VON DER LEYEN CI COMANDA A BACCHETTA

“L’EUROPA DEVE IMPARARE LA LINGUA DEL POTERE”

REUTERS                        8. November 2019 / 18:57 / vor 3 Tagen

Berlino (Reuters) – Secondo Ursula von der Leyen, presidente eletto della Commissione europea, i partner europei devono adattarsi alle posizioni più dure dell’UE.

L’Europa deve anche imparare la lingua del potere“, ha detto von der Leyen venerdì sera in un discorso sull’Europa a Berlino, secondo il manoscritto del discorso. Il cosiddetto “soft power” oggi non è più sufficiente se gli europei vogliono affermarsi nel mondo. Da un lato, l’UE ha bisogno di maggiori capacità militari. D’altro canto, deve fare maggiore uso del potere disponibile per affermare gli interessi europei.

Von der Leyen ha citato la Cina come esempio. La Repubblica popolare era certamente un partner commerciale importante per l’Unione europea. “Ma, al contrario, l’UE è il principale partner commerciale della Cina. Vogliono continuare a fare buoni affari e si rallegrano della partecipazione di imprese straniere alle gare d’appalto per la costruzione di autostrade o linee elettriche. “In futuro, tuttavia, presteremo maggiore attenzione per garantire che anche queste imprese rispettino i nostri standard, ad esempio per quanto riguarda le condizioni di lavoro e le norme ambientali”, ha annunciato von der Leyen, che entrerà in carica con una nuova Commissione il 1° dicembre. Inoltre, ci saranno restrizioni su una “sfrenata ondata di acquisti di aziende straniere spesso sovvenzionate dallo Stato”. Anche ciò è rivolto alla Cina.

Inoltre, von der Leyen ha annunciato un percorso più fermo verso le aziende IT degli Stati Uniti. In futuro, queste società dovranno pagare un “importo adeguato” di imposta nell’UE.

  1. November 2019 / 14:11 / vor 3 Tagen

 

Merkel e von der Leyen vogliono una posizione comune dell’UE su Huawei/5G

Il cancelliere Angela Merkel e il presidente eletto della Commissione europea Ursula von der Leyen insistono su una posizione comune dell’UE sullo sviluppo della compagnia cinese di apparecchiature di rete Huawei nell’espansione della rete di telefonia mobile 5G.

La Merkel ha detto venerdì, dopo una riunione presso la Cancelleria, di aver parlato con von der Leyen sull’opportunità di questa iniziativa. Von der Leyen ha dichiarato che la Commissione sta chiedendo a tutti gli Stati membri della situazione attuale. “Tra qualche settimana avremo un quadro comune e poi insieme svilupperemo anche una strategia su come affrontare insieme opportunità e rischi. Von der Leyen entrerà in carica il 1° dicembre con una nuova Commissione. I diversi atteggiamenti dei 28 Stati membri dell’UE nei confronti della Cina sono visti come un problema dai diplomatici dell’UE.

In risposta alla richiesta del Segretario di Stato americano Mike Pompeo di escludere Huawei dall’espansione del 5G, la Merkel ha detto che le differenze politiche con paesi come la Cina o la Russia sono ben note. Ma Huawei è già in uso nelle reti 2G e 3G. “Sappiamo che dobbiamo inasprire le norme di sicurezza per l’espansione del 5G.” La Merkel ha fatto riferimento alla posizione del governo federale che, a differenza di quanto richiesto dagli Stati Uniti, nessun singolo fornitore come Huawei dovrebbe essere escluso. Tuttavia, tutti i fornitori devono essere soggetti a requisiti rigorosi. “E’ chiaro che la legge sulla sicurezza informatica e tutti i requisiti di sicurezza saranno notevolmente rafforzati insieme alla 5G.”

 

 

Print Friendly, PDF & Email