GOTTI TEDESCHI ci scrive: ” IO SONO PER L’EURO. ANZI LO ERO”.

 

 

(MB. Ricevo, e volentieri pubblico, questa lettera di Ettore Gotti Tedeschi ) 

Caro Blondet , ho letto l’articolo di Friedrich [sull’Italexit]  . Su queste ragioni , chiamiamole tecniche , si potrebbe discutere all’infinito . Soros &co. non aspettano altro  che questa uscita si realizzi…Ma non le scrivo per questo , non credo servirebbe molto .

 

Io ho sempre trovato nella originale realizzazione dell’Euro ( come peraltro nella originale realizzazione dell’Europa ) molti valori più che condivisibili . Lo spirito della  realizzazione  dell’Europa era di creare una sovra nazione  sussidiaria ai vari paesi, che  potesse e sapesse valorizzarli , mantenendo e crescendo le identità locali. Lo spirito della creazione dell’Euro era identico : valorizzare le varie  differenti economia dei paesi costituenti l’Europa .  Le  “modificazioni culturali e politiche ” sopraggiunte hanno ben modificato questo spirito originale .

Basti pensare alla Costituzione Europea che rinnega le sue Radici . La crisi economica , che inizia ben prima ma scoppia nel 2007 , aggrava  la realizzazione del progetto Europa e provoca quell’egoismo  arrogante e sopraffattore che stiamo mal- vivendo . Inutile commentare le capacità o no dei governi di reagire , trattare , imporsi ,o altro. I governi  non governano più , hanno spazi talmente limitati da lasciare senza parole quando , sotto elezioni, promettono miracoli che non potranno mai realizzare ,perché non hanno il potere di farlo .

Oggi le leggi, le norme , le varie discipline o scelte vengono imposte da , chiamiamolo, una specie di governo sovranazionale , impalpabile,  a volte celato dietro organismi dell’ONU , a volte a Bruxelles , a volte in qualche tempio della finanza o di altra natura . Ma i risultati si vedono dalle leggi approvate , dalle persone cooptate nei posti di vero potere , nelle scelte conseguenti. Bene , per la prima volta in vita mia comincio ad avere paura .

E comincio a pensare , se qualcosa non mi convincesse del contrario , che l’opzione di uscita dalla moneta unica europea  possa esser necessaria , ma attenzione ,  non (solo) per ragioni economiche , come argomentano questi economisti , ma per un’ altra ragione  . In questo contesto e grazie a questi strumenti economico-politici ,  ci stanno distruggendo , abbiamo  ed avremo sempre più , un problema di libertà democratica e   personale . E persino l’autorità morale  non ci difende più. “

Mb: Caro Ettore,  non credo che Soros voglia la  fine dell’euro: proprio per i motivi che hai elencto tu tanto bene,  il guru del mondialismo vuole “più Europa”.  Per il  resto, vedo che siamo “in divergente accordo”,  come  si dicevano Carl Schmitte e  Jacob Taubes) 

 

Print Friendly, PDF & Email