IN FRANCIA DEVE PROPRIO VINCERE MACRON

Lo saprete già, perché ne  hanno parlato i tg.  Appena  dai sondaggi  si è profilata una vittoria di Marine Le Pen  non solo al primo turno ma al  ballottaggio, sono accadute alla candidata due disgrazie.

1  – Francois Bayrou, uno dei concorrenti presidenziali senza speranza, ha annunciato di rinunciare alla corsa e di associarsi a Macron, il candidato dei Rotschild ed ex ministro economico di Hollande, che  dai sondaggi  stava perdendo colpi. Bayrou, un girovago di gruppi parlamentari, ultra-europeista, porterà a Macron, si ritiene, un 5-6%

2 – La valorosa ed indipendente magistratura ha mandato la polizia a fare irruzione  nella sede del Front National a Nanterre,   a  fare perquisizioni ed arrestare   il capo delle guardie del corpo di Marine, Légier,  nonché  la sua segretaria-factotum,  Catherine Griset. L’accusa è  un po’ simile a quella che ha rovinato il candidato Fillon: la Le Pen avrebbe pagato i due impiegati con fondi europei, mentre non ne aveva il diritto perché quelli erano impiegati in Francia e non a Bruxelles. La differenza con lo scandalo di Fillon è che  non si tratta qui di “lavoro fittizio” come nel caso di moglie e figlio di  Fillon bensì  di veri impiegati; che questa vicenda è nota da  mesi; che Marine  contesta il suo buon diritto  a  pagare i due con i fondi che riceve dalla UE per i suoi assistenti mentre Strasburgo dice che no, quei due hanno lavorato solo per il partito – al punto che  ha rifiutato di rifondere e quindi  la UE le detrae ogni mese una quota del suo emolumento   di eurodeputata.  Un certo odore di pretestuosità si leva su tutta questa faccenda   fin  dal dicembre scorso, quando  la procura  francese   –  avvertendo alcuni giornali amici  (della procura) – apre un fascicolo contro la candidata del FN per “ escroqueries en bande organisée, faux et usage de faux et travail dissimulé”:  associazione a delinquere, pure.  “En bande organisée”, come la mitica banda Bonnot.

Ciò, mentre Parigi è  messa a ferro e fuoco da bande di teppisti.

 

Oggi un certo puzzo di strumentalizzazione si leva dall’accelerazione e clamorosità, per così dire, che  la valorosa magistratura  ha dato alla cosa  (in strana coincidenza coi sondaggi  in  crescita per Marine), con irruzione della polizia nella sede del partito “alla ricerca di documenti”  e l’arresto dei due impiegati senza alcun motivo se non quello di fare i titoloni dei giornali e tg: tant’è vero che  la guardia del corpo è stata rilasciata dopo qualche ora, mentre la Griset è  ancora in galera.  Da settimane  gli accusatori bombardano   la segretaria di domande del tipo: quando andava in trasferta a Bruxelles, come mai non è andata in albergo? (“Sono ospite di amici”); o  “perché la sua auto non si è mai vista nel parcheggio dell’europarlamento? (“Sono sempre entrata  sull’auto della deputata  Le Pen”).  Qualcosa che a noi italiani rievoca memorie tipo Mani Pulite, con le profonde differenze che saltano agli occhi: qui da noi giravano i milioni, là gli inquirenti si aggrappano a particolari che a Roma chiamerebbero migragnosi.

Martine Le Pen  ha accusato Olaf e Schulz di averle organizzato il trappolone. Olaf  non è un vikingo, ma lOffice européen de lutte contre la fraude,  l’ente UE che  giusto una settimana fa aveva passato a due media, Marianne e Mediapart, gli estratti dell’atto di accusa contro la Le Pen.  Martin Schulz è l’ex presidente del parlamento europeo;  secondo la Le Pen  è stato lui ad attivarle contro l’Olaf. Essa aveva già querelato l’Olaf in Belgio per   tutta questa storia.

Anche Schulz, che ora insidia la cancelleria  alla Merkel, è accusato di malversazioni (ha usato i fondi del parlamento per le proprie campagne elettorali), spese folli (uso di aerei privati a 20 mila euro l’ora,  cene con collaboratori in ristoranti di lusso) e   di aver instaurato “un sistema di clientelismo stalinista” nel Parlamento: ma non è stato accusato da Olaf, bensì dalla presidente del comitato di controllo sulle spese: e stranamente,  la storia non lo ha danneggiato nei sondaggi, né  ha subito irruzioni della polizia.

Ci sono candidati che il Sistema approva, e quindi sono più simpatici ai media, ai magistrati – ed anche ai Rotschild. Bisogna  essere “europeisti”,  questo è il punto. E in Francia,   è il candidato dei Rotschild che deve vincere.

Nautralmente, dopo i due fatti sopra citati, i “mercati”  si sono tranquillizzati.  Con la prospettiva della vittoria della Le Pen che  promette l’uscita dall’euro, lo  spread dei titoli francesi  sui tedeschi è cresciuto. Adesso è sceso.

Quanto questo scandalo montato farà  perdere a Marine, è ancor presto per dirlo. Secondo Jacques Sapir, “è poco probabile che la sua immagine ne soffra”  perché nell’affare montato  dalle autorità europee, “se le si rimproverano delle mancanze  sulle regole europee, non la  si può accusare di arricchimento personale”.  Anzi. Si scopre che, per recuperare il preteso maltolto, la UE ha  tolto alla candidata del FN “la totalità della sua busta di spese generali”  e  “la metà della sua indennità parlamentare, ossia 7400 euro sui 10.4000 euro percepiti normalmente”.  Insomma  la Le Pen sta sopravvivendo, e facendo, viaggiando, facendo politica,   facendo campagna elettorale, con 3  mila euro al mese. Si faccia il confronto coi nostri parassiti  politici italiani.

E’  uno degli episodi che dimostra con chiarezza  una cosa:   l’oligarchia  si sente in pericolo, e allora butta la maschera, gioca sporco, non finge “democrazia”. Non si risparmia nessuna bassezza.

 

 

Print Friendly, PDF & Email