DOKTOR SCHMITZ: “Usciamo dall’euro, e subito! “

“Se avviene il Brexit, la Germania deve uscire dall’euro!”:  lo ha scritto nero su bianco sulla rivista DASInvestment un nome pesante nell’economia germanica:  Holger Schmitz, capo di Schmitz & Partner AG, forse la più grossa finanziaria d’investimento.

Holger Schmitz, finanziere.

https://www.dasinvestment.com/schmitz–partner-kommt-der-brexit-sollte-deutschland-aus-dem-euro-austreten/

Istruttivo il  motivo portato da Schmitz: una volta fuori il Regno Unito, “i paesi a moneta forte,  Gran Bretagna, Germania (sic!) paesi nordici e del Benelux, perdono la precedente minoranza di blocco nel consiglio dei ministri.

“Senza la minoranza protettiva di blocco, la UE  si svilupperà  ancor più in una vera unione dei trasferimenti”, ossia non  sarà più possibile impedire che l’eurozona diventi una “zona monetaria perfetta”,  il che comporta i trasferimenti di miliardi  dai paesi ricchi a quelli poveri.

“I membri dell’Europa meridionale guidati dalla  Francia possono governare indisturbati in futuro”, grida Doktor Schmitz, “e sono tutti beneficiari netti e fortemente indebitati” – ripetendo con ciò l’ossessiva menzogna tedesca: l’Italia NON è un beneficiario netto: insomma NON percepisce dalla UE più di quanto versa, ma al contrario.

“Germania sarà  la vacca da mungere”

“I problemi dell’Italia sono già evidenti  e rappresentano un carico immenso e  in continuo peggioramento”,  geme  Schmitz: “La Germania,  in quanto membro più forte della UE,  sta diventando sempre più  la vacca da mungere. Per salvarsi, la Germania dovrebbe perseguire un ritiro  dall’euro”.
E continua come  un ossesso dell’avarizia: “I deficit strutturali della confederazione di Stati stanno diventando sempre più evidenti e non possono essere risolti. Inoltre, non c’è volontà politica nei paesi dell’Europa meridionale per le riforme economiche urgentemente necessarie”.

Già oggi, a causa dai bassi tassi imposti dalla BCE di Draghi,  continua,  “I  risparmiatori nazionali  sono chiamati a pagare per i problemi causati da anni di cattiva gestione e da eccessi di consumo dello stato dei meridionali”.

Come si vede, il mega-speculatore ripete le accuse correnti  nel paese – noi tedeschi manteniamo i lussi dei meridionali – diffuse dal governo, dai media; e propone la stessa  soluzione degli economisti dell’IFO, Sinn & Fuest.

Il grido di Schmitz arriva nella presa di coscienza tardiva che il Brexit sarà un disastro più per la Germania che per Londra, tanto più  nel corso di un “rallentamento” dell’economia tedesca, ossia di una recessione generale mondiale.

Ad aumentare il terrore dei  dirigenti tedeschi  sono gli incitamenti, sempre più urgenti ed autorevoli, ad aprire i ruibinetti della spesa  pubblica, ad aumentare il deficit come misura keynesiana.

“L’argomento  a favore di uno stimolo decisivo da parte dei tedeschi è ora schiacciante”,  scrive   a nome del  Council on Foreign Relations l’economista Brad Setser .

https://www.cfr.org/blog/case-significant-german-stimulus-now-overwhelming

L’Europa deve imparare ad amare lo stimolo fiscale”,  incita il Financial Times

https://www.ft.com/content/7d0d0e84-440e-11e9-b83b-0c525dad548f

Creazione del denaro”

“E’ perfettamente giustificabile per la BCE creare denaro per  finanziare gli investimenti nell’ambiente,  non crea inflazione”, scrive Paul  De Grauwe: il quale propone la creazione di “Bond Verdi europei”, ossia fare debtii eurocratici  per combattere in cambiamenti climatici, insomma per uno scopo economicamente improduttivo  (adesso capiamo  meglio  l’improvvisa promozione internazionale di Greta).

https://www.socialeurope.eu/green-money-without-inflation

Gl altri colossi economici lo hanno già fatto.

