I PADRONI DEL DISCORSO CONTROLLANO (ANCHE) WIKIPEDIA

Paul Craig Roberts: 

“Wikipedia is a CIA/Mossad  operation. It is directed against truth tellers”

Eric Zuesse: come

Wikipedia ha falsificato la  biografia  di un avversario di Sion .

“L’ultima  informazione sulla corruzione di Wikipedia proviene dal grande giornalista investigativo Craig Murray, che è  stato diplomatico  del Regno Unito dal 1984 al 2004 e che è stato costretto a ritirarsi nel 2004 perché, dal 2002 ambasciatore del Regno Unito in Uzbekistan, ha deciso di fare   il whistleblower e rivelare  la corruzione da parte i suoi governi e dell’Uzbekistan. L’articolo di Wikipedia su di lui  afferma che il suo distacco immediatamente precedente aveva comportato la partecipazione all’applicazione delle precedenti sanzioni economiche contro l’Iraq e “Il suo gruppo ha riferito quotidianamente a Margaret Thatcher e John Major. In  omicidio a Samarcanda, descrive come questa esperienza lo abbia portato a non credere alle affermazioni dei governi del Regno Unito e degli Stati Uniti nel 2002 circa le armi di distruzione di massa irachene. “Quindi, il suo disincanto per le politiche estere del Regno Unito sembra essere cresciuto negli anni, invece di apparire all’improvviso solo durante due anni in cui era un ambasciatore.

Su 18 maggio ° , Murray  ha messo in evidenza nel suo  blog,  “The Philip Cross Affair” , e ha riferito: “133,612 modifiche a Wikipedia sono state fatte   a nome di ‘Philip Cross’ più di 14 anni. Sono oltre 30 le modifiche al giorno, sette giorni alla settimana. E non lo uso in senso figurato: le modifiche di Wikipedia sono temporizzate e, se le pianifichi, la scheda temporale per l’attività di Wikipedia di “Philip Cross” è sorprendente … se si tratta di un individuo “.

Presenta motivi per mettere in dubbio che si tratta di un’operazione individuale, quindi afferma che,

lo scopo dell’operazione “Philip Cross” è sistematicamente quello di attaccare e minare la reputazione di coloro che sono importanti nel mettere in discussione la narrativa dominante dei media. in particolare negli affari esteri. “Philip Cross” cerca inoltre sistematicamente di rafforzare la reputazione dei principali giornalisti dei media e di altre figure che sono particolarmente importanti nel promuovere la propaganda neo-con e nel promuovere gli interessi di Israele …

More About Wikipedia’s Corruption

Aggiungo qui (in traduzione automatica) un articolo molto informativo anche se del 2009: “La mano ebraica dietro internet”. 

 

Nel seguente documento daremo uno sguardo alla penetrazione ebraica di Internet e mostreremo anche il livello di cooperazione tra i principali imprenditori ebrei di Internet e lo stato razzista dell’apartheid ebraico di Israele.
Gli ebrei – contrariamente alle opinioni “liberali” che dichiarano ufficialmente professare – nei loro atti repressivi praticamente dimostrano che cercano sempre di dominare il flusso di informazioni, non tollerano alcun dissenso.

Gli arabi hanno imparato a fondo la falsità di queste affermazioni ebraiche, ora è tempo per il resto del mondo non ebreo di ottenere questo diritto e di vedere che la libertà di informazione sulla Rete è seriamente minacciata.

Questo documento non coprirà l’intero campo.

Inoltre, poiché è legato al tempo a un’analisi che viene dal punto di vista del 2009, le cose cambieranno. Le aziende cambieranno nome, appariranno nuovi attori. Tuttavia, questo lavoro è unico e fornirà una guida ai meccanismi alla base della Rete, meccanismi che continueranno ad agire anche in futuro.  E poiché molti di questi imprenditori ebrei sono piuttosto giovani e Internet sembra essere qui per restare, ne sentiremo parlare per molto tempo.


