Fu Lei a vincere sulla Vistola, nel giorno dell’Assunta

E la vittoria fu più bella
A proposito del “miracolo della Vistola”, quando i polacchi arrestarono le armate bolsceviche il 15 agosto 1920, un’amica polacca mi scrive: Questa vittoria non merito nostro.. eravamo troppo deboli.
E mi manda un testo in inglese. Come era da sospettare, il 15 agosto essendo la data dell’Assunzione di Maria, c’entra è merito delle Vergine. Ciò rende la vittoria ancora più bella, e dà la serena speranza che Essa ci salverà ancora.
Ecco il testo:
La straordinaria apparizione di Nostra Signora il 15 agosto non è probabilmente nota ai credenti di cultura anglosassone. Del resto anche in Polonia l’evento è stato taciuto per decenni, essendo imbarazzante per entrambe le parti della scena politica polacca nel periodo fra le due guerre, dal momento che la maggior parte dei politici di spicco erano massoni, e i governi comunisti dopo la seconda guerra mondiale dichiararono la religione come l ‘”oppio de popoli”.
Tuttavia, quarantasette anni prima di quell’evento, la mistica polacca Wanda Malczewska (1882-1896) in una rivelazione privata ottenne questo messaggio profetico: “ Non appena la Polonia riacquisterà la sua indipendenza, i suoi oppressori di vecchia data insorgeranno contro di lei. Ma il mio giovane esercito, combattendo in mio nome, li vincerà, li spingerà lontano e finalmente costringerà a fare la pace. Li aiuterò ”. Vale la pena sottolineare qui che Maria Regina della Polonia indicava l’ora esatta del suo intervento soprannaturale – 15 ° agosto.

Disastro inevitabile
Per i bolscevichi – nel 1920 nel pieno del loro entusiasmo rivoluzionario – l’avanzata in Occidente era una necessità ideologica, mentre la Polonia borghese era un semplice ponte da attraversare per collegare la Russia comunista con la Germania che era sull’orlo della rivoluzione. Lenin ha chiesto una vittoria schiacciante. Il Comando dell’Armata Rossa era assolutamente certo che la sconfitta della Varsavia, messa in un angolo e isolata fosse questione di giorni. Questa opinione era condivisa anche dai membri della Missione militare internazionale in Polonia. L’ambasciatore britannico nella Polonia di allora , Lord Edgar visconte D’Abernon, era assolutamente sicuro che i bolscevichi avrebbero facilmente conquistato Varsavia con l’attacco frontale o circondando la città da sud. La stampa comunista annunciava in anticipo la caduta della Capitale. Il comandante russo Mikhail Tukhachevsky non aveva dubbi sulla sua schiacciante vittoria poiché l’esercito polacco si era ritirato in preda al panico per sei settimane, percorrendo circa dieci miglia al giorno. L’audacia della sua avanzata verso ovest era la chiave del suo successo. Inoltre l’Alto Comando sovietico inviò 60.000 uomini come rinforzi.

Due giorni cruciali
Venerdì 13 agosto – I bolscevichi conquistano Radzymin e i villaggi vicini, Varsavia a due passi (solo 23 km a est della città). In quel momento il maresciallo Pilsudski, il comandante in capo, cerca disperatamente di sollevare il morale dei suoi soldati stanchi e demoralizzati, ma invano. A peggiorare le cose, la logistica era un incubo. L’esercito polacco era dotato di bocche da fuoco fabbricate in cinque paesi diversi e di fucili fabbricati in sei, ciascuno dei quali utilizzava diversi tipi di munizioni.
Tutte le missioni diplomatiche sono state evacuate a Poznan, a parte  quella vaticana dove il nunzio arcivescovo Achille Ratti (in seguito noto come Papa Pio XI) prende la decisione di incontrare l’Anticristo faccia a faccia.

i

Il nunzio Achille Ratti fu il solo diplomatico a non fuggire da Varsavia minacciata da vicino dall’Armata Rossa. 18 mesi dopo sarà Papa Pio XI.

Fa’ appello al mondo perché levi preghiere pubbliche per la Polonia. L’intero popolo comune di Varsavia cade in ginocchio. In nessun modo le chiese possono tenere folle assorbite dalla preghiera. Il generale francese Maxim Weygand dice “Non ho mai visto in vita mia una preghiera del genere come a Varsavia”. Come ultima risorsa, le reliquie di un santo patrono della Polonia – Andrzej Bobola, e di un santo patrono di Varsavia – Ladislao di Gielniow – vengono esposte in pubblico. Le persone si rendono conto che solo un miracolo può salvare la Polonia dall’annientamento totale. La loro fede è messa alla prova all’estremo.

