Rabbino capo: ai non ebrei non dovrebbe essere permesso di vivere in Israele (siamo già a questo)

Il rabbino Yitzhak Yosef dice che i gentili che non assumono sette leggi di Noè dovrebbero essere “espulsi in Arabia Saudita”

Il rabbino capo sefardita di Israele, Yitzhak Yosef, ha detto che i non ebrei non dovrebbero vivere nella terra di Israele se non rispettano una serie di sette leggi imposte dal giudaismo.

“Secondo la legge ebraica, i gentili non dovrebbero vivere nella terra di Israele”, ha detto Yosef sabato in un sermone. “Se un gentile non accetta di assumere le sette leggi di Noè, dovremmo mandarlo in Arabia Saudita. Quando arriverà la vera e completa redenzione, questo è ciò che faremo “.

Il rabbino sefardita dei massacratori.

L’unica ragione per cui ai non ebrei era ancora permesso di vivere nello stato ebraico era il fatto che il Messia doveva ancora arrivare, disse. “Se la nostra mano fosse ferma, se avessimo il potere di governare, è quello che dovremmo fare. Ma il fatto è che la nostra mano non è ferma e stiamo aspettando il Messia “, ha aggiunto.

Yosef ha aggiunto che i gentili che accettano di accettare le leggi di Noahide – un codice morale di base che include divieti di negare l’esistenza di Dio, bestemmie, omicidi, rapporti sessuali illeciti, furti e mangiare da un animale vivo, nonché un requisito per istituire un sistema legale – sarà permesso di rimanere nella terra e svolgere ruoli riservati ai gentili al servizio degli ebrei.

Come il suo defunto padre, il leggendario rabbino Ovadia Yosef, Yitzhak Yosef ha suscitato polemiche con le sue dichiarazioni. Due settimane fa ha detto che gli israeliani dovrebbero uccidere terroristi armati di coltello che minacciano la vita senza timore della legge.

“Se un terrorista si presenta con un coltello, è comandato [dalla legge ebraica] di ucciderlo”, ha detto Yosef alla sinagoga Yazadim di Gerusalemme.

“Non dovresti avere paura”, ha insistito, citando l’antica esortazione rabbinica, “Colui che viene per ucciderti, si alza per ucciderlo [prima].”

Yosef quindi ammonì gli israeliani a non preoccuparsi di ciò che suggeriva fossero le vicissitudini di giudici o generali. Di fronte a un aggressore armato, “Non iniziare a preoccuparti che qualcuno ti porti all’Alta Corte di Giustizia, o che qualche capo dello staff [dell’IDF] dirà diversamente”.

Ha continuato a mettere in guardia contro l’uccisione di un terrorista che non rappresentava più una minaccia, tuttavia, dicendo che il Messia non ancora arrivato era l’unico arbitro che poteva condannare a morte un nemico non minaccioso.

All’inizio del 2015, il rabbino è uscito con forza contro gli smartphone e ha raccontato un incidente in cui immergeva un tale dispositivo in acqua.

Quando il telefono squillò durante una lezione che stava consegnando, Yosef disse al suo proprietario, uno studente, di portare una ciotola d’acqua, disse. “Andò a portare una ciotola d’acqua e la mise sulla scrivania. L’ho messo dentro, è gorgogliato e sparito. Il telefono era sparito “, ha ricordato.

FONTE : https://www.timesofisrael.com/chief-rabbi-non-jews-shouldnt-be-allowed-to-live-in-israel/

Print Friendly, PDF & Email