Pandemia: Segni di rivolta dalla Germania (con aggiornamento)

Da Deutsche Wirtschaft Nachrichten:

Il lockdown era sbagliato? Uno studio parla dell’81% di immunità alla SARS-Cov-2 da parte di altri virus corona

Secondo uno studio dell’università di Tubinga appena pubblicato, l’81% della popolazione ha una certa immunità al nuovo virus corona SARS-Cov-2. L’immunità è stata apparentemente acquisita attraverso il contatto con precedenti virus corona. In tal caso, significherebbe che l’intero blocco della corona era ingiustificato?

Uno studio tedesco rileva un’immunità dell’81% alla SARS-Cov-2 da altri coronavirus” sì che le “misure estreme” avrebbe dovuto dimostrarsi ingiustificato nel corso della pandemia corona. In quanto beta coronavirus, SARS-Cov-2 mostra molte somiglianze strutturali con altri coronavirus di questa famiglia. Il sistema immunitario umano riconosce il “nuovo” virus e reagisce rapidamente con i linfociti T adatti, come hanno dimostrato ora numerosi studi. La popolazione ha “una certa immunità al nuovo virus, acquisita tramite il contatto con precedenti coronavirus (virus del raffreddore)”.

I linfociti T specifici per SARS-CoV-2 e cross-reattivi che sono stati identificati in due grandi gruppi di donatori – uno con l’altro senza infezione da SARS-CoV-2 (…) nello studio di Tubinga ora vengono identificati e caratterizzati gli esatti meccanismi delle cellule T che controllano la reattività crociata SARS-CoV-2. In particolare, cellule T SARS-CoV-2 cross-reattive sono state trovate nell’81% delle persone non esposte “.

In parole povere: l’81% che non ha avuto contatti con Sars-Cov-2 ha già cellule T cross-reattive e quindi una certa  immunità di fondo.

[…]

Ulteriori studi con risultati simili

Lo studio dell’Università di Tubinga è supportato da un altro articolo scientifico sulla rivista “Nature Reviews Immunology“.

Un’ampia percentuale della popolazione sembra avere cellule immunitarie che riconoscono parti del virus SARS-CoV-2 per dare loro un vantaggio nella lotta alle infezioni. In altre parole, alcune persone potrebbero avere un livello di protezione sconosciuto.

“Abbiamo scoperto che le persone, quelle che non sono mai state esposte a SARS-Cov-2 (…), circa la metà delle persone, avevano una certa reattività dei linfociti T”, ha citato Alessandro Sette, coautore dell’articolo della CNN Centro per le malattie infettive e la ricerca sui vaccini presso l’Istituto di immunologia di La Jolla.

La ARD tv: Numero crescente di infezioni? Niente panico

L’aumento delle nuove infezioni all’inizio non è un problema serio, secondo l’articolo. Dipende dal numero di percorsi difficili.

Secondo il virologo Hendrik Streeck, un enorme aumento del numero di nuove infezioni non sarebbe motivo di panico: “Nessun virologo sarebbe in disaccordo sul fatto che tutti ci aspettiamo […] che il numero di infezioni […] aumenti in modo massiccio. 20.000 nuove infezioni al giorno, che all’inizio suona come un’apocalisse, sono numeri enormi, ma fondamentalmente non dovrebbero spaventarci, perché un decorso lieve o un decorso senza sintomi non contribuisce così tanto al processo di infezione “.

Ci sono state circa 9.600 morti corona al momento in cui il programma è stato trasmesso. Questi sono ora confrontati con il numero medio di morti totali dal 2016 al 2019. Durante questo periodo sarebbero morte tra le 16.000 e le 20.000 persone a settimana.  Andreas Gassen (membro del consiglio dell’Associazione dei medici dell’assicurazione sanitaria obbligatoria) ha detto: “In Germania non c’è l’eccesso di mortalità, cioè, insomma, muoiono [nonostante il coronavirus, ndr. ] non più persone che in qualsiasi altro anno senza Corona “.

https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/506787/Explosive-ARD-Sendung-Keine-UEbersterblichkeit-durch-Corona

“Great Barrington Declaration”: come i media ignorano un appello di 1700 medici per una politica senza lockdown indiscriminato sul coronavirus

Il governo federale insiste sull’argomento che non vi è alternativa alle dure misure della corona adottate finora. Dott. Martin Kulldorf dell’Università di Harvard, il Dr. Sunetra Gupta dell’Università di Oxford e il Dr. Jay Bhattacharya della Stanford University ha un’opinione diversa.