Domenica 15 agosto – All’alba i bolscevichi iniziano l’offensiva e travolgono facilmente le posizioni polacche. Il fuoco assassino delle loro mitragliatrici falcia senza pietà i soldati polacchi giovani e inesperti in fuga; molti di loro erano studenti delle scuole di Varsavia che un paio di giorni prima si erano offerti volontari per difendere la loro patria. Vedendo il caos e il terrore negli occhi dei ragazzi, padre Ignacy Skorupka, mosso ispirazione interiore, guida la linea estesa per incontrare i proiettili sibilanti del nemico. Va avanti, tenendo in mano un crocifisso di legno [lo stesso aveva fatto Marco d’Aviano nel campo di battaglia di Vienna, 11-12  settembre 1683] , incontrando la morte, pronunciando “per Dio e per la patria”, alla periferia del villaggio di Ossowo.
Nessuno si aspetta che questo sia un punto di svolta della battaglia, ma da questo momento i sovietici non solo si ritirano, ma fuggono in preda al panico.
testimonianze
Resoconti affidabili e coerenti confermano l’apparizione della Madonna all’incirca nello stesso momento in due luoghi diversi: Ossow e Wolka Radzyminska. Secondo i ricordi del cardinale Alexander Kakowski “i bolscevichi catturati parlarono della Madre di Dio, che stava al disopra un sacerdote vestito di cotta e con in mano una croce”. In un altro caso, durante una incursione notturna del tenente Stanislav Pogonowski, videro una figura femminile sacra, librarsi in alto sopra il suolo. C’era un’aureola intorno alla sua testa, con i risvolti blu del suo mantello mossi dal vento che coprivano il bagliore di Varsavia. Aveva in mano una specie di scudo che deviava i proiettili russi.
Altre fonti riferiscono della marcia incessante dei sovietici a Varsavia che consideravano abbastanza facile. Solo quando raggiunsero la periferia si resero conto di aver perso completamente la capacità di comandare e la volontà di combattere. Si possono trovare testimoni polacchi tra le che ne incontrarono terrorizzati, che battevano i denti, con quasi pazzi i soldati dell’Armata Rossa che imploravano di nasconderli dalla ‘Zarina’ – la Madre di Dio (Matier Bożju ). Resoconti simili sono stati successivamente trasmessi a medici e medici che lavoravano nei campi di prigionia. Tutti i rapporti disponibili dicono che la Madonna è apparsa esclusivamente alle truppe dell’Armata Rossa.

Sfondamento
Il giorno successivo l’esercito polacco sferrò un colpo devastante che nessuno si aspettava avrebbe avuto successo. L’attacco sul fianco da sud del maresciallo Pilsudski ha diviso la colonna avanzante sovietica e interrotto le comunicazioni di Tukachevsky. Tre grandi eserciti sovietici furono disintegrati. Una grande massa di prigionieri viene internata nella Prussia orientale. Il resto è fuggito. Il maresciallo Pilsudski ha ammesso: “ Mi sembrava di essere in un sogno, nel centro di una storia incantata. Non sono riuscito a discernere se fosse un sogno o una verità […] Dov’era la sedicesima Armata Rossa? Andando verso Minsk ho visto cannoni abbandonati in un campo senza serventi , molti cadaveri su entrambi i lati di una strada […] la gente del posto ha testimoniato di aver incontrato i bolscevichi in fuga in preda al panico in diverse direzioni”. L’Armata Rossa aveva subito l’unica sconfitta nella sua illustre storia. Alla fine, il trattato di pace è stato firmato a Riga il 18 ° marzo 1921.

Conclusione
Papa Giovanni Paolo II ha ricordato così questo evento : “ Per anni c’è stata una congiura del silenzio riguardo al grande Miracolo sulla Vistola. Ecco perché oggi la Divina Provvidenza ci chiede di mantenere la memoria di questo grande evento nella storia della nostra nazione e dell’Europa che ha avuto luogo nella parte orientale di Varsavia “.
Dal punto di vista militare, sembra impossibile che i volontari che erano per lo più studenti di liceo o anche delle scuole elementari fossero in grado di sconfiggere i veterani della 79 ° brigata di fanteria sotto il comando di Gieorgij Chachanin. Nessuno contesterà l’affermazione del primate August Hlond polacco secondo cui ” Josef Pilsudski merita l’eterna gratitudine dei cittadini polacchi e dell’intera cristianità“. Tuttavia, la fonte primaria della stupenda vittoria risiede nell’intercessione della Madonna. Se non fosse stato per il suo intervento soprannaturale, la Polonia avrebbe cessato di esistere subito dopo aver riconquistato l’indipendenza.
Sono assolutamente convinto che se i cittadini di Varsavia del 1944 avessero avuto tanta fede quanto quelli del 1920, la Sollevazione di Varsavia non sarebbe stata sconfitta e la città non sarebbe stata distrutta dai tedeschi. … Sfortunatamente, ventiquattro anni dopo sia il comando dell’Esercito nazionale che i cittadini di Varsavia preferirono fare affidamento sull’aiuto degli Alleati e sul loro potere militare, piuttosto che implorare la Misericordia di Dio.
Nel mondo di oggi, di fronte alle minacce di attacchi terroristici e alla strisciante islamizzazione dell’Europa, tutti sono chiamati a vivere la fede che può spostare le montagne. Il cristianesimo non sopravviverà senza di essa. Non bisogna dimenticare che il Rosario – la spada spirituale di Maria – è il mezzo migliore per sconfiggere il nemico.
Non fecit Deus taliter omni nationi!

The Miracle on Assumption Day

MB. Questo evento che non conoscevo, rende ancora più bella la vittoria dei polacchi; essi stessi non l’attribuiscono alle loro armi né al  proprio valore guerriero, ma al semplice aiuto della Madre. Inoltre, quel giorno dell’Assunta del 1920 non hanno sconfitto “i russi”, ma i bolscevichi. Ed ora i russi sono tornati sotto il manto della Madre, e ciò fa sperare che si plachi l’inimicizia fra i due popoli.
Personalmente, questo racconto mi dà la certezza della vittoria contro le Tenebrae che governano l’Europa, e sembrano possedere tutti i mezzi. So che vinceremo.

Print Friendly, PDF & Email