ANCHE IN GERMANIA I LAUREATI SCAPPANO

DAL DWN:

Mentre arrivano lavoratori non qualificati: 180.000 laureati e lavoratori qualificati lasciano la Germania ogni anno

“Molti tedeschi si trasferiscono all’estero per motivi professionali e guadagnano molto di più lì, riferisce il Dpa. “Spesso si tratta del prossimo passo di carriera”, ha dichiarato Andreas Ette del Federal Institute for Population Research alla presentazione dei risultati iniziali dello studio ” German Emigration and Remigration Panel ” mercoledì a Berlino. La maggior parte delle 180.000 persone che si recano all’estero in media ogni anno sono accademici. “L’emigrazione è un dominio di persone altamente qualificate”, ha affermato. In media, gli intervistati hanno guadagnato circa 1186 euro in più dopo circa un anno all’estero. Per accademici e scarsamente qualificati, il trasferimento all’estero ha dato i suoi frutti. Le tue entrate aumentano in percentuale sopra la media.

La destinazione di gran lunga più importante per gli emigranti tedeschi negli ultimi dieci anni è stata la Svizzera a quasi 200.000, davanti agli Stati Uniti (127.000), all’Austria (108.000) e alla Gran Bretagna (82.000).

Le persone senza formazione accademica, d’altra parte, sono sottorappresentate, come ha mostrato l’indagine. Tre quarti dei partecipanti allo studio hanno un titolo universitario. Inoltre, gli emigranti hanno circa 36,6 anni. Questo è circa dieci anni inferiore all’età media della popolazione totale. I ricercatori hanno anche scoperto che il soggiorno all’estero è per lo più temporaneo. Per lo studio, sono stati intervistati 10.000 cittadini tedeschi, che si sono trasferiti all’estero tra luglio 2017 e giugno 2018 o sono tornati dall’estero.

Vedi FAZ:

Germania dovrebbe pagare molto di più per l’UE

Gli Stati membri discutono sul livello del futuro bilancio dell’Unione europea. Soprattutto, il governo federale, ma anche gli austriaci e gli olandesi, insistono sul fatto che le spese dopo il 2020 restano limitate all’1 percento del Pil europeo complesivo  Il sud e l’est dell’UE  D’altra parte, vuole aumentare notevolmente le spese – ed è supportato in questo dalla Commissione europea e dal Parlamento europeo. Ora, i sostenitori di un budget UE più elevato hanno ottenuto il loro primo successo. Per la prima volta, il governo finlandese, che attualmente è presidente e capo negoziatore e mediatore interstatale dell’UE, ha presentato un documento con cifre concrete: il bilancio dovrebbe salire all’1,07 percento del reddito nazionale lordo (RNL) dal 2021 al 2027. Ciò corrisponde a 1.087 trilioni di euro – 155 miliardi di euro all’anno.

[…]

La quota della GErmania è pari  allo stitico 0,72%  del suo gigantesco prodotto interno lordo. Tuttavia,

Merkel: la Germania deve ottenere uno sconto

Tuttavia, ci  sarà uno scontro  alla riunione del vertice: tra il campo dei “risparmiatori” attorno al grande  socio tedesco e il campo di coloro che vogliono aumentare le spese. Non è pertanto previsto un accordo sul quadro finanziario. Ciò è tanto più vero dal momento che la “proposta di compromesso” finlandese contiene anche alcuni altri punti difficili da digerire per il governo federale . Ad esempio, il governo finlandese vuole abolire gli sconti sui contributi dell’UE alla fine del 2020, come proposto dalla Commissione.

Secondo i calcoli del governo federale, il contributo netto tedesco aumenterebbe drasticamente fino al 2027. Si parla fino a 30 miliardi di euro se la proposta della Commissione termina, anche se questa cifra è esagerata. Il cancelliere Angela Merkel ha quindi ripetutamente sottolineato che la Germania deve continuare a ricevere uno sconto. Dopotutto, il giornale finlandese contiene un riferimento al fatto che si può ancora discuterne, ora è nei circoli diplomatici. Ecco perché non è fuori dal tavolo.

