Salvini candida Bagnai. Alzando di qualche tacca “er dibbatttito”

Matteo Salvini ha candidato Borghi e Bagnai, i due  “economisti anti-euro”, come si affrettano a strillare i media, urlando che si tratta di “uno strappo” nella “destra” perché Berlusconi, invece, è  europeista. Per  cui “Salvini si slega dall’Europa”, eccetera eccetera.

Quello che il circo mediatico non rileva, perché è intellettualmente incapace di farlo,  è la cosa principale.

La chiamerò “onestà politica”.  Siamo così assuefatti alla disonestà politica, ne siamo noi stessi (come cittadini) così corrotti  e degradati, che non sappiamo più riconoscerla.  Come per i grillini, un politico  onesto è quello che non prende le mazzette. Che è il grado sottozero del pensiero politico.

L’onestà politica è quando un leader di un partito non marginale   espone all’intero elettorato un progetto per la nazione. Non a favore di una categoria, o di una casta, di una regione, o di interessi sia pur legittimi di un ceto o una classe, no;   una proposta   concreta  di grande momento  su cui il leader invita l’elettorato intero a decidere  del  proprio destino.

Vi piaccia  o no, solo Salvini lo sta facendo.  Guardate le “proposte” e le “riforme” degli altri.  Renzi vi ha promesso l’abolizione del canone tv, Grasso l’abolizione delle tasse universitarie,  Boldrini la lotta antifascista, Berlusconi più Viagra per  tutti,  Di  Maio l’aumento delle pensioni, un po’ di soldi qui, un po’ là. Ma il progetto complessivo non è chiaro. Ovviamente.  Non ve lo dicono, perché ve lo nascondono, contando di farvi fessi con quale promessuccia minima e irrealizzabile, o  riuscendo a farvi paura: guai ad uscire dall’euro, guardate Casa Pound,  bisogna restare uniti contro il fascismo ritornante,   temete i populismi,  i sovranismi, la xenofobia, l’omofobia, l’ISIS, Kim

Sono tutti trucchi per distrarvi dal programma loro, occulto e per giunta impreciso, poco definibile: “Più Europa”.  Cosa intendono per “Più Europa”, precisamente, che so, Casini che il PD ha  imbarcato insieme alla Bonino?  D’Alema che vuole il governo dell’inciucio? Berlusconi  che ormai è lodato da tutti i suoi vecchi nemici?  E’ vero, Di Maio dice un giorno sì e un giorno no,  non sa decidere bene, ma va capito: il suo elettorato è insieme di sinistra e sovranista,  pro-eutanasia ed anti-immigrati, è il  livello sottozero del  pensiero. Tutti gli altri sono effettivamente disonesti:  vi chiedono il voto e non vi dicono  per  quale progetto .  Perché è inconfessabile.

Piaccia a no, Salvini vi ha offerto un programma su cui vi chiama a decidere. E non è un programma alla Bossi, “secessiùn!” (che poi il  Bossi s’è ben guardato dal mettere minimamente in pratica: era un grido da osteria), o uno  di quei programmi ideologici e  fumosi catto-comunisti o à la Bergoglio, disarmo totale, fratellanza universale, accogliamoli tutti, smantelliamo lo Stato…

No. Salvini  vi propone il programma definito.   Forse che lo fa a parole,   furbamente, per raccattare qualche voto “sovranista”  e senza la minima intenzione di eseguirlo?  No, è serio, e lo dimostra dandosi (e dandovi) i mezzi per attuare un progetto  politico serio e difficile come affrontare la crisi epocale della UE. I mezzi sono la candidatura di Borghi e Bagnai. Bagnai, per quel che so, è uno cui affiderei il ministero dell’Economia perché pilotasse l’Italia fuori dall’euro; ha la cultura (non solo economica) e il polso per farlo.

Questa è la “serietà” e l’onestà in politica.

Siamo così corrotti come popolo, che non riusciamo a capire la differenza. Ma è importantissima. Non si fa la secessione (che è un progetto serio e grave) mettendo il lista Calderoli e ascoltando  il proprio autista, o avviando alla carriera politica il Trota. Vuol dire che, in realtà, non si vuol fare niente.

Pensate a  Berlusconi: nel 1994   espose un programma serio  (lo votai), e poi ha  riempito il Parlamento delle sue escort, amanti e leccacule.    Se vuoi attuare un qualunque programma, poi non dai un ministero ad una Carfagna (che infatti  ha subito tradito),  a Nicole Minetti o alla Brambilla, di coscia lunga e quoziente intellettivo cortissimo, o tutte le altre scelte in base all’aspetto fisico.   Non si forma una compagine governativa, si forma al massimo una troupe di ballerine per l’avanspettacolo. Tale infatti è, senza speranza, il livello del Cav.

il coraggio di chiamare i migliori di sé

No.  Se hai un programma e sei politicamente onesto, vai in cerca di  persone che sono in grado di attuarlo; in che significa cercare persone migliori di sé. 

Attenzione, anche questo è importantissimo.  Mi vergogno a dovervelo far notare, ma nessun politico italiano ha mai scelto qualcuno che  sa essere migliore di sé.   Anzi,  nessun docente universitario, nessun imprenditore,  nessun direttore di giornale…  Il docente universitario si sceglie come suo successore un mediocre, ed espelle (che vada all’estero)   il giovane brillante che ”gli insidia  il posto”; similmente, l’imprenditore si sente a disagio se l’ingegnere  alla produzione  ne sa più di lui,  al direttore di giornale  il giornalista troppo bravo risulta subito antipatico – e  gli taglia le gambe.

Questo è il motivo evidente del degrado italiano: ogni generazione “dirigente” è peggio della precedente, in tutti i campi. Questa tendenza è poi massima nel politico italiota, che è narcisista e sospettosissimo,  assolutamente insicuro dei suoi mezzi  intellettuali e culturali, e  diventa presto megalomane e so-tutto, perché in tv  ha la lingua  più sciolta del saggio e del competente …

Ora, mi dispiace se vi sembra che lodi troppo, ma Salvini ha fatto questo:  s’è guardato attorno, ha identificato (cosa non affatto normale: quale politico ha mai cercato un economista come Bagnai  o Vladimiro Giacché, anche solo per sentire cosa ha da dire?)  e   ha candidato persone che sa più colte e preparate di lui.  Persone oltretutto senza potere. Il politico in genere non ascolta se non chi ha già potere, o crede lo abbia, qualcuno da  temere, da rasi amico. Gli  altri, semplicemente, non  li vede.

L ha notato con sorpresa anche l’avvocata Giulia Bongiorno, che di Salvini aveva l’idea che hanno diffuso i media (“Mi faceva paura”)   –  “E quando lui mi ha cercato ho visto una persona umile, concreta, attenta, con delle idee molto chiare sulle cose che vorrebbe raggiungere, sugli obiettivi che vuole conseguire. Con obiettivi chiari e nitidi”.

Non si tratta di umiltà. Un politico capace di scegliere persone migliori di sé è un politico sicuro di sé, da non temere che l’altro gli faccia le scarpe, e che vuole raggiungere lo scopo. Ma per il resto sì: Salvini  ha obbiettivi  chiari e nitidi. E’ attento e sa imparare. Ha ammesso propri errori, che è rarissimo.

Ascoltate questo e giudicate voi:

https://www.radioradicale.it/scheda/531477/politiche-2018-filodiretto-con-matteo-salvini

 

E’ l’onestà politica.  Poi voi non votatelo, ma è una puntualizzazione necessaria.

Aggiungo solo che con quelle scelte, il capo  della Lega ha alzato di parecchie tacche il livello culturale-intellettuale del circo mediatico-elettorale  (non è il caso di chiamarlo “dibattito”).

Per indicar solo le ultime uscite di tale “dibattito”,  e le “priorità” dei politici altri, posto qui qualche lancio Ansa.

 

Gay, da noi 6,2%, partiti lo considerino

Gay Center, ignorati da M5s-c.destra, attendiamo c.sinistra

Il 69% degli italiani è favorevole ai diritti delle persone lesbiche, gay e trans, ed una eventuale lista gay ha una potenzialità del 6,2%, con particolare attenzione da parte degli under 25. E’ quanto emerge da un sondaggio di EuromediaReserch illustrato a Montecitorio in una conferenza stampa da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center

Vaccini: Grasso, obbligatorietà resti

Si salvano milioni persone, dire contrario è pericolosa falsità

 

Boldrini, chiudere siti inno a fascismo

Ho scritto a Zuckerberg, dimensione insostenibile

– “I siti e le pagine di Facebook, che aumentano continuamente, che inneggiano al fascismo e al nazismo vanno chiuse. Sono le pagine della vergogna”

 

Migranti: Letta, in gioco l’avvenire Ue

L’ex premier chiede più solidarietà e coraggio agli Stati membri

Enrico Letta lancia un appello all’Europa per una maggiore solidarietà e coraggio sulla questione dei migranti.     Su questo si gioca “l’avvenire dell’Unione”.

 

e questi vi sembrano progetti di qualche dignità,  espressi con decenza intellettuale allora votate per quelli. Agli altri consiglio di leggere Goofynomics,

 

http://goofynomics.blogspot.it/

per capire la differenza di livello.

Post Scriptum

A chi ovviamente mi schernirà, a chi sembra che io faccia un peana esagerato a Salvini, rispondo in anticipo. Sì, ho lodato Salvini con  tanta più  buona coscienza, perché sono sicuro che non vincerà. Gli italiani , popolo analfabeta al 70%, reso impaurito e confuso,  corrotto dai politici degli ultimi 30  anni, non può semplicemente tollerare la verità in politica: cosa fare dell’Europa  che sta collassando?  dell’euro  che ha distrutto un quarto della nostra economia? Per risolvere l’ondata dei migranti? Per la disoccupazione strutturale? Sono  domande che l’italiano rimuove, vivendo alla giornata sull’abisso. Quindi non voterà per chi propone un onesto programma politico. Già mi basterebbe che Salvini avesse, nella coalizione, un voto in più di Berlusconi –  ma anche questo  non succederà. Quindi posso prevedere che Salvini sarà divorato dai suoi, al suo posto andrà Maroni   (si è già preparato) e il progetto alternativo a quello di Bonino e Soros, “Più Europa”, sarà liquidato per il prossimi 20 anni e nessuno avrà più il fegato  di esporre l’alternativa.  Il mio è l’onore delle armi, se volete.

