Il pianeta ha già visto in passato un improvviso riscaldamento. ha spazzato via quasi tutto.

La peggiore estinzione di massa del pianeta – 250 milioni di anni fa, alla fine del periodo Permiano – potrebbe cambiare il clima oggi.

Circa 252 milioni di anni fa, la Terra è quasi morta.

Negli oceani, il 96 percento di tutte le specie si estinse. È più difficile determinare quante specie terrestri siano scomparse, ma la perdita è stata paragonabile.

Questa estinzione di massa, alla fine del periodo Permiano, fu la peggiore nella storia del pianeta , e accadde per qualche migliaio di anni al massimo– il battito di ciglia di un occhio geologico.

Giovedì, un team di scienziati ha offerto una spiegazione dettagliata di come la vita marina è stata spazzata via durante l’estinzione di massa tra il Permiano e il Triassico . Il riscaldamento globale ha rubato gli oceani dell’ossigeno, dicono, mettendo molte specie sotto così tanto stress che sono morte.

E potremmo ripetere il processo, avvertono gli scienziati. Se è così, allora il cambiamento climatico è “solidamente nella categoria di un evento catastrofico di estinzione”, ha detto Curtis Deutsch, scienziato di terra presso l’Università di Washington e coautore del nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science.

I ricercatori hanno da tempo conosciuto le linee generali del cataclisma Permiano-Triassico. Poco prima dell’estinzione, i vulcani di quella che oggi è la Siberia sono scoppiati su una scala enorme. Il magma e la lava che emettevano producevano enormi quantità di anidride carbonica.

Una volta nell’atmosfera, il gas intrappola il calore. I ricercatori stimano che la superficie dell’oceano si scalda di circa 18 gradi Fahrenheit. Alcuni ricercatori sostengono che il calore da solo uccide molte specie.

Altri credono che il calore riduca l’ossigeno nell’oceano, asfissiando le specie che vivono lì. Le rocce dell’estinzione di massa sembrano essersi formate quando almeno una parte dell’oceano era priva di ossigeno.

In precedenti ricerche, il Dr. Deutsch ha esplorato come gli animali viventi si adattano alla temperatura e ai livelli di ossigeno nei mari. Gli animali con un metabolismo veloce hanno bisogno di molto ossigeno, per esempio, e quindi non possono vivere in parti dell’oceano dove l’ossigeno scende al di sotto di una certa soglia.

L’acqua calda rende la sfida ancora più difficile. L’acqua più calda non può contenere tanto ossigeno disciolto quanto l’acqua fredda. Ancora peggio, l’acqua calda può anche aumentare il metabolismo di un animale, il che significa che richiede più ossigeno solo per rimanere in vita.

Il merluzzo, ad esempio, non si trova al di sotto di una latitudine che va grosso modo dal New England alla Spagna. A sud di quella linea, il calore e l’ossigeno basso sono semplicemente troppo grandi per la specie.

Print Friendly, PDF & Email