I PADRONI DEL DISCORSO CONTROLLANO INTERNET (2A PARTE)

Fondatore e CEO ebreo
Il famoso sito di social network Facebook , lanciato nel febbraio 2004, ha un fondatore e CEO ebreo al 100%, Mark Zuckerberg. Gli ebrei si vantano facilmente di questo fatto. Il sito dell’etnocentro ebreo ebreo o non ebreo: la scelta degli eletti, vedi il logo sotto, ha una voce speciale per Zuckerberg (come hanno fatto per Google Sergey Brin e Larry Page), dove Zuckerberg ottiene il suo “Punteggio di ebrei “ totale di 12 (4 + 4 + 4).

Il sito, che dovrebbe essere considerato come un caso di umorismo ebraico interno, spiega il significato di questo punteggio:


Informazioni sul punteggio degli ebrei
Valutiamo in che modo una persona ebrea si basa su tre fattori. Quanto sono ebrei internamente, quanto sono ebrei all’esterno e quanto vogliamo che quella persona sia ebreo in primo luogo.

In pratica, l’I Score tende a riferirsi alla storia della nascita con alcune modifiche al modo in cui immaginiamo di vedere / vedere se stessi. Il punteggio O è per come gli ebrei sembrano e agiscono. Il punteggio K sta per Kvell (orgoglio) ed è soggetto ai capricci dei creatori di questo sito web.

Il punteggio degli ebrei si riferisce solo alla nostra opinione ed è influenzato, ma non definitivo, dalla reale ebraicità.

Il sito del World Jewish Digest, come un altro esempio, annovera anche Mark Zuckerberg come uno dei loro esempi di influenti ebrei nella loro lista “10 da guardare nel 2008 – la rosa dei WJS per le celebrità ebraiche”. Zuckerberg, “nato in una benestante famiglia ebraico-americana a Dobbs Ferry, New York”, ottiene il 3 ° posto nella loro lista di 10 ebrei influenti.

Mark Zuckerberg


L’entourage ebraico di Zuckerberg su Facebook
Il New York Times, 13 maggio 2009, riportava:

Il quotidiano israeliano Haaretz ha osservato che “Facebook è stata fondata da Mark Zuckerberg, un ex studente ebreo della Harvard University”

. Il sig. Schnitt [un portavoce di Facebook] ha detto alla ABC che mentre alcuni impiegati del servizio di social network provenivano da famiglie contrassegnate dall’Olocausto , ciò non ha influenzato la loro decisione:

molti di noi su Facebook hanno un legame personale diretto con l’Olocausto, attraverso genitori che sono stati costretti a fuggire dall’Europa o parenti che non hanno potuto scappare. Crediamo nella missione di Facebook che fornire agli utenti strumenti per rendere il mondo più aperto sia un modo migliore per combattere l’ignoranza o l’inganno rispetto alla censura, anche se riconosciamo che altri, compresi quelli dell’azienda, non sono d’accordo.

Quindi qui apprendiamo dal portavoce di Facebook, il sig. Schnitt, che “molti di noi di Facebook hanno un legame personale diretto con l’Olocausto”, che ovviamente non significa nient’altro che essere ebrei.

Quindi chi sono questi attori ebrei?

Per cominciare, in principio, quando Zuckerberg decise di diffondere il suo nuovo progetto Facebook ad altre scuole oltre ad Harvard, chiese aiuto al suo amico ebreo Dustin Moskovitz.

Moskovitz divenne quindi il vicepresidente dell’ingegneria di Facebook.

Dustin Moskovitz

Hanno ottenuto il loro primo finanziamento da un altro ebreo, imprenditore tedesco di tecnologia Peter Thiel, uno dei fondatori di PayPal. Consigliamo qui di leggere un articolo di The Guardian (14 gennaio 2008) sulle persone dietro Facebook che contiene maggiori informazioni su Thiel.

The Guardian conclude che:

“… il vero volto di Facebook è il quarantenne capitalista e filosofo futurista della Silicon Valley Peter Thiel.”

Peter Thiel

Come tipico etnocentro ebreo, Thiel preferisce trattare con altri ebrei. Il suo socio in affari con il quale ha fondato PayPal è l’ebreo americano di origini ucraine Max Rafael Levchin.

David Sacks


George Zachary

Altri ebrei con cui Thiel sta interagendo sono David Sacks, ex direttore generale di PayPal, e George Zachary, “un amico di Max e Peter” e partner dell’ebreo Ed Skoll di eBay.

Di seguito un estratto di “Once You’re Lucky, Twice I’m Good: The Rebirth of Silicon Valley and the Rise of Web 2.0”, di Sarah Lacy, (vedi: http://www.metroactive.com/metro/ 06.11.08 / cover-supermen-0824.html) sulla “mafia di PayPal” di Thiel:

la mafia di PayPal ebbe persino successo a Hollywood. Jeff Skoll è stato uno dei primi dirigenti di eBay che è diventato amico dell’equipaggio di PayPal quando eBay ha acquistato la società nel 2002. Ha avviato la Participant Productions su una scia, ed è stata una delle società di produzione più redditizie di Hollywood.

Tra i suoi primi quattro film c’erano Syriana, Good Night e Good Luck, North Country e An Inconvenient Truth. Il successo di Skoll ha convinto Max e Peter a iniziare a dilettarsi a Hollywood, finanziando il film indipendente del 2006 Thank You for Smoking, insieme a David Sacks, ex direttore generale di PayPal.

Mentre Sacks ha continuato a giocare a Hollywood, ha anche lanciato un nuovo sito di social network per famiglie, chiamato Geni.com. Permette alle persone di compilare i propri alberi genealogici e collegarli agli alberi genealogici di coniugi e suoceri.

Chiunque sull’albero può aggiungere all’albero, l’idea è che nel tempo scopri persone a cui sei imparentato e che non conoscevi. È un’idea audace, una delle prime start-up Web 2.0 rivolte esattamente alle famiglie. Peter Thiel, naturalmente, lo ha sostenuto presto. E nel primo round di capitale di rischio di Geni con Charles River Ventures, ha ottenuto una stima di 100 milioni di dollari.

Il partner CRV che ha scritto l’assegno era George Zachary, il primo partner di Skoll in Participant Productions e un amico di Max e Peter. Nel 2006, la mafia di PayPal era un mondo incestuoso in cui, per ora, tutti sembravano fare un sacco di soldi.

Thiel costituisce un quarto dei membri del consiglio di amministrazione di Facebook. Quindi, oltre a fornire i soldi, ha davvero molta influenza, proprio come aveva notato The Guardian.


Thiel – “il vero volto di Facebook” – è un sionista
Quello che The Guardian non è riuscito a dire è che Thiel ha anche un’agenda israeliana.

L’Adelson Institute for Strategic Studies con sede in Israele scrive :

Martedì 12 maggio 2009, l’Adelson Institute ha ospitato Richard Perle, ex assistente del segretario alla Difesa e presidente del comitato consultivo del comitato per la politica di difesa durante l’amministrazione Reagan, e Peter Thiel, cofondatore di PayPal e presidente di Clarium Capital Gestione. Il tema della discussione è stato: “I primi 100 giorni dell’amministrazione Obama”.

Perle ha informato il personale e la facoltà dell’Istituto Adleson e ha affermato che il risultato del nuovo approccio di Obama nei confronti degli avversari sarà testato tra qualche mese.

Thiel, che ha partecipato al briefing di Perle, ha affermato che esiste un divario incredibile tra la realtà israeliana e il suo potenziale. La gente parla di Cina, India e Brasile come paesi dei mercati emergenti, ha aggiunto, mentre Israele è sottovalutato. Secondo Thiel, tutto ciò che serve è una breve visita in Israele per apprezzare l’incredibile talento, intensità e spinta degli israeliani.

Va ricordato che Richard Perle, che Thiel ha incontrato in un briefing, è il famigerato Neo-con dell’era Bush che è stato uno dei principali architetti ebrei dietro l’invasione e la guerra in Iraq nel 2003. Lo

sponsor di Facebook Peter Thiel rivela la sua agenda per Israele in un discorso video ha realizzato per l’Adelson Institute . L’Adelson Institute fornisce la seguente descrizione del videomessaggio di Thiel:

Israele è veramente il paese del futuro

17 maggio 2009

C’è un divario incredibile tra la realtà israeliana e il suo potenziale, afferma Peter Thiel, co-fondatore di PayPal e presidente di Clarium Capital Management.

Thiel, ospite dell’Adelson Institute for Strategic Studies, ha partecipato al briefing di Richard Perle presso l’Adelson Institute. La gente parla di Cina, India e Brasile come paesi dei mercati emergenti, afferma Thiel, mentre Israele è sottovalutato. Basta una breve visita per apprezzare l’incredibile talento, l’intensità e la spinta degli israeliani.

Nel video Peter Thiel – sponsor economico e membro del consiglio di Facebook – saluta lo stato ebraico di Israele. Di seguito una trascrizione di alcune delle sue dichiarazioni nel video:

“Credo che Israele sia un posto davvero straordinario”.

“… un potenziale incredibile …”

“Basta visitare qui [in Israele] per alcuni giorni si è sempre colpiti dall’incredibile talento, intensità e spinta della gente.”

“Penso che se Israele sarà in grado di risolvere alcuni di questi problemi, che lo circonderanno nei prossimi anni, sarà probabilmente il posto migliore al mondo”.

“Credo che il futuro non sia nella manodopera a basso costo o nel capitale economico o nel settore immobiliare. Credo che il futuro sia nella tecnologia e in questo senso forse Israele è veramente il paese del futuro”.

L’Adelson Institute for Strategic Studies presso lo Shalem Center di Gerusalemme è un’istituzione sionista al 100%.

Qui riproduciamo la Dichiarazione di missione dell’istituto con cui Thiel collabora:

L’Adelson Institute for Strategic Studies presso lo Shalem Center di Gerusalemme è un istituto accademico e di ricerca fondato dal suo presidente, Natan Sharansky, nel 2007.

L’Adelson Institute for Strategic Studies sviluppa, articola e sviluppa supporto per i principi strategici necessari per affrontare le sfide che attualmente affrontano Israele e Occidente. Israele, come unica democrazia in questa regione circondata da governi totalitari, è all’avanguardia delle sfide e dei pericoli che la civiltà occidentale deve affrontare ovunque.

Come parte di questo sforzo complessivo, l’Adelson Institute for Strategic Studies cerca di esplorare come il progresso della libertà, della democrazia e dei diritti umani possa essere messo in palio come misura efficace per garantire e rafforzare la stabilità e la sicurezza internazionali.

L’Adelson Institute for Strategic Studies cerca anche di esaminare il diritto internazionale alla luce delle nuove forme di guerra asimmetrica e terrore; l’istituzione di una deterrenza credibile contro la guerriglia e le organizzazioni terroristiche e gli Stati che le sponsorizzano; la risposta adeguata alle armi di distruzione di massa; e il rafforzamento delle relazioni di Israele con i suoi alleati strategici.

Natan Sharansky, fondatore e presidente dell’istituto, è un ebreo razzista russo e un politico israeliano (ex vice primo ministro) famoso per la sua posizione “dura” sui palestinesi.

La resistenza palestinese al dominio sionista è bollata come “terrorismo”. Sharansky scrive il 15 gennaio 2009 (Bloomberg.com) sul massacro israeliano in corso a Gaza:

Il terrorismo è un tumore che non può essere curato con trattamenti “proporzionali”. Richiede un intervento chirurgico invasivo.

Di seguito un altro articolo su Peter Thiel e Israele dal [vc] cafe :

Peter Thiel scommette sul prossimo successo su Internet

La israeliana Hooja
Peter Thiel sa qualcosa o due sull’Internet
dei consumatori. Dopotutto, è un cofondatore di PayPal, uno dei membri del consiglio di Facebook e il suo primo investitore ($ 500.000) molto prima della sua valutazione di $ 15 miliardi, dandogli un forte ritorno di un miliardo.