 

Volete la verità? Ma voi non sapete gestire la verità!

 

Print Friendly, PDF & Email
  • Stefano

    Assolutamente condivido ogni parola dell’articolo del Direttore… Salvini ha capito che deve circondarsi di persone competenti in ogni campo, sta facendo scelte accurate e di spessore, forse consapevole delle sue mancanze e dei suoi limiti,
    ma questo è già un unicum come spiegato da Blondet… la candidatura di Bagnai è significativa, in quanto personaggio che non proviene dall’ambiente della “destra”, ma dal “populismo nazionalista di sinistra”, insieme a Borghi rappresentano i due più autorevoli contestatori dell’euro in Italia, ora bisogna però trovare il modo di neutralizzare Berlusconi e per assicurarsi la maggioranza nella coalizione e tagliar fuori il PPE e tutti i derivati moderati… Per chi invece non conoscesse Bagnai ed il suo spessore culurale, invito a leggere l’ultimo post pubblicato su Goofynomics intitolato “Sul conservatorismo”, è davvero notevole, tra l’altro è evidente che le letture di De Benoist e Dughin abbiano fatto bene almeno ad una parte della Lega…

    • Saverio GPallav

      non sono al corrente di tutte le candidature di Salvini, ma mi permetto di evidenziare la notizia odierna – a meno che non sia falsa – che a Roma 1 il capolista al proporzionale per la Lega sarebbe Alemanno – uno dei peggiori sindaci della capitale – con Lorenzo Cesa all’uninominale di coalizione, uno che è transitato per Udc Monti e Ncd e di cui vi è la certezza della propensione al trasformismo. Almeno in questa circoscrizione la scelta – voluta o subita – è pessima. E quindi perdente. Forse volutamente perdente perché nella stessa circoscrizione il PD schiera all’uninominale Gentiloni. Resta il fatto che la nuova Lega a Roma 1 non si è mossa bene, se la notizia è confermata, e si intende quali saranno le difficoltà che avrà con una coalizione eterogenea e già potenzialmente conflittuale

      • Stefano

        Lo so, ha ragione e concordo in toto con la sua analisi, e aggiungo che è di oggi anche la notizia dell’accordo fra Lega,FdI e FI sulla candidatura di Parisi come governatore del Lazio… Per me che sono proprio del lazio, queste non sono belle notizie, ma credo che il motivo fondamentale sia che la Lega non essendo ancora ben radicata qui abbia pochissimo potere contrattuale nella scelta dei candidati in queste regioni… Cordiali saluti.

        • Stefano

          Comunque spero vivamente che la notizia su Alemanno sia falsa, non credo che possano veramente fare una cosa del genere… altrimenti vedremo e valuteremo di conseguenza…

          • Saverio GPallav

            me lo auguro anch’io ..e pure quella su Cesa. Entrambi invotabili anche se per motivi diversi. il primo perchè ha dato pessima prova di sé come sindaco, il secondo perché trasformista di natura oltre che mediocre. Non si può più votare chi si sa per certo che prenderà il voto per farne carne di porco e uso opposto a quello per cui l’ha ricevuto

    • Andrea Fontenova

      Mi viene in mente quando vivevo a Milano a metà anni ’90. Allora la lega era in auge e diversi suoi elettori elettori ( colleghi, amici, ecc. ) mi dicevano che ci si poteva fidare di Bossi “perchè c’era il professor Miglio che lo consigliava …”.
      Ad argomenti di tale ‘spessore’ non sapevo cosa rispondere.
      La ringrazio per avermi fatto tornare indietro nel tempo ed avermi fatto sorridere, per usare un eufemismo.

      • Stefano

        Per quanto mi riguarda, l’argomento a favore di Salvini non è tanto Bagnai come fu al tempo Miglio per Bossi, figurarsi mai votato Lega in vita mia,l’argomento è piuttosto il banale si vota “il meno peggio” e soprattutto si vota l’unico che possa vincere ed allo stesso tempo annullare la leadership del Nano a “destra”… Altrimenti lasciamo il paese in mano a sinistrati vari, e questa volta sarebbe il colpo di grazia… Poi se si vuole essere masochisti, si voti pure Cp o Fn, anche io li voterei… Saluti.

        • Andrea Fontenova

          Per quanto mi riguarda vedere, a 30 anni di distanza, che la gente mi dice “voto lega perchè c’è il professor Tizio che dà suggerimenti” continua a farmi ridere. Sia sullo spessore della lega, sia sullo spessore dei suoi elettori.
          Saluti e auguri.

  • Paddywop

    Veramente un bell’articolo , ha criticare siamo buoni tutti ma sostenere un movimento politico richiede coraggio non fosse altro per il rischio di essere poi smentito dai fatti ! Sarebbe stato molto piú facile per Blondet dire: non cambierá nulla restate a casa a piangervi addosso invece di andare a votare e comprate i miei libri invece di prendere una posizione chiara e sostenere chi per lo meno sembra voler cambiare le cose.
    Grazie di cuore per questo articolo.
    P.S.
    Dopo questa decisione il povero Salvini passerá due mesi d’Inferno dove metteranno in piazza qualsiasi errore abbia mai fatto dall’asilo in poi ( fabbricandone qualcuno tanto per rendere il tutto piú interessante)

    • Miles Chr. Terni

      se facessero ministri questi due suddetti ,altro che la scorta, ci vorrebbe l’assaggiatore personale e il sosia.

  • Agas Gas

    Ha ragione Direttore. Ma sinceramente Salvini sa che rischia di essere eliminato fisicamente se solo si azzarda a fare qualcosa per uscire dall’Euro? E se lo sapesse o lo intuisse non potrebbe essere una mossa intelligente, la sua, per ottenere un po’ di potere per poi non attuare il programma? Vista la situazione meglio astenersi che essere complici di una classe politica delinquente e pagata dai Clinton ed aspettare che il dollaro si indebolisca fino a farci saltare. L’unica speranza che abbiamo è che Trump ci dia il salvagente prima che Germania e Francia ci spolpino obbligando gli USA ad una occupazione militare della penisola italica donde mantenere le proprie basi militari ed una base industriale per vincere sui tedeschi. Se avessimo dei militari con le palle ci sarebbe da aspettarsi un colpo di stato militare congiunto con gli USA…forse dovremmo farlo noi!

    • pincopallo

      Forse non te ne sei accorto, ma U$raele ci ha occupati dal ’45 con la complicità di tanti “Arlecchini” italopitechi !

      • Agas Gas

        Me ne sono accorto…da tempo…ma sarebbe più preciso dire anglousraele.

    • der Beobachter

      Scusi ma… dove vive? La frase „prima che Germania e Francia ci spolpino obbligando gli USA ad una occupazione militare della penisola italica“ e’ scritta esattamente al contrario.
      Perche’ prima di scrivere certe baggianate non si informa di persona, magari venendo qui in Germania per vedere come girano le cose a Böblingen, Mannheim, Müllheim (Baden), Stoccarda / Leinfelden-Echterdingen, Ansbach-Katterbach, Garmisch-Partenkirchen, Grafenwöhr, Hohenfels, Illesheim, Vilseck, Wiesbaden, Griesheim, Bergen, Bielefeld, Dülmen, Geilenkirchen, Gütersloh, Mönchengladbach, Münster, Paderborn, Baumholder, Germersheim, Kaiserslautern, Landstuhl‚ Miesau, Ramstein, Spangdahlem, Wackernheim e Magonza. O crede che esista solo Sigonella?

      • Agas Gas

        Vedremo chi avrà ragione…non mi riferisco agli operai, impiegati e lavoranti tedeschi ma a operazioni di acquisizioni industriali ed infrastrutture. Stia tranquillo che sono bene informato e se le sembrano baggianate non compri oro, argento e crypto…le lasci ai polli come me. Gli USA hanno le basi in Germania per diversi motivi: evitare che Russia e Germania si incontrino, per avere le milizie in caso che la Germania tenti la fuga in avanti verso l’Italia e per altri motivi strategici. Le ricordo che la Germania è commissariata dal 1945.

        • der Beobachter

          L’oro lo ho comprato gia’ nel 2008, chiudendo e coinvogliando in tempi ancora non sospetti (almeno qui) la mia assicurazione sulla vita.
          E comunque gli USA hanno le basi in Germania per il semplice motivo che hanno vinto la guerra (sappiamo bene come) e che la Germania e’ de facto commissariata, come Lei dice giustamente e come da sentenza del 31. Juli 1973, la quale ha ulteriormente confermato che la BRD non e’ successore legale del Deutsches Reich e non puo’ di conseguenza ricevere ufficialmente un trattato di pace. Ma le cosiddette operazioni di acquisizioni industriali ed infrastrutture di cui Lei parla sono un’altra cosa, sono comunque aperte a tutti e vince semplicemente il piu’ forte. Non mi sembra che qui ci sia bisogno di una mammina o papino a dover salvaguardare questo o quello stato. Al di la’ della favola inflazionata della cicala e della formica.

          • Agas Gas

            Vede, il suo ragionamento sul vince il più forte sarebbe corretto se fossimo in un libero mercato, se avessimo una moneta sovrana non peggata a nessuna valuta forte: i tedeschi, con l’Unione monetaria hanno messo in gabbia le economie più deboli comprese la nostra e stanno facendo dumping di ricchezza dai più deboli a loro. Su 69 unioni monetarie ben 69 sono fallite…basta attendere e l’assicurazione sulla vita come oro, argento e crypto diventerà determinante per i singoli e per gli stati. Non è un caso che Germania, Francia e Svezia abbiano rimpatriato il loro oro dagli USA in attesa della mossa sino russa di agganciare le loro valute all’oro determinando un reset globale ed un ritorno al gold standard.

