Siamo i clienti o le prede?

 

Da Eric Peters

4 giugno 2019

 

Probabilmente avete visto persone che andavano in giro in auto coperte – “avvolte” – di pubblicità per qualche servizio o prodotto, e vi siete chiesti quanto è stato pagato il proprietario per consentire alla sua auto di essere trasformata in un cartellone mobile. Ma almeno viene pagato.

Anche le auto che non vedete coperte  da pubblicità funzionano così – ma i loro proprietari non sono stati ricompensati nemmeno con un buono sconto per i dati che vengono estratti da loro mentre guidano. I dati relativi alle loro preferenze e abitudini, che vengono venduti per denaro alle parti interessate – che a loro volta utilizzano le informazioni per personalizzare le piazzole di vendita, offrendo a quel soggetto qualcosa determinato dal suo inconsapevole agire/fornire notizie.

Chi è l’attore?

Tu.

Alcune di queste iniziative sono anche lodevoli, è indiscutibile – perché hai ancora la possibilità di dire di no – o perché si ottiene qualcosa in più al momento dell’acquisto.

Per esempio, Amazon offre la possibilità di consegna nella tua auto, rendendo possibile ordinare qualcosa dalla macchina e averla recapitata direttamente in essa, dove capita – perché Amazon sa dove si trova grazie alla tecnologia del localizzatore GPS – e ha la roba che hai comprato da mettere in macchina anche se non sei lì, perché hai dato Amazon le “chiavi” per la tua auto (accesso al mezzo da remoto, etc…).

In California, è disponibile il servizio di consegna del carburante. Iscriviti a questo e la compagnia del carburante con cui fai affari sa quando sei a corto di carburante – l’auto glielo fa sapere – e manda un camion cisterna per riempire il tuo serbatoio. E ‘un bel servizio per coloro che sono disposti a pagare un po’ di più per la convenienza – e non importa che una società sta tenendo traccia l’uso del proprio carburante, sa dove si trova il proprio mezzo in qualsiasi momento, così come probabilmente sa anche altre cose.

Ma se ti dispiace e non vuoi? E non puoi dire di no?

Allora è un problema.

La “Connettività” è come una marea che spazza tutto insieme. Molti di noi ci pensano e non vogliono essere sempre tracciati (audio / video registrati) – su transponder GPS in telefoni cellulari e microfoni e telecamere incorporati nei nostri laptop – tuttavia, buona fortuna se volete trovare un telefono o laptop senza questi dispositivi.

E  se volete  spegnerli, buona  fortuna.

Si può dire no – tecnicamente- non possedendo uno smartphone o un portatile. Ancora una volta buona fortuna per lavorare nel mondo” connesso ” senza di loro.

Il destino incontra il complice.

Il sistema “Marketplace” di General Motors è tra gli ultimi esempi di connettività rip tide (sistema di navigazione). E’ già standard in una serie di nuovi veicoli GM e probabilmente sarà presto su tutti loro. Come airbag e sistema di frenata assistita e altre cose che si possono non desiderare, il sistema è incluso se si acquista la macchina.

Nel gergo oleginoso della tecnologia moderna, il sistema “Marketplace” offre servizi per affiliati, come Dunkin’ (non più ciambelle) e ExxonMobile, sperando di guidarvi verso di loro.

Funzionerà quasi esattamente come i banner e i pop-up che affliggono i nostri desktop e laptop, solo che ora le proposte di vendita avverranno mentre guidiamo.

Ovviamente, questo non è ”distrarre”. . . perché è redditizio.

Secondo un rapporto denominato “Best Practices for Direct Monetization of Connected Vehicles” (Migliori apprestamenti per la monetizzazione diretta di veicoli collegati), il “potenziale” per fare un sacco di soldi in questo modo è “molto alto.”

Il perché è ovviamente spiegato.

E’ diventato molto difficile fare soldi vendendo auto. I margini di profitto per la vendita sono intorno al 2-3 per cento e, talvolta, nessuno affatto. Le Auto elettriche e ibride sono “vendute” in perdita.

Camion e SUV compensano alcuni di questi mancati introiti, ma sta diventando più difficile fare camion e SUV a causa delle “emissioni” di biossido di carbonio e del culto economico del risparmio di carburante.

