In Israele: I rifugiati africani vittime di razzismo, internamento, deportazione

(MB. Immaginate la mia sorpresa: nell’unica demokrazia razzista del MO)

6.8.2018

di Mesloub Khider.    Su:  http://www.les7duquebec.com/7-au-front/en-israel-les-refugies-africains-victimes-de-racisme-dinternement-de-deportation/

Avvertenza: questo testo l’ho scritto prima dell’adozione della Legge fondamentale sullo stato nazione ebraico che definisce il carattere ebraico dello stato sionista. Si tratta della questione della politica xenofoba dello stato sionista contro gli africani. Il parlamento israeliano ha approvato il 19 luglio 2018 una legge fondamentale che definisce il paese come “Stato-nazione del popolo ebraico” Questa legge controversa definisce espressamente il carattere ebraico di Israele, a spese della minoranza araba istituzionalizzando così la disuguaglianza tra cittadini “israeliani”. Questa è l’istituzione ufficiale di un regime di apartheid.

“Il razzismo è un atto di persone che non hanno ceppo”. Taher Mahamat

Il sionismo, ideologia putrida nato nel bel mezzo del colonialismo e dell’imperialismo trionfante, continua ancora oggi gli stessi pregiudizi e gli abusi razzisti insiti nella mentalità degli schiavi dei secoli passati. Per settanta anni, il sionismo (Israele è il nome legale civilizzato dato a un’azienda di espropriazione di terre palestinesi, nome omologati dalla maggior parte dei paesi per coprire la connotazione colonialista del sionismo) colonizza la Palestina per conto della nazione ebraica mitologica sepolta nell’antichità e resuscitata dalla divina grazia sionista. Lo stato sionista, quindi colonialista (eufemisticamente denominato Israele per concedergli legittimità giuridica internazionale), non solo ha proceduto con la forza militare all’espulsione dei palestinesi autoctoni durante la sua offensiva imperialista nel 1948 ( preceduto da un’occupazione latente “pro-immigrazione”, iniziata nei primi anni del ventesimo secolo), ma applica anche una politica razzista all’altro partito autoctono palestinese tenuto prigioniero all’interno dei confini eretti dallo stato sionista.

In generale, se dimostriamo la natura sostanzialmente razzista del sionismo al’opera da settanta anni contro i palestinesi, la prova è ora amministrata dal prolungamento delle politiche razziste ora perpetrati nei confronti dei profughi africani. In effetti, in Israele la caccia agli immigrati africani è aperta. Negli ultimi anni, sostenuti dalle guerre, e specialmente dalla miseria e dalla fame, decine di migliaia di africani hanno trovato rifugio in Israele. Il loro lungo viaggio era spesso costellato di violenze inflitte dalla polizia egiziana. Infatti, durante la traversata del Sinai, alcuni sono stati torturati dai loro contrabbandieri, questi schiavisti dei tempi moderni. Alcune donne sono persino state violentate.

Secondo le cifre ufficiali del potere coloniale sionista, il numero di rifugiati insediati in Israele ammonterebbe a 60.000 individui.

Va detto che dal loro insediamento in Israele, questi rifugiati sono stati sottoposti alla segregazione e al terrore razzista. Oggi, lo stato sionista, uno specialista in espulsioni di massa, l’alunno ha superato il suo maestro nazista, si prepara ad attuare un vasta piano di deportazione di 40.000 africani, di cui 5.000 bambini nati in Israele. In effetti, determinato a realizzare il suo piano di deportazione di massa, lo stato sionista ha già iniziato la sua impresa criminale di espulsione attraverso l’internamento di 3.000 rifugiati africani nei campi di concentramento nel deserto del Negev. Questi campi, di sinistra memoria, sono circondati da filo spinato. Chi ha detto che il sionismo non è l’ideologia razzista della triste era coloniale? Quel sionismo non è stato alla buona scuola del nazismo.

Internati in campi in pieno deserto, i profughi africani sono condannati a due alternative entrambe suicidarie, consentire al loro imprigionamento a tempo indeterminato o accettare la loro espulsione nel loro paese di origine devastato dalla guerra, sopraffatto dalla miseria. L’espressione sinistra “la valigia o la bara” era conosciuta. Israele inventa la morte o il trapasso. La morte a fuoco lento nel campo di internamento. O il trapasso accelerato nel paese di origine.

Inoltre, gli africani sfollati all’interno, suddivisi in diverse città israeliane, subiscono il razzismo di stato e lo sfruttamento forsennato dei padroni sionisti. Infatti, senza documenti, senza un permesso di lavoro, gli africani sono costretti a svolgere lavori di sopravvivenza nei settori informali della ristorazione, della pulizia, dell’asilo e così via. noltre, lo stato di Israele, per scoraggiare gli africani dallo stabilirsi stabilmente, instaura un clima spaventoso di insicurezza e terrore, compresa la persecuzione di tutti coloro che aiutano i rifugiati. Queste persone si espongono non solo alla persecuzione da parte dei loro concittadini israeliani, ma anche a pesanti multe e alla reclusione. Soprattutto gli israeliani che impiegano gli africani. L’obiettivo dello stato sionista è di degradare drasticamente le condizioni di vita dei rifugiati, già miseramente precari, per costringerli a lasciare il paese.

Chiaramente, un vero clima di isterismo e odio anti-africano si è stabilito in Israele, mantenuto dai politici sionisti. Il razzismo si esprime liberamente anche al vertice delle autorità statali.