    • Ilario Fontanella

      Non vuole votare Salvini? Voti scheda bianca (con una bella croce sopra, a scanso di equivoci) chi non vota da il suo voto alla coalizione, o al partito di maggioranza (non ho capito bene) quanto poi a desiderare un colpo di stato militare da parte di chi da 30/40 anni a questa parte non ha uno straccio di bilancio commerciale in attivo, ci penserei un attimo, cordialmente Ilario Fontanellla

      • Agas Gas

        La scheda di chi non vota rimane fuori dall’urna…le schede bianche vanno alla maggioranza per cui il non voto è la cosa migliore.

        • Gianni

          …..ed e’ quello che ci vogliono fottere…il nostro risparmio….sino ad allora non molleranno la presa….

          • Agas Gas

            Basta sfruttare a nostro favore il meccanismo della riserva frazionaria per far saltare il sistema ovvero uscire individualmente dall’euro lasciando gli spiccioli nei conti correnti.

        • Ilario Fontanella

          e le schede annullate? solo distrutto la domanda interna?????

        • Ilario Fontanella

          «È vero che cercando chiarimenti sulla rete su questo argomento ci si imbatte in una gran confusione. Per questo è bene chiarire senza troppi giri di parole che l’assegnazione delle schede nulle e bianche a partiti o coalizioni è una leggenda metropolitana che non ha alcun fondamento giuridico. Quello che è vero è, piuttosto, che in particolare le schede bianche sono le più “pericolose” per alterare il risultato elettorale, qualora al momento dello scrutinio venissero votate e non “immediatamente” vidimate dal presidente e da almeno due scrutatori come prevede la legge (Testo unico sulle elezioni della Camera DPR n. 361 del 1957).

          da la Stampa, basta bufale…..

          • Agas Gas

            Se non mi presento al seggio non mi vidimano la tessera elettorale e al registro risulto assente: se qualcuno, tipo il presidente del seggio, usa la mia scheda bianca commette reato…se non falsifica la mia firma e mette i dati esatti del mio documento di identità. Lei allude alle schede bianche di chi si presenta, viene registrato e non vota…per questo è meglio non presentarsi e non votare.

          • Ilario Fontanella

            personalmente, mi recherò al seggio e turandomi il naso voterò Salvini, visto che Bagnai, Borghi, e perchè no, anche Malvezzi non li potrò votare direttamente, non sono i nuovi profeti, ma hanno idee chiare e relativamente semplici, e comprensibili, e visto che Salvini è con loro…. Tu hai il diritto di fare quello che più ti aggrada, e se ritieni giusto non andare a votare, ben venga….

  • pincopallo

    Onore a Salvini !
    Bagnai, finalmente un esperto con le palle al punto giusto e non “attorno”.
    Per completare l’opera potrebbe offrire “carta bianca” a Nicola Gratteri.

  • Guido C.

    Condivido tutto… Quel che non capisco è come, pur volendo votare per Salvini, lo si possa fare sapendo che ciò implica il sostegno a Berlusconi, Meloni & c.
    Non ho mai votato per la Lega, avevo pensato di farlo per le considerazioni rese dal Dr. Blondet, e probabilmente molti altri, come me, avrebbero avuto la stessa intenzione… Ma quanto ho detto mi ha frenato alquanto.
    Mi chiedo: non avrebbe fatto meglio, Salvini, a non aggregarsi al circo del centro-destra? Forse avrebbe avuto maggior credibilità e maggiori probabilità di successo.

    • Giuseppe

      È quello che mi chiedo io. Tenuto conto che l’inciucio e dietro l’angolo, non sarebbe stato meglio correre da soli aggregando le forze sovraniste?
      Questo con l’obiettivo non di governare (impossibile con questa legge elettorale), ma di creare una discreta forza sovranista in Parlamento, con cui dovere fare i conti.
      Sono molto indeciso. Io voterei Casapound, Forza Nuova….se non lo faccio è per la paura di disperdere il mio voto e fare così il gioco di Berlusconi/Renzi.
      Lo do alla Lega e Casapound, Forza Nuova saranno condannate a non raggiungere il 3%.
      Mi sento in un cul de sac.
      Se Salvini corresse senza Berlusconi, invece, voterei con maggiore convinzione.
      Cmq la mossa Bagnai mi è piaciuta molto

      • Stefano

        Guardi Giuseppe, le sue considerazioni che sono condivisibili le ho fatte anch’io, ma il problema è che votare Casa Pound o Forza Nuova sarebbe un grande favore proprio a Berlusconi e dato il fatto che difficilmente queste formazioni raggiungeranno il 3%, ma se anche lo raggiungessero, sarebbero comunque voti tolti alla Lega che permetterebbero al Nano di avere la leadership nella coalizione con tutte le conseguenze che anche lei ha ben presente… Anch’io sono stato molto indeciso, ma alla fine strategicamente ed in modo pragmatico, anche forse turandosi il naso per qualcuno, bisogna votare in massa Lega se non vogliamo ritrovarci ancora una volta Renzusconi a guidare verso la disfatta il paese, poi la candidatura di Bagnai mi sembra un ulteriore incentivo a questo punto, Casa Pound è ancora troppo “movimentista”, non ha una classe dirigente adeguata, e soprattutto la recente esposizione mediatica non ha sicuramente giovato alla sua integrità ideologica, e infatti stanno candidando fra le loro fila l’ex sottosegretario Pdl Filippo Berselli, noto rimasuglio della missineria liberal-sionista, non un grande “acquisto” per il “movimento”…In realtà dovrebbero esser CP e FN a sostenere il progetto di Salvini se vogliono costruire una vera “destra” in Italia, e ricordiamoci che fu proprio Salvini a ridare visibilità e legittimità a CP invitandoli nelle manifestazioni di Roma e Milano, poi la cosiddetta sindrome del “ducismo” da sempre presente in queste aree ha fatto allontanare questi movimenti dalla Lega e così non si è riuscito a creare un unico fronte sovranista che possa spazzare via il Nano con tutte le sue costole neo-centriste… Cordiali Saluti.

        • Giuseppe

          Si, signor Stefano, comprendo perfettamente. Infatti sono proprio le motivazioni che lei ha esposto che mi trattengono tantissimo nel votare FN o Casa Pound.
          Oltretutto non capisco perchè i due non hanno unito le forze.
          Probabilmente voterò Lega (a proposito io sono meridionale, ma credo che al Sud stia crescendo la voglia di votare Salvini….ma è un processo che per compiersi, richiederà ancora più tempo) perchè capisco che devo dargli più forza possibile proprio contro “l’alleato” Berlusconi.
          Solo che, romanticamente, sono molto molto e molto affascinato dalla circostanza che Forza Nuova sia nata sotto il patrocinio di San Michele Arcangelo.

          • Stefano

            Guardi la capisco mi creda,ed anch’io sono del centro-sud, ma purtroppo bisogna ragionare in modo pragmatico, non possiamo permetterci di consegnare di nuovo il paese in mano ai “sinistri”…

  • Pierfrancesco
  • disqus_VKUtLIms5T

    “E questo lo chiamiamo un paese di uomini liberi? A che serve essere
    liberi da Re Giorgio se continuiamo ad essere schiavi di Re Pregiudizio?
    Che importa nascere liberi se liberi non si vive? Che valore ha la
    libertà politica, se non è un mezzo per conquistare la libertà morale?
    E’ una libertà di essere schiavi, o una libertà di essere liberi, quella
    di cui tanto ci vantiamo?”

    • Agas Gas

      La libertà morale la si conquista con l’elevazione della coscienza. In un paese di ladri è politicamente immorale ed inopportuno essere onesti ma è spiritualmente morale esserlo.

  • disqus_VKUtLIms5T
  • Jimmy Hoffa

    Votare Salvini non basta bisogna votarlo in blocco perchè il rischio è che Berlusconi (già sotto ricatto) prenda un numero di voti sufficiente a metterlo in grado di porre condizioni al nuovo governo.

    • Strijbos Dave

      Perchè un Salvini Premier non sarebbe sotto ricatto?
      Ma non avete ancora capito come funziona il sistema?
      Credete ancora che un politico che sbraita possa cambiare le sorti di un paese? Auguri.
      Io cerco di emigrare il prima possibile.

      • Jimmy Hoffa

        Ma si emigriamo tutti, quella si è una cosa fattibile.