Thiel è noto come un investitore esperto con un “tocco d’oro” che tende a investire piccole somme all’inizio adottando un approccio “pratico” con il management (scopri di più sulla sua strategia di investimento nel recente profilo WSJ di Thiel).

Oltre a Facebook, Thiel ha investito presto in alcuni dei più grandi marchi di Internet, tra cui: Yelp, Slide, LinkedIn e Friendster. Attualmente Peter Thiel gestisce l’hedge fund Clarium Capital, che gestisce $ 2 miliardi sotto gestione ed è anche un partner del Founders Fund, che ha recentemente raccolto $ 220 milioni per il suo secondo fondo. Ora, per la prima volta, Thiel sta scommettendo su una startup tecnologica israeliana, per essere il prossimo vincitore.

Globes riferisce che Thiel, insieme a un gruppo di investitori privati, ha raccolto $ 1,5 milioni per Hooja, una startup israeliana fondata nell’aprile del 2006 da Naama Moran, un ex socio dei Greylock Partners. Hooja funziona ancora in modalità invisibile (solo landing page) ma è noto per lo sviluppo di una tecnologia di ricerca unica che consente ai provider di contenuti di cercare informazioni personali e sociali nel deep web, inclusi i social network.

Uno degli investitori di Hooja descrive la tecnologia come “ricerca sociale”, fornendo sostanzialmente un posizionamento più elevato alle informazioni su cui è probabile che gli amici di un utente facciano clic.

Altri membri del consiglio di amministrazione
Gli altri membri del consiglio di amministrazione di Facebook oltre a Thiel sono Mark Zuckerberg stesso, il capitalista di venture capital ebraico Jim Breyer e infine Marc Andreessen.

Jim Breyer è anche membro del consiglio di amministrazione di Dell, Walmart e Marvel.

Jim Breyer

Marc Andreessen è il fondatore di Netscape (non ebreo?), Ma un uomo che lavora a stretto contatto con l’ebreo Ben Horowitz con il quale ha fondato Opsware.

Andreessen ha anche investito in Israel Israel Seed Partners diventando così partner e cooperando con Jonathan Medved, uno dei principali venture capitalist israeliani.

Quindi Andreesen – ebreo o no – è ben coinvolto nell’establishment Internet ebraico-israeliano.

Ben Horowitz

Nella nostra sezione su Google abbiamo descritto Sheryl Sandberg, una donna ebrea che era vicepresidente delle vendite e operazioni online globali.

Mentre il rabbino Levi Brackman e il giornalista Sam Jaffe scrivono nel loro libro “Jewish Wisdom for Business Success”, p. 2:

All’inizio del 2008, ha lasciato Google per diventare la seconda al comando di Facebook, l’emergente società di social network.

Il “secondo in comando di Facebook” ebraico Sheryl Sandberg è attualmente Chief Operating Officer. Come COO, Sandberg è responsabile per aiutare Facebook a scalare le sue operazioni ed espandere la sua presenza a livello globale. Sandberg in questa posizione gestisce vendite, marketing, sviluppo commerciale, risorse umane, politiche pubbliche, privacy e comunicazioni e riferisce direttamente al CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

Qui si può ripetere che Sandberg è sposato con un altro ebreo, David Goldberg, ex direttore della musica di Yahoo !.

Elliot Schrage

Un’altra recluta di Google è l’ebreo Elliot Schrage, ora Vice President of Communications, Public Policy e Platform Marketing su Facebook.

In questa posizione è responsabile dello sviluppo e del coordinamento dei messaggi chiave su prodotti, affari aziendali e partnership. Supervisiona inoltre la strategia di politica pubblica dell’azienda in tutto il mondo. In Google Schrage è stato Vice President of Communications and Public Affairs e nella nostra sezione speciale su Google abbiamo documentato come ha lavorato per promuovere la propaganda insieme al “Memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti” ebraico.

Un altro ebreo che ha avuto posizioni di influenza su Facebook è stato Justin Rosenstein, un ingegnere di spicco che è stato uno dei primi impiegati Facebook affogato da Google, dove è stato Product Manager, quando Facebook ha iniziato la sua ascesa nel 2007.

Sia Dusty Moskovitz. sia Rosenstein da allora hanno lasciato Facebook (2008) per avviare congiuntamente imprese Internet.

Ethan Beard è a capo della piattaforma di Facebook. In precedenza è stato direttore dello sviluppo aziendale. Prima di entrare in Facebook, è stato direttore dei social media di Google.


Facebook e Israele
Lo stato ebraico vede l’importanza negli ebrei di Internet come Mark Zuckeberg. Nel 2008 il giornale israeliano Ha’aretz riferì:


Facebook, i fondatori di Google parteciperanno alla conferenza di Gerusalemme a maggio
di Guy Grimland

Ha’aretz Corrispondente
 01/04/2008

Co-fondatore del colosso di Google Google, Sergey Brin, si unirà al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e al presidente di Yahoo Susan Decker a un panel presidenziale sulla tecnologia che si terrà al Jerusalem International Convention Center dal 13 maggio- 15.

Alla convention, che è stata formata su iniziativa del presidente Shimon Peres, parteciperanno anche numerosi leader politici, religiosi e finanziari israeliani, nonché personalità accademiche e culturali.

Il panel discuterà delle problematiche che la tecnologia deve affrontare nell’era odierna e nel futuro, in particolare per quanto riguarda l’impatto che avrà su Israele e il mondo ebraico.

Alla conferenza parteciperanno anche l’ex primo ministro britannico Tony Blair, così come il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, l’ex primo ministro della Repubblica ceca Vaclev Havel, il premio Nobel Eli Wiesel e il presidente della Georgia Michael Saakashvili

Qui vediamo come il giovane imprenditore ebreo Zuckerberg, con il collega ebreo Internet Sergey Brin, viene invitato nello stato ebraico a partecipare alle celebrazioni del 60 ° anniversario di Israele (che è stato il motivo per cui si è tenuto l’incontro) e per incontrare vertici sionisti.

(Va notato che Shimon Peres è un criminale di guerra. Nel 1996 è stato responsabile, come leader dello stato ebraico, del massacro di Israele di oltre 100 civili libanesi a Qana.)

L’11 marzo 2008, Nick O’Neill ha pubblicato un’intervista con Mark Zuckerberg in cui hanno toccato il tema dell’antisemitismo e di Internet:

recentemente Shimon Peres ha suggerito che israeliani ed ebrei in tutto il mondo usano Facebook per combattere l’antisemitismo oltre a invitando Mark Zuckerberg in Israele. Gli ho chiesto dei suoi pensieri su Facebook come strumento per combattere l’antisemitismo e se Facebook avrebbe adottato misure proattive per combatterlo.

Mark ritiene che Facebook debba concentrarsi sulla costruzione di utili strumenti di comunicazione e che gli utenti possano utilizzare questi strumenti per connettersi e generare prospettive più mondane. Pertanto Facebook non deve essere proattivo al riguardo.

Quando gli è stato chiesto se visiterà Israele l’anno prossimo, ha detto forse.

Mark Zuckerberg (a sinistra) con il collega cofondatore ebreo di Facebook Dustin Moskovitz (al centro)


Il primo utente di Facebook si è unito all’IDF
Un dettaglio abbastanza significativo è che il primo vero utente di Facebook, a parte i co-fondatori, è un ebreo, Arie Hasit (che porta l’ID URL di Facebook 7).

Hasit studiò con Zuckerberg ad Harvard e in seguito fece ciò che gli ebrei chiamano Aliyah in Israele, cioè si stabilì nella Palestina occupata secondo la Legge ebraica di ritorno. Da allora Hasit si è unito all’Unità dei portavoce delle forze di difesa israeliane, un’unità di propaganda / disinformazione dell’IDF.

Il giornale israeliano Ha’aretz ha pubblicato un pezzo su Hasit e Facebook 10/05/2009 (sottolinea di seguito aggiunto da Radio Islam):

Il compagno di stanza del fondatore di Facebook racconta la creazione del gigante di Internet
di Guy Grimland

Corrispondente Ha’aretz

Cinque anni fa, quasi nessuno aveva sentito parlare di Facebook. Oggi sembra che non ci sia nessuno in Israele o nel mondo che non abbia familiarità con il sito Web di social network, che ha recentemente superato la soglia dei 200 milioni di utenti. Si stima che Facebook valga $ 15 miliardi dopo che Microsoft ha acquistato l’1,6% di azioni dell’azienda per $ 240 milioni.

Arie Hasit, 26 anni, ha assistito alla nascita di Facebook. Condivise lo stesso appartamento di Mark Zuckerberg, il fondatore del sito, si unì alla stessa confraternita del college e fu testimone di prima mano della scalata iniziale della compagnia da un dormitorio all’avvio a una mega-mostruosità dominante sul web.

Hasit è cresciuto a Filadelfia. Sin da quando era giovane, sognava di immigrare in Israele, cosa che fece due anni fa. Oggi sta prestando servizio nell’unità portavoce delle forze di difesa israeliana. Ha scelto di arruolarsi per un anno e mezzo anziché per i sei mesi richiesti ai nuovi immigrati nella sua fascia di età. Israele non è estraneo a lui.

“Ogni estate ero nel campo estivo ebraico negli Stati Uniti Di tanto in tanto visitavo Israele”.

Dopo aver completato il liceo all’età di 18 anni, si iscrisse alla Harvard University, dove studiò la storia della Terra di Israele. “Pensavo che questo mi avrebbe reso più facile dopo essere arrivato in Israele”, ha detto Hasit. “I miei genitori pensavano davvero che avrei dovuto imparare i computer in modo da poter lavorare in alta tecnologia quando sono arrivato qui.”

Hasit ha concentrato i suoi studi sul genere hip-hop in Israele, argomento che sarebbe diventato l’argomento della sua tesi. Ha incontrato Mark Zuckerberg nel 2002 dopo essersi unito alla stessa confraternita che si è concentrata principalmente sulle attività all’interno della comunità ebraica.

“Abbiamo cenato insieme Shabbat”, ha detto Hasit. “Ogni anno abbiamo raccolto fondi per beneficenza in Israele. Mark era uno dei membri della confraternita, come molti altri studenti ebrei di Harvard.”

Hasit, che indossa un copricapo, afferma che il 25enne Zuckerberg sente un’affinità con l’ebraismo. “Si nutre di Yom Kippur”, dice Hasit di Zuckerberg. “A volte veniva alla Hillel House, un’organizzazione ebraica che gestiva varie attività”.

Hasit e Zuckerberg hanno stretto un’amicizia, anche se non erano gli amici più stretti. In seguito vissero insieme nei dormitori del college.

“A Mark è capitato di vivere nell’appartamento in cui vivevo nei dormitori”, ha detto Hasit. “Era in una stanza mentre io ero nell’altra. Questo era un grande appartamento, eravamo in sette studenti stipati in cinque camere da letto. Ci vedevamo ogni giorno per un certo numero di ore. Quando Mark si trasferì nei dormitori in cui ero già il mio terzo anno mentre era al suo secondo anno “.

Hasit afferma che Zuckerberg un giorno decise di costruire un sito Web che sarebbe servito come utilità per gli studenti di Harvard. “Ha costruito il sito per divertimento”, afferma Hasit. “Avevamo libri chiamati Face Books, che includevano i nomi e le immagini di tutti coloro che vivevano nei dormitori degli studenti. Inizialmente, ha costruito un sito e messo due immagini, o immagini di due maschi e due femmine. I visitatori del sito dovevano scegliere chi fosse “più caldo” e in base ai voti ci sarebbe una classifica “.

