FATELO RINCHIUDERE. PER IL SUO BENE. E IL VOSTRO.

Ci sono cose più importanti che trattare di Berlusconi, ed anche meno sgradevoli. Perché bisogna indossare la mascherina e i guanti con cui il perito settore affronta un cadavere che emette liquami di putrescina sul tavolo di marmo. Ma bisogna, nella speranza che i dirigenti del partito da lui fondato (e affondato) si rendano conto a chi affidano i loro futuri seggi.

Avrete letto tutti questa notizia, chiamiamola così.

Aosta, il leader di Forza Italia commette una gaffe clamorosa. È il momento degli omaggi: un quadro realizzato da un’artista valdostana e un tipico cavallino in ceramica. Ma l’ex premier domanda: “Posso scegliere io? Preferisco lei”, rivolgendosi alla ragazza che gli sta porgendo i regali e che, sconcertata, sgrana gli occhi. “E’ mia figlia”, risponde il coordinatore regionale di Forza Italia, Massimo Lattanzi, scivolando, a sua volta, su una battuta peggiore: “Sei un buongustaio”.

Ma quale gaffe. Evidentemente il viscido porco si aspettava  che i suoi fedeli ed adepti, gli avrebbero fatto trovare la diciottenne nel letto,  quella sera, come “regalo”. Chissà quante volte lo hanno accontentato.  Ormai del tutto incapace di contenere i suoi vizi. Ma  si colga il valore di apologo: non solo il personaggio scade di un gradino  nelle  fetenti cantine della bassezza, ma trascina con sé  coloro che gli stanno vicini, degradandoli al suo livello,  rendendoli tutti peggiori. Il padre che non  gli “regala” la figlia, deve tuttavia abbozzare, complice e servile  come un tenutario di scuderie di escort: “Sei un buongustaio”.

Vi rende tutti peggiori

E sta riducendo tutto così,  il suoi giornali le sue aziende,  il partito, al servizio del suo vizio ossessivo  e della sua malvagità senile.

Un lettore mi ha fatto notare  l’elezione di  tale Marta Fascina, 28 anni, da Portici (la città di Noemi Letizia): sconosciuta a tutto lo stato maggiore di Forza Italia in Campania, ma fatta votare in una posizione blindatissima, in due collegi plurinominali sicuri. Una cosa scandalosa, al punto che qualcuno ha protestato. “ Alessandra Caldoro, sorella di Stefano, ex governatore della Campania: «La candidatura di Marta Fascina in posizione blindata è un insulto a tutte le donne che fanno politica e non solo a quelle che fanno politica. Mara Carfagna, ex ministro alle pari opportunità, avrebbe dovuto opporsi».

Carlo Aveta, era della Destra. Oggi sta con De Luca.

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/politica/18_marzo_05/entra-camera-forza-italia-anche-sconosciuta-fascina-39e78854-208e-11e8-b9db-31561b61aa5f.shtml

Basta veder una foto di  questa nuova  deputata per capire tutto. Un’altra favorita del  momento messa a carico di noi contribuenti, che le paghiamo 13 mila al mese.

Ma non basta ancora.  Questa Fascina non si contenta di essere quello  che è e prendersi l’emolumento. No, ritiene di avere della idee  politiche.  Così si fa pubblicare dal Giornale di famiglia un attacco violentissimo al presidente della Repubblica, Mattarella. L’articolo è  apparso domenica 20 maggio.  Titolo:

La vera delusione è il Colle

Il presidente della Repubblica sta rinunciando all’esercizio delle sue prerogative costituzionali, svilendo il suo ruolo e rappresentandolo agli occhi della opinione pubblica come sterile figura notarile

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/vera-delusione-colle-1529587.html

Ma perché attacca Mattarella, che sta facendo quel che può  per impedire il governo Lega-5 Stelle? Il motivo  è nelle ultime righe della Fascina:

“..un capo dello Stato che nemmeno di fronte alla riabilitazione dell’unico leader autorevole e unico protagonista della politica internazionale ad aver presieduto per tre volte il G8 come il presidente Silvio Berlusconi, ha avuto la minima tentazione di conferire al centrodestra unito (che ha vinto le elezioni) la possibilità di prendere il timone di un Paese, può essere ancora considerato una garanzia per il popolo italiano, un’ àncora di salvezza, un argine al dissolvimento delle più elementari regole di grammatica politica, economica e costituzionale? L’unica scialuppa di salvataggio viene dal presidente Berlusconi, forzatamente e ingiustamente tenuto in panchina per 5 anni”.