Quindi le compagnie automobilistiche hanno creduto all’idea di vendere i dati raccolti dai veicoli che vendono a voi. Diventi il prodotto e il cliente.

Si tratta di un ”business” (tra virgolette per sottolineare l’ombra di essere costretti a fare affari) che si stima valga fino a un miliardo di dollari all’anno.

Ne Varra ‘ancora di piu’ quando non potremo dire di no.

Questo è già il caso dei dati estratti dai registratori di dati degli eventi (Edrs) che sono apparecchiature standard in tutte le auto nuove e lo sono da anni. I dati estratti comprendono l’uso della cintura di sicurezza (o meno), la velocità del veicolo, l’utilizzo dei sistemi di frenatura e così via. Anche se l’auto è vostra, come tecnicismo Legale, i tribunali hanno stabilito che i dati possono essere estratti dalla mafia delle assicurazioni o dai tribunali senza il vostro permesso – per essere utilizzati come prova contro di voi in procedimenti civili/penali.

In altre parole, possiedono i dati.

Allo stesso modo di John Deere – che vi venderà un trattore ma manterrà i “diritti” sul software che lo controlla e i dati che servono per farlo funzionare – impedendovi di utilizzarlo da soli.

Da questo principio deriva che i dati relativi alle nostre abitudini di viaggio e alle attività/preferenze personali sono allo stesso modo la proprietà implicita della mafia e del governo – e la tecnologia necessaria per estrarli è già incorporata nella maggior parte delle auto costruite a partire dalla metà degli anni ‘ 90 e su tutte quelle costruite a partire dalla metà degli anni 2000 circa.

Una delle aziende che spingono a saperne di più su di noi – e guadagnare un nostro dollaro – è la società tecnologica israeliana “Otonomo”, che sta commercializzando una “piattaforma di aggregazione dati” che può tracciare 500 distinti “data points” dai veicoli. Questi “data points” possono quindi essere raggruppati – anonimamente, Otonomo assicura – saranno venduti a… soggetti interessati.

Questi includeranno inevitabilmente la mafia delle assicurazioni e varie entità governative.

I dati/elementi ”anonimi“sono già utilizzabili al fine di applicare un supplemento di tassa per miglio percorso nel caso si verifichi un ”evento pericoloso “, come guidare più veloce del limite di velocità o accelerare/frenare troppo “aggressivamente”.

Gli interessi aziendali vogliono sapere quando e dove-si tende a fermarsi per uno spuntino o prendere un caffè; dove si è fatto cambiare l’olio e comprato i pneumatici. Sei andato in palestra oggi? Hai lasciato il lavoro prima ieri? L’avvocato della tua ex moglie vuole saperlo.

A tutti piacerebbe sapere tutto di te. Anche gli hacker. E non hanno bisogno di chiedere o ottenere il permesso di estrarre i dati della tua macchina.

”Abbiamo collegato le auto a un cellulare su ruote”, spiega il direttore marketing di Otonomo, Lisa Joy Rosner. “Sui nostri telefoni, condividiamo i nostri dati perche’ ne ricaviamo cosi ‘ tanto. Si ottengono app che rendono il telefono più. . . interessante.”

Sono aggiunti ellissi e corsivo.

Davvero interessante.

La maggior parte delle persone probabilmente “registreranno” con entusiasmo – come già fanno per le varie applicazioni di data mining/monitoraggio che scaricano liberamente sui loro telefoni. E ovviamente, i telefoni funzionano esattamente come i braccialetti alla caviglia applicati ai piccoli criminali arrestati in casa, per tenere traccia della loro posizione.

L’unica differenza e ‘che il proprietario del cellulare è ancora libero di andare in giro.

Huxley era molto più profeta di Orwell. Infantilizzali e li controllerai senza bisogno di armi. Facciamoli picchiettare sui loro schermi, come un gabbiano sulla spiaggia estasiato da un pezzo di stagnola.

Se non alzano mai lo sguardo, non noteranno mai gli occhi su di loro – e probabilmente non gli importerebbe se lo facessero.

 

 

Fonte: https://www.ericpetersautos.com/2019/06/04/wheres-our-cut/

Riferimenti/informazioni: https://otonomo.io/

Riferimenti/informazioni: https://www.gartner.com/en/documents/3886566

 

Print Friendly, PDF & Email