  • Vamos a la Muerte

    “Se hai un programma e sei politicamente onesto, vai in cerca di persone che sono in grado di attuarlo; il che significa cercare persone migliori di sé”: grazie di cuore Direttore.
    Anni fa, quando mio padre mi disse la stessa cosa (“cerco di votare qualcuno che reputo migliore di me”) di primo acchito rimasi davvero basito da questa affermazione: abituato ad ascoltare in televisione le fesserie di personaggetti alla Fabio Fazio che affermavano ,con profondo sprezzo del ridicolo, che “gli italiani sarebbero meglio dei politici che eleggono” (sic) o, al più, gli stessi politici come Romano Prodi che asserivano di non essere “né migliori né peggiori della gente comune” quanto dettomi da mio padre mi sembrò davvero straniante e “rivoluzionario”. E questo perché “gli italiani, popolo analfabeta al 70%, reso impaurito e confuso, corrotto dai politici degli ultimi 30 anni, non possono semplicemente tollerare la verità in politica”. E infatti, soltanto fermandomi a ragionare capii che mio padre aveva ragione: come fa una classe a definirsi “dirigente” se non svetta rispetto al “gruppone” di persone che dovrebbe governare e guidare? Ovviamente non può e infatti da 30 anni circa abbiamo una classe politica che non dirige un bel niente ma è in totale balìa degli avvenimenti, si limita a scodinzolare a comando al padrone di turno – che siano gli yankees, la Merkel, adesso addirittura il burattino dei Rotschild Macron – e a vegetare di rendita razziando quel che c’è ancora da razziare.
    I Francesi chiedono di ridisegnare i confini marittimi per accaparrarsi le acque più pescose? Nessun problema! Prego si accomodino! (Ovviamente i francesi non tarderanno a fare arrivare un regalino ai “cari” governanti italiani).
    Il burattino Macron chiede un contingente italiano per perseguire i propri (dei francesi) interessi colonialisti? Nessun problema! Ecco pronti 470 soldati italiani al servizio di Parigi! (Ovviamente l’uomo Rothschild non tarderà a sdebitarsi con un presente per il suo “caro amico” Gentiloni).
    E si potrebbe andare avanti all’infinito…
    E del resto, per fare una fotografia di quel che è oggi la classe “dirigente” italiana basterà ricordare l’episodio che accadde qualche tempo fa in Arabia Saudita allorquando l’allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi e la nutrita delegazione italiana di ministri e imprenditori in visita ufficiale a Ryad, si azzuffarono per accaparrarsi i preziosi rolex gentilmente regalatigli dai beduini sauditi. Un’immagine – benché anche solo mentale – che vale più di mille parole…
    Ha proprio ragione il Direttore: scegliendo una persona intelligente e competente come Alberto Bagnai Salvini ha decisamente alzato l’asticella.
    Poi per carità: una volta eletto – SE verrà eletto – bisognerà vedere se sarà in condizione di poter incidere realmente sul governo di centro-destra che, si presume, uscirà vittorioso dalle urne. Ma nel frattempo, la candidatura di Alberto Bagnai è una splendida notizia senza se e senza ma.

    Gianluca

  • Lupaccio Maimangi

    la domanda principale resta la scelta degli alleati. Uno che vuole seriamente uscire dall’Euro e bloccare le immigrazioni per quale motivo si allea a Berlusconi?

    • Frank Brown

      Meno male che a qualcuno vengono dei dubbi…

      I due economisti in questione, Borghi e Bagnai, spiegano che per recuperare competitività l’italia deve riacquisire una propria valuta nazionale e ristabilire frontiere. La prima serve a permettere una politica monetaria espansiva e quindi deprezzamento rispetto alle valute dei concorrenti industriali, la seconda a mettere dazi alle importazioni e a costiuire una barriera alla mobilità dei fattori di produzione (leggasi soprattutto le persone giovani).

      Sai che novità…

      Non hanno però mai spiegato perchè il sistema produttivo italiano, privato di questi tradizionali difese di stato, posto, cioè, in condizioni di “competitività assoluta”, non sia assolutamente in grado di reggere la concorrenza con il sistema tedesco e – in buona parte – anche con quello francese.

      E’ piuttosto nella risposta a questa domanda che si troverebbero rimedi alla crisi endemica dell’Italia. Ed è proprio su questo versante che dovrebbero impegnarsi i veri studiosi patrioti.

      Inoltre – indicata una strategia – non si curano minimamente di spiegare le modalità di attuazione, di illustrarne i rischi e individuare le difese preventive. Un comportamento che i più dovrebbero valutare come incoscente.

      Francamente non riesco proprio a comprendere l’entusiasmo del dott. Blondet: a me questi due professori sembrano semplicemente degli opportunisti che cavalcano un’onda che ha permesso loro di acquisire una notorietà inaspettata.

      Al primo cambio di vento saranno prontissimi ad abbandonare la barca che affonda. Come sta già facendo il celebre attore comico genovese.

      Se per il nostro futuro fidiamo su queste persone, poveri noi.

      • Pedro colobi

        Riporto (Inoltre – indicata una strategia – non si curano minimamente di spiegare
        le modalità di attuazione, di illustrarne i rischi e individuare le
        difese preventive. Un comportamento che i più dovrebbero valutare come
        incoscente.) Non è vero, hanno spiegato molto bene i rischi ed il modo di evitare questi rischi. La circolazione dei bot di piccola taglia con i quali si potranno pagare le tasse, che aumenteranno il circolante per circa 1500 miliardi è uno di questi modi.

        • Frank Brown

          Siamo veramente molto lontani da una analisi che riesca ad abbracciare i vari aspetti dell’aggressione cui sarebbe sottoposta l’Italia in caso di uscita unilaterale dall’euro. Borghi e Bagnai in realtà hanno ostrato mostrano una visione ristretta e meccanicistica che è ben comprensibile considerando il loro profilo di insegnanti di secondo piano.
          Alla meglio le loro tesi riescono solo a traguardare, in modo parziale, alcuni aspetti di ordine finanziario. Ma lo scenario sarebbe incredibilmente più complesso. Giustamente Sapelli (e cito uno studioso non certo favorevole alla situazione attuale) parla di “terra incognita”.

      • Barbato Giovanni

        IL mio consiglio probabilmente resterà inascoltato , visto che appartieni a quel 70% descritto dal sig. Blondet , ma te lo do ugualmente , Leggi IL tramonto dell’ euro e L’Italia può farcela di Bagnai . Ti renderai conto delle lievi imprecisioni che hai detto

    • panchis

      Perché non lo fará mai?

  • Angelo Kogins Re Fenice

    Io lo voterò anche quando verrà fatto fuori!

  • Nicola

    Salvini non si discute . Nella coalizione , a mio avviso, è nettamente superiore e tale viene recepito dall’elettorato mediamente informato sulle questioni cruciali dell’economia da quando è cominciato l’incubo euro. Non condivido il pessimismo del direttore sulla emarginazione del nostro nei confronti del Berlusca e tantomeno credo ai sondaggi che danno il “vecchio saggio”(pure Santoro lo vota) in marcia trionfale.Salvini riesce a sintetizzare un linguaggio sciolto ma mai banale e ruffiano con argomenti di alto peso specifico. Ad esempio sui vaccini dove la Meloni de’ Roma non discute perchè non riguarda la poltica(Mon Dieu, che tristesse) ma si affida alla comunità scientifica della Lorenzin ha deetto,diplomaticamente, che lui i figli li ha vaccinati ma non si sogna di dare ‘obbligo agli italiani. A parte il generale Pappalardo e “l’estremissima assai destra “(le iperboli non bastano mai per la destra). Romani, per Forza Italia pue lui è vaccinaro. Insomma qualche milioncino di italiani è veramente incazz… per l’obbligo vaccinale per cui..Vogliamo parlare poi di agricoltura da quando la Commissione è andata oltre le misurazionni di cetrioli e banane.ed ha varato una distruzione sistematica dell’agricoltura italiana a favore di quella nordafricana? Il consenso di massima per il Glifosato?L’elettorato meridionale non detesta Salvini , come fece con Bossi , forse lo ama addirittura per le denunce sui misfatti agricoli e non è cosa da poco. Rischio un commento esagerato .
    Caro direttore lei come giornalista non si discute ma stavolta mi auguro con tutto il cuore che prenda una cantonata col Post Scriptum altrimenti mi tocca davvero emigrare in Russia e non è che ami tanto il freddo

  • panchis

    No, non ci siamo… é la prima volta che mi sento in disaccordo con lei Direttore.
    Salvini ha giá fatto coming-out: https://www.controinformazione.info/salvini-in-israele-approfitta-del-suo-viaggio-per-genuflettersi-davanti-allla-potente-lobby-siete-il-mio-modello-dichiara-entusiasta/
    Arrivato in israele ha dichiarato: “Siamo qui per imparare. Questo è un Paese dove le diversità convivono, ma nel rispetto della legalità, delle regole, della democrazia. Come dovrebbe essere”, oltre a “Hamas tiene in ostaggio milioni di persone”… dovrebbe essere chiaro dove va Salvini.
    La mia modesta opinione é che se vogliamo fare la differenza col voto, bisognerebbe darlo a qualsiasi partito che attualmente sta fuori dal emiciclo: Forza Nuova o Casa Pound, se si é di dx o I Comunisti (di Rizzo) se si é di sx o Riscossa Italia, tutti per l’uscita dall’euro immediata. Non ci si puó fidare di nessuno dei partiti giá presenti in Parlamento, é sufficente vedere come ci hanno preso per i fondelli sostituento una legge elettorale dichiarata incostituzionale con… un’altra legge elettorale incostituzionale che, storia giá vista, la Corte Costituzionale ci metterá altri 8 anni per dichiararla tale… Dei partiti giá presenti in Parlamento una flebile speranza é rappresentata dal Mov. 5 Stelle, non certo per i vertici, in tutto e per tutto identici a quelli degli altri partiti seduti in Parlamento, ma per la sua base, dato che il movimento ancora non é stato totalmente istituzionalizzato come gli altri partiti e uno o piú parlamentari potrebbero rivelarsi dei cavalli di troia, ma é una flebile speranza… meglio quelli fuori!

    • Stefano

      Vero, Salvini ha chiaramente espresso delle posizioni filo-sioniste, ma è altrettanto vero che su Siria e Ucraina da subito si è schierato contro l’asse atlantico-sionista… Io credo che di Salvini si possa dire che è un classico esempio di chi “predica male ma razzola bene”, e nonostante queste ombra che lei giustamente sottolinea debbano essere prese in considerazione, non possiamo permetterci nella situazione in cui ci troviamo di fare troppo gli schizzinosi,e Salvini in questo momento è la prospettiva meno peggiore che possiamo avere… Dare il voto a CP(che in passato si schierò a favore del colpo di stato ucraino, si gemellò con Pravy Sektor e d espose posizioni filo-sioniste), a FN(idem) o addirittura ai comunisti di Rizzo(irrilevanti) sarebbe solo un modo di buttare il proprio voto e lasciare libera la strada ai soliti noti, insomma i voti di testimonianza, o ideologici, sono assolutamente inutili e dannosi . Cordiali Saluti.

