DUE ANNI DI GALERA PER DELITTO D’OPINIONE – FRANCIA COME IN COREA DEL NORD

Soral condannato a due anni di carcere

L’Antisemitismo come scusa per censurare Alain Soral

 

di Joaquin Flores

Il saggista francese Alain Soral è stato condannato il 19 settembre a due anni di carcere per aver trasmesso una canzone rap considerata antisemita in cui i ritratti di personaggi venivano bruciati online.

PARIGI – Alain Bonnet, meglio noto come Alain Soral, è stato condannato per accuse di antisemitismo ai sensi delle leggi francesi, in un articolo in cui ha attaccato retoricamente noti capitalisti. 


I critici delle leggi francesi caratterizzano queste accuse come eccessivamente ampie e punitive, e forse tanto responsabili del crescente antisemitismo in quanto sembrano convalidare le teorie della cospirazione più selvagge degli stessi antisemiti .

Soral sarà costretto a pagare una multa di 45.000 euro (o 50k USD).
Formalmente, è stato processato per aver provocato l’odio razziale e aggravato da insulti pubblici.

Il tribunale penale di Bobigny ha condannato lo scrittore a due anni di reclusione, tra cui sei mesi sospesi con libertà vigilata per un periodo di tre anni. La pena è composta da tre misure: 210 ore di servizio alla comunità, sia per un mese e mezzo a tempo pieno di lavori forzati, rimozione della pubblicazione incriminata con una penalità di 1.000 euro al giorno di ritardo e risarcimento per “vittime”.

In una dichiarazione pubblicata il 19 settembre, l’avvocato di Alain Soral, Damien Viguier, ha illustrato dettagliatamente i termini della condanna.
Il totale potrebbe superare i 171.000 euro: 45.000 euro di multa, pubblicazione della sentenza sul giornale Le Monde per 15 giorni (stima di 4.000 euro per pubblicazione, perché il prezzo della pubblicazione, spazi inclusi, è astronomico) e 10.000 euro per ogni parte civile le cui spese legali saranno coperte da Soral fino a un massimo di 1.000 euro (c’erano sei parti civili, tra cui Licra, Uejf, SOS Racism, J’accuse, Mrap e Ldh).

Qual era la natura effettiva degli atti ritenuti criminali dalle autorità francesi?
Sembrerebbe che lo scrittore sia condannato solo perché come fondatore e presidente dell’associazione “Egalitè & Reconciliation” è ritenuto il direttore della pubblicazione del sito responsabile delle pubblicazioni offensive.

Il pezzo in questione si trattava di una canzone rap chiamata Yellow Vests (Gilet Gialli) in cui nulla sembrava essere discutibile aveva dettoall’inizio il suo avvocato. Ma le associazioni che avevano avviato le cause contro Soral sostenevano di aver “decodificato parole e immagini”.

Pubblicato sul sito web di Soral “Egalitè et Reconciliation” , è stato mostrato il video in cui un cartello con il nome di Rothschild è stato lanciato ad un semaforo .
Un incendio alla rotonda presidiato da Gilet Gialli è divenuta “una pira” e la parola “parassita” era stata tradotta come ” volontà di totale sterminio” quando le foto di Rothshild, Jacques Attali, Patrick Drahi e Bernard Henri Levi furono gettate nel fuoco.

Cartello contro i Rothshil bruciato, uno dei crimini addebitati a Soral

Così quindici secondi di immagini su una clip di quattro minuti e trentadue secondi hanno convinto i magistrati di Bobigny della sua natura profondamente antisemita.
Il 15 aprile il saggista, che era già stato condannato molte volte, è stato condannato a un anno per non essere comparso in un altro caso. Il tribunale penale di Parigi ha quindi ordinato un mandato di arresto nei suoi confronti, che l’accusa aveva rifiutato di eseguire, considerando che non aveva una base legale.

Il 5 giugno a Parigi, gli è stato consegnato un anno di prigione per aver qualificato il Pantheon come un “residuo kosher” in un video pubblicato a luglio 2018 sul suo sito web.
(Fonte: Fort Russ )

Nota: Le decisioni giudiziarie contro Alain Soral cadono quasi immancabilmente per ragioni sempre più inutili e con pene più severe. Tali decisioni, destinate a terrorizzare la popolazione, finiscono al contrario per aumentare il numero di coloro che non credono più nella giustizia, siano essi pro o anti-Soral. Molti cittadini non hanno dubbi, soprattutto quando vedono la lista dei crimini o gli appelli al crimine impunito.

Tutto quello che può opporsi al bulldozer oligarchico finisce schiacciato, perché serva da esempio. Tuttavia, se i francesi che stanno assistendo alla persecuzione dei veri combattenti della resistenza comprendono il messaggio molto chiaro e molto animale di repressione, ci si rende conto che la democrazia non esiste, che è la maschera del fascismo oligarchico. È mentre martella sulle sue vittime espiatorie è il momento in cui cade la maschera. La repressione rivela la violenza del potere, che cerca di denunciare quella del popolo e dei suoi leader naturali.

Di fatto non c’è più motivo, non c’è più proporzionalità, più logica e mentre la gerarchia giudiziaria – espressione che preferiamo alla giustizia – colpisce il presidente di Egalitè et Reconciliation, si mette in rilievo che i “pericoli pubblici” possono essere contenuti o raddoppiati dalla stessa gerarchia. È necessario capire che è meglio essere accusari di omicidio e di stupro di donne e bambini piuttosto che per il “crimine” di riconciliazione nazionale?

In altre parole, la riconciliazione nazionale è un crimine? Se sì, perché devi essere logico, visto che lo definisci un crimine e, soprattutto, chi ne è la vittima?

La risposta è semplice: la vittima o le vittime della riconciliazione nazionale sono le forze che lavorano proprio per la divisione del nostro paese. Divisione economica (ricchi e poveri), divisione politica (pro e anti-sistema), divisione sociale (vincitori e perdenti), divisione razziale (bianca e colorata), divisione sessuale (uomini e donne) , poi l’eteros e l’omos). Un buon cittadino viene decretato colui che convalida la divisione, il cattivo colui che resiste a quella. Il vizio è diventato virtù e la virtù vizio . I francesi sono persi perché sono per la pace sociale e viene promossa per loro la guerra di tutti contro tutti. Ma dietro il pacifico francese, c’è la Francia refrattaria, quella che finisce per esplodere un giorno perché la sua rabbia trabocca. (…….)

https://www.egaliteetreconciliation.fr/La-reconciliation-nationale-est-elle-un-crime-56328.html

Print Friendly, PDF & Email