L’ecologia della guerra a Gaza, Palestina: cambiamenti a lungo termine nei carichi di metalli pesanti materni, neonati e bambini piccoli e pe fasi dello sviluppo di neonati e bambini all’indomani degli attacchi militari del 2014

di Baraquoni, N .; Qouta, SR; Vänskä, M .; Diab, SY; Punamäki, R.-L .; Manduca, P.

Ci vuole tempo per svelare l’ecologia della guerra a Gaza, Palestina: cambiamenti a lungo termine nei carichi di metalli pesanti materni, neonati e bambini piccoli e pietre miliari dello sviluppo di neonati e bambini all’indomani degli attacchi militari del 2014. Int. J. Environ. Ris. Salute pubblica 2020 , 17 , 6698.

Abstract: “I residui bellici di metalli tossici, teratogeni e cancerogeni influiscono negativamente sulla salute umana. L’attuale studio analizza, in primo luogo, la persistenza della contaminazione da metalli pesanti nei capelli dei neonati  nel tempo a Gaza, in Palestina; secondo, il cambiamento nella contaminazione da metalli pesanti di madri e bambini dalla nascita all’infanzia; e terzo, l’impatto della contaminazione da metalli pesanti sulla crescita e lo sviluppo di neonati e bambini piccoli.

I capelli dei neonati sono stati analizzati per dodici metalli pesanti mediante spettrometria di massa al plasma accoppiato induttivamente (ICP / MS) in coorti reclutate al momento del parto nel 2011, 2015, 2016 e 2018-2019.

Nella coorte del 2015, al momento del parto sono stati prelevati campioni di capelli delle madri e 18 mesi dopo sono stati analizzati anche i capelli dei bambini e delle madri. I livelli di crescita dei neonati a sei mesi e dei bambini piccoli a 18 mesi sono stati valutati secondo gli standard dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) secondo una relazione della madre e un check-up pediatrico, rispettivamente.

  1. Il livello di contaminazione da metalli in utero è stato costantemente elevato per 8 anni, 2011, 2015, 2016, 2019, a seguito di tre importanti attacchi militari (2009, 2012, 2014).
  2. I bambini della coorte del 2015 esposti in utero ad attacchi nel 2014 a sei mesi hanno mostrato un’associazione di carico elevato alla nascita nella madre di arsenico e nei neonati di bario con sottopeso, di bario e molibdeno nei neonati con arresto della crescita.
  3. Diciotto mesi dopo la nascita, i bambini avevano un livello di metalli nei capelli più elevato rispetto a quando erano nati, mentre, nelle loro madri, tali livelli erano simili a quelli al momento del parto, confermando la persistenza nell’ambiente dei resti della guerra. Il sottopeso e l’arresto della crescita, sia nei neonati che nei bambini piccoli, erano più alti di quanto riportato negli anni precedenti, oltre ad essere progressivi all’interno della coorte. Gravi fattori ambientali, contaminazione da metalli e insicurezza alimentare mettono a rischio la salute dei bambini di Gaza. Visualizza testo completo

Parole chiave: residuo bellico di metalli pesanti ; carico di metallo nel neonato e nell’utero ; pietre miliari dello sviluppo ;

Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito sotto la licenza di attribuzione Creative Commons che consente l’uso, la distribuzione e la riproduzione senza restrizioni con qualsiasi mezzo, a condizione che il lavoro originale sia citato correttamente

Materiale supplementare

Print Friendly, PDF & Email