“Ha classificato solo le persone che hanno ricevuto il maggior numero di voti per essere belli, non tutti”, ha detto Hasit. “C’erano circa 1.000 persone in tutto. Entro quattro, cinque ore il sito è diventato così popolare che a un certo punto è diventato impossibile navigare in Internet sul server Internet di Harvard.

“Il giorno successivo, il capo dell’università ha negato a Zuckerberg l’accesso a Internet. La gente si è lamentata del fatto che Mark abbia usato le loro foto senza permesso. Si è scusato e alla fine l’università ha deciso di non espellerlo anche se c’erano colonne sul giornale del campus che sostenevano che quello che ha fatto è stato completamente improprio “.

L’acrobazia di Zuckerberg arrivò in un momento in cui gli studenti facevano appello all’università per sviluppare un sito Web che includesse le immagini e i dettagli di contatto degli studenti nei dormitori. Ora temevano che l’episodio di Zuckerberg avrebbe costretto l’amministrazione a scartare l’idea.

“Mark ha ascoltato questi motivi e ha deciso che se l’università non farà qualcosa al riguardo, lo farà, e costruirà un sito che sarebbe anche meglio di quanto l’università avesse pianificato”, ha detto Hasit. “Prima di fondare Facebook, ha creato il sito Course Match che ha permesso agli studenti di scoprire chi tra coloro che vivono nello stesso dormitorio stanno frequentando i corsi, in modo che possano formare gruppi di studio”.

Zuckerberg ha iniziato a sviluppare Facebook dal suo modesto dormitorio. Ogni visitatore che si è registrato al sito ha ricevuto un numero di serie. Il primo, il secondo e il terzo utente che hanno registrato occupano pagine fittizie. Il quarto utente era lo stesso Zuckerberg.

Il quinto utente è Chris Hughes, co-fondatore di Facebook, che è stato anche portavoce dell’azienda. Dustin Moskovitz, la terza parte del triumvirato fondatore del sito, occupa il sesto posto dell’utente. Moskovitz ha guidato lo staff tecnico di Facebook prima di lasciare la società per fondare una start-up nel 2008.

Hasit è il settimo utente registrato, che in pratica lo rende il quarto vero utente ad accedere a Facebook. “Spesso le persone mi chiedono come sono diventato il quarto utente. A volte glielo dico.”

“Mark è venuto da me il giorno in cui ha creato Facebook e mi ha detto: ‘Arie, ho costruito questo sito. Voglio che tu ti iscriva.’ Ed è così che mi sono iscritto a Facebook. Ho inserito una mia citazione preferita nel profilo. Ho specificato i miei libri preferiti, i corsi che seguo ad Harvard. Ho caricato una foto sul profilo. Non c’era nessun muro. Feed di notizie. Non c’erano troppe cose su Facebook, che ha iniziato la sua vita sul Web.

“Inizialmente Zuckerberg ha chiesto a un piccolo gruppo di persone di iscriversi a Facebook. A un certo punto ci ha detto di iniziare a invitare gli amici, ed è quello che abbiamo fatto il primo e il secondo giorno in cui il sito è andato sul Web. Potremmo solo invitare gli studenti iscritti ad Harvard. In effetti, se non si dispone di un indirizzo e-mail di Harvard, non è possibile accedere a Facebook.

All’inizio, decine di studenti di Harvard si sono registrati. I numeri raggiunsero quindi le centinaia e al quarto giorno avevano già raggiunto le migliaia. Le persone erano molto entusiaste del sito. Ha permesso loro di sapere chi ha seguito i corsi e di conoscere nuove persone. Ha conquistato Harvard. In meno di una settimana, circa 4.000 studenti si sono iscritti a Facebook. “

Hasit ricorda come Zuckerberg ha trascorso ore davanti al computer.

“Ha studiato computer e psicologia”, ha detto Hasit. “Nonostante abbia sviluppato Facebook, ha continuato i suoi studi come al solito. I suoi voti andavano bene. Aveva persino una relazione con una ragazza. Durante i primi giorni di Facebook, i muri nella sua stanza erano pieni di grafici e diagrammi che mostravano quante persone si sono unite su base giornaliera, chi ha utilizzato quale applicazione e chi ha più amici “.

“Dopo alcune settimane, ha deciso di aprire Facebook per un’altra università. Aveva due amici, uno a Stanford e l’altro a Dartmouth, a cui ha chiesto di promuovere il sito lì. Ha anche chiesto aiuto alla sua ex ragazza che era uno studente a Dartmouth “.

Facebook ha rapidamente attirato un seguito in altre importanti università.

“Ogni utente ha specificato a quale università apparteneva, ed è così che si è tenuto in contatto con altri studenti dell’università in cui ha studiato, ma tutte le reti erano sotto un unico sito Web.”

I grafici e i diagrammi nella sua stanza divennero grafici e diagrammi che includevano statistiche di tutte le università. Ad un certo punto ha ricevuto richieste da studenti di altre università che non erano su Facebook per aprire anche loro il sito.

Riepilogo
Quindi ora sappiamo che Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, “sente un’affinità con l’ebraismo” e ha “raccolto fondi per beneficenza in Israele”.

Nella prima storia di Facebook Zuckerberg fu assistito dall’ebreo Dustin Moskovitz e ottenne finanziamenti dall’uomo d’affari ebreo Peter Thiel, quest’ultimo un uomo con opinioni sioniste aperte e in contatto con l’establishment sionista. Thiel si è poi unito al consiglio di amministrazione di Facebook ed è attualmente – secondo The Guardian – “il vero volto di Facebook”.

Altri nomi importanti sono il membro del consiglio di amministrazione Jim Breyer e l’ebreo Sheryl Sandberg, il “secondo in comando di Facebook”.

E uno degli amici di Zuckerberg di Harvard – il suo compagno di stanza e il primo vero utente di Facebook – da allora si è trasferito in Israele e si è unito all’Unità di portavoce delle forze di difesa israeliana. Ciò rivela anche la mentalità delle persone in prossimità di Zuckerberg.

Sapendo che questo non è sorpreso dal fatto che l’arch-sionista Shimon Peres abbia invitato Zuckerberg in Israele nel 2008.

Qui forniamo collegamenti a ulteriori informazioni su Facebook:

  • The Guardian sugli ebrei dietro Facebook
    Guardian articolo che dà un’idea delle persone dietro Facebook, incluso il soldato ebreo Peter Thiel

  • La Jewish Jewish Defense Force “prende il controllo” dell’articolo anti-israeliano del gruppo Facebook
    di The Jerusalem Post

Wikipedia Che cos’è Wikipedia ? Wikipedia è un’enciclopedia su Internet che chiunque può modificare e aggiungere informazioni. Wikipedia afferma che i suoi articoli si basano su un “punto di vista neutrale” ma poiché sono gli esseri umani a scrivere gli articoli, ovviamente i contenuti sono stati rapidamente mescolati con la politica. Ad esempio, organizzazioni come la CIA hanno cercato di influenzare le voci (vedi “ Wikipedia ” della BBC mostra le modifiche alle pagine della CIA “) e le grandi aziende cercano di controllare le informazioni su se stesse. E Israele e il suo esercito di ebrei “cyber-soldato” di tutto il mondo stanno facendo lo stesso … Il progetto Wikipedia è finito nel controllo della ricerca studentesca su Internet.


La situazione è ora che la maggior parte dei soggetti su Google mostrerà Wikipedia come il migliore – o uno dei primi migliori risultati – e quindi Wikipedia otterrà la maggior parte dei successi.

E come mostrato nella nostra sezione su Google, questo motore di ricerca di Internet è nelle mani degli ebrei sionisti e collabora apertamente con le organizzazioni sioniste come ADL e l’Organizzazione sionista d’America (ZOA) per controllare le ricerche e censurare le informazioni e alcuni siti .

Ciò significa che, a parte Wikipedia, altri siti possono essere censurati quando si cerca su Google un determinato argomento.

Larry Sanger


I fondatori ebrei di Wikipedia – Galles e Sanger
Da tutte le informazioni disponibili sembra che Wikipedia sia stata avviata da due ebrei, uno un programmatore e l’altro un operatore “Sito per adulti”.

Le origini sono in un progetto chiamato Nupedia lanciato nel marzo 2000 da Jimmy Wales e Larry Sanger.

L’ebreo Jimmy Wales (in realtà James Wales, o anche noto come “Jimbo”), con ricchezze del suo tempo come commerciante di opzioni, divenne un imprenditore di Internet e decise di creare un’enciclopedia online gratuita. Ha reclutato l’ebreo Larry Sanger, che stava finendo un dottorato di ricerca. in filosofia presso la Ohio State University – che il Galles conosceva grazie alla partecipazione congiunta alle mailing list online e ai gruppi di discussione Usenet – per diventare il caporedattore pagato.

La società gallese Bomis, un portale di ricerca su Internet e un fornitore di “immagini erotiche” online (che presentano il rapporto Bomis Babe), hanno inizialmente scelto la scheda.

Il programmatore di computer ebreo Ben Kovitz è colui che ha suggerito a Larry Sanger, caporedattore di Nupedia, di trasferire l’enciclopedia online su un supporto wiki. Larry e Jimmy Wales accettarono e da quel momento Wikipedia rilevò Nupedia e divenne un enorme successo.

Larry Sanger, uno dei due cofondatori riconosciuti, è apertamente ebreo. Nei loro commenti su ciò che stanno facendo diversi ebrei famosi The Jewish Chronicle menziona Sanger in un articolo “Larry Sanger … crea una nuova Wikipedia”, The Jewish Chronicle, 26 ottobre 2006, p. 10. Il

Galles è attualmente responsabile. Sanger è partito nel 2002,

Jimmy Wales


Storia di
Jimmy Wales Jimmy Wales è di fatto il leader di Wikipedia e quindi esercita molta influenza. Time Magazine lo ha nominato nella sua lista del 2006 delle persone più influenti del mondo.

Breve storia: il Galles nato a Huntsville, in Alabama, frequentò l’esclusiva scuola di preparazione di Randolph e proseguì l’università dell’Alabama. Il Galles si laureò e divenne un commerciante di futures a Chicago. Successivamente ha aperto Bomis, un sito Web per “Contenuti per adulti”, seguito da Nupedia, trasformato in Wikipedia.

Il Galles è il tesoro della folla ebraica di Harvard, essendo membro del Berkman Center for Internet and Society, della Harvard Law School.


Che cos’è Bomis.Com ?
Fondamentalmente “Bomis” è un sito per adulti, avviato dal Galles.

Il sito web presentava reti generate dagli utenti e che, secondo The Atlantic Monthly (settembre 2006),

“si è trovato posizionato come il Playboy di Internet”.

Per un certo periodo la compagnia vendette fotografie erotiche e Galles descrisse il sito come un “motore di ricerca orientato verso i ragazzi”.

Jimmy Wales con le ragazze di Bomis


una ragazza Bomis – finanzia Wikipedia

Dipendenti ebrei
Nomi come Jeremy Rosenfeld (un impiegato di Bomis), Benjamin Kovitz, Seth Cohen, punteggiano il panorama del personale tecnico.

Interventi di modifica del Galles
Va notato che sebbene Wikipedia affermi di professare un “punto di vista neutrale”, il dizionario online ha persino visto interventi diretti del suo proprietario Jimmy Wales sui suoi contenuti. L’Herald Sun riporta il 30 giugno 2009, nell’articolo “Le modifiche di Wikipedia hanno aiutato a liberare David Rohde”:

IL New York Times ha lavorato con Wikipedia per mantenere le notizie sul rapimento di uno dei suoi giornalisti in Afghanistan dall’enciclopedia online modificata dall’utente.

Il reporter del New York Times David Rohde, che è stato rapito dai talebani a novembre,

Numerose organizzazioni giornalistiche, tra cui Agence France-Presse, su richiesta del New York Times, hanno concordato di non denunciare il rapimento per motivi di sicurezza.

Tenere lontane le notizie da Wikipedia era un’altra cosa, diceva il Times.