Negli USA, Trump ha alzato il deficit a 900 miliardi e l’economia è cresciuta.  “Se l’inflazione rimane bassa, la crescita si può finanziare con un forte deficit pubblico. Perché non applicarla in Italia?”, scrive Paolo Becchi

La Cina, per prevenire il rallentamento, lo stato ha aperto i rubinetti, scrive Reuters: nel solo mese di gennaio le banche cinesi hanno aumentato i prestiti dell’equivalente di 440 miliardi di euro. “ 440 MILIARDI IN UN MESE… https://www.reuters.com/article/us-china-economy-loans/chinas-banks-throw-open-spigots-in-january-lend-record-3-23-trillion-yuan-idUSKCN1Q40TJ … In Italia negli ultimi 12 mesi le banche hanno tagliato il credito di circa 30-40 miliardi”, sospira Zibordi.

Adam Tooze, il noto storico dell’economia anglo-tedesco: “La UE resta impantanata nella disoccupazione, in gran parte per calo della domanda e politica monetaria inadeguata. La BCE ha come mandato solo di  controllare  l’inflazione [al  2%] ;  dovrebbe esserle aggiunto il mandato del pieno impiego, come negli Stati Uniti.   A cosa servono sennò le banche centrali?

https://www.socialeurope.eu/what-are-central-banks-for

Ma i tedeschi, duri, resistono all’idea  di consentire spesa in deficit in Europa. Così difendono la loro avarizia, rovinosa  anche   per loro, con il moralismo:

Una polita monetaria espansiva favorisce una politica espansiva  dei bilanci”, ossia il deficit, insegna un testo dello IMK, Istituto per la Macroeconomia e la Congiuntura:  e così i governi meridionali avrebbero la scusa per non fare le riforme.

https://www.boeckler.de/pdf/p_imk_report_146_2019.pdf

Avanti così, dunque, fino alla rovina.  L’importante è che Macron mantenga la Francia  ufficiale in posizione  di ostilità ai sovranisti del Sud, e non chieda di sforare. In realtà, per  averlo a fianco,  Berlino (pardon, Bruxelles,  o la  BCE) lo lascerà sforare ed aumentare il deficit quanto vuole.

Quanto a lui, Macron punta chiaramente a far marcire la questione dei Gilet Gialli, ha notato Michl Omfray: non dare a loro nulla, e fare in modo che il movimento diventi sempre più  violento onde poterlo schiacciare come fenomeno criminale.

 

Giò abbiamo visto i black bloc, esattamente come a Genova nel luglio 2001, inserirsi nelle manifestazioni e saccheggiare e  spaccare.   Qui sotto, alcuni twitters di questi spaccatori mascherati in nero che si vantano delle loro devastazioni a Parigi, e ringraziano “i black Bloc di Amburgo e  di Olanda”  ed anche italiani.  E’ come sempre la sinistra che fa il gioco del grande capitale.

Un BlackBlock ringrazia i colleghi di Amburgo e olandesi che li hano aiutati a saccheggiare Parigi.

https://fr.sott.net/article/33627-Les-Black-Blocs-se-vantent-d-avoir-tout-saccage-a-Paris

L’organizzazione dei poliziotti SGP  denuncia: non ci è mai arrivato  l’ordine di arrestare i Black Bloc. Chissà perché  la cosa non stupisce…

https://fr.sott.net/article/33159-SGP-Police-denonce-une-absence-d-ordre-d-arreter-les-Black-Blocs-Il-suffirait-de-prendre-des-decisions-et-ca-eviterait-que-nos-collegues-CRS-servent-de-torche-humaine

La Germania ha il miglior rapporto defict-pil e surplus di bilancio . E ha paura i di perdere l il Regno Unito che rafforzava ilBlocco del Nord, il quale ha impedito la riforma dell’euro

 

Print Friendly, PDF & Email