ISRAEL SHAMIR: L’ANTISEMITISMO USATO COME ARMA

18 ottobre 2017

La Palestina con i suoi stupendi paesaggi ondulati e venerabili ulivi secolari  –  alcuni dei quali piantati dalle mani di Maria, dalla Vergine, Madre di Gesù Cristo, la contadina palestinese che possedeva un appezzamento di uliveto vicino al convento Cremisan a Beit Jalla  –  porta ancora il suo nome; Palestina con la sua robusta gente di montagna, magra, abbronzata e con gli occhi azzurri, la mia seconda o forse prima patria, dove scrivo queste righe, la Palestina è anche un posto raro nel mondo, dove le persone non hanno paura di dire la parola “Ebreo”.

Col mio amico palestinese, professore di chimica in pensione Ghassan Abdulla, siamo diventati amici anni fa mentre cercavamo di promuovere l’idea di uno Stato per tutti gli abitanti della Terra Santa di qualunque fede, l’idea universalmente accettata in tutto il mondo, certamente nel   vostro paese che si tratti degli Stati Uniti, del Regno Unito, della Russia o della Francia, ma considerati ancora qui un’idea da  estremisti  ultrà  – Abdulla riceve spesso visitatori dalla Germania e dall’Austria, poiché sua moglie proviene dalla Svizzera tedesca. Questi ospiti sembrano scioccati ogni volta che ascoltano la parola “ebreo”, specialmente con una connotazione negativa, come “Gli ebrei non ci permettono di avere acqua” o “Gli ebrei non ci permettono di usare l’aeroporto”, “Gli ebrei han dichiarato lo stato d’ assedio e non possiamo andare in chiesa “,” Gli ebrei hanno sparato ai bambini all’incrocio “, e così tante frasi simili troppo frequenti nel paese in cui gli ebrei governano, e i gentili obbediscono o muoiono. Gli ospiti tedeschi sono istintivamente alla ricerca di un letto per  nascondercisi sotto  a gattoni. Se trovano una via di fuga, borbottano “Sicuramente non tutti gli ebrei”, o “Amiamo gli ebrei”, o qualcosa di ugualmente sciocco.

L’esercito di occupazione statunitense in Europa ha instillato una tremenda paura degli ebrei nei cuori e nelle menti europee. Questo timore era noto da molto prima: il Vangelo testimonia che le persone avevano paura di parlare apertamente di Cristo “per timore degli ebrei”. Da allora, la paura è cresciuta e si è moltiplicata. E purché tale paura esista, sarebbe strano se non venisse usata.

Le elezioni austriache  ne sono una dimostrazione  di primo piano. Durante la campagna elettorale, il Partito socialdemocratico al governo (in sigla SDO) ha importato un maestro di trucchi sporchi israeliani, un macher in yiddish, Tal Silberstein, per irretire il suo avversario Sebastian Kurz. Silberstein ha creato una pagina Facebook col nome di Kurz e  vi ha postato delle forti discussioni anti-ebraiche; ha organizzato un gruppo FB di fan di Kurz e ha pubblicato degli slogan nazisti hard-core. L’idea era che gli austriaci si gelassero  e facessero il vuoto attorno a Kurz.

Kurz lo ha capito e ha chiesto ai moderatori di Facebook di metterfine alla cosa. Di solito non c’è bisogno di  chiedere  due volte a FB di bloccare  roba nazista. E una segnalazione di usurpazione  di identità,  di solito viene risolta in un tempo ragionevole. Qui, tuttavia, il signor Zuckerberg e i suoi scagnozzi hanno trascinato i piedi, riluttanti a minare la denuncia  di un antisemita da parte di Silberstein. Kurz è stato fortunato poiché Silberstein è stato arrestato in Israele per reati legati alla corruzione. Dopodiché, l’FB   s’è sturata le orecchie e rimosso le pagine e i gruppi creati da Silberstein. Anche questa fu una vera fortuna: se fosse stato arrestato altrove, sarebbe stato considerato una vittima di antisemiti e la sua rete   calunniosa sarebbe rimasta intatta.

Questo Silberstein  s’è fatto un nome da Oscar nel malaffare: esperto di Black PR, era stato in precedenza collegato a reati legati alla corruzione quando ha diretto la campagna per la signora Julia Timoshenko, la politica ucraina. Andò in prigione e d  è  emigrato  in Israele. In Austria, ha avuto una serie di disavventure: degli hacker hanno pubblicato la sua corrispondenza con l’SDO, i suoi piani sono diventati noti al pubblico, i leader della SDO hanno dovuto smettere e l’SDO ha perso le elezioni.

