Erdogan: «Turchia e Ucraina riprenderanno la Crimea dalla Russia»

Erdogan ha annunciato la sua disponibilità a combattere con la Russia per il ritorno della Crimea.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rilasciato una dichiarazione inaspettatamente dura contro la Russia, dichiarando la sua disponibilità ad avviare un’azione militare contro la Federazione Russa per restituire le penisole di Crimea all’Ucraina

“La Turchia non riconosce la riunificazione della Crimea con la Russia”, ha detto venerdì il presidente della Repubblica Tayyip Erdogan a Istanbul in una conferenza stampa dopo i colloqui con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “La Turchia non ha riconosciuto e non riconoscerà l’annessione illegale della Crimea. Noi e l’Ucraina continueremo a sostenere i nostri fratelli tartari di Crimea, che sono un elemento importante dei legami storici e umanitari tra i nostri paesi. Sono in corso lavori per costruire alloggi per i nostri affini e un progetto di costruzione è in fase di attuazione. moschee a Kiev “, ha detto il presidente turco in onda sul canale televisivo TRT. Erdogan ricorda sempre la posizione di Ankara sulla Crimea dopo i colloqui con il presidente dell’Ucraina “ , – si legge nell’edizione russa” TASS “.
Подробнее на: https://avia.pro/news/erdogan-turciya-i-ukraina-zaberut-u-rossii-krym-obratno

Generale Delawarde spiega perchè Sion aiuta gli azeri.  Non più sottobanco.

Le rôle de l’État hébreu dans les coulisses de la crise Arménienne

Dominique Delawarde, è  il generale francese , già capo dello spionaggio elettronico e analista strategico per lo stato maggiore (Ancien chef «Situation-Renseignement-Guerre électronique» à l’État major interarmées de planification opérationnelle) di cui vale la pena di ascoltare le valutazioni.

Traduco letteralmente:

“Del ruolo primario della Turchia nella crisi tra Armenia e Azerbaigian” esordisce, “ i  media mainstream hanno parlato in abbondanza . Per contro sono rimasti estremamente silenziosi , sul ruolo altrettanto importante svolto dietro le quinte, da Israele

Tuttavia, questo ruolo non poteva sfuggire all’attenzione di un geopolitico o di un osservatore informato.Ci sono, naturalmente, i discretissimi voli che facevano la spola  tra Tel Aviv e Baku all’inizio di ottobre, che trasportavano non arance, ma armi sofisticate ( droni e missili). Una parte significativa delle armi azere è di origine israeliana. Va ricordato che l’Azerbaigian è il principale fornitore di petrolio di Israele e gli fornisce il 40% del suo fabbisogno. Questo basterebbe quasi a spiegare l’alleanza di fatto tra i due paesi, un’alleanza basata su una sorta di scambio “petrolio in cambio di armi”.Abbiamo registrato la discrezione delle cancellerie e dei media occidentali – sappiamo chi li controlla – sull’aperta ingerenza della Turchia, membro della NATO, contro l’Armenia, membro della CSTO (Treaty Organization). Sicurezza collettiva) insieme alla Russia. La coalizione occidentale ha protestato a parole; ha chiesto “moderazione” e “cessate il fuoco”, ma ha lasciato che la Turchia lo facesse senza denunciare davvero il suo imperialismo islamista, ora in tutte le direzioni (Siria, Iraq, Libia, Mediterraneo Orientale, Caucaso).

C’è anche  da segnalare la presa di posizione ufficiale di Zelensky, il primo presidente ebreo dell’Ucraina, a favore dell’Azerbaigian e contro l’Armenia. Questo presidente sarebbe stato certamente più taciturno nel suo sostegno se l’Azerbaigian fosse stato ostile allo Stato ebraico. Infine, c’è questa dichiarazione di Georges Malbrunot, grande inviato speciale Le Figaro, che ci dice in un tweet: “Conflitto in Nagorno-Karabakh: a parte la stazione del Mossad con sede in Azerbaigian per spiare l’Iran e la consegna di equipaggiamento militare a Baku, Israele sta addestrando le forze di sicurezza azere, afferma un diplomatico europeo che è stato in Azerbaigian”.

Perché lo stato ebraico si distingue oggi per la sua presenza e azione in questa regione del mondo accanto a Turchia, Azerbaigian e jihadismo islamista? 

Prima di tentare di rispondere a questa domanda, è necessario ricordare che l’attivismo di Israele sulla scena internazionale non è solo regionale, ma mondiale. Può essere diretto o indiretto. La sua impronta è spesso perfettamente identificabile nella politica estera dei principali paesi occidentali (USA, UK, FR, Canada, Australia), ma è anche in quasi tutti i grandi eventi che hanno condizionato l’evoluzione geopolitica globale degli ultimi anni. decenni:(guerre nel Vicino e Medio Oriente, rivoluzioni colorate e / o cambi  di regime di potere (o tentativi) soprattutto in Sud America (Brasile, Bolivia, Venezuela, Colombia, Ecuador) ma anche in Europa (Maïdan …) e in Nord Africa (Primavera araba, Hirak algerino).Da notare anche l’ingerenza più o meno aperta nelle elezioni dei grandi paesi della coalizione occidentale (USA, FR, UK, Canada, Australia) attraverso generosi finanziamenti dalla sua diaspora volti a promuovere candidati favorevoli ad essa e distruggere quelli che non lo sono. Questo attivismo pro-Israele opera attraverso una diaspora ricca, potente e organizzata.Questa diaspora colleziona posizioni di influenza e potere, “acquistate” nel tempo e nelle circostanze, all’interno degli apparati statali, dei media mainstream, delle istituzioni finanziarie e delle GAFAM. lei controlla. Il Mossad non è da meno e basa l’efficacia della sua azione sul sistema sayanim, perfettamente descritto da Jacob Cohen nella sua conferenza di Lione.

