HABERMAS: “LA CHUTZPAH DELLA GERMANIA MI LASCIA BASITO”

“Sono sbalordito dalla CHUTZPAH del governo tedesco che crede di poter conquistare partner quando si tratta delle politiche che ci interessano – profughi, difesa, commercio estero ed estero – e allo stesso tempo eleva muri di pietra sulla questione centrale del completamento   politico dell’Unione Monetaria  Europea. “ – Jürgen Habermas,  il noto filosofo e sociologo tedesco, liberal, intervistato da IrishTimes.

La partenza annunciata di Angela Merkel dalla leadership della CDU  chiude un periodo storico in cui ha supervisionato un’espansione della potenza e dell’influenza tedesca sull’integrazione europea attraverso la crisi finanziaria globale e quindi l’ascesa di partiti populisti fortemente critici nei confronti della direzione che ha preso. La corsa per la successione apre uno spazio per un dibattito su dove la Germania andrà in Europa nel prossimo periodo.

Il tramonto  della Merkel è segnato dal sorgere di un populismo di destra nella stessa Germania, come il partito Alternativa für Deutschland si afferma in tutta la LÄ nder   con circa il 15 per cento in voti e sondaggi. Comprende un rinnovato nazionalismo tedesco accanto a un’ambizione commerciale globale e all’ostilità nei confronti dell’immigrazione, e vuole che la Germania lasci l’euro o la rifondi su un nucleo settentrionale più piccolo.

La sua svolta ha normalizzato tali posizioni attirando la politica tedesca a destra. Il CDU si trova di fronte a una scelta tra perseguire quel percorso o trovare nuove varianti del liberalismo sociale centrista di Merkel e dell’impegno verso le soluzioni europee. Durante la sua ascesa, il paese è diventato più introverso e compiaciuto del suo successo economico, perdendo di vista la reciprocità che ha animato le fasi precedenti delle sue politiche europee, secondo critici come il filosofo e sociologo Habermas.

Posizione di integrazione

La sua posizione liberista di sinistra sull’integrazione ha influenzato una generazione di accademici e attivisti. Rifiutando il nazionalismo tedesco, chiedono un futuro post-europeo per l’Europa basato su una sfera pubblica condivisa per creare politiche comuni e politiche sociali ed economiche transnazionali.

“La Germania non capisce che la sua prosperità richiede reciprocità politica e politiche reciproche”

In un recente discorso rivolto a un pubblico universitario a Francoforte, Habermas è molto più pessimista sull’andamento reale degli eventi. È particolarmente scoraggiato dal fallimento dei partiti socialdemocratici a sviluppare alternative al liberalismo di mercato che anima la politica nazionale in Germania e altrove. Approva gli ambiziosi sforzi di Emmanuel Macron per rafforzare l’euro e creare un esercito europeo. Ma sostiene che la reticenza della Germania nel rispondere è miope – e fondamentalmente contro gli interessi della Germania stessa.

Piuttosto che creare una convergenza tra regioni e paesi più ricchi e più poveri dell’Unione europea, il regime incompleto dell’euro e la mancanza di una capacità redistributiva hanno ampliato le disparità. Questo è più marcato tra nord e sud ma si applica anche tra est e ovest. Il populismo ha origine in quelle divisioni, egli sostiene, piuttosto che nelle più recenti crisi dell’immigrazione.

La Germania è sorda a tali critiche, attaccando le idee su un’unione di trasferimenti redistributivi come la creazione di azzardo morale e non riuscendo a capire che la propria prosperità basata sul libero scambio continentale e sui mercati di esportazione richiede reciprocità politica e politiche reciproche. Come dice lui, “il rigido sistema basato sulle regole imposto agli stati membri della zona euro, senza creare competenze compensative e spazio per una condotta congiunta flessibile degli affari, è un accordo a vantaggio dei membri economicamente più forti”.

Accesso transnazionale

Ulrike Guérot, un altro critico liberale di sinistra della politica tedesca, sottolinea che mentre i beni, i capitali e il lavoro nel mercato unico godono di un uguale accesso transnazionale, i cittadini no. Insieme allo scrittore austriaco Robert Menasse e ai gruppi teatrali in tutto il continente (ma non in Irlanda), lancia un progetto europeo per il balcone in occasione dell’anniversario della fine della prima guerra mondiale con l’invito a una Repubblica europea basata sulla sovranità popolare , città e regioni.

Mentre Habermas prende una brutta visione dell’attuale politica europea da un punto di vista accademico, come attivista si è unito a un gruppo influente di leader tedeschi per sollecitare il cambiamento. Scrive nel quotidiano Business Handelsblat con Hans Eichel un ex ministro delle finanze; Roland Koch ex-premier dello stato di Hesse; Friedrich Merz, avvocato e politico della CDU; Bert Rürup, capo economista di Handelsblatt ; e Brigitte Zypries, ex ministro della Giustizia e ministro dell’Economia, chiedono maggiore solidarietà, un esercito europeo, un’Europa centrale centrata su Germania e Francia, un euro più forte e più compromessi dalla Germania per ottenere tutto questo.

La figura più interessante qui è Merz, il più europeista dei tre principali contendenti a guidare la CDU. Vuole una risposta tedesca più sostanziale e solidale all’agenda europea di Macron, in particolare sulla zona euro.

Questo dibattito dovrebbe essere visto, dal momento che tutti gli europei saranno influenzati dal suo esito.

pegillespie@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email