Pagamento extra per rifiuti di plastica

Qualcos’altro causerà contese: il documento prevede l’introduzione di nuove risorse proprie per l’UE. Finora, questo è ampiamente finanziato con contributi degli Stati membri. In futuro, l’UE riceverà denaro dai proventi della vendita all’asta dei certificati di scambio delle emissioni – fino al 20 percento. Finora, il denaro scorre agli Stati membri.

Gli Stati membri dovrebbero inoltre trasferire all’UE 80 centesimi di chilo di rifiuti di plastica non riciclati. Ad esempio, è probabile che i negoziati sul quadro finanziario dal 2021 al 2027 si protrarranno ancora per alcuni mesi, soprattutto perché spetterà alla fine agli Stati membri dell’UE e al Parlamento europeo.

E questo ha un’altra idea molto diversa dell’importo della spesa: almeno l’1,3% del  Pil  dovrebbe spendere l’UE a suo avviso. “Troppo piccolo, troppo debole”, ha commentato il Green, Rasmus Andresen, perché anche il giornale finlandese: “Ci aspettiamo una proposta che renda il clima neutro per l’UE e investa nel futuro”.

https://www.faz.net/aktuell/wirtschaft/deutschland-soll-wesentlich-mehr-fuer-die-eu-zahlen-16514993.html

Commento dell’economista  Marcel Fratzcher (Università Humboldt):

Lo 0,7 %   del nostro PIL per il bilancio della UE (paragonato  allo 1,4% per la difesa) non è veramene tanto, visto come laGermania prifiutat dell’Europa (e viceversa)..

Fratzcher è uno dei pochi economisti che sta cercando di convincere l’opinione pubblica tedesca  – convinta  che la BCE la derubi, coi bassi tassi di Draghi   –   che sta sbagliando, e che a loro  la UE e  i bassi tasssi convengono. Da anni si batte contro  l’ssesioen del  Nero Zero,  la direttiva  Merkel (su  indicazione di Schauble) di non fare  nessun debito pubblico, anche ora dove la Germania può indebiatrsia  tassozero e gha bisogno di rammodernare le infrastrutture e  creare posti di  lavoro ai 180 mila laureati che scappano dalla iper-moderazione salariale. Un impoverimento fatale di intelligenze e di ricercatori-innovatori.

La logica dello Zero Nero di Schauble ha non solo come movente “il risparmio”; ma  anche di far mancare alla BCE – costretta a comprar non solo i buoni del tesoro dei paesi in difficoltà,   ma anche quelli tedeschi, per  obbligo –   i Bund –  ossia i regiati  AAA – che deve acquistare. E’ uno deimodidi sabotaggio della politica monetaria europeista messsi in atto dal Paese. Ma la scarsità di Bunds sul mercato  è una delel cause dei bassi tasi d’interesse di cui si lamenta Weidman con tutti i tedeschi

Qui  un articolo:

https://www.reuters.com/article/germany-bonds-low/as-german-bund-yield-sinks-deeper-investors-wonder-how-low-can-it-go-idUSL8N2535NI

Una sua intervista a Stern:

Le banche annullano i contratti di risparmio, aumentano le c del governo Merkel diommissioni. In futuro, i clienti potrebbero persino pagare interessi negativi sul proprio credito. Lo capisci ancora?

“Le banche sono nel  dilemma. Ci sono troppi soldi in giro, ma troppo pochi li chiedono. Quindi i margini di profitto delle banche stanno soffrendo e stanno cercando di recuperare le spese”.

Soprattutto, i risparmiatori e gli assicuratori soffrono dei bassi tassi di interesse . Perché la BCE sta espropriando investitori e clienti assicurativi?

“La BCE non espropria nessuno; lo facciamo da soli: le famiglie e le imprese, e in particolare lo Stato, risparmiano troppo e investono troppo poco. Questo è il problema Stiamo vivendo una normale reazione del mercato. L’offerta di moneta è troppo grande e la domanda troppo piccola, quindi il costo del denaro, il tasso di interesse diminuisce. La BCE non è responsabile di questo sviluppo, ma soprattutto la politica, che ha una responsabilità primaria per i bassi investimenti in questo paese.

Quindi i risparmiatori devono semplicemente accettare la sofferenza dei bassi tassi di interesse?

