“Un enorme passo avanti verso il Terzo Tempio”

Dichiarazione di Gerusalemme di Trump “Un enorme passo verso il terzo tempio”

Di Adam Eliyahu Berkowitz 7 dicembre 2017, 9:30

Come l’acqua incanalata è la mente del re nella mano di Hashem; Lo dirige a qualunque cosa desideri. ” Proverbi 21: 1 (The Israel Bible ™)

Il proclama epico del presidente Donald Trump che ha riconosciuto a Gerusalemme l’eterna capitale del popolo ebraico è stato un passo importante verso la creazione del Terzo Tempio e il portare l’era messianica, ha detto un certo numero di attivisti ebrei che lavorano per ricostruire il Tempio.

“Quello che ha fatto la scorsa notte è stato un enorme passo avanti nel portare il Tempio” , ha detto ad Breaking Israel News Asaf Fried , portavoce ufficiale del United Temple Movement, un’associazione di organizzazioni che lavorano per rendere il Terzo Tempio una realtà .

Ha aggiunto: “Questo doveva necessariamente venire da un non ebreo per portarli nel processo, così saranno in grado di prendere la loro parte nel Tempio”.

Fried ha paragonato il ruolo di Trump a quello di Ciro , il re persiano che pose fine all’esilio babilonese e aiutò a costruire il secondo tempio ebraico. Fried ha citato i proverbi per enfatizzare questo punto.

Come l’acqua incanalata è la mente del re nella mano di Hashem ; Lo dirige a ciò che desidera. Proverbi 21: 1

“Ci sono stati incredibili progressi nel portare il Tempio quest’anno. Era chiaro che Trump faceva parte di quel processo, guidato da Hashem (Dio) “, dichiarò Fried.

Yakov Hayman , il presidente del Movimento del Tempio Unito, ha visto la dichiarazione di Trump come parte di una progressione storica che si unisce a una serie di importanti cambiamenti nella storia moderna per Israele e il popolo ebraico.

“Il 1917 fu la Dichiarazione Balfour che stabiliva Israele per le nazioni”, ha detto Hayman a Breaking Israel News . “Il 2017 è stata la dichiarazione di Trump.”

Disse che era solo questione di tempo prima che i non ebrei facessero una dichiarazione simile riconoscendo il Monte del Tempio come il sito dei Templi Ebraici, ma notò che per andare avanti, era necessario che i soldati a piedi nella causa prendessero il primo passi. “Quando ebrei e non ebrei salgono in massa, il Tempio è inevitabile.”

Hayman ha sottolineato che tutte le fasi di questo processo hanno richiesto uno sforzo multipla, con ebrei e non ebrei che svolgono ruoli diversi mentre si muovono verso un obiettivo comune.

“Il popolo di Israele sta tornando alle loro radici mentre i non ebrei del mondo stanno realizzando l’autenticità della nostra pretesa sul Monte del Tempio e il nostro diritto di costruire un tempio ebraico come casa di preghiera per tutti i popoli”, ha spiegato Hayman .

“Questi processi sono codipendenti. Dipende dagli ebrei, dalle nostre azioni, ma i non ebrei sono una parte essenziale del processo “.

“Il nostro compito è agire come sacerdoti per rendere sacro il mondo intero”, ha detto Hayman, citando Esodo.

Sarai per me un regno di sacerdoti e una nazione santa. Esodo 19: 6

“Ciò avverrà solo in un Tempio di Gerusalemme”, ha sottolineato. ” Il prossimo passo, il passo più importante, deve essere preso dagli ebrei. Dobbiamo iniziare a salire sul Monte del Tempio: numeri massicci. Una volta che lo facciamo, il Tempio è il prossimo inevitabile passo. “

Ha notato che la personalità di Trump è particolarmente adatta al ruolo del leader non ebreo che inizia il processo messianico.

“C’è qualcosa di molto speciale e santo in Trump”, ha detto Hayman. “A volte, appare rozzo e non collegato alla religione, ma ogni volta che si rivolge alla nazione parla di Dio. La scorsa notte, ha detto che la sua motivazione per riconoscere era Gerusalemme era perché era la cosa giusta da fare. Questo è esattamente il modo in cui un leader guidato da Dio dovrebbe parlare “.

Il rabbino Hillel Weiss , portavoce del nascente Sinedrio, era cautamente ottimista.

“Un anno fa, il Sinedrio chiese a Trump di costruire il Tempio come fece Ciro 2.000 anni fa”, ha detto il rabbino Weiss a Breaking Israel News . “Si è chiaramente mosso in questa direzione, ma c’è ancora molta strada da fare e molte insidie ​​che potrebbero impedire che ciò accada”.

“Trump sta affrontando enormi pressioni politiche”, ha osservato il rabbino Weiss. “I confini di Gerusalemme sono ancora aperti alla negoziazione. Il Monte del Tempio non è ancora una questione risolta e le Nazioni Unite stanno lavorando duramente per cercare di convincere il mondo che gli ebrei non hanno alcun posto lì. Se Trump avrà successo, gli ebrei devono riunirsi in unità per poter rimanere forte “.

Trump’s Jerusalem Declaration ‘Enormous Step Towards Bringing Third Temple’

Print Friendly, PDF & Email