      • panchis

        Infatti per quello che mi riguarda il voto lo do a Riscossa Italia, ha un programma che la dice lunga, pretende di introdurre addirittura il reato di “attuazione di politiche neoliberiste”: http://riscossaitalia.it/il-manifesto-2/
        Cordiali Saluti anche a lei.

        • Stefano

          Guardi, sinceramente non conosco bene questo movimento, inizialmente l’avevo scambiato con quel partito a cui ha aderito il professor Cardini, “Lista del popolo” mi pare si chiami, dove c’è anche Giulietto Chiesa.. Comunque mi informerò a riguardo, grazie per il link. p.s. Resta il fatto che difficilmente penso potranno attuare i loro propositi o arrivare al 3%. Saluti.

          • panchis

            RI é un partito che, oltre a definirsi sovranista, si dichiara costituzionalista: tutto il suo programma é basato sulla piena applicazione della Costituzione del ’48 (cosa mai avvenuta totalmente neanche nella prima repubblica). Inoltre si rifiuta categoricamente di essere incasellato come partito di destra o di sinistra.
            La Lega é l’alter ego dei M5S a destra e difatti Salvini, come Di Maio, hanno fatto dietro front per quello che riguarda l’uscita dall’euro. Ripeto: gli unici partiti che ancora lottano per l’uscita dall’euro dura e pura stanno tutti fuori dal Parlamento, quelli dentro sono giá tutti coptati. Un piacere aver dialogato con lei.

          • Stefano

            La ringrazio per i chiarimenti, anche per me è stato un piacere, a presto.

          • Votare i partitini “puri” avrà l’effetto Giannino. Il cdx perdette le elezioni per quell’1%. E perché Giannino fece questo alla sua parte politica sostanzialmente? Perché appartiene ai grembiulini del 33grado inglesi. I quali non vogliono di certo il bene dell’Italia. Lo vediamo da 150 anni.

        • valentino

          Si, bel programma, anche se secondo me manca un punto importante: anche i trattati internazionali e le leggi fiscali dovrebbe essere possibili sottoporle a referendum, magari con modalità più stringenti (numero di firme maggiori ecc.) ma comunque è un bel programma, peccato che sia un voto disperso

        • martini ermanno

          Permette? Il reato di attuazione di politiche neoliberiste è una fesseria. Il mercato è un golem, che va guidato, non abbattuto

          • panchis

            Quindi per lei il mercato puó funzionare unicamente con politiche neoliberiste? Non ce ne possono essere altre? Per esempio l’autarchia?

      • william kovacs

        non votero mai salvini. o fn o casapound

        • Lamberto Z

          anche i masochisti come lei hanno il diritto di opinione!

          • Marco Giaveri

            La lega ha mai mantenuto quello che ha detto ? MAI . Votero casapound. Poi vedremo.

          • Ovvero voterete direttamente la NATO, così come con Pappallardo, i grillini, etc. Sistema e antisistema, creano le due alternative. Salvini forse è in grado di sganciarsi per opportuni passi grazi all’appoggio di una parte del mondo militare che sta soffendo in silenzio in attesa di un vero interlocutore politico.

    • Nicola

      Parafrasando una nota frase si osa dire: L’Italia val bene una visita in sinagoga. Chi di voi conosce qualche partito di massa apertamente ostile ad Israele ce lo indichi.Mi viene in mente in merito un episodio dove l’unica mossa anti -israeliana è stata una boutade compiuta dal Berlusca. Questi quando si reco’ in visita allo Yad Vashem oso’ scrivere sul registro che attestava la Shoa (cito a memoria)’: Questa tragedia è ltalmente assurda che se ci si pensa bene l’animo umano grida: -Non ci credo, non ci posso credere!- Nethaniau non gradì cotanta manifestazione di dolore e gliela fece pagare cara.

    • martini ermanno

      Mi sembra,- e dicendo questo sono un italiano che sa quanto numerosi sono quelli migliori di me ,- che non si debba mettere in discussione il diritto dei cittadini israeliani di esistere, a fianco dei palestinesi, e avere uno stato proprio; ma ciò non implica che si debba fare di ogni erba un fascio, e accomunare nella critica e nel disprezzo che si meritano, i burattinai usraeliani massoni, plutocrati e guerrafondai, con il popolo israeliano che magari li subisce.

  • GStallman

    Non fa una grinza. Leggo ben più di qualche perplessità circa l’alleanza con Berlusconi e trasecolo. Mi domando: dopo il trattamento infamante riservato al Cav. per quale motivo oggi anche i suoi detrattori, e fino chi parlava di ammazzarlo, lo riveriscono ? Ma è evidente: se B non fosse stato più spendibile i suoi voti sarebbero finiti al resto della coalizione: a Salvini in primis. Oggi B serve a contenere proprio la Lega e la riva destra che sta debordando in un modo che il sistema antifascista non aveva previsto. E, francamente, pure il sottoscritto se ne stupisce. Tutte le immani problematiche odierne confluiscono qui: non si tratta solo del fallimento dell’ “Europa”, ma dell’Antifascismo, oserei dire, non solo a livello nazionale. Perchè la UE, e l’Euro, fino la stessa ONU, nascono sulla base dell’Antifascismo. E’ così che si spiegano le ragioni scomposte e fino l’invito papale a redigere liste di proscrizione. Questo progetto oligarchico ha dovuto occupare tutti i vertici, del potere: compresa la Chiesa Cattolica. Questo da la cifra esatta di cosa davvero sia in gioco e i rischi che si corrono. Perchè, questo progetto ha avuto il bisogno di ben due guerre mondiali per affermarsi; e tutti sappiamo che da tempo ce n’è in bilico una terza. E’ solo questo che, immodestamente, rimprovererei a Salvini e a compagini schiette e oneste come FN e CPI. Il non dire chiaramente quale è la posta in gioco. Ma si può capire il perchè: una chiamata alla mobilitazione nazionale avrebbe poco seguito in una nazione abituata da decenni a delegare. Non rimane che il tanto vituperato tanto peggio, tanto meglio.

  • pachiara

    Rispetto la tesi del Direttore, anche se mi pare un pò spinta per via del fatto che Salvini può avere sì le idee chiare e semplici, oneste e proattive per l’Italia, però mi pare solo come un cane, ossia nel partito c’è lui solo o quasi ad avere immagine, mentre per quanto riguarda la squadra di governo eventuale anche ottimi personaggi come quelli indicati da Blondet appaiono troppo slegati, troppo sconosciuti, troppo contro corrente al momento attuale. Forse Salvini è un pò in ritardo – magari non per colpa sua – nel disegnare una Lega che abbia un gruppo di personalità valenti ma non è ancora squadra. E’ una mia sensazione. Quanto alla Bongiorno, mi pare che un tipo del genere, visti i trascorsi femministi e amenità varie personali, sia distante dal popolo leghista.

  • Mario Poillucci

    Caro Direttore il problema non risiede nella candidatura di Bagnai persona sicuramente ben preparata anche se a volte un pò fumosa e farraginosa ma certamente valida! Il problema è rappresentato da Salvini (così come da un buon 80% dei millantati ”politiconzi” italioti); Salvini è inadeguato sotto troppi punti di vista a principiare dalla clamorosa ”latitanza” dal posto di ”lavoro”! Un clamoroso assenteista vuol riverginarsi? Lasciamo perdere! Il paesaccio italia deve essere ”bonificato” con altre persone ed altri mezzi!!

  • Io invece, a differenza del Direttore, sono convinta che Salvini vincerà. E che avrà parecchi voti in più di Berlusconi. Il mio, al riguardo, ci sarà. L’unica cosa che gli auguro è di non rammollirsi una volta al governo. Non è più tempo di “moderati”. A meno che non vogliamo fare la fine della Svezia che in queste ore è aggredita da guerre civili e sta scontando sulla sua pelle tutti i guasti della società multietnica:

    http://mondolibero.org/la-svezia-si-sta-preparando-per-una-guerra-civile/

    • Marco Giaveri

      Salvini doveva correre da solo. Il centrodestra si sfaldera dopo le elezioni. Salvini solo perde voti

  • s111

    Salvini sta dimostrando coerenza e coraggio in questi anni, è l’ ora di dargli fiducia. Riguardo al numero di voti, Sig. Blondet, io sarei ottimista, i sondaggi non dicono la verità, potrebbero essere tranquillamente pilotati, lo vedremo tra poche settimane..

    • Strijbos Dave

      Il Signor Salvini ha candidato Bossi in Calabria….mi sembra ià n ottimo esempio di coerenza ed onestà.
      Ma l’onestà non interessa agli italioti, l’importante è tifare chi è più bravo a puntare il dito contro gli altri (mentre magari ne a di cotte e di crude)
      Andiamo avanti così, dov’è il problema?

    • Serviranno tanti raprresentanti di lista nei più piccoli seggi. Non è necessario tifare per quella lista per la quasi si va. Tenteranno ogni mezzo, vecchio e nuovo per alterare il risultato.

  • adriano colafrancesco

    Il problema è che la credibilità di Salvini viene compromessa dalla convivnza politica con Berlusconi. Se si smarcasse dal carrozzone arcoriano, la tentazione di sostenerlo non mancherebbe di sicuro

    • Antonio Fontana

      Berlusconi non piace a nessuno.Eppure,purtroppo,lo votano in tanti, e senza i suoi voti consegniamo il Paese alle sinistre o ai 5 stelle,che poi e’ uguale.E’ fondamentale che prenda piu’ voti del cavaliere e guidi il governo.Fosse possibile e realista nessuna alleanza ci sarebbe stata…tappiamoci il naso e sosteniamolo

      • Tizio.8020

        Per favore, non associ i 5S con il PD…

        • Antonio Fontana

          se vuole non lo faccio…ne rimangono la copia sbiadita

          • Strijbos Dave

            La cosa buffa è che i il M5S riesci a prendersi del fascista e del comunista al tempo stesso…un applauso!
            In ogni caso….è colpa della Raggi!