ATTENZIONE : Si prega di notare che i contenuti di alcuni dei siti con materiale ebraico rivelatore che abbiamo collegato di seguito, potrebbero essere modificati dai sionisti  in futuro. Forse anche le informazioni contrarie a questo documento e Radio Islam sostituiranno il materiale originale a cui eravamo collegati. Questo è successo prima e da parte nostra illustra solo il livello di disonestà ebraica.


Google (che nel 2006 ha acquisito Youtube)

I  
fondatori Brin e Page sono ebrei
Il sito ebraico SomethingJewish.co.uk scrive in una recensione di Marcus J. Freed del libro “Richistan”, del 05/09/2007 su “I ragazzi ebrei di Google”: l’economia globale è molto diversa 40 anni fa e i nuovi miliardari di oggi includono i ragazzi ebrei di Google , Sergey Brin e Larry Page, insieme a migliaia di altri “imprenditori”.

Larry Page – che condivide il titolo di Presidente di Google ha persino un legame familiare israeliano.
La rivista B’nai B’rith, articolo di una delle più potenti organizzazioni ebraiche, scrive nel loro articolo “The Searchmasters”, primavera 2006, su “… Larry Page, la cui madre Gloria è ebrea”. La rivista continua:
Il nonno materno di Larry, tuttavia, seguì un percorso molto diverso. Era un primo colono in Israele, facendo aliyah nella spartana città del deserto di Arad.

Sergei Brin e Larry Page – “i ragazzi ebrei di Google”


L’entourage ebraico su Google
L’ebreo Craig Silverstein è  stato  il primo  assunto dai fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin.
La Susan Wojcicki  (j)  è stata quella che ha dato a Google l’ufficio per avviare l’attività. Da allora Susan Wojcicki è diventata vicepresidente della gestione dei prodotti di Google.
Questo mentre qui anche la sorella minore  Anne Wojcicki, specialista in biotecnologia, nel maggio 2007 durante la cerimonia del “matrimonio ebraico tradizionale” (secondo il giornale israeliano Ha’aretz, il 29 maggio 2008) ha sposato il presidente di Google Sergey Brin. La storica endogamia  nella tribù.

SomethingJewish.co.uk scrive il 24/05/2007:

Nozze di ebrei
di Leslie Bunder

Il celibe ebreo più ricco del mondo non esiste più. Sergey Brin, co-fondatore del colosso della ricerca Google e del valore di oltre $ 16 miliardi, è stato attaccato al suo amore di lunga data Anne Wojcicki all’inizio di questo mese alle Bahamas, ma il matrimonio era così segreto che è stato confermato solo di recente.

Secondo un rapporto del San Jose Mercury News, il matrimonio ha avuto luogo sotto chuppah con Brin e Wojcicki a conferma del loro impegno per la fede ebraica, sebbene non si dice che nessun rabbino abbia officiato durante la cerimonia.
Wojcicki, è la sorella di Susan Wojcicki che ha dato a Google l’ufficio per avviare l’attività.
Nel 2001, la madre di Brin, Eugenia, commentò che sperava che potesse trovare una sposa ebrea. “Spero che lo tenga a mente”, ha detto.

Wojcicki, che ha un background in biotecnologia, è stato attivo in progetti ebraici e attualmente siede nel consiglio di amministrazione di Reboot, un’impresa che coinvolge gli ebrei nell’esplorazione della loro cultura.
Di recente, Wojcicki ha lanciato una società biotecnologica 23andMe che ha visto Google stesso investire diversi milioni di dollari in essa.

Justin Rosenstein è stato un grande ingegnere di Google per tre anni come Product Manager di Google per Page Creator. Rosenstein è stato uno dei primi dipendenti che il capo ebreo di Facebook Mark Zuckerberg ha messo in camicia da Google quando Facebook ha iniziato la sua ascesa nel 2007.

