche per scuotere i nostri ranghi, per dimostrare che non si poteva tornare indietro, che la vittoria in anticipo sarebbe stata la vittoria totale o destino totale. Questo Lenin ha percepito bene.

Contesto storico

Negli anni che precedettero la rivoluzione del 1917, gli ebrei furono rappresentati in modo sproporzionato in tutti i sovversivi partiti di sinistra della Russia. 26 L’odio ebraico del regime zarista aveva una base in condizioni oggettive. Tra le principali potenze europee del tempo, la Russia imperiale era la più istituzionalmente conservatrice e antiebraica. Ad esempio, agli ebrei non era normalmente permesso di risiedere al di fuori di una vasta area nell’ovest dell’Impero, conosciuta come la “Pale of Settlement”. 27

Per quanto comprensibile, e forse anche difendibile, l’ostilità ebraica nei confronti del regime imperiale possa essere stata, il notevole ruolo ebraico nel regime sovietico molto più dispotico è meno facile da giustificare. In un libro pubblicato di recente sugli ebrei in Russia nel corso del 20 ° secolo, scrittore ebreo di origine russa Sonya Margolina si spinge fino al punto di chiamare il ruolo ebraico nel sostenere il regime bolscevico del “peccato storica degli ebrei.” 28 punti di Lei, per esempio, al ruolo prominente degli ebrei come comandanti del Gulag sovieticocampi di concentramento e di lavoro, e il ruolo dei comunisti ebrei nella distruzione sistematica delle chiese russe. Inoltre, prosegue: “Gli ebrei di tutto il mondo hanno sostenuto il potere sovietico, e sono rimasti in silenzio di fronte a qualsiasi critica da parte dell’opposizione”. Alla luce di questo primato, Margolina offre una predizione triste:

La partecipazione esageratamente entusiasta dei bolscevichi ebrei alla sottomissione e alla distruzione della Russia è un peccato che verrà vendicato. Il potere sovietico sarà equiparato al potere ebraico, e l’odio furioso contro i bolscevichi diventerà odio contro gli ebrei.

Se il passato è una indicazione, è improbabile che molti russi cerchino la vendetta che profetizza Margolina. In ogni caso, dare la colpa agli “ebrei” per gli orrori del comunismo non sembra più giustificabile che incolpare “la gente bianca” per la schiavitù negra, o “i tedeschi” per la Seconda Guerra Mondiale o “l’Olocausto”.

Parole di Grim Portent

Nicholas e la sua famiglia sono solo i più noti delle innumerevoli vittime di un regime che proclamava apertamente il suo scopo spietato. Alcune settimane dopo il massacro di Ekaterinburg, il giornale della nascente Armata Rossa dichiarò: 29

Senza misericordia, senza risparmiarci, uccideremo i nostri nemici di centinaia di centinaia, che siano migliaia, che si anneghino nel loro stesso sangue. Per il sangue di Lenin e di Uritskii ci saranno inondazioni di sangue della borghesia – più sangue, per quanto possibile.

Grigori Zinoviev, parlando ad un incontro di comunisti nel settembre del 1918, pronunciò una condanna a morte su dieci milioni di esseri umani: “Dobbiamo portare con noi 90 milioni dei 100 milioni di abitanti della Russia sovietica. Per il resto, non abbiamo nulla da dire a loro. Devono essere annientati ” 30

“I venti milioni”

Come si è scoperto, il bilancio sovietico delle vite umane e della sofferenza si è dimostrato molto più alto di quanto suggerito dalla retorica omicida di Zinoviev. Raramente, se mai, un regime ha tolto la vita a così tanta gente. 31

Citando i documenti del KGB sovietico appena resi disponibili, lo storico Dmitri Volkogonov, capo di una commissione parlamentare russa speciale, ha recentemente concluso che “dal 1929 al 1952, 21,5 milioni di persone [sovietiche] furono represse. Di questi un terzo furono fucilati, il resto condannato al carcere, dove morirono anche molti “. 32

Olga Shatunovskaya, membro della Commissione sovietica di controllo del partito, e capo di una commissione speciale durante gli anni ’60 nominata dal premier Krusciov, ha concluso in modo simile: “Dal 1 gennaio 1935 al 22 giugno 1941, 19.840.000 nemici del popolo furono arrestati . Di questi, sette milioni sono stati uccisi in prigione e la maggioranza degli altri è morta nel campo “. Queste cifre sono state trovate anche sui documenti del membro del Politburo Anastas Mikoyan. 33

Robert Conquest, l’illustre specialista della storia sovietica, ha recentemente riassunto la triste storia della “repressione” sovietica della propria gente: 34

