Maurizio Blondet

Usa ha spedito  5 mila tonnellate di munizioni in Germania. UE approva.

Sono stati necessari 415 containers per portare il carico. Sbarcato a Bremnhaven, è stato trasportato ai depositi militari che gli americani hanno a Miesau, a circa 15 km a ovest di Kaiserslautern.

E’ la più grossa fornitura di munizioni da sempre, per quel che se ne sa: di solito simili trasporti non vengono reclamizzati. Stavolta invece è stato il sito della Us Army, Stars and Stripes, a pubblicare foto dei containers mentre vengono scaricati, e   didascalie che spiegano che è

Leggi tutto

Per Trump, avvisi di assassinio (il Sistema  non sa come fermarlo).

Il giornalista di grido del New York Times, Ross Douthat, ha fatto un tweet: “Buone notizie gente, ho risolto come finire la campagna di Trump”, e postato un video di Dead Zone, un film dell’83 che narra di un sensitivo che, stretta la mano a un losco candidato presidenziale (nel film è Martin Sheen), “sente” che da presidente quello scatenerà la guerra atomica; e dunque attenta alla sua vita; lo manca, ma il candidato quando ode il

Leggi tutto

Dopo l’invasione normanna del 1066 e il conseguente genocidio (150.000 morti) e la degenerazione nazionale nel cattolicesimo romano, ha avuto luogo l’ulteriore degenerazione nel protestantesimo sotto i tiranni Enrico VIII ed Elisabetta I (150.000 morti). Poi, quasi 400 anni fa, ha avuto luogo in queste isole il genocidio di Cromwell. Finanziato dagli ebrei, ha lasciato quasi 900.000 morti prevalentemente cattolici romani. Da allora e fino a circa cinquant’anni fa, le terre del Regno Unito sono ulteriormente degenerate nel giudeo-protestantesimo (la

Leggi tutto

Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

Come tutti i pensionati, resto molto a casa, e quindi sento le radio. Mentre faccio le mie cose sento l’una e l’altra, le tengo accese mentre scrivo, salto da quella di Confindustria a Rai Uno, da Radio Radicale a Rai Tre.

E di cosa parlano le radio, in questi giorni? Con quale tema occupano ore ed ore, sfiancanti, ossessive e ripetitive? Eh sì, avete indovinato: la legge sulle “unioni civili”.  La “legge ferita”, ha lacrimato stamattina un tizio che fa’

Leggi tutto

di Raffaele Giovanelli

Si sono celebrati i funerali di Umberto Eco , si dice in forma modesta, a un passo da casa sua. Un tripudio di popolo e di autorità nella cornice regale del castello sforzesco di Milano. Discorsi commemorativi, popolo plaudente in commosso silenzio, dirette televisive, partecipazione da tutto il mondo. I giornali non hanno voluto mancare l’omaggio all’illustre scomparso, che onora l’Italia, in un periodo in cui i grandi nomi, noti fuori dagli angusti confini nazionali, sono

Leggi tutto

Il Nuovo Ordine dell’Europa: Distruggere Ogni Differenza

 

“Azzerate le scienze umane, cresce l’analfabetismo, l’insegnamento è a senso unico. Risultato? La formazione omologata degli individui, anzi dei “cittadini del mondo”


All’inizio degli anni Novanta le scienze umane sono state fatte sparire dall’orizzonte dell’informazione di massa, semplicemente con il silenzio, non parlandone più. Contemporaneamente sono state eliminate dalle scuole, per ordine dell’Ue, antiche, nobilissime e essenziali discipline come la geografia. Si tratta, dunque, di preparare i giovani a non appartenere a nulla,

Leggi tutto

 

Benemerito Julian Assange , dopotutto. Lui, e le altre “gole profonde” stanno portando all’attenzione ciò che in privato molti dicevano, alcuni, i soliti complottisti, ritenevano certo: gli Stati Uniti sono una rete spionistica al servizio del mondialismo.

Anche il governo italiano, Berlusconi in persona oltre che i suoi collaboratori erano ascoltati dall’onnipotente NSA, la National Security Agency, la più grande centrale informativa del mondo.

Tutto questo, invero, esiste da che mondo è mondo . Le cosiddette potenze straniere hanno

Leggi tutto

A Kiev il golpe 2.0. E forse a Varsavia, una Maidan polacca

Voglio sostituire completamente la classe politica in Ucraina”: l’ha detto Mikhail Saakashvili, il georgiano che è stato messo a fare il governatore di Odessa. Lo ha detto durante un intervista alla Frankfurter Rundschau: “I governi cambiano continuamente qui, ma se non cambia la classe politica, non cambia mai niente. Il paese sta in un circolo vizioso, tutto si ripete e la classe politica non cambia logica. Due volte la popolazione è andata a Maidan a dire a questa classe: non

Leggi tutto