Il vero olocausto: il genocidio armeno del 1915 e le sue origini russofobiche

“”Come risultato delle raccomandazioni della lobby ebraica, il governo dei Giovani Turchi ha  eliminato  gli armeni dall’Anatolia nel 1915. Quindi, l’economia del paese è stata lasciata nelle mani della capitale ebraica”. –

Ekrem Buğra Ekinci del  quotidiano The Daily Sabah  Turkish, 13 ottobre 2017.

Johann von Bernstorff (ambasciatore tedesco); “Il modo in cui è stato risolto il problema armeno è da far rizzare i capelli, posso ancora vedere di fronte a me l’espressione cinica di Talaat, quando ha sottolineato che la questione armena è stata risolta”. 1

Einar af Wirsén (diplomatico svedese) ” Quando continuavo ad assillarlo  sulla questione armena, una volta disse con un sorriso: ‘Cosa diavolo vuoi? La questione  è risolta, non ci sono più armeni'”. 2

Henry Morgenthau (ambasciatore americano –   ebreo)); “Qualunque crimine che i più perversi istinti della mente umana possano escogitare, e qualunque raffinamento di persecuzione e ingiustizia possa concepire l’immaginazione più degradata, è diventato le disgrazie quotidiane di questo popolo devoto: sono sicuro che l’intera storia della razza umana non contiene un episodio così orribile come questo: i grandi massacri e le persecuzioni del passato sembrano quasi insignificanti se paragonate alle sofferenze della razza armena del 1915. ” 3

Mehmed Talaat Pasha, a sinistra, con Ismail Enver Pasha e il colonnello turco Halil Sami Bey. (University of Princeton Press). I capi della giunta golpista, erano tutti dunmeh, ossia criptogiudei discendenti dalòlla setta diSabbatai Zevi. Furono quetsi i responsabili del genocidio degli armeni.

Il 30 maggio 1915 Talaat Pasha emanò la Legge di Tehcir, che sulla carta costituiva una misura di sicurezza che i turchi dissero per impedire una rivolta russo-armena spostando forzatamente i cittadini dell’Armenia in Mesopotamia e in Siria. 4 Questa era la storia che i giovani turchi dissero al mondo di evitare e minimizzare qualsiasi disapprovazione pubblica o resistenza straniera. Le delocalizzazioni coinvolte armeni disarmati sono stati forzatamente marciati in campi nei deserti interiori dell’Anatolia e della Siria, e questi campi non erano riforniti di provviste necessarie per la sopravvivenza. 5 Le proprietà di queste persone furono confiscate e vendute ai nuovi arrivati, gli uomini furono spesso scelti per essere uccisi per primi, e le donne furono spesso rese schiave e violentate in massa.

L’accusa di ribellione al  servizio della  Russia fu usata come giustificazione e copertura. L’ambasciatore americano Henry Morgenthau osservò freneticamente;

“Hai ricevuto il mio rapporto 841? La deportazione e gli eccessi contro gli armeni pacifici è in aumento e da notizie strazianti di testimoni oculari sembra che una campagna di sterminio razziale  sia in corso con un pretesto di rappresaglia contro la ribellione.

Le proteste e le minacce non sono necessarie e probabilmente incitano il governo ottomano a misure più drastiche in quanto sono decise a rinunciare alla responsabilità per il loro assoluto disprezzo delle capitolazioni e credo che nulla di meno della forza reale che ovviamente gli Stati Uniti non sono in grado di esercitare sarebbe soddisfare adeguatamente la situazione. ” 6

Una confessione è considerata valida solo se contiene alcuni dettagli veri e verificabili del crimine di cui l’investigatore non era a conoscenza. Questa regola di investigazione criminale è stata osservata nelle controverse trascrizioni telegramma scritte in The Memoirs of Naim Bey. 7

Il 25 marzo 1915, Talaat afferma: “È dovere di tutti noi attuare a grandi linee la realizzazione del nobile progetto di spazzare via l’esistenza degli armeni che da secoli costituiscono una barriera al progresso dell’Impero nella civiltà. ” 8

Quali eventi hanno portato a questo orribile genocidio e alla quasi distruzione del popolo armeno, e perché il popolo armeno è importante per la storia europea?