È difficile evitare la conclusione che il bilancio delle vittime dopo il 1934 abbia superato i dieci milioni. A ciò si aggiungono le vittime della carestia del 1930-1933, delle deportazioni kulak e di altre campagne anti-contadine, che ammontano a altri dieci milioni in più. Il totale è quindi nella gamma di ciò che i russi ora chiamano “The Twenty Million”. ”

Alcuni altri studiosi hanno fornito stime significativamente più elevate. 35

L’era zarista in Retrospettiva

Con il drammatico crollo del dominio sovietico, molti russi stanno dando uno sguardo nuovo e più rispettoso alla storia pre-comunista del loro paese, inclusa l’era dell’ultimo imperatore Romanov. Mentre i sovietici – insieme a molti in Occidente – hanno dipinto stereotipicamente quest’era come poco più che un’età di dispotismo arbitrario, repressione crudele e povertà di massa, la realtà è piuttosto diversa. Se è vero che il potere dello zar era assoluto, che solo una piccola minoranza aveva una significativa voce politica, e che la massa dei cittadini dell’impero erano contadini, vale la pena notare che i russi durante il regno di Nicola II avevano libertà di stampa, religione, assemblea e associazione, protezione della proprietà privata e sindacati liberi. I nemici giurati del regime, come Lenin, furono trattati con notevole clemenza.36

Durante i decenni precedenti allo scoppio della prima guerra mondiale, l’economia russa era in piena espansione. Infatti, tra il 1890 e il 1913, fu la crescita più rapida del mondo. Nuove linee ferroviarie furono aperte a un ritmo annuale doppio rispetto agli anni sovietici. Tra il 1900 e il 1913, la produzione di ferro è aumentata del 58%, mentre la produzione di carbone è più che raddoppiata. 37 cereali russi esportati alimentati in tutta Europa. Infine, gli ultimi decenni della Russia zarista hanno visto una magnifica fioritura della vita culturale.

Tutto è cambiato con la prima guerra mondiale, una catastrofe non solo per la Russia, ma per l’intero Occidente.

Sentimento monarchico

Nonostante (o forse a causa di) l’inarrestabile campagna ufficiale durante l’intera era sovietica per eliminare ogni ricordo acritico dei Romanov e della Russia imperiale, un culto virtuale della venerazione popolare per Nicola II ha investito la Russia negli ultimi anni.

Le persone hanno pagato con impazienza l’equivalente di molte ore di salario per acquistare i ritratti di Nicola dai venditori ambulanti a Mosca, San Pietroburgo e in altre città russe. Il suo ritratto ora è appeso in innumerevoli case e appartamenti russi. Alla fine del 1990, tutte le 200.000 copie di una prima stampa di un opuscolo di 30 pagine sui Romanov si esaurirono rapidamente. Ha detto un venditore ambulante: “Ho venduto personalmente quattromila copie in men che non si dica. È come un’esplosione nucleare. La gente vuole davvero conoscere il loro Zar e la sua famiglia. “Le organizzazioni pro-zariste e monarchiche di base sono sorte in molte città.

Un sondaggio di opinione condotto nel 1990 ha rilevato che tre su quattro cittadini sovietici intervistati considerano l’uccisione dello zar e della sua famiglia un crimine spregevole. 38 Molti credenti ortodossi russi considerano Nicola un martire. L’indipendente “Chiesa ortodossa all’estero” ha canonizzato la famiglia imperiale nel 1981, e la Chiesa ortodossa russa con sede a Mosca è stata sotto pressione popolare a fare lo stesso passo, nonostante la sua riluttanza di lunga data a toccare questo tabù ufficiale. L’arcivescovo ortodosso russo di Ekaterinburg ha annunciato piani nel 1990 per costruire una grande chiesa nel luogo delle uccisioni. “Il popolo amava l’imperatore Nicola”, disse. “La sua memoria vive con la gente, non come un santo ma come qualcuno giustiziato senza un verdetto di tribunale, ingiustamente, come un sofferente per la sua fede e per l’ortodossia.” 39

Nel 75 ° anniversario del massacro (nel luglio 1993), i russi hanno ricordato la vita, la morte e l’eredità del loro ultimo imperatore. A Ekaterinburg, dove una grande croce bianca ornata di fiori segna il punto in cui è stata uccisa la famiglia, i partecipanti piangevano mentre venivano cantati inni e preghiere per le vittime. 40

Riflettendo sia il sentimento popolare che le nuove realtà socio-politiche, la bandiera tricolore orizzontale bianca, blu e rossa della Russia zarista è stata ufficialmente adottata nel 1991, sostituendo la bandiera rossa sovietica. E nel 1993, l’aquila a due teste imperiale fu restaurata come emblema ufficiale della nazione, sostituendo la falce e il martello sovietico. Le città che sono state rinominate per onorare le figure comuniste – come Leningrado, Kuibyshev, Frunze, Kalinin e Gorky – hanno ri-acquisito i loro nomi dell’era zarista. Ekaterinburg, che nel 1924 era stata chiamata Sverdlovsk dai sovietici in onore del capo ebreo-sovietico, nel settembre del 1991 ristabilì il suo nome pre-comunista, che onora l’imperatrice Caterina I.