Diceva che in almeno una dozzina di volte, i redattori degli utenti hanno pubblicato notizie del rapimento su una pagina di Wikipedia sul signor Rohde, solo per averlo cancellato.

Più volte la pagina è stata congelata, impedendo ulteriori modifiche, ha detto.

“La sanificazione è stata uno sforzo di gruppo, guidato da Jimmy Wales, co-fondatore di Wikipedia, insieme agli amministratori di Wikipedia e alle persone al Times”, ha detto il giornale.

“Siamo stati davvero aiutati dal fatto che non era apparso in un posto che considereremmo una fonte affidabile ”, ha detto il Galles al Times.

“Avrei avuto un momento davvero difficile con esso se avesse avuto. ”

Il Times ha affermato che due giorni dopo il rapimento del 10 novembre, Michael Moss, reporter investigativo del Times e amico del signor Rohde, ha modificato la voce di Wikipedia del signor Rohde per sottolineare che il suo lavoro poteva essere visto come simpatico per i musulmani, come il suo rapporto su Guantanamo e la sua copertura del massacro di Srebrenica dei musulmani bosniaci.

Disse che il giorno successivo, un utente non identificato, citando un rapporto dell’agenzia di stampa afgana, aveva modificato la voce sul signor Rohde e menzionato il rapimento. Mr. Moss ha eliminato la menzione e l’utente l’ha prontamente ripristinata, aggiungendo una nota per protestare contro la rimozione, ha detto il Times.

Ha detto che il Times alla fine ha raggiunto il Galles e Wikipedia ha messo un blocco indefinito e quindi un blocco temporaneo delle modifiche alla pagina.

“Non avevamo idea di chi fosse”, ha dichiarato Wales, l’utente non identificato che ha effettuato le modifiche.

Ha detto che non vi era alcuna indicazione che l’utente avesse malinteso.

Il Times ha affermato che il signor Galles stesso ha sbloccato la pagina dopo la fuga del 19 giugno dal signor Rohde e dal suo interprete, Tahir Ludin.

Interessante qui è vedere che le persone dovrebbero essere tenute al buio del “deterioramento della sicurezza” e delle realtà di ciò che sta accadendo nell’Afghanistan occupato. Invece Wikipedia aiuterà a disinfettare l’immagine.

Il direttore di Wikimedia Sue Gardner in Israele 2009

Il capo di Wikipedia, Gardner, va in Israele – riceve consigli
Il giornale israeliano Ha’aretz riferisce il 04/05/2009 su come Sue Gardner, direttore esecutivo della Wikimedia Foundation che gestisce Wikipedia, abbia partecipato a un incontro in Israele – una conferenza dell’Accademia 2009 di Wikipedia – organizzata dai sostenitori israeliani di Wikimedia e dal Netvision Institute for Internet Studies dell’Università di Tel Aviv.

Ha’aretz scrive:

Redattori di Wikipedia: la copertura di Israele “problematica”
di Cnaan Liphshiz

La copertura di Wikipedia su questioni relative a Israele è “problematica”, affermando domenica alla Conferenza dell’Accademia di Wikipedia del 2009 che i principali ricercatori di Internet israeliani si occupano della più grande enciclopedia del mondo. La conferenza è stata organizzata dal capitolo Israele su base volontaria di Wikimedia e dal Netvision Institute for Internet Studies dell’Università di Tel Aviv. Tuttavia, il principale responsabile del sito Web ha affermato che riflette semplicemente il discorso pubblico.

Nel dimostrare ciò che ha definito problemi, Eli Hacohen, il direttore dell’Istituto, ha mostrato come Hamas non è definita un’organizzazione terroristica nel primo paragrafo che descrive l’organizzazione sul sito inglese dell’enciclopedia online modificata dal lettore, che è la quarta più grande al mondo sito Web popolare.

Hacohen ha anche documentato i suoi tentativi di definire il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, un negazionista dell’Olocausto. Ogni volta che includeva le sue osservazioni su Wikipedia, gli utenti e i redattori rimuovevano il riferimento, nonostante le frequenti e pubbliche smentite dell’Olocausto da parte di Ahmadinejad.

Su una voce correlata, Hacohen ha anche notato che Wikipedia definisce David Irving – un noto negazionista dell’Olocausto – come storico, sebbene le sue credenziali non siano riconosciute da nessuno tranne lui stesso. Inoltre, la voce di Wikipedia sull’operazione Cast Lead di gennaio a Gaza lo descrive come un “intenso bombardamento” da parte di Israele su una popolazione civile.

Dror Kamir, uno dei principali promotori di Wikipedia in Israele, ha mostrato come Lod non sia elencato come una città in Israele nella versione in lingua araba di Wikipedia.

Alla conferenza, che ha discusso del ruolo di Wikipedia nel mondo accademico, ha partecipato anche Sue Gardner, direttore esecutivo della Wikimedia Foundation, che gestisce Wikipedia. Gardner ha detto a Haaretz di essere “abbastanza a suo agio” con gli errori sul sito Web. “So che più o meno gli stessi errori si possono trovare sul New York Times”, ha spiegato.

Prima del suo discorso alla conferenza, ha definito Wikipedia come “solo un altro mezzo di informazione mainstream”. Wikipedia, Gardner ha detto, “non dirà mai nulla come Wikipedia. Citerà solo fonti relativamente rispettate, compresi altri media. Quindi è naturale che Wikipedia rifletta il discorso pubblico mentre fluttua, e le notizie sono la prima bozza della storia”.

Durante la sua prima visita in Israele, Gardner ha spiegato che il suo atteggiamento derivava dalla sua struttura di riferimento come giornalista nel suo nativo Canada, incluso un periodo come direttore del sito Web della Canadian Broadcasting Corporation.

Il capo di Wikipedia viaggia quindi nella terra del popolo eletto per essere insegnato su come Wikipedia può essere migliorata quando divulga informazioni su Israele / Ebrei.

Per una raccolta di immagini di questo evento tra Wikipedia e Israele, vedi qui .

Sue Gardner in Israele 2009, Eli Hacohen a destra

Il principale editore di Wikipedia va anche in Israele
David Shankbone, caporedattore di Wikipedia, è stato invitato dal Ministero degli Esteri del governo israeliano per aiutare a lucidare l’immagine di Israele:

Di Photo Editing Israele immagine in linea
da Sharon Udasin

Staff Writer
The Jewish Week

03/04/2009

[…]

Ma David Saranga, console dei media del Consolato Generale di Israele a New York, ha in programma di combattere. Dopo aver lanciato una campagna pro-Israele attraverso Twitter.com durante la guerra di Gaza e portando lo scorso anno la rivista Maxim in Israele, afferma che sta reclutando il meglio del settore per rinnovare l’immagine online di Israele.

Tra poche settimane, porterà sei esperti americani di nuovi media a fotografare Israele, con fondi del Consolato e del Ministero degli Affari Esteri israeliano.

[…]

Tuttavia, Saranga afferma che l’iniziativa, si spera, abbatterà le foto della distruzione molto più in basso negli elenchi, dietro le foto della normale vita quotidiana israeliana. E poiché ha arruolato autorità di Internet come David Shankbone, redattore senior di Wikipedia con il nome di penna, Saranga pensa che ci siano buone probabilità che rimarranno tali.

Shankbone – il cui vero nome è David Miller – visitò Israele per la prima volta nel dicembre 2007, quando Saranga condusse un gruppo di giornalisti in un tour degli sviluppi ad alta tecnologia e ambientali del paese. Tutto sommato Shankbone stima di illustrare oltre 4.000 articoli di Wikipedia con le sue fotografie.

“L’idea è quella di creare un corpus di lavori che non solo Wikipedia possa utilizzare ma che il pubblico in generale possa utilizzare”, ha affermato.

Shankbone non è ebreo, ma ha affermato di aver appreso ampiamente del conflitto israelo-palestinese a scuola. Mentre si considera un sostenitore di Israele, Shankbone non intende trasformare Wikipedia in un sito Web sionista e considera la guerra di Gaza come una situazione in bianco e nero: Israele ha il diritto di rispondere, ma la sua modalità di attacco non era senza colpa.

Tuttavia per Shankbone, lo scopo della sua spedizione fotografica non è documentare le conseguenze della guerra.

“Le persone vogliono parlarti di altre cose oltre ai missili”, ha detto.

Idealmente, Shankbone ha detto che gli piacerebbe finire nelle centrali solari nel deserto del Negev o in una città del sud come Eilat, perché ha trascorso gran parte del suo tempo a nord durante il viaggio precedente.

“Mi piacciono particolarmente le piccole città, perché ho la sensazione che chiunque possa venire a Tel Aviv e Gerusalemme”, ha detto Shankbone.

Sui siti open-source, gli utenti possono aggiungere e rimuovere i contributi di altre persone come ritengono opportuno, solo un amministratore può eliminare definitivamente i post dal database di archiviazione, Wikimedia Commons. Nei suoi tre anni di lavoro come editore di Wikipedia, Shankbone ha affermato di essere stato attento a evitare di inserire le proprie posizioni politiche e che i lettori hanno raramente modificato il suo contenuto. La sua collezione rimane la più grande Creative Commons – una piattaforma di condivisione dei dati basata sul Web – comunità di fotografi generata da una persona, ha detto.

[…]

Il critico Oboler, tuttavia, si chiede se “far emergere persone come Shankbone aiuterà direttamente l’attività di base, antisraeliana e spesso antisemita che si svolge online.”

“Quello che farà sarà aiutare nella lotta per i cuori e le menti online “, ha detto. “Anche questo impegno proattivo è importante.”

“Certamente non sarà il proiettile d’argento” concordò Shankbone. “Offre a Wikipedia l’opportunità o la responsabilità di presentare l’accuratezza”.

E mentre Saranga spera di cambiare la percezione del mondo di Israele a lungo termine con il supporto di ogni consolato israeliano americano, riconosce che, realisticamente, i risultati non saranno immediati.

“Alla fine della giornata, una singola attività non cambierà le percezioni; una singola attività non cambierà le critiche generate dalla guerra di Gaza “, ha detto. “Ma ciò che è importante è creare una massa critica di attività positive che miglioreranno l’immagine di Israele”.

The Jerusalem Post scrive sulla stessa storia:

Il principale editore di Wikipedia a visitare Israele
di Herb Keinon
The Jerusalem Post

8 dic 2007

In riconoscimento dell’importanza che l’enciclopedia Internet Wikipedia ha nel plasmare l’opinione, il Ministero degli Esteri porterà uno dei suoi principali redattori, David Shankbone, in Israele la prossima settimana.

Mondo Secondo un comunicato del ministero, Shankbone ha realizzato dozzine di interviste a personalità statunitensi per Wikipedia, tra cui candidati presidenziali, leader religiosi, rockstar e giornalisti. Shankbone visiterà nel quadro di una delegazione di scrittori di tecnologia portata in Israele dal Ministero degli Esteri e dalla Lega dell’Amicizia America-Israele.

Spiegando la logica per portare Shankbone in Israele, David Saranga, il portavoce del consolato di New York, ha dichiarato: “Più di una volta abbiamo affrontato redattori collegati a Israele che appaiono su Wikipedia in inglese che non rappresentano la realtà in Israele. Noi ha deciso di avviare una visita di Shankbone per descrivere la realtà israeliana così com’è “.

Wikipedia, secondo il ministero degli Esteri, è l’ottavo sito web più grande del mondo, con circa 60 milioni di visitatori al giorno o circa 14.000 colpi al secondo.

David Shankbone – il cui vero nome è David Miller – ha scritto lui stesso durante il suo viaggio nella sua pagina utente privata su Wikipedia :

Israele
Sono andato in Israele per espandere la rappresentazione fotografica di qualità di Wikipedia e la copertura di articoli relativi a Israele.