Il 4 ottobre 2020 è stata lanciata la cosiddetta “Dichiarazione del Grande Barrington” , che può essere firmata da altri scienziati. Un video può essere visualizzato su YouTube . Non è chiaro perché i media mainstream abbiano finora completamente ignorato questa affermazione.

la dichiarazione senza commenti:

“In qualità di epidemiologi di malattie infettive e scienziati della salute pubblica, nutriamo serie preoccupazioni circa gli effetti dannosi delle misure COVID-19 prevalenti sulla salute fisica e mentale e raccomandiamo quella che chiamiamo Protezione mirata.

Veniamo sia da destra che da sinistra e politicamente da tutto il mondo e abbiamo dedicato la nostra carriera alla protezione delle persone. Le attuali politiche di blocco hanno effetti devastanti sulla salute pubblica a breve e lungo termine. I risultati, per citarne alcuni, includono tassi di vaccinazione più bassi nei bambini, peggioramento della progressione della malattia cardiovascolare, meno screening per il cancro e deterioramento della salute mentale, tutti fattori che porteranno ad un aumento della mortalità in eccesso negli anni a venire. La classe operaia e i membri più giovani della società saranno i più colpiti. Tenere gli studenti fuori dalla scuola è una grave ingiustizia.

Il mantenimento di queste misure fino a quando un vaccino non sarà disponibile causerà danni irreparabili, colpendo in modo sproporzionato i meno privilegiati. Fortunatamente, la nostra conoscenza del virus sta crescendo. Sappiamo che le persone anziane e fragili hanno più di mille volte più probabilità di morire di COVID-19 rispetto ai giovani. In effetti, COVID-19 è meno pericoloso per i bambini rispetto a molti altri disturbi, compresa l’influenza.

Man mano che l’immunità si accumula nella popolazione, il rischio di infezione diminuisce per tutti, compresi quelli a rischio. Sappiamo che tutte le popolazioni alla fine raggiungono l’immunità della mandria, cioè il punto in cui il tasso di nuove infezioni è stabile. Questo può essere supportato da un vaccino, ma non dipende da esso. Il nostro obiettivo dovrebbe quindi essere quello di ridurre al minimo la mortalità e i danni sociali fino a raggiungere l’immunità di gregge. L’approccio più empatico, che soppesa i rischi ei benefici del raggiungimento dell’immunità della mandria, è quello di consentire a coloro che hanno un rischio minimo di morte di vivere una vita normale in modo che possano costruire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, mentre coloro che sono che sono più a rischio essere protetti meglio. Chiamiamo questa protezione mirata.

L’adozione di misure per proteggere i gruppi vulnerabili dovrebbe essere l’obiettivo centrale delle risposte di salute pubblica al COVID-19. Ad esempio, le case di cura dovrebbero assumere personale con immunità acquisita ed eseguire frequenti test PCR su altro personale e tutti i visitatori. Il cambio di personale dovrebbe essere ridotto al minimo. I pensionati che vivono a casa dovrebbero avere generi alimentari e altri beni essenziali consegnati a casa loro. Se possibile, incontra i membri della famiglia all’esterno piuttosto che all’interno. È possibile attuare una gamma completa e dettagliata di misure, comprese misure per famiglie multigenerazionali, che rientra perfettamente nelle capacità e capacità del sistema sanitario pubblico.

Coloro che non hanno bisogno di protezione dovrebbero essere in grado di condurre una vita normale immediatamente. Semplici pratiche igieniche come lavarsi le mani e stare a casa in caso di malattia dovrebbero essere praticate da tutti al fine di abbassare la soglia di immunità della mandria. Le scuole e le università dovrebbero essere aperte all’insegnamento in classe. Attività extrascolastiche, come B. L’esercizio dovrebbe essere ripreso. I giovani adulti a basso rischio dovrebbero lavorare normalmente e non da casa. I ristoranti e le altre attività dovrebbero essere in grado di aprire. Si dovrebbero riprendere arte, musica, sport e altre attività culturali. Le persone a maggior rischio possono partecipare se lo desiderano, mentre la società nel suo insieme gode della protezione offerta da coloro che sono deboli”:

Qui per firmare la petizione:


Professor Harvard Medical School. Disease surveillance methods. Infectious disease outbreaks. Vaccine safety.

“Dobbiamo apprezzare i giovani adulti che aiutano a generare l’immunità di gregge vivendo una vita normale e mantenendo la società a galla. Quando le persone ti lanciano lamentele fuorvianti, affermando falsamente che stai mettendo in pericolo gli altri, ricorda che è vero il contrario”.

Aggiornamento:

Oltre 6000 scienziati, i medici firmano una petizione anti-blocco

Chiede  una “protezione mirata” delle  sole  persone vulnerabili da COVID in modo che tutti gli altri possano costruire l’immunità di gregge

di Steve Watson

https://www.infowars.com/posts/over-6000-scientists-doctors-sign-anti-lockdown-petition/

Print Friendly, PDF & Email