Nel 2008 Rosenstein ha lasciato Facebook con il co-fondatore ebreo di Facebook, Dustin Moskovitz, per formare una nuova società.

Co-fondatore di Facebook Dustin Moskovitz (a sinistra) e Justin Rosenstein

Sheryl Sandberg
Un altro profilo ebraico che è stato importante nella definizione di Google è Sheryl Sandberg.
Sheryl Sandberg è stata vicepresidente delle vendite e operazioni online globali di Google, posizione da cui ha creato e gestito i canali di vendita online per la pubblicità, la pubblicazione e le operazioni per i prodotti di consumo a livello globale. Sandberg era dietro AdWords di Google e sedeva nel consiglio di amministrazione del braccio filantropico di Google Google.org.
Prima di Google, Sandberg ha lavorato per Lawrence Summers  (j),  quando era economista capo della Banca mondiale, poi come capo  dello staff quando Summers era   xstato nominato segretario al Tesoro nell’amministrazione Clinton.

The Jewish Chronicle (4 dicembre 2008) ha pubblicato un articolo sul libro “Jewish Wisdom for Business Success” – un libro del rabbino Levi Brackman e del giornalista ebreo Sam Jaffe – in cui sostengono che la Torah e gli antichi testi rabbinici non sono semplicemente guide per vita santa, possono anche fornire utili consigli di carriera. The Jewish Chronicle scrive:
“Il loro libro combina suggerimenti sulle buone pratiche commerciali tratte dalla Bibbia, Midrash e Kabbalah con esempi di storie di successo come Andy Klein, che ha lasciato il diritto societario per avviare una fabbrica di birra e ha finito con una banca di investimento, o Sheryl Sandberg , che è salito a diventare vice presidente per le vendite globali di Google”.

E mentre ci sono modelli da emulare, ce ne sono anche altri da evitare: il faraone il gas ruach (uomo di spirito grossolano) o Korah, il ba’al ga’avah, l’arrogante egotista.

Sheryl Sandberg

Come vicepresidente delle vendite globali di Google, Sandberg era alla base del progetto AdWords che collega gli annunci pubblicitari a pagamento ai risultati di ricerca, un gadget che ha permesso a Google di trasformare il loro motore di ricerca in “attività estremamente redditizie”, come scrivono il rabbino Levi Brackman e il giornalista Sam Jaffe nel loro libro “Jewish Wisdom for Business Success”, p. 2.

Hanno il caso di Sheryl Sandberg nel primo capitolo del loro libro come esempio di successo commerciale ebraico. Nella stessa pagina 2 del loro libro: all’inizio del 2008, ha lasciato Google per diventare la seconda al comando di Facebook, l’emergente società di social network.
Sheryl Sandberg –  “secondo in comando di Facebook” – è attualmente Chief Operating Officer di Facebook. Come COO, Sandberg è responsabile per aiutare Facebook a scalare le sue operazioni ed espandere la sua presenza a livello globale. Sandberg gestisce vendite, marketing, sviluppo commerciale, risorse umane, politica pubblica, privacy e comunicazioni e riferisce direttamente al CEO ebreo di Facebook Mark Zuckerberg.
Sheryl Sandberg è ben collegato alla comunità ebraica e alla “filantropia”, un passatempo ebraico preferito dove possono prendere una piccola parte della loro enorme ricchezza guadagnata dai “goyim” e metterla in piccoli progetti completamente secondo i loro gusti, per mostrare quanto sono umani, generosi e aperti. Sandberg era quindi con Daniel Sokatch, CEO della Jewish Community Federation di San Francisco, in una joint venture “per affrontare la povertà globale e le questioni di giustizia sociale attraverso la filantropia”, 10 dicembre 2008.