Significato simbolico

In vista dei milioni che sarebbero stati messi a morte dai governanti sovietici negli anni a seguire, l’assassinio della famiglia Romanov potrebbe non sembrare di straordinaria importanza. Eppure, l’evento ha un profondo significato simbolico. Nelle parole appropriate dello storico della Harvard University, Richard Pipes: 41

Il modo in cui il massacro è stato preparato e portato a termine, prima negato e poi giustificato, ha qualcosa di odioso, qualcosa che lo distingue radicalmente dai precedenti atti di regicidio e lo marca come un preludio all’omicidio di massa del XX secolo.

Un altro storico, Ivor Benson, ha caratterizzato l’uccisione della famiglia Romanov come simbolo del tragico destino della Russia e, di fatto, dell’intero Occidente, in questo secolo di agonia e conflitto senza precedenti.

L’omicidio dello Zar e della sua famiglia è tanto più deplorevole perché, a prescindere dalle sue mancanze come monarca, Nicola II era, a detta di tutti, un uomo personalmente rispettoso, generoso, umano e onorevole.

Il luogo del massacro nella storia

Il massacro di massa e il caos della prima guerra mondiale e gli sconvolgimenti rivoluzionari che travolse l’Europa nel 1917-1918, portarono alla fine non solo l’antica dinastia dei Romanov in Russia, ma un intero ordine sociale continentale. Travolto anche la dinastia degli Hohenzollern in Germania, con la sua stabile monarchia costituzionale, e l’antica dinastia degli Asburgo dell’Austria-Ungheria con il suo impero multinazionale dell’Europa centrale. I principali stati europei condividevano non solo le stesse basi culturali cristiane e occidentali, ma la maggior parte dei monarchi regnanti del continente erano legati dal sangue. Il re Giorgio d’Inghilterra fu, attraverso sua madre, un cugino di primo grado dello zar Nicola, e, attraverso suo padre, un cugino di primo piano dell’imperatrice Alexandra. Il Kaiser Wilhelm della Germania era un cugino di primo grado della tedesca Alexandra e un lontano cugino di Nicholas.

Più che nel caso delle monarchie dell’Europa occidentale, lo zar russo simboleggiava personalmente la sua terra e la sua nazione. Così, l’omicidio dell’ultimo imperatore di una dinastia che aveva governato la Russia per tre secoli non solo simbolicamente presagiva il massacro di massa comunista che avrebbe rivendicato così tante vite russe nei decenni che seguirono, ma fu il simbolo dello sforzo comunista per uccidere l’anima e lo spirito della Russia stessa.

