Maurizio Blondet

Di Roberto Pecchioli  —

Gli spazi di libertà e di dissenso sono ormai pochi e piccoli; la rete Internet offre ancora margini di verità per esprimere convinzioni fuori dal coro, in particolare idee, valori o semplici opinioni che non vengono accolte, anzi accuratamente censurate dal sistema di informazione “mainstream”, in mano, come non ci stanchiamo di ricordare, a non più di una mezza dozzina di grandi agenzie globali , i cui azionisti sono le grandi multinazionali, alcune grandi famiglie

Leggi tutto

E' anche l'Impero della Doppiezza. Oltre che del Caos

L’ambasciata americana a Tunisi s’è fatta spedire 1,5 tonnellate di esplosivi, detonatori, pentole a pressione riempite di bulloni? Ovviamente la notizia non è stata ripresa da nessuno. L’ha data solo un giornale tunisino, Tunis Tribune, che l’ha data – paradossalmente – come una confusa smentita. Ecco come:

  • un generale delle dogane tunisino, Mohamed Bazina, rivela durante un dibattito tv che esiste un “pericolo imminente” dopo la sospetta, all’aeroporto di Tunisi Chartage, di 1500 kg di esplosivi, detonatori, pentole a pressione
Leggi tutto

(mb. non ho tempo di tradurlo  – ma la notizia è bomba, è il caso di dirlo)

 

Tunis Tribune, 12 febbraio

Un général de brigade de la douane tunisienne a alerté au cours d’une émission télé d’un « danger imminent » après la découverte, à l’aéroport Tunis-Carthage, de 1500 kg d’explosifs, détonateurs, cocotte-minute remplie de vis et de boulons, ceintures d’explosifs et de grenades dans une cargaison en provenance des Etats-Unis vers la Tunisie. Le général, Mohamed Bazina, a

Leggi tutto

Bagnasco  ha diritto all’opinione. E’ cittadino italiano (per ora)

Son giorni e giorni ormai che i media strillano: “Bagnasco irrompe sulle unioni civili (Secolo XIX). “I vescovi a gamba tesa sul Senato” (Libero). “Nel giorno dell’87esimo anniversario dei Patti Lateranensi, le parole di Angelo Bagnasco gettano altra benzina su un dibattito parlamentare “ (Huffington Post) . “Bagnasco scende in campo”, “chiedendo, anzi ordinando ai suoi chierichetti di votare con voto segreto il disegno di legge Cirinnà” (Il Fatto Quotidiano). Le

Leggi tutto

ALEPPO  PRESTO LIBERA. TAGLIATE LE VIE DI RIFORNIMENTO TURCHE AI  TAKFIRI

The Syrian Patriot

———

Per chi non fosse al corrente della reale situazione sul terreno di battaglia in Siria, visto che i media italiani fanno piú che altro disinformazione e propaganda, presento semplicemente alcune mappe dei campi di battaglia siriani, accompagnandole con brevi spiegazioni.

 

Infatti, giá nella foto n. 1 potete vedere alcuni di questi poveri rifugiati dare ordini dal tettuccio di un veicolo (presumibilmente un trattore o un buldozer), attrezzati di tutto punto con fucili automatici a tracolla

Leggi tutto

Di Luciano Garofoli

 

Quasi sempre chi governa una nazione è un amministratore, uno che ne regge le sorti barcamenandosi attraverso crisi interne ed esterne o, peggio, campando alla giornata. I proclami, i grandi programmi elettorali sbandierati o urlati in faccia ad una popolazione che li ascolta talvolta incuriosita, talvolta attonita o impaurita quasi sempre vengono disattesi. O peggio devono passare attraverso la cruna d’ago di un giudizio politico che è condizionato da particolarismi, da interessi più o meno appalesati

Leggi tutto

ISLANDA: DISOCCUPATI AL 2 PER CENTO. SENZA UE.

Giustamente fiero, il governo di Reykiavik ha dato la notizia: l’Islanda è tornata più o meno al livello di disoccupazione del 2007, prima della grande crisi delle sue banche. I disoccupati sono l’1,9 per cento della popolazione attiva. D’accordo, l’Islanda ha solo 320 mila abitanti, ma la crisi che ha subìto era proporzionalmente catastrofica, come ha riconosciuto il Fondo Monetario: le tre banche maggiori fallite tutte nel giro di pochi giorni, avevano “attivi” (ossia: erano esposte) per 10 volte il

Leggi tutto

Alle “inviate” tg che  piangono su  Aleppo solo adesso.

Alle “inviate” tg che piangono su Aleppo bombardata dai russi

di Fulvio Scaglione

(MB. Poiché i vergognosi telegiornali Rai hanno mandato “le inviate” a spargere lacrime sulle povere “vittime di Aleppo” che scappano “dai bombardamenti russi”, e “si affollano alla frontiera turca” , sarà il caso di ricordare che quelle povere vittime sono coloro che hanno scelto la guerra civile, l’ISIS, Al-Nusrah,   che ora fuggono con le loro famiglie. Hanno tenuto ed assediato Aleppo per oltre tre anni. “Le inviate”

Leggi tutto