Un altro avvertimento a The Donald

Il comico  Bill Maher  ha pronunciato una ironica orazione funebre per Trump

Se poi cercate da quali ambienti è ispirato il lugubre comico, basta vedere la rivista del Council on Foreign Relations, il più antico pensatoio promotore del globalismo, fondato nel 1921 e dagli anni ’30 interamente finanziato dalla Fondazione Rockefeller. Il pensatoio che ha dato ai governi Usa consiglieri o ministri come HenriKissinger, Zbig Brzezinki, Madeleine Albright. Tutti dediti ad imporre l’atto di fede fondamentale dei pad5oni delle cosmo-corporations: “Il pubblico e i capi politici vivono in un universo mentale che non esiste più: un mondo di nazioni separate” (Trilateral Task Force Report, 1977).

Il presidente del Council, Richard Haas, esplode fremente di rabbia contro Trump: ha distrutto settant’anni di politica imperiale USA, ha disfatto la politica estera degli Stati Uniti!
“Trump è entrato nello Studio Ovale nel gennaio 2017”, si indigna Haas, e “nel suo discorso inaugurale, parlando dai gradini del Campidoglio”, ha detto: Per molti decenni, abbiamo arricchito l’industria straniera a scapito dell’industria americana, sovvenzionato gli eserciti di altri paesi pur consentendo il triste esaurimento delle nostre forze armate. Abbiamo difeso i confini di altre nazioni rifiutandoci di difendere i nostri. E ha speso trilioni e trilioni di dollari all’estero mentre le infrastrutture americane sono cadute in rovina e in decadenza. Abbiamo arricchito altri paesi mentre la ricchezza, la forza e la fiducia del nostro paese si sono dissipate all’orizzonte. . . . Da oggi in poi, sarà prima solo l’America”, America First.

“Trump, ha preso l’abitudine di ritirarsi o di minacciare di ritirarsi dagli impegni multilaterali: il Trans-Pacific Partnership (TPP), l’accordo di Parigi sul clima, l’accordo sul nucleare iraniano (il Joint Comprehensive Plan of Action, o JCPOA), il Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio, l’UNESCO, i diritti umani delle Nazioni Unite, l’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Trattato sui cieli aperti. Gli Stati Uniti di Trump hanno anche rifiutato di aderire a un patto di migrazione globale o agli sforzi guidati dall’Europa per sviluppare un vaccino per COVID-19”, lacrima Haas, elencando tutti gli organismi che il Council ha creato o ispirato da 70 anni.
“Ha per lo più rifiutato i patti multilaterali di commercio, incluso il TPP, che avrebbe riunito paesi che rappresentavano il 40% del PIL mondiale … Ha fatto ricorso regolarmente a tariffe unilaterali, a per di più, “il suo uso della forza contro la Siria e l’Iran è stato breve e di portata limitata, e le sue minacce di scatenare “fuoco e furia” sulla Corea del Nord diedero rapidamente luogo al vertice, nonostante il lavoro continuo della Corea del Nord sui suoi arsenali nucleari e missilistici.

“Prima l’America ” chiarisce agli alleati degli Stati Uniti sono al secondo posto. […] ha rafforzato il messaggio corrosivo secondo cui il sostegno degli Stati Uniti agli alleati è diventato transazionale e condizionale. Il suo trattamento caloroso nei confronti di nemici e concorrenti – è stato costantemente più amichevole nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, del presidente cinese Xi Jinping e del leader nordcoreano Kim Jong Un che verso le loro controparti democratiche – ha esacerbato il problema.

Nell’unico caso degno di nota in cui l’amministrazione ha agito contro Putin, fornendo armi all’Ucraina, è stata minata dal fatto che gli aiuti successivi sonno stati condizionati all’impegno da parte del nuovo presidente ucraino di indagare sull’avversario democratico di Trump alle elezioni del 2020
…Con la Cina, la gradita volontà di Trump di sfidare Pechino sul commercio è stata minata da quella che può essere descritta solo come una politica incoerente.

[…]

Ad un certo punto, l’interruzione diventa così vasta che non è più possibile tornare indietro. …
Un articolo da leggere interamente, qui.
https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/2020-08-11/present-disruption

Print Friendly, PDF & Email