IL TRANS ETERO – ultima geniale invenzione napoletana

“Amore mio…, oggi sono esattamente 3 anni di noi, 3 anni. A prenderci e lasciarsi in continuazione… avevo la mia vita come tu avevi la tua.. ma non abbiamo mai smesso di amarci.. dopo 3 anni ti stavo vivendo ma la vita mi ha tolto l’amore mio più grande la mia piccola. Non posso accettarlo, perché Dio non ha chiamato me? Perché proprio a te amore mio.. non riesco più a immaginare la mia vita senza te.. non ci riesco”.

Così   il “trans di Caivano”, col cuore spezzato,  saluta  – ovviamente su Istagram –  la fidanzata  Paola Gaglione, 18 anni, uccisa dal fratello che non voleva che si fidanzasse  col trans.

Immediata l’alt accusa dell’Arcigay di Napoli, devotamente raccolta da Repubblica:

“Chiaro ed evidente che si tratta di un’azione che ha portato una ragazza innamorata di un ragazzo trans a subire la condanna di una cultura patriarcale inevitabilmente assoggettata al predominio, una forma di padronanza della donna, e a Ciro di essere vittima di transfobia. In questa situazione confluiscono due concetti fondamentali e purtroppo violenti. Uno è il femminicidio e l’altro è la transfobia”. Così  parla Daniela Falanga, “presidente dell’Arcigay Napoli e prima donna transessuale a presiedere il circolo”.

Repubblica commenta: “Ora più che mai si è giunti ad un punto di non ritorno, dove la legge contro l’omolesbobitransfobia, è diventata necessaria.

Sicuramente il governo varerà  la legge così invocata.  Il fratricidio, per così dire, è stato provvidenziale per la Causa LGBT. Al punto che si  sta mettendo tra parentesi il fatto veramente rivoluzionario:

in tutto il mondo, un transessuale è uno che  concupisce i maschi;  che prende ormoni femminili per farsi crescere il seno, e  mette da parte i soldi per farsi operare e dotarsi di una falsa vagina. A Caivano,   abbiamo il trans che ama, concupisce, si fidanza con una donna.  Insomma il trans eterosessuale. Un’altra geniale invenzione napoletana, pari solo al turco napoletano dell’immortale principe De Curtis.

Trans per autocertificazione?

Il fatto   è stato ritenuto increscioso solo da  Arcilesbica Nazionale, la quale ha postato: “La transessualità non si autocertifica, ci sono passi da fare ben precisi. Il fatto al momento non smentito è che Cira Migliore non ha mai iniziato alcun percorso di transizione. In caso questo venga ufficialmente rettificato, provvederemo a chiamarlo Ciro, trans ftm, da femmina a maschio”.

Lasciamo volentieri la polemica a loro, e ci chiniamo invece su Ciro: cosa lo ha indotto a considerarsi trans benché etero, ad essere accettato come trans dalla famiglia, e  tale anche dal  fratello della sua ragazza? E dalla povera ragazza stessa , che ha postato immagini di sé seduttiva da discoteca?

Senza atteggiarci a psichiatri, ci pare di notare qui una confusione generale a Caivano: un”trans” è uno che va cogli uomini. Per  definizione. Punto.   Oso ipotizzare che  Ciro e l’intera Caivano non siano capaci di un mnimo di analisi logica; abbiano quel minimo di cultura generale che occorre anche per vivere in questa modernità perverso-polimorfa; che siano stati suggestionati dal discorso pubblico  totalitariamente  pro-LGBT che echeggia da tutti i media progressisti, e che loro non hanno i mezzi intellettuali per  capire davvero.  Come la maggioranza degli italiani crede davvero che il virus li minacci  perché lo ripetono i media,  e accetta confinamenti disastrosi per il  suo benessere  economico e sanitario,  così non è strano che una comunità ai margini della propaganda  ideologica LGBT la beva e  se ne “senta parte”.  Della propaganda, Ciro ha colto questo: che  dichiararsi trans dà dei diritti, e quindi li ha rivendicati.  Magari lo anima la speranziella napoletana di poter fare richiesta,  in futuro, per  un reddito-gay  che i 5Stelle possono benissimo decretare per la categoria

Un mio recente a casuale conversare con una  quindicenne mi ha  mostrato che è proprio così:  nel piccolo branco, si parla molto del tema, e improvvisamente ci sono molti maschietti che si fidanzano con le ragazze, ma si dicono omosex, ed esigono rispetto  per “la mia scelta di vita”, o “la mia identità”o cose del genere.  La quindicenne, benché intelligente , non coglieva la falsità della situazione, e ovviamente ha difeso i suoi compagni  “omosessuali” contro  le obiezioni di  papà e del sottoscritto, accusandoci di nutrire pregiudizi, di essere omofobi … come è inevitabile in gente “così vecchia”.