Il mio viaggio è stato riportato sulla loro stampa:

  • Jerusalem Post

  • Il blog ufficiale di Israele

  • Haaretz

Ho anche scritto una serie di articoli sul viaggio per Wikinotizie. Ho intervistato il loro presidente, Shimon Peres, ho pranzato con il presidente del Technion e ho discusso della filosofia di Wikipedia a cena con Yossi Vardi. Ecco il primo.

E se ne hai la possibilità, dai un’occhiata all’energia solare in Israele, che ho scritto di recente.

Di seguito una galleria di immagini che ho scattato durante il viaggio.

Ed ecco una bella foto di Shankbone-Miller con Shimon Peres:

David Shankbone (Miller) di Wikipedia con criminale di guerra israeliano

Shimon Peres – l’uomo dietro il massacro di Qana di oltre 100 civili libanesi nel 1996

L’intervista di Shankbone a Peres è apparsa sul giornale israeliano Yedioth Aharonoth (qui parte dell’articolo, riprodotta dal sito del governo israeliano ):

WikiPeres
di Itamar Eichner
Yedioth Aharonoth

24 dicembre 2007, p.12

Un presidente di valore: Peres è il primo leader a essere intervistato per il sito di notizie di Wikipedia

Il presidente della nazione ha dimostrato di nuovo ieri che, nonostante l’età avanzata, non ha bisogno di essere imbarazzato di fronte a politici molto più giovani di lui. Shimon Peres è il primo leader mondiale a rilasciare un’intervista all’enciclopedia online Wikipedia.

L’intervista con Peres sarà pubblicata sul sito di Wikipedia, Wikinotizie e le sue dichiarazioni saranno integrate in vari articoli in tutta l’enciclopedia.

Per oltre un’ora, Peres è stato seduto con uno dei redattori senior di Wikipedia, David Shankbone. Shankbone, che venne in Israele con una delegazione di giornalisti, si rivolse al console israeliano per i media e gli affari pubblici a New York, David Saranga, e chiese di programmare un’intervista con il primo ministro Ehud Olmert e il presidente Peres.

Con sorpresa di Shankbone, fu Peres che decise di riprendere il guanto e concedere un’intervista alla popolare enciclopedia. Wikipedia è l’ottavo sito Web più popolare al mondo in termini di traffico giornaliero.

All’inizio dell’intervista, Shankbone disse a Peres,

“Abbiamo controllato tra i navigatori di Internet di età inferiore ai 30 anni e abbiamo scoperto che sei il leader più popolare e più riconoscibile al mondo.”

Peres ha usato l’intervista per un aspro attacco all’Iran.

“L’economia iraniana non può sostenere il programma atomico”, ha detto, “e il mondo deve decidere se è pronto per le armi nucleari a cadere nelle mani dei terroristi”.

A Peres fu chiesto il suo parere sulla generazione più giovane di israeliani.

“I giovani di 14-15 e 16 anni devono partecipare alla determinazione del futuro del mondo”, ha spiegato il Presidente. “Se dipendesse dagli adulti, vorrebbero che i bambini continuassero a ballare la hora o cantare canzoni slave, ma i giovani non ascoltano e non dovrebbero farlo. Oggi le giovani donne indossano anche abiti più audaci di quanto non facessero in passato e non c’è problema dato che sembrano più belle. ”

Il console Saranga ha detto ieri sera,

“Era importante per il ministero degli Esteri che parte dell’intervista fosse dedicata a soggetti diversi dal conflitto [con i palestinesi]”.

Da allora l’intervista è apparsa su Wikinotizie – “la fonte di notizie gratuita” – come era destinata ad essere, e può essere letta su:


Shankbone-Miller tornerà in Israele
Nel suo blog 2008/07/31 Shankbone-Miller scrive che tornerà in Israele:

David Shankbone tornerà in Israele per Wikimedia
da David Shankbone Lo

scorso dicembre sono andato in Israele dove ho pranzato con Yitzhak Apeloig, il presidente della loro prima università, Technion, e ho intervistato il loro presidente e vincitore del premio Nobel per la pace Shimon Peres (foto, giusto).

Nei prossimi mesi tornerò in Terra Santa per una spedizione fotografica di una settimana. Dagli studenti di Haifa ai delfini di Eilat; dai vigneti delle Galillee ai beduini del Negev; Mi impegnerò in un documentario fotografico sul popolo e sul paesaggio di Israele.

L’obiettivo è quello di creare un corpus completo di immagini del paese con licenza come contenuto gratuito, il che significa che il mio lavoro sarà disponibile a tutti via Wikimedia per usi sia commerciali che non commerciali.

Guarda questo blog per gli aggiornamenti.

Nel suo blog 2009/03/04 Shankbone scrive di più sul suo nuovo viaggio in Israele, a cui verrà affiancato,

“Baronessa dei social media, Tamar Weinberg, e suo marito fotografo”.

“Il console David Saranga del ministero degli Esteri israeliano […] è stato determinante nel mettere insieme il viaggio”:

Il mio viaggio in Israele è stato coperto nella Settimana ebraica
di David Shankbone


Sharon Udasin ha recentemente scritto nella Settimana ebraica della mia imminente spedizione fotografica di Israele per i beni creativi.

Sempre sull’aereo ci sarà la baronessa dei social media, Tamar Weinberg, e suo marito fotografo. L’itinerario non è fissato, ma ho richiesto un’intervista per Wikinotizie. Poiché l’attenzione è rivolta alla fotografia, la maggior parte dei miei scritti si svolgerà su questo blog dove spero di documentare l’esperienza. Il console David Saranga del ministero degli Esteri israeliano, che ha guidato l’attacco del suo paese sui social media, è stato determinante nel mettere insieme il viaggio.

Il mio obiettivo qui sarà quello di documentare non solo i monumenti e le strutture pubbliche che ogni turista documenta, ma anche le comuni caratteristiche quotidiane della vita e del paesaggio. Città come Tel Aviv e Gerusalemme non invocano media gratuiti (anche se possono sempre usare scatti di qualità più professionale). Invece, luoghi come la valle di Arava, i kiryat e i kibbutz hanno bisogno di copertura.

Voglio catturare la vita al di fuori dello scopo di un fucile. Che non tutti gli israeliani siano armati, vivano in macerie o schivando missili si perde in una narrativa mediatica che filtra tutto attraverso il conflitto. La speranza è quella di ottenere scatti del paese non tipicamente ottenuti da turisti e fotoreporter.

La piccola città e l’Israele rurale hanno tutto l’appello per me.


Altri trucchi per controllare le informazioni in Wikipedia
Ma non è sufficiente corrompere i nomi più importanti di Wikipedia per la causa di Israele. Gli studenti ebrei, pagati dalle borse di studio Hasbara del governo israeliano, si mobilitano per modificare Wikipedia in modo filo-israeliano.

Le immagini e il testo sottostanti provengono da una newsletter di Hasbara del maggio 2007.

Hasbara è un’istituzione israeliana che offre borse di studio a studenti ebrei di tutto il mondo e li aiuta anche a organizzare “Israele Advocacy”, cioè Israele-propaganda.

Raccomandiamo inoltre di leggere i seguenti articoli:

  • Jimmy Wales conta i soldi
    Il piano di un gruppo filoisraeliano di riscrivere la storia su Wikipedia

  • CAMERA che organizza una campagna segreta a lungo termine per infiltrarsi nella popolare enciclopedia online
    Wikipedia si unisce al “gioco censura”

  • esempio di come gli attivisti ebrei di Internet lavorano per eliminare le informazioni che non amano la
    censura online di Israele – Cosa fanno BLOGGER, YOUTUBE, FACEBOOK,

  • e WIKIPEDIA hanno in comune? – link esterno
    di Irish4Palestine, 21/02/2009

  • Il ministero degli Esteri vuole “conquistare” l’
    articolo Internet dal sito israeliano YNet su un’offensiva fotografica del governo israeliano su Wikipedia, Wikimedia, Facebook, Twitter e Flickr


  • Fotoritocco dell’immagine online di Israele Il governo israeliano invita l’editore di Wikipedia Shankbone ad aiutare la pro-israelizzazione di Wikipedia


Yahoo !

Yahoo! in mani ebraiche
L’ebreo Terry Semel era CEO della società di motori di ricerca Yahoo! tra il 2001 e il 2007. Durante il suo periodo come Yahoo! Il CEO Semel ha usato la sua posizione per impressionare i suoi compagni ebrei.

Yahoo Jew Terry Semel

 

Ad esempio Semel a forma di capo di Yahoo è apparso come uno dei principali oratori della Jewish Community Federation all’incontro di San Francisco, il 25 gennaio 2006, secondo la homepage dell’organizzazione:

300 donatori JCF si sono riuniti presso la Julia Morgan Ballroom per kibbutz e costruire una rete ebraica di professionisti. Altoparlante in primo piano Yahoo! Il CEO Terry Semel ha tenuto un discorso coinvolgente e personale, condividendo le sue opinioni su filantropia e leadership.

Terry Semel parla alla Jewish Community Federation di San Francisco

Il sito ebraico Jweekly.com scrive sull’evento:

L’amministratore delegato di Yahoo parla di filantropia, lavoro di squadra all’evento JCF
venerdì 17 febbraio 2006
di Maureen Earl, corrispondente

Con oltre 420 milioni di utenti in tutto il mondo, Yahoo può vantare un posto di spicco nel settore Internet. Ma non è sempre stata una navigazione fluida per l’azienda con sede a Sunnyvale.

Quando il presidente e CEO di Yahoo, Terry Semel, nativo di Brooklyn, ebreo, arrivò per la prima volta in azienda nel 2001, aveva appena perso $ 98 milioni con un fatturato di $ 717 milioni. Semel era determinato a rimettere Yahoo nel nero.

La sua strategia ha funzionato. L’anno scorso Yahoo ha guadagnato $ 1,2 miliardi con un fatturato di $ 5,3 miliardi, e quei 420 milioni di utenti non sono male.

Il 25 gennaio Semel ha indirizzato 300 donatori alla Federazione della comunità ebraica con sede a San Francisco, che si sono riuniti per la prima colazione del Consiglio per la leadership aziendale del JCF.

Semel, una volta una delle figure più potenti di Hollywood e ora uno dei leader più importanti nella tecnologia di Internet, ha iniziato il discorso principale annunciando che non era una persona mattiniera.

“Preferisco prendere un’ora per riflettere e recuperare la mattina”, ha detto.

Parlato piano ma autorevole, Semel ha discusso dell’importanza della filantropia negli affari.

“Affari e filantropia vanno di pari passo”, ha detto. “Vengo da una famiglia a basso reddito a Brooklyn, ma all’età di 10 o 12 anni mi è già stata insegnata l’importanza del dare.

” Devi iniziare i bambini da quei giovani in modo che diventi un’abitudine. Per realizzare le cose devi anche dare. All’inizio forse con il tempo, poi con i soldi, e infine anche con entrambi se ne hai la possibilità. “All’età di 10 anni era un dollaro dalla sua indennità; oggi Semel non pensa più su piccola scala.

” Ora penso a termini di centinaia di milioni “, ha detto,” ma gli stessi principi si applicano sia che si tratti di un’organizzazione filantropica a due persone che di un gigante come Yahoo “.

Tikkun Olam, che ripara il mondo, è il modo in cui Semel opera sia nella filantropia che negli affari.

Ha ricordato come, da giovane ambizioso che lavorava come apprendista alle vendite alla Warner Bros. a metà degli anni ’60, il suo capo sarebbe arrivato urlando e urlando a tutti.

“Lì e poi ho deciso di non farlo. Il modo in cui le persone vengono trattate è vitale.”

Semel, che si laureò nel 1964 con una laurea in contabilità presso la Long Island University, divenne presidente e CEO di Warner Bros.