Gli armeni sono un gruppo etno-linguistico-religioso distinto dai loro vicini circostanti. Hanno la loro chiesa, la Chiesa Apostolica Armena, fondata nel I secolo EV, e nel 301 CE divenne il primo ramo del Cristianesimo a diventare una religione di stato. Hanno anche il loro alfabeto e lingua che è classificato come un ramo indipendente della famiglia linguistica indoeuropea. La patria storica degli armeni si trova a nord della Mezzaluna fertile, una regione di notevole importanza per l’evoluzione umana moderna. I dati genetici e archeologici suggeriscono che gli agricoltori si espandono da questa regione durante l’Europa popolata dal Neolitico e interagiscono / si mescolano con le popolazioni di cacciatori-raccoglitori preesistenti.

Inoltre, la posizione dell’Armenia potrebbe essere stata importante per la diffusione delle lingue indoeuropee, poiché si ritiene che comprenda o sia vicina alla terra proto-indo-europea (Anatolia o steppa pontica) da cui gli indoeuropei e la loro cultura si diffondono verso l’Europa occidentale, l’Asia centrale e l’India. 9

L’olocausto del popolo armeno non  si è  fermato ai confini della Turchia; Anche le truppe ottomane sotto l’insistenza dei Giovani Turchi avevano invaso la Persia. Durante questa invasione vennero massacrati armeni cristiani e assiri. In effetti, circa la metà degli assiri cristiani della Persia, accanto a circa i quattro quinti della leadership cristiana assira, furono eliminati  durante questo periodo   dagli invasori turchi e curdi. 10

Due mesi dopo la rivoluzione bolscevica (in gran parte guidata dagli ebrei) il nuovo governo russo iniziò a ritirare le truppe russe dal Caucaso. Questo ritirò l’unico alleato che gli armeni avevano e mise a rischio la loro rimanente popolazione di estinzione. In questo momento l’ultimo rifugio per queste persone era la piccola terra non rimasta della storica Armenia, centrata attorno al Monte Ararat. 11

Il monte Ararat è tradizionalmente la posizione accettata dal cristiano dell’arca di Noè nel libro della Genesi. L’Armenia è stato il primo paese cristiano al mondo. La lingua armena è la più ancestrale, la più antica lingua indo-europea lasciata dall’estinzione dei suoi predecessori indoeuropei anatolici e tocari. È difficile esagerare il significato etnoculturale in questo evento che minaccia lo sterminio completo dei più ancestrali oratori indoeuropei e anche dei cristiani più ancestrali. Gran parte degli altopiani armeni furono persi; L’Armenia occidentale fu ribattezzata “Anatolia orientale” dagli invasori. Con i sopravvissuti e i rifugiati concentrati nel Caucausia, l’imminente invasione minacciava la completa annientamento.

l leader cristiano Catholicos Gevorg V ordinò alle campane della Chiesa di suonare per sei giorni, quando tutte le classi del popolo armeno furono chiamate a prendere le armi con le donne ei bambini che preparavano le provviste e tutti i sopravvissuti della nazione preparati per la guerra totale. 12 Il presidente dell’Assemblea armena dichiarò: “Se dobbiamo  morire, periamo con onore”. 13

Nelle battaglie di Sardarabad, al fianco di Abaran e Karakilisa, gli armeni in inferiorità numerica sono riusciti a sfidare le avversità e combattere gli invasori turchi. Lo storico Christopher Walker osservò che con una perdita a Sardarabad “è perfettamente possibile che la parola Armenia avrebbe denotato d’ora in poi solo un termine geografico antico”. 14

La distruzione degli armeni nell’impero ottomano è risultata dalla maggior parte delle stime con 1.5 milioni dei 2 milioni di armeni ottomani sterminati.

La storia dell’Armenia è intrecciata in particolare con quella dell’Europa e della Russia. La Russia aveva generalmente avuto una presenza armena attraverso la sua storia, ma dopo le guerre russo-persiane nel 1828 la Russia ha annesso parti della nazione storica armena. Da quel momento la Russia ha generalmente difeso i diritti delle minoranze cristiane nelle terre ottomane. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è forse l’esempio più visibile di un armeno russo dato che è nato da padre armeno.

Ma gli armeni erano, per la maggior parte, ben integrati nell’impero. Gli armeni erano soprannominati il ​​”millet leale “. 15 Le opportunità degli armeni nella regione sono aumentate senza dubbio con il passaggio dal dominio bizantino greco al dominio ottomano. I villaggi armeni avevano tradizionalmente anche un alto grado di autonomia. Qualsiasi tipo di nazionalismo separatista sembrerebbe non sostenibile, ei principali conflitti armeni con i musulmani ottomani erano basati sull’autonomia regionale e sulla protezione dai banditi. Le principali organizzazioni politiche armene con proteste pubbliche erano sostenitori di pressioni per l’autonomia come la dimostrazione Kum Kapu del 1890. 16 Queste richieste erano abbastanza ragionevoli in quanto gli armeni avevano subito vari attacchi e omicidi da parte di curdi musulmani e altri banditi che, per le leggi dell’impero ottomano, avevano la superiorità legale in tribunale.