Prima di tutto, non c’è  solo  “Il Risparmiatore”. Il 40 percento dei tedeschi non ha risorse in banca, motivo per cui non si preoccupano degli interessi. I primi 20 percento sono così ricchi che stanno facendo abbastanza soldi dal mercato azionario e dal boom immobiliare con azioni, appartamenti e altri investimenti. Rimani al 40% nel mezzo che ha solo assicurazioni sulla vita e conti di risparmio .  Loro sì hanno un problema.

DPA

Marcel Fratzscher è un economista tedesco ed è direttore dell’Istituto tedesco di ricerca economica (DIW) dal 1 ° febbraio 2013. Fratzscher è anche professore di macroeconomia all’Università Humboldt di Berlino.

Le banche annullano i contratti di risparmio, aumentano le commissioni. In futuro, i clienti potrebbero persino pagare interessi negativi sul proprio credito. Lo capisci ancora?

Le banche sono in un dilemma. Ci sono troppi soldi, ma troppo pochi lo chiedono. Quindi i margini di profitto delle banche stanno soffrendo e stanno cercando di recuperare i soldi.

Soprattutto, i risparmiatori e gli assicuratori soffrono dei bassi tassi di interesse . Perché la BCE sta espropriando investitori e clienti assicurativi?

La BCE non espropria nessuno, lo facciamo da soli: le famiglie e le società, e in particolare lo stato, risparmiano troppo e investono troppo poco. Questo è il problema Stiamo vivendo una normale reazione del mercato. L’offerta di moneta è troppo grande e la domanda troppo piccola, quindi il prezzo della moneta, il tasso di interesse diminuisce. La BCE non è responsabile di questo sviluppo, ma soprattutto della politica, che ha una responsabilità primaria per i bassi investimenti in questo paese.

Quindi i risparmiatori devono semplicemente accettare la sofferenza dei bassi tassi di interesse?

Prima di tutto, non c’è il risparmiatore. Il 40 percento dei tedeschi non ha risorse, motivo per cui non si preoccupano degli interessi. I primi 20 percento sono così ricchi che stanno facendo abbastanza soldi dal mercato azionario e dal boom immobiliare con azioni, appartamenti e altri investimenti. Rimani al 40% nel mezzo che ha solo assicurazioni sulla vita e conti di risparmio . Hanno un problema.

La classe media  ancora una volta penalizzata.

“Ma anche la classe media ha beneficiato. Con bassi tassi di interesse, l’euro è rimasto debole come valuta, consentendo alle aziende di vendere i loro beni più a buon mercato all’estero, creando più posti di lavoro e salari in forte aumento. Questo ha agito come un gigantesco programma di stimolo economico. Inoltre, il cittadino non  sono  solo risparmiatori e lavoratori.  Sono  anche consumatori e  contribuenti e i cittadini hanno beneficiato di questi tassi bassi . Secondo la Bundesbank, lo stato ha risparmiato 368 miliardi di euro di interessi dal 2010 e il governo è stato in grado di ridurre il proprio debito, tagliare le tasse e distribuire nuovo denaro a famiglie e pensionati. È vero, se qualcosa ci va bene, è merito nostro. Se le cose vanno male, è l’euro malvagio, la malvagia BCE o la terribile burocrazia a Bruxelles.

Quindi dei bassi tassi di interesse hanno beneficiato soprattutto azioni e proprietari immobiliari. Quindi cresce anche il divario tra ricchi e poveri. 

Tra i bassi tassi di interesse, non solo i ricchi  guadagnano  perché possiedono proprietà immobiliari e azioni. Vari studi dimostrano che anche le famiglie a basso reddito e della classe media stanno guadagnando terreno. Essi non vivono di interessi, ma soprattutto dei loro salari e del boom degli ultimi anni, sono aumentati più posti di lavoro e salari. Ma ovviamente è giusto che i tassi di interesse tornino a salire. Solo questo non è dovuto alla BCE, ma al governo federale e agli altri governi in Europa. Solo se investono di più e crescono di nuovo i tassi di interesse possono aumentare. Questo fatto è parte di un dibattito onesto sui tassi di interesse”.

https://www.stern.de/wirtschaft/geld/diw-praesident-marcel-fratzscher—die-banken-stecken-in-einem-dilemma–9026372.html?utm_campaign=artikel-header&utm_medium=share&utm_source=twitter

Print Friendly, PDF & Email