Alcuni funzionari considerano gli africani come “infiltrati”. Altri li trattano come criminali. Un parlamentare israeliano ha persino usato il termine “cancro” per descrivere la presenza di africani in Israele. Il ministro degli Interni nel 2012 ha usato un commento razzista affermando che Israele “appartiene all’uomo bianco”. Da parte loro, anche le autorità religiose ebraiche non risparmiano i loro sforzi spirituali per suscitare odio contro gli africani. Così, nel 2010, centinaia di rabbini hanno rilasciato una dichiarazione che esorta gli ebrei a rifiutarsi di vendere case o affittare appartamenti ai lavoratori migranti.

Questi incitamenti all’odio spesso sfociano in violenze razziste e crimini contro i migranti, e in particolare la loro frangia socialmente fragile, gli africani. Ad esempio, nel maggio 2012 i residenti di colore che vivevano nei quartieri meridionali di Tel Aviv sono stati vittime di attacchi agli immigrati, veri e propri pogrom perpetrati da violenti rivoltosi ebrei. Durante queste spedizioni razziste, i negozi furono saccheggiati, bombe incendiarie gettate in un cortile della scuola.

Oggi, dappertutto in Occidente si protestano regolarmente per denunciare le politiche anti-immigrati di Trump, per accusare alcuni paesi, tra cui l’Algeria, di maltrattare i migranti. Paradossalmente, queste stesse ONG, organizzazioni “umanitarie” di sinistra, non denunciano mai la politica xenofoba di Israele, né i violenti maltrattamenti inflitti alle popolazioni immigrate stabilite in Israele.

Eppure negli ultimi anni un intero arsenale di leggi anti-immigrati è stato adottato dal governo israeliano. Inoltre, per proteggere queste misure discriminatorie, fu eretto un muro di acciaio lungo tutto il confine con l’Egitto per fermare il flusso di rifugiati. Inoltre, nel giugno 2012 il parlamento ha approvato una legge che consente alle autorità israeliane di internare i rifugiati ei loro figli a tempo indeterminato. Questa legge razzista ha provocato forti proteste. Migliaia di manifestanti hanno protestato contro il rifiuto del governo israeliano di concedere lo status di rifugiato e l’internamento dei rifugiati. È vero che dal 2013 sono state adottate procedure di asilo. Ma solo undici richiedenti asilo sono stati regolarizzati.

Inoltre, le campagne razziste non risparmiano i 150.000 ebrei etiopi che vivono in Israele negli anni ’80 e ’90. In effetti, sebbene di nazionalità israeliana, questi afro-ebrei sono soggetti a discriminazione in materia di impiego, alloggio, istruzione, trasporti. Sono gli Stati Uniti dall’era nera del razzismo istituzionale fino agli anni ’60. Come gli afro-americani massicciamente discriminati, questi Falacha occupano posti di lavoro precari e mal retribuiti. Inoltre, sebbene costituiscano solo il 2% della popolazione israeliana, i giovani falashas rappresentano oltre il 30% dei minori incarcerati. Un’altra somiglianza con la società razzista americana, i giovani ebrei di origine etiopica sono costantemente vittime di reati di facies e violenze della polizia.

Ancora più scandalosamente, nel 2013, il governo israeliano ha ammesso di aver iniettato donne etiopi con Depo-Provera, un potente contraccettivo. Ciò ha provocato una vertiginosa diminuzione del tasso di natalità in questa comunità di Falacha. Hitler deve essere orgoglioso dei suoi studenti. I sionisti sono andati oltre il maestro nella politica eugenetica e sterminatrice.

In generale, per settanta anni, sfidando i valori umani e il diritto internazionale, lo Stato sionista ha perseguito una politica di spoliazione, oppressione, deportazione e omicidio contro palestinesi di nazionalità israeliana o meno. Oggi, lo stato sionista sottopone gli immigrati africani alla stessa politica criminale razzista.

Certamente, la politica razzista dello stato sionista contro i palestinesi e gli immigrati africani sfida tutte le classi lavoratrici, le masse sfruttate. Contro la colonizzazione della Palestina e la politica criminale discriminatoria rivolta agli immigrati, devono rispondere, attraverso un’alleanza allargata che riunisce le masse palestinesi e immigrate, ma anche le masse israeliane. Attraverso la solidarietà di classe delle masse di ogni razza, religione e nazionalità, la risposta deve essere uguale agli attacchi dello stato sionista contro immigrati e palestinesi. In effetti, per porre fine al sionismo, è della massima importanza porre la questione coloniale israeliana al centro di una lotta internazionale, al di là dei recuperi e delle deviazioni islamiche, delle divisioni religiose e nazionali.

La lotta deve far parte di una più ampia lotta anticapitalista e antimperialista. Altrimenti, in settant’anni la questione palestinese sarebbe ancora rilevante.

Mesloub Khider

PS: Il parlamento di Israele ha appena adottato una legge fondamentale il 19 luglio 2018, definendo il paese come “lo stato-nazione del popolo ebraico”. Questa controversa legge definisce concretamente il carattere ebraico dello stato ebraico, a spese di Minoranza araba, istituzionalizzando così la disuguaglianza tra cittadini “israeliani”. Questa è l’istituzione ufficiale di un regime di apartheid.

Print Friendly, PDF & Email