Tal Silberstein. l‘autore della campagna di linciaggio di Kurz come antisemita.

Quindi il tentativo di Silberstein di incastrare Kurz come antisemita era fallito, fino a un certo punto. Ha comunque continuato a macchiare  un altro politico austriaco come un nemico degli ebrei. Era il leader dell’FPO Heinz-Christian Strache. La fine della storia può confortarci: gli austriaci hanno preferito questi due partiti, Kurz  e FPO, nonostante il presunto antisemitismo, e hanno punito l’SDO, il partito kosher.

Tuttavia, prima di   rallegrarci, vediamo il lato negativo di questo meraviglioso evento. Per liberare se stessi e le loro parti dalla macchia di antisemiti,  i due leader hanno giurato fedeltà a Israele. Hanno viaggiato  (separatamente) in Israele,   hanno fatto foto con il primo  ministro  Netanyahu e al memoriale dell’Olocausto, hanno  parlato  incessantemente di quanto adorino e apprezzino Israele.

L’accusa di  antisemitismo è una mossa sempre vincente  per gli ebrei. Se un politico non fa ciò che gli ebrei vogliono, lo chiamano antisemita;  e (a) fa ciò che vogliono, e / o (b) giura fedeltà a Israele. Nel caso (a) è un liberal, nel caso (b) è un nazionalista. In entrambi i casi, gli ebrei vincono.

E perdono i palestinesi. Sono rinchiusi dietro un alto muro;  loro non possono andarsene, e gli Ebrei ci entrano  ogni volta che  gli va, per arraffare un uomo e ucciderlo, o farlo marcire  nelle loro galere senza nome. Di tanto in tanto, gli ebrei occupano una collina o una valle e costruiscono lì una comunità chiusa solo per gli ebrei. Prendono l’acqua, prendono i campi. Se i palestinesi si costruiscono da soli, per dire, una centrale elettrica, gli ebrei la bombardano in mille pezzi. Altrimenti, dicono,  i palestinesi saranno in grado di usare l’elettricità per fabbricare armi e uccidere gli ebrei. È meglio che  siano gli ebrei a vendere loro l’ elettricità: l’UE paga un po’, l’ANP paga per il resto, i soldi vanno alle tasche degli ebrei, mentre l’interruttore di accensione rimane nelle mani degli ebrei.

Riesci a leggere il paragrafo precedente senza provare fastidio acuto? Altrimenti, sei anche una vittima di cacciatori di antisemitismo. Non mi piacciono gli odiatori degli ebrei, ma questi cacciatori di antisemitismo sono peggio, molto peggio – perché causano un danno reale, non immaginario.

Prendiamo Weinstein, il segaiolo di Hollywood: è un tipico cacciatore di antisemiti, che sogna di uccidere goyim come nei suoi Bastardi [il film]  o di rovinare gli shiksa nella vita reale. Ha invocato “calci in culo” ai nemici degli ebrei, per organizzare   spedizioni punitive “come faceva la mafia”, anche se questi ragazzi potevano insegnare alla mafia una o due lezioni. Ha costretto le ragazze gentili a fare sesso con lui perché era un semplice ragazzo ebreo del Bronx che sognava vendetta, ha scritto il direttore  ebreo del Tabletmag.com   : “Va da sé che quasi tutte queste donne – erano goy  per meglio nutrire la fantasia tinta di vendetta di Weinstein di essere al di sopra delle sue origini semitiche di periferia. “Al gala di Algemeiner a New York, Weinstein dichiarò, “Amo Israele, amo ciò che rappresenta, sono orgoglioso di essere ebreo. Sono un israeliano nel mio cuore e nella mia mente “.

Ogni volta che un bambino palestinese viene ucciso, ogni volta che un ulivo viene sradicato dai bulldozer ebrei, Weinstein e Silberstein sono complici del crimine.

Ora in Inghilterra, c’è una terribile caccia alle streghe  agli  antisemiti nel partito laburista. L’idea è di distruggere Jeremy Corbyn, per restituire il partito al popolo di Blair e al suo pagatore ebreo Mandelson, che ha detto : “Cerco di scavare la fossa a  Jeremy Corbyn” ogni giorno “con le accuse di antisemitismo. Corbyn sta facendo di tutto per coprirsi da questa parte. Brava gente, i forti attivisti erano stati espulsi per lievi pretesti, se gli ebrei chiedevano la loro testa. Persino un vecchio professore, Moshe Machover, un socialista accademico e israeliano, da lungo tempo residente nel Regno Unito, era stato espulso dal partito laburista perché questo era il comando dell’ambasciatore israeliano a Londra.

