La Francia consiglia : sia la Germania a lasciare l’euro

DEUTSCHE WIRTSCAFTS NACHRICHTEN

Le distorsioni dovute alla crisi greca hanno lasciato segni profondi in Francia. Per le élites francesi ci sono solo due possibilità: il ritiro ordinato della Germania dall’euro o il caos economico .  La questione sarà pposta quando Francia o un altro stato del sud fossero costretti a lasciare l’area dell’euro

 

Mentre il problema- Grecia si trascina, le élite politiche francesi stanno già discutendo i prossimi passi. Hanno perso la fiducia nella Germania, così come Angela Merkel ha perso la fiducia nel governo Syriza. In tali circostanze, una unione politica in Europa è difficile da immaginare. Molto più naturali è riflettere sulla questione di chi dovrebbe prima uscita dall’Euro – Francia o in Germania. Shahin Vallee, ex consigliere presso il ministero francese dell’Economia e l’ex presidente del Consiglio dell’Unione europea, ha consegnato al New York Times un’analisi parecchio disillusa: Ha criticato la Germania con veemenza, prevedendo che la dura presa di posizione tedesca nei confronti della Grecia è solo un preludio a ciò che è a venire: un fondamentale conflitto tra Francia e Germania sul futuro dell’Unione europea.

 

Vallée non crede che il conflitto fondamentale potrà essere risolto con un accordo di compromesso. Nemmeno la Germania vede più l’euro  con un tasso di cambio fisso . La Germania ha convinto il pubblico tedesco della sua visione: la stabilità politica della zona euro può essere raggiunto solo se le regole vengono rispettate . La Germania ha imparato dalla propria storia che una confederazione di stati , infatti, può funzionare solo con le regole , perché non ci sono rappresentanza democratica in esclusiva a livello europeo .

 

La visione di Francia, ha quindi criticato Vallée, è troppo vaga: da un lato, Francia vedi l’euro come il precursore di politica monetaria alla Keynes, secondo cui la politica monetaria a leva è decisiva per contrastare la recessione in tempo di crisi. Ma per far funzionare tutto questo, i singoli Stati avrebbero dovuto rinunciare a tutte le parti essenziali della loro sovranità: le élite francesi non   sono riuscite a trasmettere ai loro elettori questa loro convinzione. In assenza di un chiaro contro-modello aletrnativo alla disciplina tedesca non ci si poteva aspettare che la Francia fosse in grado di costruire un’alleanza contro la Germania insieme con l’Italia e la Spagna. Il presidente francese Francois Hollande aveva infatti delineato questo in un articolo di giornale e la linea francese è sostenuta da tempo dagli italiani. Ma Vallée è questo asse alcuna possibilità. Pertanto, qualora tutti i partiti politici francesi, tra cui il “pro-europeo”, è ora occupano attivamente con la domanda, “che cosa i benefici della uscita dall’unione monetaria” sarebbe.

 

 

Vallée ritiene che la polemica sulla Grecia può portare a una spaccatura nella zona euro. Egli scrive: “La questione è se questa ripartizione assume la forma di un ritiro ordinato della Germania, o se ci sarà una lenta, economicamente molto distruttivo uscita della Francia e degli Stati del Sud Europa.” E ‘chiaro che le élite francesi non hanno alcun interesse in talecaos, da cui   il palese consiglio alla Germania di lasciare la moneta unica. Un po ‘meno drammatico, ma non per questo meno sistematicamente, il membro francese della BCE Benoît Coeuré ha descritto la situazione. In un’intervista a Le Monde Coeuré ha detto che la zona euro, con la sua struttura attuale non funziona. Come prova cita il fatto che il 19 il suo governo aveva arrestato a vertice di Bruxelles per 17 ore al fine di “discutere i dettagli di un paese, che costituisce meno del due per cento della produzione economica nella zona euro”. Per Coeuré è chiaro che il principio di gestione intergovernativa fallito. Se i leader in eurozona non sviluppano una struttura alternativa, la crisi greca si ripeterà ancora e ancora. Lo spettrod i dell’uscita di un paese dall’euro è uscito dalla bottiglia. Il fallimento permanente dell’unione monetaria avrà conseguenze durature per l’economia in Europa.

 

 

Il pensiero francese è diametralmente opposto all’approccio del ministro federale delle finanze Wolfgang Schäuble. Schäuble vuole un nucleo di euro. Il prerequisito per questo, allora necessariamente stretta unione politica, è la volontà di rispettare le regole fiscali di Maastricht. Ambrose Evans-Pritchard del Daily Telegraph, fa un passo avanti guardando ai partiti di sinistra dei paesi della zona euro in un punto stretto: Anche se il Podemos perde voti in Spagna, secondo recenti sondaggi, questo non dovrebbe oscurare il fatto che la sinistra in Europa, ha preso coscienza di stare davanti a un vero cambiamento di paradigma. Evans-Pritchard vede i nuovi partiti di sinistra come movimenti radicali, in senso leninista. E’ convinto che un vero e proprio movimento socialista  contro l’austerità può propagarsi . In Grecia, il Pasok, membro dell’Internazionale socialista, era scomparso proprio a causa di questa incompatibilità di posizioni ideologiche con la realtà politica, che ha sancito la sua insignificanza.

 

Evans-Pritchard vede anche possibile una “guerra civile europea” . È quel che s ggerisce l’ex vice ministro delle Finanze Stefano Fassina italiana, in un post sul blog “la dissoluziuone controllata della zona euro”. Solo in questo modo i singoli paesi potrebbero sfuggire ai paesi “mercantilisti neoliberisti”, come la Germania. Fassina, un confidente del premier Matteo Renzi, parla anche della necessità di una “European Liberation Front”. L’insistena tedesca sta facendo sviluppare una veemente Germanofopia, come ha notato Valles. Ciò deriva anche che dal fatto che l’economia francese viene presentata a torto come economicamente inferiore. L’economista Heiner Flassbeck ha sottolineato in una conferenza a Berlino che la Francia,  ha una produttività oraria superiore a quella della Germania.Alcuni economisti americani, e non degliu ultimi da tempo suggeriscono che sia la Germania a tirarsi fuori dall’euro . Se il governo federale sotto Angela Merkel ha in programma una tale mossa di nascosto o almeno è disposto ad accettarlo come ultima ratio di una situazione senza uscita, non è chiaro. Ma continuare col “ business as usual” sarà impossibile, e si vedrà quando la Grecia avrà consumato i prossimi prestiti, senza che l’economia del paese realmente migliorato.Presumibilmente , l’Euro Saver (Draghi, ndr) salverà con i nuovi “prestiti ponte” durante l’estate .Ma nel giro di pochi mesi il Grexit sarà probabilmente di nuovo all’ordine del giorno. Se ciò può sembrare gestibile nei mercati finanziari, il contagio politico non è più evitabile . Senza reale capacità decisionale , sarà molto difficile tenere la zona euro . I politici che hanno la statura e la reputazione per sollevare una tale impresa sono già saliti all’orizzonte europeo

http://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/2015/08/05/empfehlung-aus-frankreich-deutschland-soll-aus-dem-euro-austreten/

5 agosto 2015

Print Friendly, PDF & Email