Tribunale russo blocca i principali gruppi online LGBT

MOSCA – Un tribunale russo ha decretato il blocco di due popolari siti di networking LGBT per la diffusione di “valori anti-familiari”, incluso un grande gruppo online con circa 200.000 membri.

Il tribunale di San Pietroburgo ha annunciato mercoledì la decisione contro i gruppi su VK, una piattaforma russa simile a Facebook.

“Un’ispezione ha mostrato che contengono informazioni disponibili al pubblico, compresi i bambini, che nega i valori familiari, diffonde relazioni sessuali non tradizionali e promuove atteggiamenti irrispettosi nei confronti dei genitori”, afferma la dichiarazione della corte.

La Russia nel 2013 ha introdotto una legge contro la “propaganda gay”, che vieta ufficialmente la “promozione di stili di vita non tradizionali per i minori”, ma in effetti mette al bando l’attivismo LGBT.

Comunità LGBT russa

Uno dei gruppi menzionati nella decisione del tribunale è chiamato la comunità russa LGBT, che conta oltre 187.000 membri.

Uno dei suoi amministratori, che ha chiesto di essere identificato solo come Alex, ha affermato che il gruppo è stato creato nel 2017 e ha fornito un supporto cruciale alle persone LGBT russe.

“Le persone ricevono supporto dalla comunità, consigli dagli altri membri e aiutano in situazioni difficili”, ha detto ad AFP.

“Se è bloccato, le persone LGBT non avranno nulla su cui appoggiarsi in Russia, nessun modo di scrivere in modo anonimo, condividere le proprie emozioni o emergere”.

LGBT Russia

L’altro gruppo, LGBT Russia, è supervisionato dalla ONG Russian LGBT Network, che ha dichiarato all’AFP che la decisione è stata una sorpresa completa.

“Il tribunale impiega circa cinque minuti a bloccare le risorse Internet LGBT e le decisioni hanno una formulazione identica”, ha detto la portavoce dell’organizzazione, Svetlana Zakharova.

“Non pubblichiamo nulla sulle nostre pagine che deve essere contrassegnato come ‘solo per adulti'”, ha detto Zakharova. “Parliamo di casi di discriminazione e violazioni dei diritti umani e aiutiamo chiunque ne abbia bisogno, compresi gli adolescenti”.

Zakharova ha dichiarato che l’ONG si appellerà alla sentenza.

L’omofobia è diffusa in Russia, dove sono comuni notizie di violazioni dei diritti e attacchi alle persone LGBT, sebbene ci siano scene gay nelle principali città.

 

Harvard ospita seminari su “Anal Sex 101”, “Oral Sex 101” e “fatphobia”

 

La tradizione annuale della Sex Week condotta dagli studenti ritorna all’istituzione della Ivy League

“Anal Sex 101”, “Oral Sex 101” e il workshop “fatphobia” sono tra le 13 diverse offerte che gli studenti dell’Università di Harvard hanno la possibilità di frequentare come parte della sua Sex Week annuale.

Harvard Sex Week ha lanciato il 4 novembre e durerà fino al 10 novembre.

I seminari sono organizzati dall’organizzazione studentesca Sexual Health Education and Advocacy Through Harvard. I suoi membri non hanno risposto alle ripetute richieste di commento. Un portavoce di Harvard ha anche rifiutato il commento.

Il governo svedese dà $ 175.000 per finanziare spettacoli di drag queen per bambini

Autore di Paul Joseph Watson tramite Summit News,

Il governo svedese distribuirà l’equivalente di $ 175.000 dollari dal patrimonio ereditario degli svedesi morti senza eredi per finanziare spettacoli di drag queen per bambini.

Il Public Inheritance Fund, un ente statale che gestisce il denaro, darà i soldi a “Kulturföreningen Mums” a Stoccolma, che lo utilizzerà per organizzare eventi travestiti e transgender in cui le fiabe vengono lette ai bambini.

“ Il progetto, insieme a bambini, giovani e adulti con disabilità, svilupperà fiabe creative normative disponibili sotto forma di spettacoli teatrali. Insieme al gruppo target e a diverse organizzazioni, l’attività consolidata Tra draghi e drag queen creerà nuove fiabe che riflettono il gruppo target ”, scrive la General Heritage Foundation.

I fondi verranno utilizzati per promuovere progetti “basati sui bisogni e sui desideri del gruppo target” che comprende “seminari di drag show” basati su drag queens che leggono libri per bambini nelle biblioteche.

Altri grossi pezzi di denaro dal vaso delle eredità vengono distribuiti ai gruppi di sinistra, incluso uno che promuove “un impegno più elevato per il clima” per i giovani.

Nonostante la Svezia sia un’utopia progressiva che punisce i propri cittadini che mettono in discussione praticamente nulla del genere, gli intervistati su Twitter non erano così entusiasti.

Uno di loro ha descritto la situazione come “necrofilia economica”, mentre un altro ha detto: “Nota per il fottuto sé: non lasciare che i tuoi figli si avvicinino a queste persone”.

Print Friendly, PDF & Email