BOLSONARO, ESALTATO DALLA GEOPOLITICA ISRAELIANA E DAL PENTAGONO

La confluenza di attori e fattori di potere attorno alla figura di Jair Bolsonaro come Presidente è dovuta a interessi diversi che cercano, ognuno, di raggiungere i suoi obiettivi e obiettivi, ripristinando il Brasile come asse regionale ma sotto la leadership geopolitica israeliana e in schietta concordanza con il design del Pentagono. L’allineamento istantaneo con lo Stato di Israele e il Pentagono, garantirebbe a Jair Bolsonaro la leva e la forza necessarie per occupare il Palacio del Planalto e dargli la spinta necessaria per imporre il processo di cambiamenti in campo economico, politico e sociale , a piacimento dei partner, degli alleati e della base degli elettori, naturalmente compilando l’agenda originale.

Il sostegno cardinale internazionale di Bolsonaro è il gruppo di potere sionista, attraverso il contributo operativo congiunto del re dei casinò e del mega-donatore miliardario Sheldon Adelson, il premier israeliano Benjamin Netanyahu e l’uomo d’affari Rupert Murdoch. L’idea dell’intervento sionista in Brasile è quella di gestire un vantaggio strategico e incoraggiare Bolsonaro ad agire contro Iran, Hezbollah e Palestina, riconoscendo il diritto di esistere dello stato sionista, la sua preminenza, legittimità storica e l’imperativo geopolitico di realizzare il Grande Israele. Ma Adelson, da bravo capitalista, ha anche un’ambizione commerciale: ha in programma di investire 10 miliardi di dollari in Brasile per un complesso integrato di hotel, resort e casinò. In Brasile, a partire dagli anni ’40, c’è un divieto di funzionamento dei casinò fisici, ma con Bolsonaro nella Presidential House, Adelson otterrà ciò che gli altri non potrebbero fare per decenni.

Non è stato per il piacevole turismo la visita di Bolsonaro in Israele nel 2016, dove ha incontrato Netanyahu e altri leader politici e religiosi per delineare la sua candidatura presidenziale e, abiurando il suo battesimo cattolico, si è immerso nelle acque del fiume Giordano per essere battezzato in Protestantesimo dal pastore cristiano-sionista Everaldo Dias Pereira. Da qui, il flusso di denaro israeliano e l’attivismo militante del protestantesimo adorante dello Stato di Israele nella campagna elettorale di Jair Bolsonaro e, quindi, la gioia di Netanyahu per la vittoria di Bolsonaro e la sua promessa di essere in l’inaugurazione presidenziale di Bolsonaro il 1 gennaio 2019, che registra una nuova pietra miliare storica nelle relazioni tra Israele e Brasile.

Per gli strateghi del Pentagono, riluttanti a consentire l’inserimento influente di Pechino nella regione, Jair Bolsonaro e il suo team sono lettere affidabili per affrontare la rivalità globale tra geomilitari tra Stati Uniti e Cina.

Alcuni dei militari professionisti che sostengono Bolsonaro, mantengono relazioni fluide e amichevoli con logge massoniche, si piegano ai dettami del Pentagono, ponderano la Cina inoffensiva e aspirano a riordinare il Brasile in modo che lo schizzo prestabilito possa prosperare.Di conseguenza, l’esercito americano e brasiliano si fusero contro il nemico asiatico, ma ciò non implicherebbe una rottura immediata dei legami diplomatici e commerciali tra Brasilia e Pechino.A proposito, i militari intorno a Bolsonaro parteciperanno alla gestione dello stato ma non governeranno egemonicamente, quindi non ci sarà appropriazione di potere politico da parte militare, tanto meno un programma di armi nucleari sarà sviluppato.

Va aggiunto che non crediamo che ci sia un’ondata conservatrice dominante nel paese poiché la società brasiliana non è la stessa di altre, ad esempio quella ungherese, e perché il bolsonismo ha raccolto circa un terzo del voto LGBT. In alcuni partecipanti al complesso di alleanze che ha generato il trionfo di Bolsonaro, ci sono punti in comune tra loro e Los Deplorables, ma anche differenze marcate, anche se il compromesso tra Eduardo Bolsonaro e Donald Trump Jr. è certo, che Bolsonaro Jr. ha incontrato All’inizio del 2018 allo SHOT Show 2018, che si è tenuto presso il Sands Expo and Convention Center, di proprietà di Adelson.

Secondo quanto affermato dal deputato federale brasiliano, l’appuntamento tra lui e il figlio primogenito del presidente degli Stati Uniti sarebbe stato facilitato da Royce Gracie, la leggenda mondiale delle arti marziali miste e amico dello Stato di Israele, e Hanno parlato della candidatura del presidente eletto del Brasile. Fu anche Eduardo, il terzo figlio di Bolsonaro, a portare Steve Bannon nel settore di Bolsonar.

Si parla molto di uno tsunami dei Bolton che si sarebbe diffuso in tutto il Cono Sud dell’America e, soprattutto, in Argentina. Per nostra umile comprensione, questa è un’immagine di propaganda con accentuata esagerazione verbale, quindi non ci sarà alcun trasferimento diretto e automatico del fenomeno di Bolsonaro in Argentina nelle elezioni presidenziali del 2019.

Se tutto dovesse continuare come previsto, il Brasile continuerà ad avere problemi di governance ancora per un po ‘di tempo; Bolsonaro, del Planalto, opererà nella sua amministrazione con diverse tendenze di potere, opererà per ottenere il definitivo trasferimento del controllo del potere politico, non adotterà il sistema del protezionismo economico, anche se riscriverà accordi bilaterali, quindi, paesi come l’Argentina potrebbero ridurre la loro attitudine competitiva contro il Brasile se non introducono cambiamenti coerenti.

Il Presidente di Bolsonaro non è un incidente, né è un controllo democratico, è una struttura domestica con successi e errori ma, soprattutto, con una decisiva articolazione internazionale e c’è il superclave.

Di Diego Pappalardo 
per Geopolitica.ru in spagnolo

Print Friendly, PDF & Email