Durante questo periodo il sultano Abdul Hamid II tentò di liberare l’etichetta del “malato d’Europa” che il suo fallito impero ottomano aveva incoraggiando una modernizzazione dell’Impero, che richiedeva un ruolo di governo più forte e centralizzato negli affari dei cittadini. Abdul Hamid II è stato attaccato dalla stampa britannica come il “Sultan rosso” per varie atrocità commesse contro le minoranze come gli armeni ea tutti gli effetti era l’archetipo perfetto di un tiranno. 17

I giovani turchi che cercavano di rovesciarlo al contrario erano rivoluzionari. Hanno urlato i loro slogan di “Hürriyet, Musavat, Uhuvvet” ispirati al francese “Liberté, égalité, fraternité” che significa “Libertà, uguaglianza, fraternità”. L’etnia turca è spesso descritta come un “melting pot” di tutti i popoli anatolici che vanno dai bacini genetici dei Balcani, dell’Anatolia e di parti dell’Asia. ” 18 I Giovani Turchi erano anche razionalisti che seguivano ideologie materialiste come il positivismo, che avevano la priorità sulla religione Le autorità islamiche dell’Ulama li hanno persino denunciati come “cercando di cambiare l’Islam in un’altra forma e creare una nuova religione, definendolo Islam”. 19

L’impero ottomano era storicamente un luogo in cui gli ebrei potevano vivere senza paura di persecuzioni secondo uno dei giornali allineati da Erdogan, il Daily Sabah . 20Infatti questa tolleranza estesa nell’era post-sultano dei Giovani Turchi, come l’ Encyclopedia Judaica ha osservato che vari gruppi sionisti erano promettenti nel 1908 per opportunità per premere i loro interessi; “L’assenza di antisemitismo in Turchia ha reso possibile l’idea [dell’insediamento ebraico in Palestina]”. 21 Talaat specificamente era molto aperto a queste idee;

“Quattro anni dopo Talaat propagò perfino la fantastica  idea di una ‘Alleanza tra ebrei musulmani’. Le guerre balcaniche avevano fatto precipitare l’impero ottomano in rovina finanziaria e Talaat, che divenne un membro chiave del triumvirato governativo del CUP in seguito al colpo di stato militare del gennaio 1913, si aspettava che i sionisti collegassero l’impero con la favolosa ricchezza dell’ebraismo mondiale. ” 22

Come potrebbe un governo così progressista procedere a genocidio orribile di molte delle popolazioni indigene cristiane degli stati?

Se osserviamo più da vicino le uccisioni, ci imbattiamo in molte inquietanti disparità nel trattamento di questi gruppi minoritari. Dopotutto nella grande catastrofe di Fuoco di Smirne del 1922, le sezioni cristiana armena e cristiana greca della città furono distrutte mentre le sezioni ebraica e turca non lo erano. 23 Nel 1918, tre anni dopo la fine della legge di Tehcir, Talaat Pasha fece una dichiarazione turca di Balfour che equivaleva a sostenere l’istituzione della Palestina ebraica. 24 Chiaramente è una strana sorta di nazionalismo del mondo occidentale non ha familiarità con cui le minoranze ebraiche sono risparmiati.

L’Olocausto armeno non solo è stato inaspettato dalle vittime, ma in realtà è ancora oggi negato dallo stato perpetratore della Turchia. E fino a poco tempo fa, l’esecuzione del genocidio stesso era conosciuta solo da osservatori terzi, con lo stato della Turchia che sosteneva che il genocidio era in realtà solo una guerra civile. L’unica prova diretta del genocidio intenzionale era nei telegrammi tradotti scritti nel 1921, The Memoirs of Naim Bey, che perse gran parte dei telegrammi di materiale sorgente.

 

Nell’ottobre 2016, tuttavia, il Prof. Taner Akçam ha trovato i telegrammi ottomani archiviati che confermano la legittimità di vari eventi da Le memorie di Naim Bey e confermano che non si trattava di mere invenzioni per la propaganda. 25

Questa legittimità è stata confermata ulteriormente quando è stata scoperta la “pistola fumante” di aprile 2017, un telegramma originale che indagava direttamente sull’omicidio degli armeni. Il telegramma ufficiale del governo dei Giovani Turchi chiede direttamente se gli armeni deportati vengano uccisi o “semplicemente espulsi e deportati”.