          • Tizio.8020

            Solo una cosa: sei fan della Cagiva, con quel nick!?

        • “I partiti sono impiegati per allungare il più possibile lo status
          quo difendendo vecchi assetti, internazionali ed interni, vicini al
          capolinea. Compito ingrato che, mese dopo mese, divora un esponente
          politico dopo l’altro: bruciato Mario Monti, archiviato l’effimero
          Enrico Letta, si avvicina l’epilogo dell’ex-enfant prodige Matteo Renzi.
          I sogni di grandezza del renzismo hanno alte probabilità di schiantarsi
          contro il referendum di ottobre: l’establishment si prepara così a
          calare l’ultima, disperata, carta. Il Movimento 5 Stelle.”
          http://federicodezzani.altervista.org/renzi-vuoto-lultimo-colpo-canna-lm5s/

          Tutto normale secondo lei Tizio, che fin dall’inizio della sua “carriera” politica Grillo abbia avuto una copertura mediatica mondiale che neanche Berlusconi ha mai goduto? Era il nuovo prodotto da vendere…

          • Tizio.8020

            Guarda, io ho apprezzato Grillo fino a fine anni ’90.
            Parlava “contro”: contro i vaccini, contro gli inceneritori, contro certi modi di fare politica.
            Ma a parlare son capaci tutti!

            Per me Grillo è “morto” dopo la scandalosa vicenda del microscopio dato e poi scippato alla coppia Montanari&Gatti.
            Se non la conoscete, leggetevi “Il Grillo Mannaro”.

            Lì mi sono reso conto che era solo un gatekeeper, ha raccolto ed incanalato le istanze di ribellione, in definitiva disattivandole.
            Ci ho sperato anche io, nel M5S; adesso come adesso, ad uno come Di Maio non affiderei nemmeno il cane per farlo pisciare.

            Il punto è che non so veramente di “chi” possiamo fidarci.

          • Me ne resi conto a posteriori dopo la discesa in politica (prima di fondare il M5S). Grillo ha sempre rubato le battaglie altrui. Per fare “girare” i suoi spettacoli milionari (di soldoni, a fine anno). Per sputtanare quelle conoscenze e battaglie (anche Montanari se ne rese conto dopo un anno, al di là della faccenda microscopio). Per tenere impegnati gli italiani con i vari Vday. Ci ero caduto anche io purtroppo ma feci in tempo a non votarlo. Dovevo ancora capire il principio della “polpetta avvelentata” e dei gatekeeper ( veda blog: Alice allo specchio, ottimo articoli).

            Ho militato in politica in un movimento infettato dai soliti radical-cia. Rifiutai al mio turno la sedie al consiglio comunale poichè mancavo di prontezza, ero più utile dietro le quinte come consulente. Ho capito molte cose nel frattempo. Al di sopra dei consigli comunali non si può essere puri sennò ti mangiano a colazione, sopratutto in Italia. I più puri sono morti, come l’On. , nonchè Sindaco, Buonanno. Salvini ha capito, da quell’omicidio sempre dei soliti oltremanica, che deve andare su con grandi numeri, giuste alleanze a Est come in Europa, per non essere fatto fuori politicamente prima di tutto.
            Il personaggio non è una cima ma si sa muovere nell’elettorato di pancia. Senza ridursi a proporre come Berlusconi esenzioni per i possessori di animali domestici. Ad ogni modo, senza esagerare, bisogna racattare voti anche promettendo “innocue” misure come quella “animalista”. Oramai a questo punto “va bene tutto” (si fa per dire) purchè la svendita del Paese sia completata dagli M5S e PD (emanazione diretta degli angli) lasciando poi un’Italia devastata socialmente pronta alla guerra civile grazie all’esercito proxy ivi deportato.
            Ne ho parlato qui:
            https://t.co/I298oLVdFk

            L’importante è prendere tempo, come ha detto qualcuno prima qui, per frenare la discesa. In attesa che il dollaro sia defenestrato come moneta mondiale e che possiamo agganciarci, senza rischiare una guerra civile (se il governo Salvini non espelle fisicamente circa un milione di clandestini in due anni è morto politicamente prima di tutto), alla Via della Seta.
            Potrebbero non esserci altre elezioni se il Paese resta in mano a vecchi e nuovi traditori. Salvini dovrà essere abile a giocare su due tavoli senza che venga riusumata una nuova Stay Behind. Qualcosa del genere accadrà comunque, sarà un prezzo inevitabile, ma meglio di una guerra civile in mezza Italia sul modello bosniaco e siriano laggiù attuato a Est.

          • Tizio.8020

            Ti ringrazio per il link al blog, non lo conoscevo.
            La mia paura è che sia molto tardi.
            Hanno depotenziato l’Italia, iniziando nel 1981, e continuando poi con “Mani Pulite” e l’ingresso nell’Euro.
            C’era un articolo di CDC in cui si riportava un dscorso tenuto da Cefis (del 1972!!!) all’Accademia Militare di Modena.
            Sembra di leggere la cronaca di ciò che è successo da allora ad oggi.
            Io mi chiedo sempre ma quanti sono, i traditori?
            Perchè vedendo cosa fanno, non se ne esce: o incompetenti, o traditori,
            Ma possono essere così tanti?
            Un politico che vota il pareggio di bilancio in Costituzione… non si rende conto che lo andranno a prendere a casa, quando sarà iniziato tutto?

          • Non possono nulla, o veramente poco rispetto ai loro desiderata, senza un popolo piegato, credulone e “nonviolento”. Sennò il loro piano sarebbe molto più avanti.
            I grembiulini sono la matrice che unisce le peggiori nefandezze. I criminali, anche di fazioni avverse, fanno sempre muro insieme per trarre vantaggio o difendersi. I minimamente onesti sarà ora che facciano lo stesso e meglio. A cominciare dal vicino di casa.
            Non è mai troppo tardi.

          • Qualche idea. in coda all’intervista a un informissima Blondet
            https://youtu.be/dmh-xdfFh-Q

  • Alfredo Bertelli

    È oggettivamente difficile esprimere un giudizio definitivo sul M5s. Ambigua la figura di Casaleggio e difficile avere certezze su chi ne muova veramente i fili.certo un programma c’è. ..E in politica estera non poi così lontano dalla Lega. .Le promesse di Di Maio possono essere sparate per rastrellare voti visto il livello medio dell’elettorato italiota. Copia il modello Berlusconi…speriamola grossa che questi fessi ci credono e mi votano.
    mossa per prendersi più voti possibili….Potrebbe funzionare, ma poi che fare dei voti?
    Potrebbe anche essere che al momento di fare i conti ci potrebbe essere una convergenza di obbiettivi con la Lega e quindi una alleanza di governo. Fantapolitica. ?Abbiamo visto di peggio e di meno plausibile.
    Ma qui anche fosse così caschetebbe l’asino. ..Nel senso che i poteri europeisti mondialisti monetaristi massoni ecc.accetterebbe supini la cosa?credo che di lì a poco partirebbero speculazioni sui titoli di stato italioti sul debito pubblico e chi più ne ha più ne mettendo il paese e il governo con le spalle al muro. .. democrazia rappresentativa della che….Qui votiamo per dei burattini servi del fmi non Non decidiamo nulla

  • Paolorikatukov

    ma la candidatura della Bongiorno proprio non ci voleva.
    I traditori sono peggio dei nemici.

  • Francesco

    Secondo me,sanno già come devono renderlo mansueto, e se insiste,lo faranno saltare.Purtroppo i primi traditori e nemici degli Italiani sono gli Italiani stessi come è sempre stato.

  • disqus_VKUtLIms5T
  • damiel cassiel

    Salvini sarà almeno al 20%. E sarà votato anche da noi meridionali. Ottimo pezzo, come sempre. Mi sarebbe piaciuto sapere anche Blondet candidato nella Lega. Il tempo c é ancora.

  • guidino

    pssst… dite ai professori che lascino in pace l’euro.
    Se vanno al governo vadano a tutti i festeggiamenti, ricorrenze e tappeti rossi.
    Poi con un decretino del venerdi sera ci fanno la “lipa” (liquidità italiana provvisoria autonoma) che va bene per il mercato interno e per le tasse, e la stampano direttamente al quirinale.
    Importante che sia provvisoria. (così durerà in eterno).
    Con l’euro oramai i nostri politici predecessori hanno fatto troppe firme e troppi patti, quindi non tocchiamolo, è veramente irreversibile, può solo schiantare con un grande botto.
    I nostri oppressori, i barbari del nord, non ci libereranno mai, dopo che siamo stati a loro svenduti.
    Ma noi siamo italiani per qualcosa, maestri nell’arte di svincolarsi da impegni gravosi.
    Il non rispetto delle regole è la nostra forza.

    • valentino

      di irreversibile c’è solo la morte

  • claudio_veneroni

    io dopo q-anon in usa sono pronto a tutto…FORZA PATRIOTI!!!