Impressionante la  permeabilità di una propaganda che dovrebbe essere, semplicemente,  inaccessibile  ad  adolescenti  in difficoltà-rivolta puberale.  L’effetto, purtroppo, è quello descritto crudamente da D’Agostino,  in uno sfogo certo sorprendente da  parte dell’autore  del sito porno-soft:

 

LA PEGGIO GIOVENTÙ – DAGO: “SI DÀ IL CASO (MA NON È UN CASO) CHE L’ANNO DEL COVID HA MESSO IN SCENA LA GIOVINEZZA PIÙ STRONZA; TALMENTE VILE E IDIOTA CHE FA VENIRE VOGLIA DI GETTARLA NELL’OLIO BOLLENTE, COME UN SOFFICINO FINDUS. COME MAI, DA ELVIS A GINSBERG, DAI BEATLES A FRANK ZAPPA, SIAMO FINITI A QUESTI CRETINI SENZA PASSATO NÉ FUTURO – ROMPIBALLE DI GIORNO, INSOPPORTABILI DI POMERIGGIO, PERVERSI DI NOTTE, CAPACI SOLO DI AVERE I “NASI COMUNICANTI’’ PER UN TIRO DI COCA?”

Roberto D’Agostino per VanityFair.it

Che comincia con una citazione di Vasco Rossi, il cantante per sentire il quale i “giovani” s’agglomerano  in 250 mila pagando 50 euro a testa, da cui si sentono interpretati nel loro nulla :

“A un giovane fan che l’aveva perculato su Instagram (“Da ‘vita spericolata’ a vita in mascherina che tracollo che hai fatto. Brutta fine”), il 68enne Vasco Rossi ha replicato a martellate: “Io la mascherina la metto anche sulle mani e pretendo che la indossino tutti quelli che per qualsiasi motivo mi avvicinano. A tutti gli squilibrati, negazionisti, terrapiattisti, complottisti e socialmentecatti vari impegnati a insultarmi quotidianamente sul web dico di nuovo di andare allegramente a farsi fottere!’’

Giovani che  Carlo Verdone descrive così:  “Mi fa incazzare l’omologazione che avvolge i giovani. Sono tutti uguali: nei capelli, nei tatuaggi, nel gergo. Nessuno riesce a distinguersi davvero”.

Ragazzi che “s’imbottigliano in discoteca a mezzanotte, e si mettono a nanna alle otto del mattino, “strippati” e lessi. – rompiballe di giorno, perversi di notte, insopportabili di pomeriggio, capaci solo di avere i “nasi comunicanti’’ per un tiro di coca?”

Al di là del fatto che anche D’Agostino crede alla  realtà del contagio (è un obbligo se non vuoi essere bandito dai salotti cafonal dei Ricchi di Stato romaneschi),  mi sento di sottoscrivere la sua proposta  rieducativa:

Dopo averli mandati a svacanzare in Sardegna o a Panarea, ora portateli a visitare gli ospedali. La repressione del vociare e dell’allegria sarebbe automatica, fin dall’entrata. Fategli vedere, per gradi, a seconda dell’età, tutto: sale operatorie, obitorio, oncologia, aids, parto, grandi ustionati, bambini, pronto soccorso, rianimazione. Imparino che la gioventù non è una stagione della vita, è solo uno stato mentale.

Sulla sessualità dei due presunti maschioni tatuati che hanno massacrato “l’innocente Willy”, si  legga  con profitto  anche questo gossip:

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/come-facevano-fratelli-bianchi-permettersi-loro-alto-tenore-vita-247076.htm

Sui diritti che certi  gay sanno di poter reclamare  usando “l’omofobia”, si legga  qui:

https://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/chef-disegna-pene-piatto-coppia-gaia-ma-resort-non-si-247098.htm

 Per favore, un minimo di cultura. Perché l’ignoranza e  la pochezza  ha già prodotto un fratricidio .  Per un eqquivoco.

Post scriptum. Appena postato il pezzo, ricevo questa mail tutta affannata:

Segnalo clamoroso errore.

Gentile Dott. Blondet,
la seguo da tempo e apprezzo molto la sua informazione contro corrente, ma temo che nell’ultimo articolo abbia commesso un errore davvero notevole. Nel pezzo sull’omicidio della ragazza napoletana lei contesta che si possa parlare di transessualità e sembra aver frainteso il genere del soggetto. “Ciro” non è un maschio eterosessuale, come lei sembra intendere che per ottenere vantaggi si dichiara trans, ma una donna omosessuale. I trans non sono solo uomini che si identificano con il genere femminile, ma anche donne che si sentono uomini, come Cira che stava con un’altra donna e si faceva chiamare Ciro. Le dichiarazioni di arcilesbica (la transessualità non si autocertifica) vanno nella direzione di definire Ciro/Cira una lesbica e non un trans, in quanto donna che non ha fatto operazioni. Il pezzo quindi risulta completamente fuori tema perchè parte da un errore di fondo sul genere del soggetto coinvolto. Mi permetto di segnalare il malinteso perchè, visto il clima di caccia alle streghe, a qualcuno non sembrerà vero usarlo per affermare che oltre che omofobi non conoscete quello di cui scrivete.
Con stima.
Arnaldo Vi.
Benvenuti nel delirio.
Print Friendly, PDF & Email