Inoltre sponsorizza attività ebraiche, ad esempio la famiglia ebraica Joshman Community Center, un centro che non a caso ha anche una “connessione Israele”, come dice il loro sito web. Il Joshman Center scrive su questa “connessione con Israele”:
“La nostra missione è rafforzare le relazioni tra gli ebrei americani e la comunità emigrata israeliana e costruire una connessione più profonda con Israele . Sandberg è stata inclusa nelle 50 donne più potenti di Fortune del 2007. È sposata con l’ex Yahoo! capo musicale David Goldberg con il quale ha due figli”.
Altri ebrei di Google – Elliot Schrage e Ethan Beard

Elliot Schrage

 Elliot Schrage è dal 2005 vicepresidente delle comunicazioni e degli affari pubblici di Google, l’uomo che gestiva le pubbliche relazioni di Google. Ha ricoperto questa importante posizione fino a maggio 2008, quando ha lasciato Facebook per lavorare con lo stesso ruolo.
In Google, ha ampliato i servizi di messaggistica aziendale concentrandosi solo sulle PR dei prodotti per includere tutti gli aspetti delle comunicazioni aziendali, finanziarie, politiche, filantropiche e interne. Prima che Google Shrage ricoprisse il ruolo di Senior Fellow presso il Council on Foreign Relations, il sionista ha infestato il “think tank delle politiche pubbliche”.

Schrage insieme al Jewish Jewish Holocaust Museum ha lanciato lo strumento Darfur su Google Earth (vedi l’articolo US Holocaust Memorial Museum e Google Join in Darfur Mapping Initiative ):

….

“Educare la generazione di oggi alle atrocità del passato e del presente può essere potenziato da tecnologie come Google Earth”, afferma Bloomfield. “Quando si tratta di rispondere al genocidio, il record mondiale è terribile. Speriamo che questa importante iniziativa con Google renderà molto più difficile per il mondo ignorare coloro che hanno più bisogno di noi”.

“In Google crediamo che la tecnologia possa essere un catalizzatore per l’educazione e l’azione”, ha affermato Elliot Schrage, Vicepresidente di Google, Global Communications and Public Affairs. “La crisi nel Darfur consentirà agli utenti di Google Earth di visualizzare e conoscere la distruzione nel Darfur come mai prima d’ora e di unirsi agli sforzi del Museo per rispondere a questa catastrofe internazionale in corso.”

 

Ethan Beard
Un altro attore è Ethan Beard, direttore dei social media di Google. Da allora è partito per Facebook per diventare direttore dello sviluppo aziendale di Facebook e poi direttore marketing della piattaforma di Facebook.

Manber – Vicepresidente dell’ingegneria israeliana di Google Il vicepresidente dell’ingegneria di
Google, Udi Manber , è israeliano e si è laureato all’Istituto israeliano Technion di Haifa.
Ha una lunga storia di posti di lavoro importanti in posizioni relative a Internet. Manber è diventato il capo scienziato di Yahoo! nel 1998.

Nel 2002 entra a far parte di Amazon.com, dove diventa “Chief algoritm ufficiale” e vicepresidente. Successivamente è stato nominato CEO della consociata Amazon A9.com, dove ha guidato il lavoro del motore di ricerca A9 della società. (Vedi un articolo sul supporto di Amazon per Israele.)

Nel 2006, Manber è stato assunto da Google come uno dei vicepresidenti di ingegneria di Google. Nel dicembre 2007, ha annunciato Knol, il nuovo progetto di Google per creare un repository di conoscenze.
Mandber, in qualità di senior agente di Google, interagisce con la comunità giudeo-sionista.
Ecco un annuncio che rivela come Manber di Google siederà con un rabbino e discuterà di Talmud e del Web :

Gio 18 set 2008
Contemporary Jewish Museum presenta
il Talmud di Google: il web, la cultura ebraica e il potere del pensiero associativo
Posizione – The Contemporary Jewish Museum
736 Mission Street
San Francisco, CA 94103
distretto: Downtown / Financial District
Posizione Data e ora – Gio 18 set 2008 (19:00 – 20:30)

Descrizione
Uno dei tratti distintivi della cultura e della borsa di studio ebraica è l’enfasi sul commento e sul “pensiero associativo”, un metodo essenziale per la creazione del Talmud e migliaia di anni di Commento biblico.