Gli appunti

  1. Edvard Radzinksy, The Last Tsar(New York: Doubleday, 1992), pp. 327, 344-346; Bill Keller, “Culto dell’ultimo zar”, The New York Times , 21 novembre 1990.
  2. Da un’iscrizione di aprile 1935 a “Il diario di Trotsky in esilio”. Citato in: Richard Pipes, The Russian Revolution (New York: Knopf, 1990), pp. 770, 787; Robert K. Massie, Nicholas and Alexandra (New York: 1976), pp. 496-497 .; E. Radzinksy, The Last Tsar (New York: Doubleday, 1992), pp. 325-326 .; Ronald W. Clark, Lenin (New York: 1988), pp. 349-350.
  3. Su Wilton e la sua carriera in Russia, vedi: Philip Knightley, The First Casualty (Harcourt Brace Jovanovich, 1976), pp. 141-142, 144-146, 151-152, 159, 162, 169, e, Anthony Summers e Tom Mangold, The File on the Tsar (New York: Harper and Row, 1976), pp. 102-104, 176.
  4. Invio AP da Mosca, Toronto Star , 26 settembre 1991, p. A2 .; Allo stesso modo, un sondaggio del 1992 ha rilevato che un quarto delle persone nelle repubbliche della Bielorussia (Russia bianca) e Uzbekistan favorivano il deportare tutti gli ebrei in una regione ebraica speciale nella Siberia russa. “Il sondaggio trova l’antisemitismo sull’aumento nelle terre ex-sovietiche”, Los Angeles Times , 12 giugno 1992, p. A4.
  5. All’inizio del secolo, gli ebrei costituivano il 4,2% della popolazione dell’impero russo. Richard Pipes, The Russian Revolution (New York: 1990), p. 55 (fn.).
    In confronto, negli Stati Uniti oggi, gli ebrei costituiscono meno del tre per cento della popolazione totale (secondo le stime più autorevoli).
  6. Vedi le singole voci in: H. Shukman, ed., The Blackwell Encyclopedia of the Russian Revolution (Oxford: 1988), e in: G. Wigoder, ed., Dizionario della biografia ebraica(New York: Simon and Schuster, 1991).
    Il ruolo ebraico di primo piano nel sottosuolo rivoluzionario russo pre-1914, e nel primo regime sovietico, è confermato anche in: Stanley Rothman e S. Robert Lichter, Radici di Radicalismo (New York: Oxford, 1982), pp. 92-94.
    Nel 1918, il Comitato centrale del partito bolscevico aveva 15 membri. Lo studioso tedesco Herman Fehst – citando documenti sovietici pubblicati – riportò nel suo utile studio del 1934 che di sei di questi 15 erano ebrei. Herman Fehst,Bolschewismus und Judentum: Das jüdische Element in der Führerschaft des Bolschewismus(Berlino: 1934), pp. 68-72 .; Robert Wilton, tuttavia, riferì che nel 1918 il comitato centrale del partito bolscevico aveva dodici membri, di cui nove erano di origine ebraica e tre erano di origine russa. R. Wilton, Gli ultimi giorni dei Romanov (IHR, 1993), p. 185.
  7. Dopo anni di repressione ufficiale, questo fatto è stato riconosciuto nel 1991 nel settimanale Ogonyok diMosca . Vedi: Jewish Chronicle(Londra), 16 luglio 1991; Vedi anche: Lettera di L. Horwitz su The New York Times , 5 agosto 1992, che cita informazioni dalla rivista russa “Native Land Archives.”; “Lignaggio di Lenin?” “Ebraico”, “Notizie di Mosca”, ” Forward ” (New York City), 28 febbraio 1992, pp. 1, 3; M. Checinski, Jerusalem Post (edizione internazionale settimanale), 26 gennaio 1991, p. 9.
  8. Richard Pipes, The Russian Revolution (New York: Knopf, 1990), p. 352.
  9. Harrison E. Salisbury, Black Night, White Snow: Russia’s Revolutions , 1905-1917 (Doubleday, 1978), p. 475 .; William H. Chamberlin, The Russian Revolution (Princeton Univ. Press, 1987), vol. 1, pp. 291-292 .; Herman Fehst, Bolschewismus und Judentum: Das jüdische Element in der Führerschaft des Bolschewismus(Berlino: 1934), pp. 42-43; PN Pospelov, ed., Vladimir Ilyich Lenin: A Biography (Moscow: Progress, 1966), pp. 318-319.
    Questo incontro si è tenuto il 10 ottobre (vecchio stile, calendario giuliano) e il 23 ottobre (nuovo stile). I sei ebrei che hanno preso parte sono stati: Uritsky, Trotsky, Kamenev, Zinoviev, Sverdlov e Soklonikov.
    I bolscevichi presero il potere a Pietroburgo il 25 ottobre (vecchio stile) – da qui il riferimento alla “Grande Rivoluzione d’Ottobre” – che è il 7 novembre (nuovo stile).
  10. William H. Chamberlin, The Russian Revolution (1987), vol. 1, p. 292 .; HE Salisbury, Black Night, White Snow: Russia’s Revolutions , 1905-1917 (1978), p. 475.
  11. WH Chamberlin, The Russian Revolution , vol. 1, pp. 274, 299, 302, 306; Alan Moorehead, The Russian Revolution (New York: 1965), pp. 235, 238, 242, 243, 245; H. Fehst, Bolschewismus und Judentum(Berlino: 1934), pp. 44, 45.
  12. HE Salisbury, Black Night, White Snow: Russia’s Revolutions , 1905-1917 (1978), p. 479-480 .; Dmitri Volkogonov, Stalin: Trionfo e tragedia (New York: Grove Weidenfeld, 1991), pp. 27-28, 32; PN Pospelov, ed., Vladimir Ilyich Lenin: A Biography (Moscow: Progress, 1966), pp. 319-320.
  13. “Il sionismo contro il bolscevismo: una lotta per l’anima del popolo ebraico”, Illustrated Sunday Herald(Londra), 8 febbraio 1920. Ristampa facsimile in: William Grimstad, The Six Million Reconsidered (1979), p. 124. (All’epoca in cui questo saggio fu pubblicato, Churchill servì come ministro della guerra e dell’aria).
  14. David R. Francis, Russia dell’Ambasciat
Print Friendly, PDF & Email