Bin Salman l’assassino si fa aiutare dall’Assassino

Il capo di stato maggiore saudita e quello israeliano, martedì 16 ottobre, a margine della conferenza dei capi di stato maggiore a Washington, hanno studiato diverse questioni regionali, tra cui Iran e Siria. Ma fonti informate indicano altre questioni che sono state all’ordine del giorno mentre il regno wahhabita è in crisi.

Sospettato di aver  eliminato  il giornalista Khashoggi, il Principe ereditario saudita (MBS) che martedì ha ricevuto il Segretario di Stato americano, sarebbe, secondo alcune fonti,  giunto a  minacciare anche gli Stati Uniti di misure di rappresaglia, se quest’ultimo punito Riyadh. Sembra che MBS abbia maggiore fiducia in Israele, che lo sta aiutando nella sua infinita guerra contro il popolo yemenita. Elementi del Mossad  proteggono MBS.  La guerra saudita nello Yemen continua sotto il comando congiunto USA / Israele. Il regime israeliano sta cercando di espandere la sua presa nel Mar Rosso.

A margine della conferenza dei capi militari a Washington, capo dello staff dell’esercito israeliano, Gadi Eizenkot ha tenuto colloqui con il suo omologo saudita dall’Iran e dalla Siria.

Gazi Eizenkot

Eizenkot ha detto che Israele è pronto a condividere le sue esperienze con l’Arabia Saudita e altri paesi arabi nel Golfo Persico e scambiare informazioni per affrontare l’Iran. E per aggiungere: ” condividiamo molti interessi comuni con l’Arabia Saudita “.

Chiedendo una nuova alleanza internazionale in Medio Oriente, Eizenkot ha chiesto ” un piano strategico globale e completo per trattare con l’Iran. C’è un accordo totale tra noi e l’Arabia Saudita [a questo riguardo] ”

La dichiarazione rilasciata dall’esercito israeliano allude agli incontri di Gadi Eizenkot con i funzionari militari statunitensi e altri i cui nomi non sono stati menzionati.

Questa non è la prima volta che le autorità saudite e israeliane si incontrano. Sebbene Israele non abbia legami ufficiali con l’Arabia Saudita o il Bahrein, i rapporti con il regno saudita e altri emirati del Golfo Persico sono stati recentemente rafforzati a danno della Palestina e della sua causa.  Contro questa normalizzazione che non dice il suo nome, i palestinesi continuano ad affrontare Israele a mani vuote, mentre  la monarchia saudita aha   finanziato, armato ed fatto addestrare 240 mila jihadisti dell’ISIS per distruggere la Siria.

Nell’ottobre 2017, i media israeliani hanno rivelato la visita dell’erede al regno saudita in Israele e il suo incontro con le autorità israeliane. Una delegazione ufficiale dello stato saudita ha anche accompagnato Mohammed bin Salman durante la sua visita segreta nei territori occupati.

Nell’estate dello stesso anno e prima della visita di Ben Salman in Israele, la stampa israeliana ha semplicemente scritto che un principe saudita doveva viaggiare nei territori occupati.

Dall’inizio della vicenda “Khashoggi”, la stampa israeliana si è implicitamente schierata con Riyadh, arrivando al punto di far notare che l’assassinio del giornalista sarebbe stato ” un remake imperfetto ” delle imprese del Mossad. Alcuni analisti ritengono che l’incontro tra i capi di stato maggiore dei due paesi non possa essere estraneo ai recenti sviluppi nel regno saudita.

I media mainstream  ignorano l’alleanza di fatto tra Israele e Arabia Saudita

Nell’ultima settimana, l’Arabia Saudita ha ottenuto più copertura mediatica negli Stati Uniti che in qualsiasi altro periodo degli ultimi decenni. Ma evidentemente mancano alcune notizie sulla crescente amicizia del regno con Israele – un’alleanza di fatto che potrebbe aiutare a spiegare perché il principe ereditario Mohammed bin Salman pensava di poter farla franca ordinando l’omicidio del giornalista dissidente, Jamal Khashoggi.

Madawi Al-Rasheed è una professoressa saudita, attualmente al King’s College di Londra, che ha scritto o pubblicato più di 13 libri sulla sua nazione d’origine. Particolarmente preziosa è la sua collezione (2018) recentemente pubblicata sulla nuova leadership del regno, intitolata Salman’s Legacy: I dilemmi di una nuova era in Arabia Saudita .

In quel libro, è chiara riguardo al crescente riavvicinamento saudita con Israele. Scrive che il principe ereditario “ha continuato a cooperare clandestinamente con Israele in materia di sicurezza ed economia”, aggiungendo

Nel luglio 2016 una delegazione di accademici e uomini d’affari sauditi ha visitato Israele al fine di stabilire relazioni discrete, volte a rafforzare le capacità militari dell’Arabia Saudita e ad arruolare Israele in ogni scontro armato con l’Iran.

Ulteriori prove di questa connessione tra Arabia Saudita e Israele sono l’assenza di qualsiasi critica ufficiale da parte di Tel Aviv sull’assassinio di Jamal Khashoggi. C’era una volta, il governo israeliano ha denunciato prontamente qualsiasi crimine ovunque nel mondo arabo o musulmano. Ma i recenti feed Twitter del primo ministro Benjamin Netanyahu e dell’ex ambasciatore negli Stati Uniti Michael Oren non includono una parola sull’omicidio di Khashoggi.

Anche la stampa ufficiale americana ignora questa connessione tra Arabia Saudita e Israele. Ecco un esempio : nell’Atlantico , Aaron David Miller ha analizzato a lungo la relazione USA-Arabia Saudita, ma ha solo menzionato Israele di passaggio – una strana omissione per un Procuratore della Pace Professionale come lui che conosce Israele al di fuori.

Al contrario, i media britannici avevano iniziato a riferire sulla nascente relazione Israele-Arabia Saudita. Nel novembre 2017, la BBC ha dichiarato che “a tutti gli effetti, l’Arabia Saudita e Israele sono di fatto alleati contro la crescente influenza dell’Iran nella regione.” Il rapporto della BBC ha citato un’intervista con il quotidiano saudita Elaph , in cui Israele Il capo di stato maggiore, generale Gadi Eisenkot, ha rivelato che “Israele era pronto a scambiare informazioni con i sauditi per affrontare l’Iran”.

https://mondoweiss.net/2018/10/mainstream-ignoring-alliance/

Print Friendly, PDF & Email