Durante la sua carriera di 24 anni lì, Semel e il suo partner commerciale, Robert Daly, hanno contribuito a trasformare l’azienda in uno dei più grandi media media del mondo, generando quasi $ 11 miliardi di entrate totali da aziende in 50 paesi.

Nel 1999, Semel e Daly premettero le mani sul cemento bagnato fuori dal leggendario teatro cinese Mann di Hollywood. Con i dirigenti così immortalati nella tradizione di Hollywood, la cerimonia ha segnato l’ultimo giorno di lavoro per i due alla Warner Bros.

Nel maggio 2001, dopo una pausa di 18 mesi, Semel è entrato in Yahoo come CEO e presidente immediatamente dopo il crollo delle dot-com in Silicon Valley.

“Stavo cercando una sfida. Non ho preso la posizione per i soldi”, ha detto.

Che lo cercasse o no, Semel ha incassato $ 403 milioni esercitando le opzioni di Yahoo e vendendo azioni. Possiede ancora azioni e opzioni per un valore di oltre $ 230 milioni.

Il merito del successo di Yahoo, ha detto Semel, va al suo staff e alla sua pratica di squadra.

“Si tratta sempre di una squadra. Nessuno vince se si basa su un atleta da stella. L’ideale della superstar non ti porterà al Super Bowl, non è sostenibile. Deve essere la squadra. E noi [di Yahoo] ci piacciamo davvero – adoriamo la sfida “.

L’anno scorso Yahoo ha aggiunto 220 persone al mese e ora ne impiega circa 10.000. Daniel Rosensweig, Chief Operating Officer di Yahoo, ha dichiarato:

“Terry è un Brooklynite nel cuore. Si aspetta un nuovo combattimento ogni giorno.”

Una delle maggiori sfide che Semel deve affrontare è quella di adattare l’azienda per adattarsi alle mutevoli preferenze degli utenti.

“Il grande cambiamento nella tecnologia è che eravamo soliti programmare qualcun altro per noi”, ha detto. “Qualcun altro ha programmato la televisione, quindi hai guardato ciò che era acceso quando era acceso. Internet ha trasformato l’utente in programmatori: vogliamo ciò che vogliamo, quando vogliamo e lo otteniamo.”

Il venerdì sera, Semel si imbarca sul suo jet privato a Sunnyvale e ritorna nella sua famiglia e a casa a Bel Air per il fine settimana.

Lì è in grado di rilassarsi per un paio di giorni sapendo di aver contribuito a far diventare Yahoo un’azienda che ha la più ampia portata globale di qualsiasi sito Internet.

Non squallido per un uomo che, prima di entrare in Yahoo, si era raramente avvicinato a un computer.

Semel può reindirizzare costantemente l’attenzione alla sua squadra, ma è molto un individuo. “Non sarei riuscito se non fossi stato fedele a me stesso. Non avrei mai voluto essere il ragazzo che guarda indietro e dice ‘Vorrei averlo fatto, fatto quello'”, ha detto.


Riassumendo la pre-Yahoo di Semel! carriera
Prima di Yahoo! – come affermato nell’articolo sopra – Semel ha lavorato a Hollywood dove ha trascorso 24 anni alla Warner Bros.

In qualità di presidente e amministratore delegato, Semel e il suo partner hanno trasformato l’azienda in una delle più grandi imprese di intrattenimento del mondo. Prima di Warner Bros., Semel era responsabile della divisione di distribuzione teatrale di Walt Disney ed è stato anche responsabile della divisione di distribuzione teatrale della CBS.

Terry Semel è amico di Arnon Milchan, produttore ebreo di Hollywood con connessioni al Mossad, ed è stato uno degli invitati al Milchan Israel Party 2008, un partito organizzato dal consolato israeliano ( The Jewish Journal, 25 settembre 2008 ).


Altro Yahoo! Ebrei
L’ebreo israeliano Andrei Broder , laureato presso il Technion Institute di Israele, è vicepresidente per la ricerca e la pubblicità computazionale su Yahoo! Ricerca.

Broder è anche Chief Scientist del gruppo Advertising Technology di Yahoo. In precedenza ha lavorato per AltaVista come vicepresidente della ricerca e per IBM Research come ingegnere illustre e CTO dell’Istituto di ricerca e analisi del testo di IBM.

David Goldberg è stato vicepresidente e direttore generale della musica di Yahoo! Inc., dall’acquisizione di LAUNCH Media, Inc. da parte di Yahoo! nell’agosto 2001. David Goldberg è sposato e ha figli con Sheryl Sandberg, il capo ebreo di Internet precedentemente con Google e attualmente “secondo in comando” su Facebook (vedere la nostra lunga voce su di lei nella nostra sezione Google).

Goldberg ha lasciato Yahoo! nel 2007.

L’ingegnere israeliano Udi Manber, anch’egli laureato presso l’Istituto israeliano Technion e che descriviamo in modo più approfondito nella nostra sezione su Google, era capo scienziato di Yahoo! dal 1998 al 2002. Manber si è poi unito ad Amazon.com dove è diventato “capo degli algoritmi capo” e vicepresidente. Successivamente è stato nominato CEO della consociata Amazon A9.com, dove ha guidato il lavoro del motore di ricerca A9 della società.

Nel 2006, è stato assunto da Google come uno dei loro vice presidenti di ingegneria.

Andrei Broder


David Goldberg


Udi Manber

Yahoo! e Israel
Semel era in Israele durante gli eventi festivi del 2008, per celebrare il 60 ° anniversario di Israele.

Semel è apparso come relatore alla “Conferenza del Presidente” di Shimon Peres in Israele il 15 maggio, sul tema “La rivoluzione di Internet e dei nuovi media”, insieme al co-fondatore e presidente ebreo di Google Sergey Brin. Semel era qui per rappresentare il suo post-Yahoo! società Windsor Media, di cui è presidente e CEO.

Susan Decker, l’attuale presidente di Yahoo! Inc., ha anche partecipato e parlato alla conferenza di Israele del 2008. Decker è la persona che ha assunto la presidenza su Yahoo! direttamente dopo Semel.

Il giornale israeliano Ha’aretz scrive:


Facebook, i fondatori di Google parteciperanno alla conferenza di Gerusalemme a maggio
di Guy Grimland

Ha’aretz Corrispondente
01/04/2008

Co-fondatore del colosso di Google Google, Sergey Brin, si unirà al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e al presidente di Yahoo Susan Decker a un panel presidenziale sulla tecnologia che si terrà al Jerusalem International Convention Center dal 13 maggio- 15.

Alla convention, che è stata istituita su iniziativa del presidente Shimon Peres, parteciperanno anche numerosi leader politici, religiosi e finanziari israeliani, nonché personalità accademiche e culturali.

Il panel discuterà delle problematiche che la tecnologia deve affrontare nell’età di oggi e nel futuro, in particolare per quanto riguarda l’impatto che avrà su Israele e il mondo ebraico.

Alla conferenza parteciperanno anche l’ex primo ministro britannico Tony Blair, così come il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, l’ex primo ministro della Repubblica ceca Vaclev Havel, il premio Nobel Eli Wiesel e il presidente della Georgia Michael Saakashvili

Altri partecipanti sionisti all’incontro furono Rupert Murdoch e Maurice Levy, quest’ultimo un potente ebreo francese con un’enorme potenza nel settore della pubblicità (Publicis, Saatchi e Saatchi) e un uomo molto dedito alla promozione dell’immagine di Israele.

L’incontro è stato moderato dal “guru della tecnologia” israeliano Yossi Vardi, che Yahoo! aveva già rapporti d’affari (vedi sotto).

La “Conferenza del Presidente” ha immaginato altri discorsi di fedeli sionisti come il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak e agenti “americani” di Israele come Dennis Ross ed Henry Kissinger.


E la collaborazione tra Yahoo! e Israele approfondisce
Di seguito tre articoli di Ha’aretz sull’argomento:

Yahoo! La presidente Susan Decker si interessa a Israele
di Haaretz Staff e Channel 10

18 maggio 2008

Susan Decker, presidente di Yahoo! Incorporata, ha visitato Gerusalemme la scorsa settimana per partecipare alla Conferenza presidenziale del 2008.

Decker sovrintende a uno dei siti Web più famosi al mondo, con oltre 400 milioni di pagine visualizzate ogni giorno. È la seconda dirigente femminile più pagata negli Stati Uniti, con 14.000 persone che lavorano sotto di lei.

Decker suggerisce che Yahoo! esemplifica il fatto che il soffitto di vetro che le è stato risparmiato appartiene al passato.


Gigante di Internet Yahoo! a seguire i rivali Google, Microsoft in Israele
di Raz Smolsky e Maayan Cohen
Ha’aretz

14/01/2008

Gigante di Internet Yahoo! sta arrivando in Israele, e non solo attraverso la rete.

La compagnia sta portando la sua battaglia per la sopravvivenza contro Google e Microsoft in Israele su due livelli. Aprirà un centro di ricerca e sviluppo ad Haifa e entrerà anche qui per la prima volta nella sezione dei contenuti dell’azienda attraverso un accordo di cooperazione con Walla !, che è in parte di proprietà di Haaretz.

Yahoo! sta seguendo Google, che ha istituito centri di ricerca e sviluppo a Tel Aviv e Haifa, oltre a creare un centro di marketing che si occupa anche di accordi sui contenuti congiunti con i portali israeliani. Nel frattempo, Microsoft ha creato una filiale di vendita e marketing a Ra’anana, nonché centri di ricerca e sviluppo a Tel Aviv e Herzliya.

Yahoo! sta ora negoziando spazi per uffici nel parco ad alta tecnologia Matam di Haifa; e dovrebbe aprire il suo centro di ricerca entro pochi mesi.

Google ha preso il via in Medio Oriente con il suo centro di ricerca e sviluppo di Haifa nel luglio 2006, nonostante la Seconda Guerra del Libano a quel tempo; il centro è stato il primo nella regione e solo il quarto al di fuori degli Stati Uniti. Altre società ben note nel parco industriale di Matam includono Intel, Microsoft, Elbit e Zim.

La prima incursione di Yahoo! nel mercato dei contenuti israeliano si basa su un accordo strategico siglato con il portale Walla !. L’obiettivo è minacciare per la prima volta l’egemonia di Google nel mercato della ricerca israeliana e la vera sfida è competere nella pubblicità basata sulla ricerca.

In base all’accordo a lungo termine firmato tra Yahoo! e Walla !, la tecnologia e i database verranno da Yahoo !, ma il motore di ricerca sarà marchiato come Walla! Cerca, il nome del motore attuale di Walla!

Solo sei mesi fa è stato riferito che Walla! stava negoziando con Google nel mercato della ricerca, ma non è mai stato raggiunto un accordo. Google di solito collabora con un motore di ricerca locale fornendo la tecnologia e le pubblicità, mentre i ricavi sono divisi.

Il comune Walla! -Yahoo! venture continuerà a utilizzare la piattaforma AdVantage di Walla! Ciò consentirà a Walla! per continuare a gestire la pubblicità stessa e riceverà una percentuale maggiore delle entrate rispetto a un accordo che includesse anche la pubblicità, come quella proposta da Google.

Secondo Walla! CEO Ilan Yeshua:

“La ricerca e la pubblicità nel settore dei risultati di ricerca sono tra le più in crescita nel mondo e anche in Israele. L’accordo con Yahoo! ci consente di offrire ai navigatori di Walla! Un eccellente prodotto di ricerca … per l’utente israeliano. L’accordo aiuterà Walla! Ad aumentare la sua quota di mercato nel mercato della pubblicità basata sulla ricerca.

L’esistenza di un altro attore forte nel settore della ricerca e della pubblicità testuale contribuirà alla competitività, sia nell’esperienza di ricerca che nella gamma di possibilità disponibili per gli inserzionisti. “

Yahoo! e Walla! in precedenza aveva discusso della cooperazione tecnologica in passato, ma non è emerso nulla di grave. Il precedente management di Walla !, sostituito nel 2006, non era mai stato disposto a consentire agli estranei di condividere i propri ricavi pubblicitari.

