IN INDIA NON C’E’ LA LOBBY EBRAICA

Per i “Jared” il gioco diventa   più  difficile

 

L’India schiera navi da guerra nel Golfo Persico a causa delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Iran

https://twitter.com/indiannavy/status/1141693211674435584/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1141693211674435584%7Ctwgr%5E363937393b70726f64756374696f6e&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.rt.com%2Fnews%2F462335-india-warships-persian-gulf%2F


La Marina indiana sta schierando più navi nel Golfo Persico e nel Golfo di Oman, per fornire “sicurezza” alle navi battenti bandiera indiana che attraversano l’area. La decisione segue attacchi multipli  contro  navi mercantili   nella  zona.
Designando la mossa ” Operazione Sankalp ” (risoluzione), un portavoce della Marina indiana ha annunciato giovedì che due navi da guerra sarebbero schierate per ” sicurezza marittima ” nelle acque tra l’Iran, l’Oman e l’Arabia Saudita. Le navi saranno sostenute da copertura aerea e apparati  di sorveglianza.
Navi Chennai e Sunayna sono stati schierati nel Golfo di Oman e nel Golfo Persico per intraprendere operazioni di sicurezza marittima. Inoltre, nella zona è in corso la sorveglianza aerea dei velivoli  [indiani].

La già tesa situazione nel Golfo Persico si è intensificata drammaticamente dopo che due petroliere sono state attaccate nel Golfo di Oman la scorsa settimana. Anche se non è stata rilasciata nessuna prova concreta di chi fosse responsabile, le autorità statunitensi hanno accusato l’Iran dell’incidente. L’intensificarsi della situazione di stallo portò infine all’Iran che abbatteva un drone di sorveglianza degli Stati Uniti.

A dimostrazione del fatto che non stanno scherzando e data la situazione ancora altamente instabile, una delle navi che New Delhi ha inviato per i dettagli di sicurezza è l’ INS Chennai , un cacciatorpediniere stealth guidato come una delle più potenti navi da guerra della flotta indiana.

Un false flag rovinato:

Modi si unisce all’Eurasianismo

Bhadrakumar:

(Primo ministro Narendra Modi e il presidente russo Vladimir Putin con le loro delegazioni, Bishkek, 14 giugno 2019 a margine del vertice SCO).
Il vertice SCO ha aperto gli occhi. Modi ha avuto due “bilaterali” eccezionali – rispettivamente con Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin e sottolineano che le relazioni dell’India con questi due paesi sono state poste su una traiettoria elevata. Modi e Xi si incontreranno tre volte durante il restante periodo di sei mesi dell’anno da soli – oltre, naturalmente, al previsto vertice informale di Xi con Modi in autunno (a Varanasi?).

Allo stesso modo, Modi ha accettato l’invito di Putin ad essere l’ospite principale del Eastern Economic Forum di Vladivostok all’inizio di settembre e i due leader si incontreranno a Osaka al vertice del G20 e al vertice dei BRICS. In effetti, Putin dovrebbe anche visitare l’India quest’anno per il summit annuale e ci sono anche alcuni discorsi in onda su un altro summit “informale”. 

Modi wades into Eurasianism

iN REALTà, L’iNDIA è E RESTA UNPAESE NEUtRALE.   Non si è alleato con l’Iran, o la Russia. Semplicemente, visto che si fornisce di petrolio dal Golfo Persico. Visto che qualche teppista internazionale ha danneggiato due petroliere che portavano in Giappone il greggio iraniano, ha mandato là le sue navi da guerra per proteggere le sue navi mercantili  i quell’essenziale  braccio di mare.  Con gli apparati di sorveglianza che consentiranno di identificare il teppista internazionale, se ci  riprova.

Jerusalem Post aveva già annunciato: i bombardamenti americani sull’Iran “saranno massicci ma  limitati a un obiettivo specifico”

Indovinare sulla carta l’obbiettivo specifico
Print Friendly, PDF & Email