Udi Manber, Vice President for Engineering di Google e il critico tecnologico più venduto Howard Rheingold si unirà al Rabbino Lawrence Kushner in una tavola rotonda esplorando le connessioni tra arte, tecnologia e cultura ebraica, viste attraverso le nuove implicazioni sociali, intellettuali e spirituali di l’idea di “ricerca”. Seguirà una discussione con Dan Schifrin, direttore dei programmi pubblici e scrittore residente nel Museo.

La pubblicità dell’evento è stata anche pubblicata sul Jewish Weekly .

Udi Manber, vicepresidente israeliano dell’ingegneria di Google

Brilliant,  il guru ebreo di Google”filantropico”
Nell’articolo ” Il guru del dare di Google “, il 24 gennaio 2008, The Financial Express descrive Larry Brilliant .

Il dottor Brilliant ha guidato il braccio filantropico del gigante di Internet Google.org, dove ha governato una squadra di 40 persone:

Oltre ad adottare il motto informale della società, “Non essere cattivo”, i co-fondatori della società di ricerca su Internet, Sergey Brin e Larry Page, hanno deciso di impegnare Google a impegnarsi in una filantropia seria.

Innovativi come non mai, hanno creato un nuovo tipo di entità filantropica, una divisione dell’azienda che poteva perseguire la sua missione attraverso investimenti a scopo di lucro e facendo sovvenzioni di beneficenza. Questo, speravano, un giorno “eclisserebbe Google stesso nell’impatto globale del mondo applicando ambiziosamente l’innovazione e le risorse significative ai problemi più grandi del mondo”.
Sarebbe finanziato con l’1% del patrimonio netto dell’azienda, i profitti annuali e il tempo dei dipendenti .

Nel febbraio 2006, dopo una lunga ricerca, il dott. Brilliant è stato nominato per la gestione di Google.org. I resoconti dei media si sono concentrati sul colorato passato del vecchio hippy, non ultimo il suo incantesimo come medico con i Grateful Dead, una leggendaria band rock degli anni ’60. Ciò che ha attratto i suoi nuovi datori di lavoro è stato il suo record unico di successo sia nella gestione di aziende tecnologiche della Silicon Valley che nell’implementazione di soluzioni su larga scala per grandi problemi sociali.

[…]

 

Durante il suo periodo come capo filantropico di Google, Brilliant ha combinato il suo lavoro con la sua dedizione per gli ebrei e l’ebraismo. Ad esempio, Brilliant, in qualità di direttore esecutivo di Google.org, è apparso come relatore alla Federazione della comunità ebraica durante la riunione della colazione del Consiglio direttivo di affari di San Francisco. 28 febbraio 2007. Secondo la homepage dell’organizzazione (http://www.sfjcf.org/aboutjcf/press/2007/brilliant.asp):

Larry Brilliant, direttore esecutivo di Google.org, condividerà la sua visione di “Guarire un mondo spezzato” con i partecipanti alla seconda colazione annuale del Consiglio direttivo di affari, mercoledì 28 febbraio 2007.

[…]

dottor Larry Brilliant è il Direttore esecutivo di Google.org, l’organizzazione ombrello che comprende la Fondazione Google, nonché collaborazioni e contributi a enti a scopo di lucro e senza scopo di lucro.

[…]

Sponsorizzato da AT&T e Levisohn Venture Partners, questo speciale evento BLC è aperto a tutti i donatori che contribuiscono con almeno 1.000 dollari alla campagna annuale della Federazione della comunità ebraica di San Francisco del 2007. Anche i donatori di età inferiore ai 40 anni che contribuiscono con $ 500 sono i benvenuti.