  • Frank Dax

    Con questa frase sig. Blondet :
    “nessun politico italiano ha mai scelto qualcuno che sa essere
    migliore di sé. Anzi, nessun docente universitario, nessun imprenditore, nessun direttore di giornale… Il docente universitario si sceglie come suo successore un mediocre, ed espelle (che vada all’estero) il giovane brillante che ”gli insidia il posto”; similmente, l’imprenditore si sente a disagio se l’ingegnere alla produzione ne sa più di lui, al direttore di giornale il
    giornalista troppo bravo risulta subito antipatico – e gli taglia le
    gambe” , ha perfettamente centrato il Vero problema di Noi Italiani… Grandi
    Soldati e Lavoratori ma scarsissimi Generali e Comandanti in generis . Abbiamo sempre cercato la via più semplice , il sotterfugio , la raccomandazione per ottenere certe posizioni , in primis quelle che contano.. Il passo fondamentale (voluto) per farci diventare un popolo di Italioti è stato secondo me l’uccisione nella scuola elementare e media della vera meritocrazia , ricordo ancora nei ultimi anni 60 lo spauracchio degli esami di 2° e 5a alle elementari e vi assicuro con le maestre di una volta potevi essere anche il figlio del Presidente della Repubblica , ma se era 4 o 5 , il voto o la bocciatura non te lo toglieva nessuno . Cosi nella mente di noi bambini si formava il pensiero che se volevi qualcosa dovevi darti da fare e non contava se il figlio del dottore veniva a scuola con l’astuccio con 36 pennarelli quando tua madre a fatica ti aveva comprato quello con 6… infatti si diceva a nostri tempi “Scuola , Maestra di Vita” , e basta guardare la scuola di oggi per capire perché siamo ridotti così .
    Tornado all’articolo concordo che la scelta di due personaggi come Borghi e Bagnai è una scelta coraggiosa , ma a questo punto si Veramente coraggioso e corri da solo .
    Allearsi con Berlusca (e quindi con Renzi…) x la “Grande Coalizione” è una scelta che non condivido assolutamente…

    Basta un piccolo pezzo di carne rancida per rovinare il più buon piatto del mondo…
    Ricordo l’ultima volta che sono andato a votare (sono uno di quelli “che vada all’estero”) , Votai Lega e ottenemmo oltre il 20% , il Ministero dell’interno e poi… giunse Scalfaro (con i suoi segreti nell’armadio) e il Mio voto in una settimana passava dall’altra parte sostenendo proprio il programma che non volevo sostenere… la peggiore nefandezza che si poteva fare , ribadendomi ancora una volta il concetto , che il tradimento è nel nostro DNA , d’altra parte siamo entrati 2 guerre da una parte e ne siamo usciti dall’altra….
    Spero di riuscire a tornare in Italia per Marzo per tornare
    a votare ed a mio parere l’unico segnale che si può dare al sistema a questo punto è votare agli estremi (sono più vicini di quanto si pensi) e non credere troppo ai sondaggi che sono fatti sempre dal sistema , che ci crediate o no , trovo inconcepibile che qualcuno che non sia lobotomizzato dopo gli ultimi 15 anni voti ancora Berlusconi o Renzi…

  • Mikahel

    Se ti interessi di una cosa, quella cosa sarà te.
    Non uscite dall’euro, uscite da voi stessi!

  • Cesare

    Il discorso non fa una piega. Mi chiedo solo se candidare Bagnai, che seguo con interesse e con condivisione, significherà portare Bagnai in parlamento e basta. Punto.
    Ahimé, l’accolita con cui si accompagna Salvini, oltre alle ottime idee di Bagnai, se mai gliele faranno esprime e magari attuare, porta per DNA un campionario di idee strampalate che rischiano, quelle sì, di essere applicate perché meno fastidiose ma dannose o inutili per le fasce di Italiani che da anni aspettano un cambio di rotta, con buona pace di Bagnai.

  • Carlo Trotalli

    condivido il sostegno a Salvini restano pero cose da sistemare e chiarire meglio:
    1) Calderoli fece una legge elettorale incostituzionale antidemocratica andrebbe espulso da un partito democratico. Siccome il padre delle porcate e sempre gravido di nuove stronzate occorrono rimedi preventivi. Se Calderoli non sara in lista Salvini avra il mio voto, se no no.
    2) qualcuno nella lega ha cercato di imporci il voto con le macchinette elettorali di un socio di soros noto per condizionare la politica di mezzo mondo, e stato un tentativo gravissimo chi nella lega ha voluto questo va espulso. ogni scrutatore controlla ogni scheda cartacea che ne dicano le macchinette elettorali non sono controllabili da nessuno e sono possibili brogli di milioni di voti. Non si puo essere contro soros e poi comprare dal suo socio le macchinette elettorali… che resto convinto fossrro un agguato proprio alla lega e Salvini in lombardia
    3) Salvini parlo mesi fa a Pontida contro il decreto Lorenzin subito dopo telefono a radio padania una ascoltatrice entusiasta contro lobbligo vaccinale… il conduttore si prodigo a spergiurare che la lega non e contro i vaccini… si erano messi a 90 gradi per evere l agenzia del farmaco a milano , hanno ricevuto un calcio in culo… ora i pro vax nella lega vanno messi da parte una volta per tutte e prima di palazzo chigi va espugnata radio padania… la seconda telefonata a radio padania dopo il discorso di Salvini a Pontida fu di uno che disse “dobbiamo difendere le nostre radici cristiane” il conduttore infermiere psicolizziotto dopo aver elogiato i vaccini si mise a elogiare il buddismo… io non lo so dove vive quello se sulla luna su marte o forse su venere visto che il bubba e il talismano di ogni bordello… quello che so e che se si vuole una politica seria e coerente con cio che dice Salvini radio padania va espugnata da sta gente che vive su altri pianeti..
    4) a Pontida Salvini proclamo “mani libere alla polizia” sfrtuttano i casi di poliziotti che non possono sparare ai ladri…ma cosa significhi mani libere a polizia lo abbiamo visto con Minniti che vuole censurare la verita sul web… la Lega deve fare inversione a U sul disegno di polizia europea (finora sostenuto anche dalla Lega) che avrebbe si mani libere per arrestare perquisire requisire censurare esautorando governi e magistrati sotto esclusivo controllo nato… sarebbe una polizia sovietica Salvini deve chiarire
    5) Salvini sarebbe meglio la finisse di appellarsi “alla gente perbene” chi lavora in Italia e peggio di un belinquente… ( anche voi Blondet come tutta l aristocrazia colta cito ad esempio alleanza cattolica ecc avete un po questo difetto di rivolgervi alle persone per bene…) quando sentite Borghezio esaltare la battaglia di Lepanto ricordatevi che quella battaglia che salvo l europa la vinsero gli avanzi di galere che erano navi in cui i carcerati erani legati ai remi… prima di entrare nel golfo di Lepanto furono scatenati e loro vinsero i turchi… l Italia al puntoin cui siamo potranno ormai salvarla solo una nuova generazione di delinquenti capaci di delinquere per il bene comune e la giustizia che non e sinonimo di legalita… alcuni esempi? scordatevi di risolvere il problema rifiuti o terremotati nell ambito della legalita troppe leggi ormai ce lo vietano…ormai solo uno stato d emergenza puo risolvere problemi ordinari… l estate scorsa Mattarella ha elogiato i valtellinesi esempio di laboriosita che seppero ricostruire dopo l alluvione del 87… cio che non si dice e che almeno il 30% delle case ricostruite in pochi anni arrangiandosi furono fatte abusivamente e regolarizzate dopo perche se aspettavano di essere in regola per ricostruire aspettavano ancora adesso, solo questi delinquenti “alla Mattei” che prima fece il metanodotto e dopo chiese la concessione salveranno l Italia non le persone per bene.

  • Saverio GPallav

    La svolta unitaria della Lega di Salvini è senz’altro interessante e ben più costruttiva del secessionismo di stagioni passate, anche se la pessima riforma del titolo 5° della Costituzione è figlia di una pessima applicazione dell’ossessione federalista leghista che contagiò le altre forze politiche per mero timore dell’ondata secessionista. Altro lascito della Lega del passato è stata la legge elettorale “porcata”, incostituzionale, grazie alla quale la minoranza PDiota si è miracolosamente tramutata in maggioranza aduterata e ha potuto governare quasi indisturbata l’Italia per 5 anni.
    Ben venga quindi la rottura col passato di Salvini, ma il problema dell’alleanza con FI, che ha collaborato sottobanco prima con Monti e poi col PD e che non vede l’ora di riprendere i rapporti con Renzi, resta eccome. Così come l’alleanza con la “quarta gamba” dei transughi pronti a qualsiasi giravolta. Ad esempio è di oggi la notizia che chi volesse considerare l’ipotesi di votare per Salvini a Roma 1 si troverebbe all’uninominale Lorenzo Cesa, passato per UDC Monti e NCD, e al proporzionale Gianni Alemanno, che non è stato il peggiore sindaco di Roma solo grazie a Marino e forse alla Raggi. Almeno in quella circoscrizione, certo non secondaria, la nuova Lega ha fatto – o subito, ma il risultato non cambia – una scelta davvero impopolare e perdente

  • Luigi Soldati

    Complimenti! Bellissimo e saggio articolo. Lei è un grande giornalista. Grazie.

  • Fabio Barbieri

    caro Maurizio,
    mi dispiace dissentire, ma trovo della confusione nell’articolo. quoto:
    “La chiamerò “onestà politica”. Siamo così assuefatti alla disonestà politica, ne siamo noi stessi (come cittadini) così corrotti e degradati, che non sappiamo più riconoscerla. Come per i grillini, un politico onesto è quello che non prende le mazzette. Che è il grado sottozero del pensiero politico”

    Alla prima riga, chiami e definisci “Onesta’ Politica”, e incolli il concetto ai grillini definendolo “politico onesto”. E’ giusto ma sono 2 concetti diversi, entrambi veri (a mio giudizio), ma diversi e quindi e’ come confrontare mele e pere, non ha senso.

    Quoto ancora:
    “No. Salvini vi propone il programma definito”. quale sarebbe il programma definito. Candidare 2 persone?. Lo stanno facendo tutti. Questi sono piu’ bravi di altri? puo darsi, ma rientriamo nel giudizio personale, rispettabile ma opinabile.

    E quindi se entriamo nelle opinioni personali, Salvini piace anche a me, piu’ di tutti, ma non votero’ mai uno che dichiaratamente corre a fianco di Berlusconi.
    Dichiarasse apertamente che corre da solo, che i suoi programmi non hanno nulla in comune con Berlusconi e i 40 ladroni, allora si che sarebbe il vero leader della destra italiana.