“Gli armeni che furono deportati   sono stati liquidati? Le persone problematiche che hai riferito di essere state esiliate ed espulse sono state eliminate o semplicemente espulse e deportate? Si prega di riferire onestamente. ” 26

[…]

Con il nuovo dramma internazionale dell’Olocausto armeno che nega il governo turco, possiamo trovare interessanti ammissioni delle origini della rivoluzione dei Giovani Turchi. La rivoluzione dei giovani turchi scoppiò a Salonicco. Salonica era la più grande città ebraica del mondo in questo momento con il popolo ebraico che costituiva più della metà della popolazione. Secondo un importante quotidiano turco in un recentissimo articolo il 13 ottobre 2017; 28

“Il più importante finanziere e mentore del Comitato dell’Unione e del progresso (CUP), che ha preso il governo nel 1908, era un banchiere ebreo di origine italiana di Salonicco, Emmanuel Carasso.Quando i greci, che fino a quel momento avevano mantenuto uno status privilegiato, caddero in disgrazia dopo il massacro di Costantinopoli del 1821 contro i greci, gli ebrei speravano in una seconda possibilità.

Tuttavia, con le loro strutture artistiche sparse per l’Anatolia, gli armeni arrivarono per primi grazie al loro avanzo di capitale. Come risultato delle raccomandazioni della lobby ebraica, il governo dei Giovani Turchi rimosse gli armeni dall’Anatolia nel 1915. Quindi l’economia del paese rimase nelle mani della capitale ebraica.

Carasso, che faceva parte del comitato (dunmeh) che andò a comunicare  ad Abdülhamid II la sua detronizzazione, era il più vicino confidente di Talat Pasha, la figura responsabile della legge sulla deportazione . Infatti, quando Talat Pasha fuggì all’estero nel 1918, affidò la sua intera proprietà a Carasso. Per assumere un ruolo attivo nella fondazione del governo di Ankara, Carasso è tornato in patria prima della sua morte “.

[…]

Nel suo libro Banality of Indifference, Yair Auron sostiene che i cittadini ebrei della Turchia durante questo periodo erano apatici agli armeni assassinati. Riguardo all’atteggiamento degli ebrei nei confronti degli armeni, scrisse:

“Una leggera smorfia sulle loro labbra, un breve sospiro sincero, e niente altro.Gli armeni non sono ebrei, e secondo la tradizione popolare gli armeni non sono altro che Amaleks !, Amalek? Noi daremmo loro aiuto? A chi? A Amalek? Il cielo non voglia! ” 29

Durante il grande incendio di Smirne, nel 1922, in cui le porzioni greche e armene della città furono bruciate mentre le sezioni turca ed ebraica furono risparmiate, i resoconti degli insegnanti ebrei sostenevano che sia i Greci che gli Armeni avessero iniziato il fuoco da soli. 30

Questo atteggiamento apatico e sprezzante è stato persino dimostrato nella “lega anti-diffamazione” ebraica che, nel 2007, ha fatto una campagna contro il riconoscimento dell’Orocausto armeno da parte dei governi americani.

” Foxman ha finalmente riconosciuto il genocidio armeno nelle sue osservazioni. È stato uno sviluppo incoraggiante dato che l’unica dichiarazione formale di ADL sul genocidio è formulata in modo tale da eludere effettivamente l’intento richiesto per la scoperta del genocidio da parte della Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite . ” 31

” Questa dichiarazione, emessa nel 2007, diceva che le” conseguenze “dei massacri turchi degli armeni erano” equivalenti “al genocidio, il che implicava che non si trattava di uno sterminio programmato. Questa affermazione è stata ampiamente censurata, ma chiede una conferma inequivocabile che è stata respinta dall’ADL “.

Va notato che l’ambasciatore americano in Turchia, Henry Morgenthau, era lui stesso un ebreo, e divenne rapidamente uno dei più accesi sostenitori del riconoscimento di questo genocidio, e chiese persino un intervento americano per proteggere le vittime armene. Ma ovviamente le eccezioni non infrangono la regola. […]

(Per consultare le note, qui:

https://russia-insider.com/en/history/real-holocaust-1915-armenian-genocide-and-its-russophobic-origins/ri22877

 

Print Friendly, PDF & Email