Turchia minaccia la Grecia con esercitazione navale ( Paisios..)

La Turchia ha emesso un   NAVTEX di preallarme  contro la navigazione che riserva una vasta area a sud dell’isola di Kastellorizo, all’interno della piattaforma continentale della Grecia  (secondo i greci), per le esercitazioni militari di domenica  –   mentre i greci si recano alle elezioni generali.

Il Navtex turco ha riservato un’area che si estende dal sud di Kastellorizo ​​verso ovest verso Rodi per esercitazioni che utilizzeranno munizioni vere.

Kastellorizo (in grigio la costa turca)

 

La mossa arriva sulla scia delle dichiarazioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan che Ankara prenderà “i provvedimenti necessari” per impedire a Cipro di perforare gli idrocarburi nella sua zona economica esclusiva e le minacce del ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu a Nicosia che qualsiasi tentativo di fermare la Turchia da  perseguire i suoi piani di perforare l’area avrebbe incontrato una risposta aggressiva.

“Per noi, questo tipo di minacce da parte dell’amministrazione greco-cipriota sono prive di significato”, ha detto Cavusoglu alla televisione TRT Haber di stato. “Sanno che non possono fare un passo contro di noi e se osano farlo riceveranno la loro risposta come in passato”, ha detto, alludendo chiaramente all’invasione di Cipro da parte della Turchia nel 1974.

Riferendosi alle attività della nave da guerra turca Fatih e alla perforazione pianificata da un altro, lo Yavuz, Cavusoglu ha detto che è prerogativa della Turchia decidere cosa fare all’interno della sua piattaforma continentale. Ha aggiunto che era dovere della Turchia, in qualità di garante, proteggere i diritti dei turco-ciprioti.

Nel frattempo Erdogan è stato citato da Hurriyet mentre raccontava un gruppo di giornalisti su un aereo che stava tornando dalla Cina alla fine di martedì che la Turchia stava prendendo “i provvedimenti necessari” per impedire a Cipro di perforare in quella che è la ZEE cipriota.

“Stiamo prendendo i provvedimenti necessari all’interno della legge e continueremo a farlo”, ha detto Erdogan. “Ma se ci imbattiamo in persone che non capiscono la legalità, sappiamo come parlare la lingua che capiscono”, ha detto. “È inaccettabile che coloro che non hanno diritti legali là provino a fare guadagni”, ha aggiunto.

Erdogan ha anche colpito l’Unione Europea per la sua posizione sulla questione, sostenendo che è influenzata da Nicosia e che non ha finanziato il nord occupato dalla Turchia.

Atene intanto ha  – come la Turchia  – assunto un nuovo  atteggiamento verso la NATO (di cui come la Turchia fa parte).

Recentemente ha rifiutato una intimazione americana, di  vietare  alle navi da guerra russe la navigazione presso le loro coste. Sembra anche che abbia condotto  discussioni preliminari per acquistare sistemi di difesa  anti-aerea S-400, dal momento che la Turchia, il suo rivale regionale, se ne sta dotando.

Lo riporta  Rai al-Youm, il giornale arabo stampato a Londra (sic), spiegando che poiché la Russia rafforza la sua presenza nel Mediterraneo Orientale fra Siria e Turchia, gli Usa  fanno pressioni molto energiche sugli alleati  che hanno nell’area perché impediscano l’accosto alle navi di Mosca. Dio fatto, in seguito alla “amicizia” russo-turca nata per la vendita degli S-400, Ankara  ha  concesso alle navi  militari di Mosca l’accostaggio  sulle  sue coste. E’ per questo che Atene, inquieta,  lo ha cominciato a permettere anch’essa. Frattanto la Spagna, che da tre anni rifiutava  al naviglio  russo la fornitura di servizi portuali (evidentemente su pressione USA),  li ha ripresi.

La Grecia si sente poco difesa dalla NATO nel  suo conflitto bilaterale con Ankara,  e accusa l’Alleanza di parzialità a favore della Turchia.  Gli esperti militari stimano che se la Turchia si stacca dalla NATO e si avvicina alla Russia, anche la Grecia potrebbe uscirne per mettersi sotto la protezione russa, più efficace.

Print Friendly, PDF & Email