La pubblicità israeliana su Internet è stata stimata in 90 milioni di dollari nel 2007, il 10% della torta pubblicitaria totale. Di questa cifra, la pubblicità sui motori di ricerca ha richiesto circa la metà, $ 40-50 milioni, la maggior parte dei quali è andata a Google.


Yahoo acquista FoxyTunes senza vendite per $ 40 milioni
da Guy Griml
Ha’aretz

05 febbraio 2008

Yahoo, il colosso di Internet che Microsoft vuole subentrare, si sta preparando per il suo secondo investimento israeliano: FoxyTunes, di proprietà degli imprenditori Vitaly e Alex Sirota. L’importo esatto non è stato annunciato, ma fonti vicine alla situazione dicono che la compagnia andrà tra $ 30 milioni e $ 40 milioni.

I fratelli Sirota, nuovi immigrati dalla Russia, sono i grandi vincitori dell’accordo, insieme a Yossi Vardi e un gruppo di investitori privati ​​dagli Stati Uniti. Gli investimenti iniziali nell’azienda sono stimati in pochi milioni e i fratelli guadagneranno un totale di $ 15 milioni.

[…]

“Entreremo a far parte di Yahoo Entertainment e distribuiranno la barra degli strumenti FoxyTunes a quante più persone possibile.”

Altro sull’attore ebreo di Internet Semel …
Semel è attualmente nel consiglio di amministrazione della Polo Ralph Lauren Corporation, dell’Emerson College e del Museo Guggenheim.

Ma continua ancora il suo passatempo preferito, che descrive in un’intervista in lingua ebraica su The Globe israeliano, come:

Sono principalmente impegnato nella ricerca di aziende interessanti per acquistare e investire, e sono certo che ne sentiranno parlare nei prossimi anni.

Anche la figlia di Terry, Courtenay Semel, è sotto i riflettori.

Il sito ebraico Jewtastic scrive:

Semel rivela che è stata la prima amante gay ebrea di Lohan
dallo staff di Jewtastic
il 18 agosto 2008

Lindsay Lohan ha intrapreso una relazione lesbica segreta con l’aspirante attrice Courtenay Semel prima di incontrare Samantha Ronson [ebrea] Samantha Ronson.

Semel – la figlia dell’ex Yahoo! CEO Terry Semel – insiste che è stata la prima amante gay della star di Mean Girls.

Ma lei afferma che hanno tenuto segreta la loro relazione a causa della paura dell’attrice di uscire nel mondo.

Lei disse:

“Tutti pensano che Samantha sia il primo amore lesbico di Lindsay, ma siamo stati molto appassionati fino a quando la sua paura di essere scoperto non ci ha separato. All’epoca era terrorizzata che la sua carriera sarebbe finita se avesse rivelato le sue tendenze sessuali. Ma poi Samantha è entrata in scena e sono stato lasciato cadere. “


Terry Semel sta eseguendo la classica posa “senza palmi”



MySpace

MySpace è un sito di social network con una rete interattiva di amici, profili personali, blog, gruppi, foto, musica e video inviati da utenti per adolescenti e adulti a livello internazionale.


Co-fondatore e presidente ebraico
Il progetto MySpace è stato supervisionato da Brad Greenspan (fondatore, presidente e CEO di eUniverse), che ha gestito Chris DeWolfe (CEO iniziale di MySpace), Josh Berman, Tom Anderson (presidente iniziale di MySpace) e un team di programmatori e risorse fornite da eUniverse.

Ebrei noti in questo lotto sono Anderson, Greenspan e Berman.

Come scrive un blogger ebreo:

il sito web è stato co-fondato da Tom Anderson. Sebbene il cognome di Tom rifletta l’eredità scozzese di suo padre, lui e sua madre sono ebrei ed è cresciuto in una famiglia ebrea messianica.

Josh Berman, l’altro co-fondatore ebreo di MySpace.com, è stato anche Chief Operating Officer dell’azienda.

Il presidente Tom Anderson (a destra) e Chris DeWolfe (a sinistra)

Vice presidenti ebrei tra cui un paracadutista israeliano (riserve)
Un altro ebreo, Richard Rosenblatt , era ex presidente di MySpace e si guadagnò così il titolo di “guru di MySpace”.

L’ebreo Travis Katz è attualmente capo internazionale di MySpace e vicepresidente senior (2009).

Richard Rosenblatt

Travis Katz 


Josh Brooks

Tra gli altri nomi di vicepresidenti senior abbiamo Shawn Gold, l’israeliano Nimrod Lev (ex paracadutisti israeliani e intelligence militare) e Josh Brooks.

Non sappiamo se Steve Pearman sia ebreo.

Un altro ebreo – con intuizioni politiche – è Jeff Berman che è entrato in MySpace nel 2006 come Senior Vice President of Public Affairs. Nel 2007, Berman è stato promosso Direttore Generale di MySpaceTV (http://myspacetv.com), dove ha supervisionato il lancio della piattaforma video globale dell’azienda. Lì ha collaborato con gli ebrei dei media Michael Eisner, Marshall Herskovitz ed Edward Zwick.

Nel 2008 Berman è stato nominato vicepresidente esecutivo per il marketing e i contenuti di MySpace, responsabile dello sviluppo e dell’implementazione di iniziative e campagne di marketing per oltre 110 milioni di utenti in tutto il mondo. Berman riferirà quindi al CEO e co-fondatore di MySpace, Chris DeWolfe.

Prima di entrare in MySpace, dal 2001 al 2005, Berman è stato Chief Counsel del senatore ebreo americano Chuck Schumer e direttore dello staff della sottocommissione per la supervisione amministrativa e le corti.

Jeff Berman

Ebreo di MySpace con approfondimenti politici

MySpace e la sua società madre eUniverse (ora ribattezzata Intermix Media) sono state acquistate nel luglio 2005 per 580 milioni di dollari dalla News Corporation dell’arcion sionista Rupert Murdoch.

Murdoch è un fanatico pro-israeliano. Nella rivista ebraica 15 minuti, numero 26, 1 luglio 2001, si potrebbe leggere:

[Murdoch] ha spiegato in una cena al Museo del patrimonio ebraico al Waldorf-Astoria che,

“Ho sempre creduto nel futuro di Israele e negli obiettivi della comunità ebraica internazionale”.

MySpace e Israele
Il giornale israeliano Ha’aretz scrive, 09 gennaio 2007:

Ehi, startup israeliane – MySpace ti vuole
da Lior Haner

Anche se la maggior parte degli imprenditori israeliani afferma di voler sviluppare le loro startup in grandi aziende, desidera segretamente offerte generose di acquisto dall’estero – e potrebbe persino preferire lavorare come vicepresidenti senior in una società americana .

Entrambi questi desideri sono stati concessi all’imprenditore seriale israeliano Nimrod Lev, 35 anni, che ha fondato KSolo nel 2005, lo ha venduto la scorsa estate a Fox Interactive Media e ora lavora come vice presidente senior di Fox.

Fox Interactive è di proprietà del conglomerato multimediale News Corp. e possiede il famoso sito Web MySpace Internet. Lev è attualmente in viaggio per Israele e parlerà alla convention del Israel Management Center questa domenica 7 gennaio, dove i partecipanti sceglieranno il CEO high-tech dell’anno 2006.

L’attuale visita di Haner è la prima in Israele da quando ha venduto KSolo e non nasconde le sue intenzioni di trovare più imprenditori israeliani su Internet per il dipartimento delle acquisizioni di Fox. “Se c’è un’azienda che può beneficiare del MySpace di FOx, preferirei trovarlo in Israele che altrove”, spiega Lev.

Nonostante il suo background israeliano e il fatto che ci siano altri israeliani che potrebbero aiutare le aziende a penetrare nel mercato americano, Lev insiste sul fatto che a causa delle lacune e dei problemi culturali nella comprensione reciproca, qualsiasi azienda che vuole avere successo all’estero ha bisogno di una presenza locale.

Questa settimana Lev spera di incontrare rappresentanti di diverse compagnie israeliane i cui prodotti sono nelle loro fasi iniziali, per formare legami tra loro e Fox. Lev ritiene che il prossimo grande campo ad alta tecnologia combini Internet e i servizi di telefonia cellulare, ma non ha rivelato quali compagnie israeliane ritenga abbiano il miglior potenziale o con chi sta incontrando. Nel frattempo, ha raccolto elogi per le aziende Internet più affermate e familiari, come Jajah, Oberon Media e Quigo Technologies.

Pensa anche che la più grande azienda underachieving degli ultimi anni sia Babylon, lo sviluppatore di dizionari interattivi, che secondo Lev avrebbe potuto avere molto più successo.

Durante la sua visita, Lev condividerà la sua esperienza e riferirà la storia della sua ascesa ai vertici dell’industria americana di Internet.

Lev ha iniziato come editore nel portale Internet israeliano Walla nel 1996, un lavoro che ha ottenuto dopo aver curato il giornale studentesco al College of Management di Tel Aviv.


Lanciare la freccia di Cupido
Nel 1999 Lev lasciò Walla per unirsi a Zion Madmon, il fondatore di cupid.co.il, per aiutare a promuovere quella società e svilupparla all’estero, iniziando così il suo viaggio verso Internet americano.

“Abbiamo fondato JCupid, che ha unito le forze con JDate”, ricorda Lev. “Nel 2004, Cupido è stato venduto a Spark Networks, che gestisce JDate. Questa è stata la mia prima uscita e ho subito iniziato a cercare il mio prossimo progetto e sono rimasto negli Stati Uniti. La cosa successiva si è rivelata essere KSolo.”

KSolo, gestito dagli sviluppatori israeliani di Cupido e guidato da Lev a New York, è un sito per il canto e la registrazione del karaoke.

Lev afferma che il suo segreto per il successo non è lo sviluppo di qualcosa che pensa che gli utenti desiderino, ma qualcosa di cui gli utenti hanno bisogno. Il prodotto non deve essere collegato al successo di altri siti o al background personale dell’imprenditore.

“Non ero più scapolo quando ho iniziato a creare matchmaking sul Web e non avevo alcuna connessione con il karaoke quando ho fondato KSolo, ma mi è sembrato un prodotto necessario. Non si deve sempre inventare la ruota. Si può prendere qualcosa che funziona bene nel mondo reale e adattalo a Internet. È il caso delle due società che ho fondato “, afferma.

“Alla KSolo, abbiamo firmato un accordo con tutti i principali detentori del copyright delle canzoni in America e condividiamo le entrate con loro”, aggiunge Lev, aggiungendo che nell’era di Internet, i contenuti sono stati finora considerati la cosa principale.

“Bisogna capire che negli ultimi due anni, l’utente è diventato il punto focale”, continua Lev “, e sono gli utenti che controllano il contenuto”.

Il percorso di Lev verso l’accordo Fox è iniziato come quello di molti imprenditori di Internet, con una campagna di raccolta fondi da parte di investitori privati.

“Gli investitori erano americani”, riferisce Lev. “È più facile raccogliere fondi negli Stati Uniti Dipende dal progetto, ma di solito gli israeliani trovano più difficile spendere soldi. È qualcosa nel loro sangue. Le valutazioni del mercato israeliano sono più basse, perché gli israeliani sono stati bruciati più severamente dallo scoppio del bolla ad alta tecnologia.

Dato che il mercato Internet americano era molto più avanzato, molte aziende avevano già avuto delle uscite, mentre in Israele l’industria è crollata un attimo prima che le società chiudessero accordi, e il pungiglione della precedente esperienza influenza le decisioni degli investitori fino ad oggi. “

Nell’estate del 2006, circa un anno dopo che KSolo andò in onda, Lev ricevette una telefonata da Tom Andersen, uno dei dirigenti della Fox, che era anche presidente di MySpace.