    Non basta infilare nel proprio gregge 2 pecore in piu’ magari le piu’ belle di tutti, bisogna fare pulizia prima.

    cordialmente
    Fabio

    • Vergerio

      Salve Fabio, ha ragione sulla pulizia, però credo che attualmente in Italia non sia possibile una pulizia “di primavera”. In questo tipo di situazioni l’unico metodo adottabile siano le “pulizie” graduali. Questo perché non esiste alcuna personalità talmente forte da essere in grado di ribaltare totalmente delle abitudini talmente radicate e profonde come nel panorama politico italiano. Perciò mi fido di più di qualcuno che dimostra di voler iniziare questo processo, per poi portarlo avanti, piuttosto che di uno che dice di voler e poter ribaltare totalmente la politica italiana come fosse una calza. Questo perché chiamante non è possibile, e chi lo afferma, mente sapendo di mentire. Saluti

      • Fabio Barbieri

        Personalmente preferirei un leader vero (e Salvini potrebbe esserlo) che corre da solo, proponendo le sue soluzioni credibili, magari rischiando di perdere oggi, ma vincere sicuro domani. e non e’ detto che quel domani sia il marzo venturo.
        che credibilita’ puo avere Salvini alleato di berlusconi e meloni vari. Non e’ una coalizione, ma un cesto di frutta marcia.
        Guarda cosa succede nel Lazio per le nomine. si accapigliano come vecchie zitelle per una poltrona. Di programmi non parla nessuno.
        Saluti anche a te

    • Jedi

      E allora cosa facciamo? votiamo M5S e un altro giro di calci nel di dietro dall’Euro / Europa? Anch’io ho schifo del caimano ma non vedo alternative. RI sono grandissimi ma sono irrisori numericamente e con l’attuale sistema elettorale non hanno speranze; quanta gente legge e si informa in rete? pochissimi; gli italiani in generale non brillano, per la maggioranza, di brigarsi e informarsi sopratutto se sono obbligati in questo periodo storico al “sopravvivere” più che alla partecipazione politica. Temo voterò dx per la prima volta in vita mia per il semplice fatto che sono gli unici che hanno temi di sx da proporre … per chi non è fesso e non vuole ingannare se stesso cercate di capire e informarvi !
      Grazie.

  • Gianni DX

    Il suo quesito “quale politico ha mai cercato un economista come Bagnai o Vladimiro Giacché, anche solo per sentire cosa ha da dire?” (sottinteso oltre a Salvini) ha una risposta precisa, fornita proprio da Bagnai: https://www.youtube.com/watch?v=U_C2qYBY2-U minuto 1:57. Cordialità.

  • davide

    Accidenti…Quanti commenti! l’argomento stuzzica!
    Direttore mi viene alla mente la tragedia del Titanic.
    Su Focus TV (USraeliana) un ingegnere sosteneva che se la nave andava dritta a cozzare di punta contro l’iceberg, saltava via la bella prua con Di Caprio e la Winslet ma non si sarebbe allagato neanche il primo compartimento stagno. Invece nel tentare di scansare l’iceberg e virando secco la fiancata strisciò per oltre 50 metri allagando anche la sala macchine. Andò come sappiamo.
    Forse è anche il nostro penoso caso…..

  • jay p east

    mmmmh… tutto ok, ma….. alcune dichiariazioni recenti di Salvini non corrispondono alla linea del Direttore……….
    cercare e verificare 😉

  • Marco

    Un articolo molto bello e veritiero della situazione politica italiana e della nuova Lega di Salvini.

    Ma al partito di Salvini manca qualcosa per essere perfetto: una maggiore attenzione ai temi etici, che sono al momento un po’ trascurati (cosa confermata dalla candidatura della Bongiorno).

    Lo stesso stesso Bagnai ha detto che bisogna diventare conservatori per creare una nuova sinistra, sulle macerie di quella vecchia. Ma se conservatorismo deve essere, che lo sia in tutto e per tutto.

    Salvini, Borghi e Bagnai alzino lo sguardo verso il Cielo: “In hoc Signo vinces!” deve valere più oggi di ieri.

  • Enzo Pugliano

    Salvini è un furbacchione che si diverte a spararla grossa, tanto sa che non sarà mai nella condizione di mettere in pratica quello che promette.
    E tanto sa che cadrà sempre in piedi, perché non avrà avuto abbastanza voti o perché non lo avranno lasciato lavorare (come gli ha insegnato il maestro Berlusconi).
    Spiace notare come Blondet critichi il M5S utilizzando gli stessi “argomenti” che TV e stampa nazionali sparano ogni giorno contro di esso a palle incatenate, quegli stessi mezzi di informazione che critica ogni giorno (giustamente) come principali fonti di notizie false.

  • Enzo Pugliano

    Lettura utile: Salvini e la volpe di Macchiavelli
    https://comedonchisciotte.org/salvini-e-la-volpe-di-machiavelli/

  • Faurio

    Non sono d’accordo con Blondet. Salvini non lo voto xché il suo voto va a Berlusconi che farà il governo con Renzi and Co.
    Doveva andare da solo e poi mettere i suoi voti sul tavolo di chi voleva fare un governo x cambiare.
    Voterò 5 stelle xché non sono politici di professione quindi non sono marci. Sulle loro competenze vi chiedo chi avrebbe potuto fare di peggio di chi ci ha governato fino ad ora?
    In ultima analisi chiunque voglia cambiare le cose in Italia non potrà che essere un dittatore impunito xché al di là di chi viene eletto purtroppo c’è un nocciolo duro di italiani che stanno troppo bene nella loro posizione di succhiasangue e che fanno comunella tra loro e come li tocchi iniziano tutti insieme a strillare che ci si deve fermare per forza. E indovinate cosa votano?
    L’esempio è il comune di Roma.
    Quando arriverà l’uomo forte che penserà al bene del paese avrà il mio voto, perlomeno fino a quando non deciderò di scaricarlo da buon italiano voltagabbana

  • Federico Rossi
  • Don Josè La Sida

    Berlusconi: “Non si può uscire dall’euro e anche Salvini ne è assolutamente convinto”

    Tajani: «La Lega è già stata al governo con noi, nessuno si preoccupa. L’alleanza di centrodestra oggi è più facile da un punto di vista programmatico, perché anche la Lega non parla più di uscita dall’Unione e dall’euro»
    http://www.lastampa.it/2017/11/15/italia/politica/tajani-in-europa-timori-per-litalia-se-vincono-i-cinque-stelle-noi-e-la-lega-alleati-ma-diversi-QcY0Vnf9IrdwDjf8fYkznJ/pagina.html

  • Don Josè La Sida

    Berlusconi: “Non si può uscire dall’euro e anche Salvini ne è assolutamente convinto”

    Tajani: «La Lega è già stata al governo con noi, nessuno si preoccupa. L’alleanza di centrodestra oggi è più facile da un punto di vista programmatico, perché anche la Lega non parla più di uscita dall’Unione e dall’euro»
    ——————————————————————————————

    Cosa non comprendete di queste dichiarazioni?

    Manco se ve lo dicono in faccia lo capite!

    La legge elettorale vota da PD, FI e LEGA e una truffa a danno degli italiani, fatta per spartirsi i collegi uninominali dove la coalizione/accozzaglia di vari partiti, con programmi diametralmente opposti tra loro, vincono anche con un solo voto in più rispetto a chi non fa accozzaglie per accaparrarsi le poltrone .

  • Andrea Fontenova

    La lega da 30 anni parla in modo roboante in campagna elettorale e sparisce letteralmente ad urne appena chiuse. Davvero pensate che Salvini sia diverso ?
    Che fiducia si può avere in un tizio che si allea con chi la pensa diametralmente in modo opposto al proprio se non la voglia di poltrone ? Negli ultimi due giorni su tre argomenti ( limite di bilancio al 3%, rapporti con la Merkel e la Germania e sul nome del premier in un centrodestra eventualmente vincente ) Salvini e Berlusconi sono stati su posizioni opposte, con l’appendice staliniana di Giorgia Meloni ( ex ministro di Berlusconi … ). Vi sembra indice di affidabilità ? A me sembra una buffonata e devo dare atto ad un mio carissimo amico, iscritto alla lega ( ed è romano ), di essere stato sincero quando pochi giorni fa mi ha detto che loro danno per scontato una ‘separazione’ tra Salvini e Berlusconi in sede di formazione del governo dopo il 4 marzo.
    Prendo atto che tutto questo, per Blondet, si chiama ‘onestà politica’.

  • maxjuve

    Caro Blondet voti pure Salvini ma sappia che in quell’alleanza la golden share e’ del pedonano, non del leghista….

  • maxjuve

    Bagnai sara’ pure preparato ma ho l’impressione che abbia un elevatissimo concetto di se’ e scarsa propensione al dialogo, dopo delle civili interlocuzioni su twitter sono stato bloccato, mi dispiacea i presuntuosi a naso non mi vanno a genio anche fossero geni.

  • Emanuele Mori

    Sembra che gli sbarchi di migranti siano ripresi a gennaio, ed anzi aumentati del 17% rispetto a gennaio 2017. Non mi sorprende che la Rai glissi sulla notizia; ma il silenzio delle reti Mediaset (fino a qualche mese fa molto loquaci sul tema) mi fa pensare male. Si ha quasi l’impressione che il loro riserbo serva contemporaneamente ad evitare uno spostamento di voti di centrodestra in favore di Salvini, “concorrente” di Forza Italia, nonché a tentare di preservare il PD da uno smottamento definitivo che, semmai si verificasse, renderebbe impraticabile la formazione di una maggioranza da Grosse Koalition.

  • Jedi

    Tanti auguri Prof. Bagnai ne avrà bisogno ! e così pure noi, non vedo un futuro roseo ma forse lei invece di essere il liquidatore dell’Italia (ovvero il precedente oscuro prof. antagonista Monti) forse potrà essere il liquidatore dell’euro e di questo patto scellerato europeo che non ha più nulla dei presupposti originari.
    Siamo stanchi di essere doppiamente colonia prima americana e adesso alemanna !
    BASTA !
    ADESSO BASTA !