EISENHOWER: LE NOBILI PAROLE. E I FATTI.

Estratto dal Presidente della Dwight David Eisenhower’s End of Term Address [17 gennaio 1961]:

Siamo stati costretti a creare un’industria di armamenti permanenti su larga scala. Inoltre, tre milioni e mezzo di uomini e donne sono direttamente coinvolti nella difesa come istituzione. Spendiamo ogni anno, solo per la sicurezza militare, più del reddito netto di tutte le società statunitensi.

Questa combinazione di un’immensa istituzione militare e una grande industria degli armamenti è nuova nell’esperienza americana. La sua influenza totale, economica, politica, persino spirituale, si fa sentire in ogni città, in ogni parlamento statale, in ogni ufficio del governo federale. Riconosciamo la necessità imperativa di questo sviluppo. Ma non dobbiamo mancare di capire le sue gravi implicazioni. La nostra fatica, le nostre risorse, i nostri mezzi di sostentamento … tutti sono coinvolti; così va con la struttura stessa della nostra società.

Nelle assemblee del governo, quindi, dobbiamo difenderci da ogni influenza ingiustificata, indipendentemente dal fatto che sia stata sollecitata o esercitata dal complesso militare-industriale. Il potenziale rischio di un disastroso aumento del potere illegittimo esiste e persisterà.

Non dobbiamo mai lasciare che il peso di questa combinazione metta in pericolo le nostre libertà e i nostri processi democratici. Non dovremmo mai prendere nulla per scontato. Solo una comunità di cittadini reattiva e ben informata sarà in grado di imporre un vero intreccio dell’enorme macchinario industriale e della difesa con i nostri metodi e obiettivi pacifici, in modo che la sicurezza e la libertà possano prosperare insieme “. [ 1 ] .

Da un discorso del Presidente dell’Egitto, Gamal Abdel-Nasser, sulle memorie di Dwight Eisenhower [primi anni ’60?]:

“Nel 1957, gli Stati Uniti cercarono di usare l’Arabia Saudita contro le forze siriane … osservazioni fatte da Eisenhower di persona. Gli americani negano certi fatti, ma a casa, non appena un presidente ha completato il suo mandato, pubblica le sue memorie e riconosce i fatti che hanno negato.

Così, nel 1957, dissero che non sostenevano un’alleanza islamica, un’operazione islamica o un’azione contro le forze siriane; mentre nelle sue memorie Eisenhower scrive che nel 1957 volevano invadere la Siria e, dopo aver discusso dell’invasione con i turchi, preferirono affidarla all’Iraq.

Ricordiamo tutti ciò che accadde in questo anno 1957 quando mandammo i paracadutisti egiziani in Siria prima dell’Unione [con la Siria: Repubblica araba unita dal 1958 al 1961] e dichiarammo che l’esercito egiziano stava accanto all’esercito siriano […].

In verità, nel 1957, quando l’intelligence mi informò che un piano americano di invasione della Siria si stava preparando con la Turchia e l’Iraq, non ci credevo […]. Ma, nelle sue memorie, Eisenhower descrive l’intero piano e dice di aver mandato Loy Henderson in Turchia per concordare l’attacco alla Siria; che successivamente i suoi inviati andarono in Iraq e concordarono con Nouri al-Said; ma, una volta raggiunto l’accordo con l’Iraq, si erano ritirati […] [ 2 ].

Ritrasmissione video in occasione del 100 ° anniversario della nascita del presidente Nasser, che mostra che il piano di destabilizzazione della Siria è stato progettato, almeno dal 1957; un piano del MI6 e della CIA, approvato dal presidente Eisenhower e Harold Macmillan, che prevedeva già l’invasione della Siria da parte dei suoi vicini filo-occidentali e l’assassinio di leader siriani, come descritto da un articolo del “The Guardian”, giornale del 2003 [ 3 ] [ 4 ].

Dr. Bouthaïna Chaabane

Consigliere politico del presidente siriano Bashar al-Assad

https://reseauinternational.net/lapres-imperialisme/

Print Friendly, PDF & Email