Aveva scoperto una registrazione di karaoke da un utente di KSolo sul sito personale dell’utente su MySpace.

“I negoziati [con Fox] sono stati rapidi e molto seri”, ricorda Lev. “Per alcune settimane ho partecipato a numerosi incontri, in cui [i rappresentanti Fox] mi hanno spiegato esattamente cosa volevano. Hanno mostrato un livello di perseveranza e determinazione che non avevo mai incontrato prima e che non avevo perso tempo, qualcosa di fondamentale per le startup “.

Lev non ha rivelato quanto ha ricevuto per l’azienda, ma ha commentato che gli investitori hanno ricevuto un buon ritorno sul loro denaro. Dopo la vendita, Lev è stato nominato vice presidente senior della Fox, dove continua a essere responsabile delle operazioni di KSolo.

La Jewish Virtual Library ha scritto nel loro articolo sulla connessione di Lev Nimrod di MySpace con l’esercito israeliano :

Ironia della sorte, è stato la guerra, non l’amore, a preparare Lev per la sua carriera e ha rafforzato la sua convinzione nel promulgare la fede ebraica attraverso i matrimoni ebraici.

Il servizio militare è obbligatorio in Israele: le donne servono due anni e gli uomini tre. Lev, tuttavia, decise di servire cinque: tre anni come paracadutista in un’unità di combattimento e poi due anni a capo di un’unità di intelligence incentrata sulla tattica antiterroristica.

Oggi è un capitano nelle riserve.

“Quando cammini per 60 miglia con 40 sterline su di te, tutto il resto sembra facile”, dice.

“Vorrei che i giovani non dovessero passare attraverso questo. A questa età – dopo il diploma di scuola superiore – dovrebbero pensare a inseguire date non a inseguire terroristi.

Ma so che fino a quando non troviamo la pace, tutti devono contribuire alla sicurezza di Israele. Difendiamo Israele, quindi gli ebrei di tutto il mondo avranno un posto dove sentirsi al sicuro. Questo è uno dei motivi per cui dobbiamo fare tutto il possibile per riunire gli ebrei “.

Lev Nimrod

The Guardian su come il Foreign Office israeliano cerca di promuovere Israele tramite MySpace:

Israele cerca amici attraverso MySpace
di Bobbie Johnson

corrispondente di tecnologia
The Guardian

Sabato 24 marzo 2007

Una donna di Gerusalemme di 58 anni non è una tipica utilizzatrice di MySpace – il sito di social network estremamente popolare è abitato principalmente da persone di almeno 30 anni più giovani.

Ma il profilo che sta leggendo è un profilo con una differenza: rappresenta l’intero stato di Israele. I funzionari sperano che la gestione di una pagina MySpace dedicata a Israele contribuirà a migliorare le relazioni con persone di altri paesi e ad aumentare la consapevolezza e la comunicazione con i minori di 35 anni.

L’idea appartiene a David Saranga, un diplomatico con sede presso il consolato israeliano a New York. Saranga ha affermato che le ricerche hanno dimostrato che l’immagine di Israele tra i giovani non è buona e che, raggiungendo uno dei siti più famosi di Internet, è in grado di riparare alcuni dei danni.

“Abbiamo visto che abbiamo avuto un problema con la fascia di età dai 18 ai 35 anni. La ragione è che questo gruppo non vede Israele come rilevante. Dobbiamo parlare con loro nella loro lingua, nelle piattaforme che usano e nei nuovi media è uno dei modi per farlo “, ha detto.

La pagina è rivolta in particolare ai giovani americani, che rappresentano una larga parte degli utenti di MySpace. Da quando il Sig. Saranga ha creato la pagina, “Israele” ha raccolto 963 amici da tutto il mondo, inclusi personaggi immaginari come l’agente segreto televisivo Jack Bauer e l’eroina Principessa Leia di Star Wars, così come, si dice, gli attori di Hollywood George Clooney e Leonardo Di Caprio.

Le pagine includono immagini di città israeliane e musica che invita il pubblico a mettere in discussione il ciclo della violenza e a “porre fine a questa guerra santa”. Tra le altre iniziative di Saranga ci sono un blog chiamato “isRealli” e una stazione TV su Internet.

Shawn Gold di MySpace

Articolo di Prison Planet.com sul “cyber trojan horse” dell’arcion sionista Murdoch:

MySpace è il cavallo di Troia della censura di Internet – L’ultimo sforzo faticoso dell’élite dei media per salvare l’impero fatiscente
di Paul Joseph Watson e Alex Jones

Prison Planet.com

16 marzo 2006

MySpace non è bello, non è alla moda e non è alla moda. Rappresenta un cyber trojan e l’ultimo sforzo ansimante dell’élite dei media per rivendicare il controllo di Internet e affondarlo con una stretta stretta di regolamentazione, controllo e censura.

Dall’acquisizione da 580 milioni di dollari di MySpace da parte di Rupert Murdoch nel luglio 2005, è passato dall’oscurità totale all’essere l’ottavo sito Web più visitato al mondo, ricevendo la metà delle hit di pagina di Google, nonostante il fatto che alla prima apparizione sembri un Scrapbook e scribble book di 5 anni.

MySpace è il nuovo telefono cellulare. Se non disponi di un account MySpace, appartieni a una sorta di sottoclasse culturalmente evitata.

Ciò che la maggior parte dei wendy alla moda rimane beatamente inconsapevole è il fatto che MySpace è l’ascia di battaglia di Rupert Murdoch per plasmare un futuro ambiente Internet in cui il dissenso elettronico, sia esso contro società o governo, non sarà tollerato e la libertà di e-speech cesserà di esistere.

MySpace è stato sorpreso a chiudere blog critici su se stesso e su altre società di proprietà di Murdoch. Hanno anche avuto l’audacia di censurare i collegamenti a siti Web completamente diversi facendo clic su MySpace. Quando 600 utenti di MySpace si sono lamentati, MySpace ha eliminato il forum del blog su cui sono stati pubblicati i reclami. Ispirandosi alla Cina comunista, MySpace utilizza regolarmente la censura generale per bloccare parole come “Dio”.

All’inizio di questa settimana Rupert Murdoch ha suonato il campanello mortale per le forme di media convenzionali affermando che l’élite dei media stava perdendo il monopolio della diffusione rapida e gratuita delle nuove tecnologie di comunicazione. Murdoch ha sottolineato la necessità di riguadagnare il controllo di questi sbocchi per evitare che l’Impero dei media dell’establishment si sgretoli.

MySpace è il cavallo di Troia di Rupert Murdoch per aver distrutto la libertà di parola su Internet. È una chiave di volta fondamentale della prima ondata del contraccolpo dello stato sul danno che un Internet libero e aperto ha arrecato ai loro organi di propaganda. In primo luogo rendendolo cool, di tendenza e culturalmente d’élite per milioni di persone che affollano backbone Internet controllate dallo stabilimento come MySpace, Murdoch sta preparando le basi per il giorno in cui smetterà di essere volontario e diventerà obbligatorio utilizzare hub Internet controllati da monopoli governativi e aziendali.

Il gioco finale è un sistema simile o peggiore della Cina, in base al quale nessun sito web anche leggermente critico nei confronti del governo sarà autorizzato.

Il Pentagono ha ammesso che si sarebbero impegnati in una guerra psicologica e in attacchi informatici ai siti Internet “nemici” nel tentativo di chiuderli. Il fatto che il programma di sorveglianza della NSA abbia spiato 5.000 americani ci dice che il nemico è i media alternativi e che sarà preso di mira per l’eliminazione. A un giudice è stato ordinato da Google di consegnare informazioni sui suoi utenti al governo degli Stati Uniti.

La seconda ondata di distruzione della libertà di parola online tenterà semplicemente di scartare le persone dall’uso di Internet convenzionale e di forzare le persone verso Internet 2, un centro regolamentato dallo stato in cui sarà necessario ottenere l’autorizzazione direttamente da un FCC o da un ufficio governativo per istituire un sito web.

Internet originale verrà quindi trasformato in un database di sorveglianza di massa e in uno strumento di marketing.

La rivista Nation ha riferito,

“Verizon, Comcast, Bell South e altri giganti della comunicazione stanno sviluppando strategie per tracciare e archiviare informazioni su ogni nostra mossa nel cyberspazio in un vasto sistema di raccolta e marketing dei dati, il cui ambito potrebbe competere con la National Security Agency.

Secondo i white paper attualmente in circolazione nelle industrie via cavo, telefoniche e delle telecomunicazioni, quelli con le tasche più profonde – società, gruppi di interesse speciale e principali inserzionisti – otterrebbero il trattamento preferito.

I contenuti di questi fornitori avrebbero la massima priorità sui nostri schermi di computer e televisivi, mentre le informazioni considerate indesiderabili, come le comunicazioni peer-to-peer, potrebbero essere relegate su una corsia lenta o semplicemente eliminate. “

L’Internet originale sarà deliberatamente soggetto a crash su crash fino a quando non diventerà una carcassa inutile di spazzatura troppo costosa e la sua reputazione sarà contaminata dai baroni della TV e dei media che incasseranno su Internet 2 perfettamente ottimizzato, il gratuito per tutte le reti che ti richiedono solo su thumbscan per accedere! A coloro che hanno un livello di sicurezza inferiore al giallo sulla propria carta d’identità nazionale sarà purtroppo negato l’accesso.

I siti web che parlano di incitamento all’odio (quelli che parlano della corruzione del governo) saranno censurati per il miglioramento della società.

Per l’aspirante dittatore, Internet è uno strumento pericoloso che è stato preso dal nemico. Abbiamo fatto molta strada dal 1969, quando ARPANET è stato creato esclusivamente per uso del governo degli Stati Uniti. Internet è il migliore amico della libertà e la rovina dei maniaci del controllo. La sua eradicazione è uno degli obiettivi a breve termine di coloro che cercano di centralizzare il potere e soggiogare il mondo sotto una prigione di panopticon di sorveglianza globale.

MySpace di Rupert Murdoch e la sua incessante promozione da parte dei media dell’establishment come la cosa migliore da quando il pane a fette fa parte di questo movimento. Nel dire tutto ciò incoraggiamo tutti a creare un account MySpace, ma solo se lo utilizzerai per colpire MySpace, Rupert Murdoch e copiare e incollare questo articolo proprio nella parte superiore della pagina!

Guarda quanto tempo manca prima che il tuo account venga chiuso.


eBay

La pagina di vanto ebraica scrive sul primo presidente ebraico di eBay, Jeff Skoll, nato in Canada:

Jeff Skoll non ha creato eBay, non ebreo Pierre Omidyar nel 1993.

Per Omidyar, nato da genitori francesi e iraniani, la creazione di un sito web di aste online è stato un progetto di hobby per il fine settimana della Festa del Lavoro. Per i suoi primi due anni, è stato semplicemente un sito Web gratuito che Omidyar ha gestito sulla sua home page insieme a molte altre sue creazioni. Durante i primi mesi, ha cercato di reclutare Skoll, un ebreo franco-canadese che ha incontrato attraverso amici, per diventare suo partner. Skoll lo rifiutò, scegliendo di rimanere alla Stanford Business School.

All’inizio del 1996, il fornitore di servizi Internet di Omidyar ha iniziato a fargli pagare $ 250 al mese per ospitare il sito. Omidyar è stato costretto a iniziare ad addebitare una commissione, che ha trasmesso agli utenti del sito in base al prezzo di vendita degli articoli d’asta. Quando i controlli iniziarono ad arrivare a Omidyar si rese conto che aveva bisogno di aiuto. Di nuovo, si avvicinò a Skoll.

Questa volta, dopo alcuni mesi di consulenza per eBay, Skoll ha firmato come primo impiegato a tempo pieno e presidente.

Print Friendly, PDF & Email