BIBI, BERGOGLIO (E SOROS) CONTRO LA POLONIA: “XENOFOBA”

Varsavia ha  da poco varato una legge che blocca le miriadi di richieste, da parte di ebrei, di recuperare i beni che le loro famiglie avrebbero avuto confiscati durante la seconda guerra mondiale, quando la Polonia era sotto occupazione nazista.  La legge approvata dal  parlamento polacco richiede che i pretendenti ai risarcimenti “siano cittadini della Polonia attualmente” e, seconda condizione, che “fossero residenti in Polonia al momento in cui i beni  sono stati nazionalizzati” (dal governo di allora).

Varsavia si difende dai bugiardi della Shoah

Il Parlamento polacco.

Grande rabbia e lamentazione  dell’ebraismo internazionale, perché le miriadi di pretendenti ad avere una casa o terreno o  un conto  in banca pieno in Polonia vivono in Israele e negli Usa; senza contare che gli attuali pretendenti non vivevano certo in Polonia negli anni della guerra, dato che   – nel caso migliore – sono  nipoti o discendenti delle presunte vittime dell’Olocausto, e nel peggiore finte  vittime :  come il celebre Elie Wiesel scomparso nel 2016  dopo una vita di sfruttamento economico dell’Olocausto, che l’ha reso ricco. Nobel per la Pace, medaglia d’oro  del Congresso Usa, 10 milioni di copie vendute   di “La Notte”, il suo libro di memorie di Auschwitz – dove sosteneva  di essere stato internato con il numero di matricola  A-7713.  Il responsabile degli archivi del museo di Auschwitz, dr Wojciech Płosa, ha poi confermato ufficialmente che questo numero (un tatuaggio che  il Nobel non ha mai voluto mostrare sul braccio) identificava un certo Lazar Wiesel, nato 15 anni prima dell’eroe mediatico-olocaustico: il quale dunque aveva rubato l’identità di una vera vittima, come aveva affermato un altro vero sopravvissuto, Miklos Gruener, che aveva accusato il Nobel appunto  di Stolen Identity.   

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=9426&Itemid=100021

Wiesel è solo il più celebre   dei   finti soffrenti della Shoah. Ne esistono una marea che hanno fatto fortuna scrivendo commoventi e lancinanti  libri di memorie ed ottenuto risarcimenti,  come ha documentato Anne Kling  ne “I bugiardi della Shoah” (Effedieffe).

Dati questi precedenti,  le condizioni poste dalla legge polacca sono di puro buon senso.  Ciò non ha impedito ad Israele di  lanciare strilli e minacce: “Lo spettro della crisi incombe sulle relazioni diplomatiche Polonia/Israele”, ha tuonato Yediot Aharonot. Con un acuto di chutzpah,  lo  Stato ebraico ha accusato Varsavia di “discriminare i sopravvissuti dell’Olocausto”.   Dev’essere infatti  insopportabile “discriminazione” cercare di distinguere   tra quelli veri e aventi diritto  e quelli falsi.

Francesco: “paese   cristiano xenofobo  e discriminatorio

Sarà  una coincidenza, ma la stessa accusa è stata elevata contro la Polonia da El Papa Bergoglio.  “Nel suo discorso di ieri [4 novembre], rivolto ai partecipanti alla conferenza organizzata dalle Università Cattoliche, dal titolo Rifugiati e Migranti in un mondo globalizzato: responsabilità e risposte delle università”,   ha detto:“Ritengo sia opportuno avviare ulteriori studi sulle cause remote delle migrazioni forzate, con il proposito di individuare soluzioni praticabili, anche se a lungo termine, perché occorre dapprima assicurare alle persone il diritto a non essere costrette ad emigrare”: bontà sua.  Ma subito dopo, El Papa  ha aggiunto: “ E’ altrettanto importante riflettere sulle reazioni negative di principio, a volte anche discriminatorie e xenofobe, che l’accoglienza dei migranti sta suscitando in Paesi di antica tradizione cristiana, per proporre itinerari di formazione delle coscienze”.

“Xenofobi” in preghiera.

Ovviamente tutti han capito che ce l’ha con la Polonia,  “di antica tradizione cristiana”,  che lui ha accusato di essere “xenofoba e discriminatoria”.  Proprio  quasi con le stesse parole del regime israeliano. In fondo, la stessa accusa della Merkel, e di George Soros.

Si sa che  “papa Francesco” ha il dente avvelenato con la Conferenza Episcopale Polacca, che ha respinto  le sue ambigue  direttive (in Amoris Laetitia) e continuerà a non dare la Comunione ai divorziati risposati (vedi qui:

http://www.lanuovabq.it/it/al-i-vescovi-polacchi-stoppano-le-fughe-in-avanti)

Ancor meno gli è piaciuto che milioni di polacchi abbiano recitato il Rosario sui confini della patria “per chiedere alla Madonna di salvare la Polonia e l’Europa dall’Islam e dal rinnegamento della fede cristiana”.  E l’ha fatto anche sapere: silenzio dell’Osservatore Romano, e critica commissionata a Famiglia Cristiana:

POLONIA, IL MURO SPIRITUALE CONTRO L’ISLAM NON PIACE AL PAPA

http://www.famigliacristiana.it/articolo/polonia-il-muro-spirituale-e-politico-contro-islam-ed-europa.aspx

Anti-ecumenico. Come padre  Kolbe.

