Turchia e Grecia: conflitto per la perforazione di gas naturale

 

La Turchia affronta uno scontro con un’alleanza tra Grecia, Israele, Cipro ed Egitto nel Mediterraneo orientale.

 

Le  relazioni tra la Turchia e un’alleanza di greci, israeliani, greco-ciprioti ed egiziani si sono considerevolmente deteriorate. La ragione sta nei  notevoli giacimenti di gas naturale e idrocarburi nel Mediterraneo orientale. Il valore di mercato delle riserve di petrolio e gas, che erano già state scoperte nel Mediterraneo a sud di Cipro nel 2011, è stimato a circa $ 600 miliardi nel 2013, secondo stime prudenti.

Più nuovi giacimenti di gas scoperti sono già in uso o in via di sviluppo nella regione,come Tamar e Leviatano al largo delle coste israeliane. Un consorzio formato dalla società statunitense Noble Energy e dal gruppo israeliano Delek produce gas naturale dal campo di Tamar dal 2013. Questo gruppo di lavoro ora vuole aprire fino al 2019, i depositi Leviatani molto più grandi.

Tuttavia, c’è un conflitto che si concentra sull’isola di Cipro.    Dopo un’invasione delle truppe turche nel 1974, l’isola è divisa in una parte settentrionale turca e una parte meridionale della Grecia. Solo pochi anni fa, si sperava che le enormi riserve di idrocarburi avrebbero offerto una reale opportunità per risolvere il conflitto in modo pacifico. Ma l’ottimismo è presto finito poiché sia ​​Turchi che Greci iniziarono le esplorazioni e le perforazioni a velocità variabile.

Nel 2004 l’Unione europea ha deciso di accettare i greco-ciprioti come rappresentante esclusivo dell’isola e membro dell’UE.   In risposta, i ciprioti greci, facendo affidamento sulla legittimità della decisione dell’UE, hanno rivendicato il diritto di sfruttare le risorse naturali nella cosiddetta zona economica esclusiva (ZEE) intorno a Cipro. Al contrario, la Turchia ha insistito sul fatto che l’amministrazione greco-cipriota non doveva unilateralmente cogliere i diritti per esplorare le risorse dell’intera isola.

Pertanto, la disputa sulla ZEE e lo sfruttamento delle risorse naturali nel mare è un punto centrale di questo conflitto. La risposta di Ankara agli sforzi dei greci ciprioti quest’estate per alimentare la perforazione di gas naturale è stata durissima.   L’Associated Press ha riferito che l’esercito turco aveva inviato una fregata per sorvegliare una nave da combattimento, che secondo loro aveva iniziato a cercare petrolio e gas nonostante le obiezioni turche.

Alla fine di novembre  il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha visitato i greco-ciprioti per parlare con loro a Nicosia della presenza di idrocarburi nella regione. Oltre al presidente egiziano, anche il primo ministro greco Alexis Tsipras e il presidente greco-cipriota Nicos Anastasiades hanno partecipato all’incontro. Al contrario, i risultati del round tripartito sono stati dichiarati nulli dal Ministero degli esteri turco.

Nonostante la resistenza turca, la nave di perforazione Saipem 12000 ha effettuato un’esplorazione per conto del francese TOTAL e dell’Eni  nella regione tra marzo e dicembre 2017, in conformità con gli accordi esistenti. Inoltre, Italia, Grecia, Israele e i ciprioti greci hanno concordato di costruire un oleodotto per le miniere scoperte di recente. Il costo del progetto di gasdotto “East-Med” di oltre 2000 chilometri è stimato a $ 6 miliardi.

In risposta, la Turchia – nello stesso momento in cui è stata schierata la Saipem 12000 – ha dichiarato che userà  parte dell’area per esercitazioni militari. Ankara ora ha diverse navi da guerra e sottomarini sul posto. Inoltre, i turchi da gennaio 2018, una nuova nave perforatrice in servizio. Ora, la domanda pressante è se l’esercito scorterà il veicolo, il che minaccia di aggravare ulteriormente la situazione.   Una potenziale crisi di idrocarburi sarebbe un’ottima ragione politica per tutti i governi coinvolti per assicurare il loro sostegno alla loro base nazionalista.

La linea di fondo e anche l’esperienza del 2017 potrebbero portare a conflitti sempre più forti nel Mediterraneo orientale nel 2018. Il governo, che molto probabilmente sarebbe ancora in grado di mediare tra Ankara e Nicosia, è il russo, che ha la maggiore influenza in Medio Oriente dall’intervento nella guerra per procura siriana.

(ricordando il monaco Paisios)

Print Friendly, PDF & Email