Dico la verità, quando ho letto questa sviolinata della favorita di Portici, mi sono vergognato per Sallusti, l’attuale direttore del Giornale.  Posso garantire che è un buon giornalista, è stato mio redattore-capo, scanzonato e di mano sicura sulla  notizia. Evidentemente non avrebbe mai pubblicato una articolessa così scema, presuntuosa, ignorante e persino controproducente per la strategia politica del Capo. Ma evidentemente questa Fascina ha ascoltato dalle labbra del porco questa assurda velleità: veramente si aspettava di essere convocato da  Mattarella  per fare il governo – il che la dice lunga sulla  perdita di senso della realtà, in cui l’immondo vive.

Sallusti sta semplicemente difendendo i  posti di lavoro suo e dei suoi colleghi, adeguandosi alla bassezza e alla stupidità del mostro, ormai alla sua abiezione finale. Avete visto tutti: abbandonata la finta bonomia e generosità,   la faccia di allegrotto prodigale, l’immondo ha ormai assunto la grinta vera sua, la cattiveria  e la meschinità che sono sue proprie.

 

 

Presidio in Duomo giornalisti della Mondadori. “Berlusconi rottama i giornalisti e incassa gli utili.   La Mondadori vende a società improvvisate spuntate dal nulla con il solo scopo di liberarsi dei giornalisti senza sporcarsi le mani.

Sta sbattendo fuori giornalisti dalla Mondadori, da Mediaset; alcuni perché secondo  lui sono colpevoli di aver tirato la volata a Salvini;  altri perché la sua impresa di cartapesta, basata sugli introiti  pubblicitari, certamente sta soffrendo in un paese il recessione da due decenni,  che ha perso il 25% delle sue industrie e quindi degli inserzionisti pubblicitari; anche perché le formule della tv-spettacolo berlusconiane, vecchie e mai rinnovate, interessano ormai solo un decrepito sottoproletariato  morale di vecchie che guardano la D’Urso.  Non vedo lontano il tempo in cui  l’impero  televisivo berlusconiano, ormai anacronistico,  sarà smembrato e svenduto o in bancarotta.   Ha venduto il Milan che era la vera base della sua  popolarità “politica”. Sta distruggendo e smantellando  insomma tutto quel che ha creato (non tanto lui quanto Confalonieri), come è tipico della personalità  patologica, maniaco-depressiva che nelle senilità si fissa nella fase bassa: torva, sospettosa, vendicativa, che disprezza tutti gli yes men che  gli devono la loro fortuna, li incolpa della sua caduta che deve solo a e stesso,  e  confida alla Favorita del momento i suoi deliri di grande ritorno sulla “scena internazionale”.

Lo dico ai dirigenti, alla corte dei miracolati di Forza Italia: non avete orrore di  quella grinta che in Berlusconi  ha sostituito la falsa benevolenza? E’  già la faccia annerita di un cadavere mal sepolto e mal mummificato,  morto  digrignando i denti per la rabbia impotente.  Che futuro sperate di avere seguendo questo cadavere? Che seggi  parlamentari? Credete forse che dopo  la sterzata che Salvini e Di Maio hanno dato all’Italia, ci possa essere un futuro come il vostro passato? Un  parlamento di  Carfagne e di Gasparri,  dove prendevate un sacco di soldi per apparire in tv?

Un solo video autoprodotto di Salvini, con il suo smartphone, vi fa apparire quello che siete. Spettri che state perdendo il pericoloso treno della storia, dell’Italia laboratorio inventivo della politica, in mano a un  ottantunenne che ha già la grinta digrignante con cui passerà l’eternità all’inferno. L’unica vostra opportunità di salvezza è dare forza  in parlamento a questa sfida mortale.  Ci sarà pure uno psichiatra che firmi un TSO per questo individuo incapace d’intendere e di volere, pericoloso per sé e per altri – anzitutto voi.

E il PD? Il partito che ha riempito l’Italia di Slot Machines.

Invece continuate a sperare in un “governo del Nazareno”. Certo,  la maligna, sabotatrice nullità di Forza Italia ha infatti il suo alter ego nel PD, che non è  riuscito  nell’ultima metamorfosi, dal “partito della sinistra” ex comunista a diventare il Partito del Nazareno con Berlusconi  ed ora si dilania senza una minima luce di progetto e prospettiva per l’Italia. Quello che fa’ impressione, a sinistra, è che ancora un quinto degli italiani continuino a votarla.  Votate cosa, precisamente?

Il vostro apporto all’Italia, oltre alle  nozze gay e all’immigrazione di massa che avete trattato a Bruxelles, è che – per fare soldi –  avete legalizzato  il gioco d’azzardo. Avete riempito ogni tabaccheria del paese di sloth machines e   aperto case da gioco  dove  sei milioni di italioti si sono abbandonati all’ultima  schiavitù e tossicodipendenza: dove rovinano e sprecano i risparmi e le ricchezze delle famiglie, riducendole in miseria, e dove si spreca senza costrutto il  4 per cento del PIL nazionale. Questo, alla fine, sinistri, è il vostro contributo  storico all’economia  nazionale.

Print Friendly, PDF & Email