Ancor meno gli piacerà, se si desse la pena di leggerlo, il polacco Massimiliano Kolbe, lui sì vittima eroica ad Auschwitz (si offrì al posto di un uomo destinato ad una decimazione, perché aveva famiglia) , che fondò  la Milizia dell’Immacolata per ottenere la  conversione dei non-cattolici: In  un articolo del 1922 scriveva: «Quando tutti gli scismatici e i protestanti avranno emesso, con profonda convinzione, la professione cattolica di fede, quando tutti gli ebrei che vivono in mezzo a noi avranno chiesto con piena libertà il santo battesimo, allora una parte dello scopo della “Milizia dell’Immacolata” sarà stato raggiunto”.

E  nel suo diario,  alla data 23  aprile 1933,  troviamo questo:«Non c’è maggior nemico dell’Immacolata e della sua Milizia che l’ecumenismo di oggi: ogni Cavaliere lo deve non solo combattere, ma anche neutralizzare con azioni diametralmente opposte e alla fine distruggere».

Sentite che linguaggio!Oggi un frate così sarebbe perseguitato  dalla gerarchia ecclesiastica. Kolbe dice il  contrario esatto di quel che ordina El Papa, il  misericordiso  più vendicativo dei nostri tempi  . Massimiliano Kolbe ha provato la sua fede col martirio. El Papa chissà.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
  • Viennese

    certo: molti provano la loro fede col martirio (degli altri)

  • postfataresurgo

    Chiedo a Blondet che si faccia promotore -attraverso il suo sito – di una iniziativa simile anche in Italia. Se si comincia ora per il prossimo 7 Ottobre ci sono speranze. Ma in Polonia non sono così disuniti come noi. Qui in due si fonda un partito (o un movimento) e in tre già si litiga. E ho detto tutto.

    • c’è differenza tra itali ani e Duo Siciliani pure. Se permette

  • Eli Wiesel, uno dei piu grandi truffatori della STORIA:
    http://www.eliewieseltattoo.com

  • Manuela Pirnet

    Grazie dott.Blondet per il Suo coraggio di esprimere un pensiero non allineato a uno dei tanti taboo della attuale narrazione storica.

  • Saverio Gpallav

    giusto discernere tra gli aventi diritto ai risarcimenti per le confische per evitare le speculazioni da parte di individui e molto più spesso di enti che non hanno nulla a che vedere con le vittime e che hanno fatto un “business” sulla pelle delle vere vittime. Però la legge polacca sembra davvero un po’ troppo restrittiva. Come dovrebbe essere anche per i nostri giuliano-dalmati, il diritto al risarcimento andrebbe riconosciuto non solo le persone direttamente spogliate, che per ragioni anagrafiche sono pochissime e che potevano comprensibilmente aver già abbandonato la Polonia al tempo delle confische, ma anche, in base al diritto successorio, ai loro eredi che potrebbero non esser tornati in Polonia, senza per questo perdere il diritto al risarcimento. Ovviamente la qualità di erede andrebbe provata da parte dei pretendenti e questo sarebbe un filtro per eliminare gli impostori e le associazioni che pretendono di sostituirsi alle persone fisiche. E’ un principio generale che dovrebbe ovviamente valere non solo per gli ebrei ma anche per chi venne ingiustamente espropriato dai regimi comunisti in est Europa. Alcuni Stati hanno riconosciuto questo principio e risarcito o restituito i beni ai discendenti degli espropriati a prescindere dalla loro residenza o meno in quegli Stati attualmente o al tempo della confisca

    • rino

      Purtroppo su questa cosa molti ebrei hanno la pessima abitudine di cambiare nome a seconda del posto dove intendono prosperare per meglio mistificare la loro identità con quella del popolo autoctono. Sicché eventuali riconoscimenti di parentela diventano difficili da dimostrare.
      Ad esempio chiedere a Netanyahu e compagnia brutta..

  • learco

    Uno dei casi più noti di sfuttamento truffaldino della Shoah è accaduto nel 2011, quando vennero falsificati centinaia di carte e documenti inventando false vittime e ottenendo così rimborsi per 42 mln di dollari.
    Questa megatruffa, proseguita per 16 anni e scoperta dall’Fbi, venne attuata da 11 impiegati di un fondo di New York specializzato nella difesa degli interessi dei superstiti dell’Olocausto.
    Questa organizzazione era nata negli anni ’50 per fornire assistenza finanziaria agli ebrei che dimostravano di essere stati perseguitati.
    Le pratiche fasulle furono 5.615 e si scoprì che le persone interessate si erano accordate per dividere metà del denaro ricevuto con i dipendenti disonesti.
    Per rendere più plausibile la truffa alcuni impostori avevano girato per scuole e istituti in qualità di testimoni degli eccidi nazisti.

  • San Massimiliano Kolbe , Oggi Sarebbe ? Chiediamo ai suoi figli Francescani dell’Immacolata, se la persecuzione sia una pura ipotesi o non invece un fatto acclarato.