Gli Stati Uniti sono il peggior caso di paura degli ebrei. Gli americani hanno tanta paura degli ebrei che esprimono il loro amore servile per gli ebrei in ogni occasione. Non in privato, no. Ho incontrato alcuni dignitari americani; ogni volta che pensavano di non essere ascoltati e registrati dalla NSA, parlavano abbastanza liberamente di essere ingabbiati nel vizio ebraico. Ma in pubblico non direbbero mai nulla contro la volontà ebraica. Conosco solo una deputata che ha osato, Cynthia McKinney. Ha perso il suo posto, ma ha conquistato i cuori.

Adesso guardate Donald Trump. Fin dall’inizio della sua carriera politica, ogni giorno o due volte al giorno, afferma di non essere un antisemita. E sta diventando sempre più attaccato a Israele per dimostrarlo.

Sta facendo tutto per Israele. E ‘uscito dall’UNESCO perché non sono abbastanza obbedienti per Israele – anche se hanno persino infranto le proprie regole per eleggere la donna ebrea franco-marocchina come la loro testa per far piacere a Trump e Netanyahu. Ha distrutto l’accordo nucleare con l’Iran, perché quella era la richiesta di Netanyahu. Eppure, ogni giorno gli ebrei gridano che è un antisemita. (Oggi, mentre scrivo queste righe, lo chiamano “antisemita” perché ha consigliato al senatore Chuck Schumer di verificare con Israele il suo atteggiamento nei confronti dell’accordo nucleare iraniano).

[….]

Quindi gli ebrei continuano a usare questo   splendido  strumento per attaccare gli antisemiti. Anche se non distruggono il loro nemico – Trump non è stato distrutto, Corbyn non è stato distrutto, Kurz non è stato distrutto – costringono i politici attaccati a sostenere ancora di più Israele. Testa che perdi, croce io vinco. E questa è la strada della perdizione.

L’unica via d’uscita è desensibilizzare le persone all’accusa di antisemitismo. Questo è il motivo per cui accolgo con favore alcune pubblicazioni pugnaci su Unz.com e altrove, perché, anche se non perfettamente corrette, aiutano ancora a desensibilizzare il lettore.

“I Padroni del Discorso”

I buoni attivisti ebrei suggeriscono di muoversi in modo opposto. – “Combatti l’antisemitismo, non dargli un centimetro, – dicono, – L’antisemitismo è controproducente”. Ci sono buoni attivisti ebrei, di sicuro. Ad esempio, Philip Weiss o Norman Finkelstein. E di tanto in tanto,sparano una salva su presunti antisemiti, come lo scrittore e musicista israeliano Gilad Atzmon. Non voglio discutere con loro, perché stanno facendo un buon lavoro – fino a quando non si uniranno alla lotta con i cacciatori di antisemitismo. È perfettamente giusto non gradire questa o altra frase o slogan anti-ebraico; inoltre, è inevitabile che la critica degli ebrei abbia molte facce. Ma c’è una distanza tra non piace e in realtà si unisce a Netanyahu e Weinstein.

Le anime dei politici gentili sono così fragili, hanno tanta paura degli ebrei, che è meglio non traumatizzarli suggerendo che ci sono alcuni antisemiti malvagi da affrontare. Ogni voto ebraico perduto sarà ben compensato dai voti ottenuti. È il momento giusto per sbarazzarsi del giogo ebraico, soprattutto perché questo giogo è un blocco puramente psicologico.

Le persone potrebbero non gradire gli zingari, potrebbero non gradire gli immigranti di massa, potrebbero non gradire i banchieri, i giornalisti disonesti e i machers . È perfettamente   normale non amare gli ebrei. Non è contro la legge. Non devi risarcirlo con l’inginochiarti ad  Israele.

Se lo tenete a  mente, libereremo la Palestina; e se non lo fate, la guerra sarà inevitabile.

Israel Shamir può essere contattato a   adam@israelshamir.net

Titolo originale:

Antisemitism Weaponised

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su The Unz Review .

http://www.unz.com/ishamir/antisemitism-weaponised/

Print Friendly, PDF & Email