La Jewish Community Federation è l’organizzazione centrale per la raccolta di fondi, la pianificazione, la sensibilizzazione e lo sviluppo della leadership per le comunità ebraiche nelle contee di San Francisco, Penisola e Marin e Sonoma. Nell’anno fiscale 2006, la campagna annuale della Federazione ha stanziato 18,3 milioni di dollari a circa 60 agenzie che forniscono servizi sociali, programmi educativi e culturali nella Bay Area, negli Stati Uniti, in Israele e in altre parti del mondo.

Nell’anno fiscale 2006, il fondo di dotazione della Federazione, con un patrimonio superiore a $ 1,8 miliardi, ha erogato oltre $ 203 milioni per una varietà di sovvenzioni, progetti di seed e necessità di emergenza. Per ulteriori informazioni, chiamare 415.777.0411 o visitare www.sfjcf.org .

Quindi qui possiamo vedere in che modo il capo di Google fraternizza con un’organizzazione correlata allo stato sionista.

Nell’aprile 2009 Larry Brilliant, dopo 3 anni in Google, ha dichiarato che si stava separando dal gigante di Internet, lasciando Google.org per unirsi a una nuova organizzazione creata dall’ex presidente e ebreo di eBay, Jeff Skoll .

Ma il dottor Brilliant ha anche affermato che sarebbe rimasto come consulente di Google.

Connessioni israeliane di Google
Ecco un articolo molto rivelatore su come Sergey Brin di Google, Mark Zuckerberg di Facebook e Susan Decker, presidente di Yahoo, sono stati invitati dalla leadership israeliana in Israele, durante le celebrazioni del 60 ° anniversario di Israele:

Facebook, i fondatori di Google parteciperanno alla conferenza di Gerusalemme a maggio
di Guy Grimland

Ha’aretz Corrispondent
01/04/2008

Co-fondatore del colosso di Google Google, Sergey Brin, si unirà al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e al presidente di Yahoo Susan Decker a un panel presidenziale sulla tecnologia che si terrà al Jerusalem International Convention Center dal 13 maggio- 15.

Alla convention, che è stata istituita su iniziativa del presidente Shimon Peres, parteciperanno anche numerosi leader politici, religiosi e finanziari israeliani, nonché personalità accademiche e culturali.
Il panel discuterà delle problematiche che la tecnologia deve affrontare nell’età di oggi e nel futuro, in particolare per quanto riguarda l’impatto che avrà su Israele e il mondo ebraico.
Alla conferenza parteciperanno anche l’ex primo ministro britannico Tony Blair, così come il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, l’ex primo ministro della Repubblica ceca Vaclev Havel, il premio Nobel Eli Wiesel e il presidente della Georgia Michael Saakashvili

L’agenzia di stampa israeliana scrive anche :

Alla presenza, oltre a molti presidenti nazionali e capi di stato, ci saranno dignitari provenienti dal mondo degli affari e del mondo accademico. Tra questi ci sono Sergey Brin, fondatore di Google e Susan Decker di Yahoo. Il Dr. Miriam e Sheldon Adelson serviranno come presidenti onorari per la Conferenza presidenziale del 60 ° compleanno di Israele, che ha attirato con entusiasmo l’attenzione dei leader ebrei e di altri in tutto il mondo.

E anche B’nai B rith Magazineè esultante  della rappresentazione :

Sono stato particolarmente colpito dal gran numero di giovani presenti, in rappresentanza di università israeliane e organizzazioni aliene come MASA. A conclusione della discussione del panel moderato dall’imprenditore israeliano Yossi Vardi e caratterizzato, tra gli altri, Brin, il co-fondatore di Google; Susan Decker di Yahoo; e Rupert Murdoch, diverse decine di giovani adulti si sono radunati sul palco per incontrare gli oratori – e sono stati scambiati più biglietti da visita.

(Pubblichiamo qui la prima parte. L’originale qui:

https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/sociopol_internet84.htm

Print Friendly, PDF & Email