·         L’azione di questi supporti mira a difendere e promuovere gli interessi diretti e indiretti dello Stato ebraico sull’intero pianeta e ad allargare la cerchia dei paesi e dei governi che lo sostengono. Mira anche a indebolire coloro che vi si oppongono. È tenace, efficace e duraturo.

 Attenzione!  Il traduttore prende energicamente le distanze da queste affermazioni complottiste d’afrore antisemita, e le segnala a Informazione Corretta e  NewsGuard per le dovute censure.  Proseguiamo:

“Per vincere, lo Stato ebraico, come fa anche la NATO, non esita mai a stringere alleanze di circostanza, limitate nello spazio e nel tempo, con l’uno o l’altro dei suoi avversari (Turchia e jihadisti in Siria per esempio). Le sue azioni sono spesso “premeditate”, ” e “coordinate” con i suoi corrispondenti “neoconservatori” a Washington. Come ovunque, le bugie di stato e la doppiezza sono valuta comune …

Perché mettere benzina sul fuoco in un conflitto tra Azerbaigian e Armenia e perché ora?Tre dei principali paesi della regione, Russia, Turchia e Iran, sono direttamente colpiti da questo conflitto e dalle sue potenziali conseguenze, perché confinano con una delle due parti in guerra, e talvolta con entrambe. Israele, da parte sua, è interessato solo indirettamente, ma è lo stesso, come vedremo.Inoltre, questa regione del Caucaso è anche una “zona di attrito” tra alleanze che non apprezzano molto: la coalizione occidentale e la NATO, di cui Turchia e Israele giocano la spartizione, la CSTO (Organizzazione del Trattato di Collective Security) di cui fanno parte Russia e Armenia, e l’OCS (Shanghai Cooperation Organization) a cui sono legati Russia e Iran (per l’Iran, come membro osservatore e aspirante candidato da 15 anni) .A complicare le cose, il Primo Ministro armeno in carica, Nikol Pashinyan, ha ritenuto opportuno dover mostrare la sua preferenza per l’Occidente non appena entrato in carica e prendere le distanze da Mosca, il che mette il suo Paese in una posizione delicata per chiedere oggi aiuto dalla Russia.Lo scoppio della crisi attuale è, a mio avviso, un’operazione che va ben oltre il ristretto quadro di un conflitto territoriale tra Azerbaigian e Armenia. Si tratta di un’altra operazione – dopo Maidan in Ucraina, dopo la tentata rivoluzione colorata in Bielorussia e dopo i casi Skripal e Navalny – volta a fare pressione sulla Russia, ma anche sull’Iran, mettendoli in imbarazzo, per spingerli al passo falso.

È chiaro che qualsiasi intervento rapido e forte della Russia in questo conflitto sarebbe stato immediatamente condannato dalla “comunità internazionale autoproclamata” – vale a dire dalla NATO – e seguito dalla solita serie di sanzioni anti-russe, dagli USA, seguiti pedissequamente dai suoi vassalli europei. Non dobbiamo dimenticare che oggi la fine del gasdotto North Stream II rimane un obiettivo importante per gli Stati Uniti …La mancanza di una forte risposta occidentale alla crisi del Caucaso è di per sé rivelatrice su quattro punti:

  1. La difesa dell’Armenia non è una priorità per la coalizione occidentale. Il signor Nikol Pashinyan, primo ministro armeno, ha quindi sbagliato a scommettere sull’Occidente per la difesa del suo paese. La coalizione occidentale spesso delude i suoi alleati di circostanza come hanno fatto per i curdi in Siria …
  2. Il signor Aliyev, presidente di un Azerbaigian a maggioranza sciita, potrebbe un giorno pentirsi di aver introdotto i jihadisti sunniti nel suo territorio per combattere l’Armenia. Può anche rimpiangere la strumentalizzazione di cui è sottoposto da parte di Turchia e Israele, i cavalli di Troia della NATO. I suoi vicini russi e iraniani non lo perdoneranno facilmente.
  3. La Russia, il cui governo e diplomazia non sono nati ieri, non è  caduta a testa bassa, nella trappola dell’intervento immediato e muscoloso che potrebbe, dopo la tragicommedia “Navalny “, suonare la campana a morto per North Stream II.
  4. Israele e l’Occidente della NATO avranno guadagnato qualcosa continuando le loro azioni di molestie ai confini di Russia e Iran, strumentalizzando l’Azerbaigian e cercando di staccare l’Armenia dalla CSTO nel quadro di della strategia di espansione ad est che perseguono da trent’anni? Niente è meno sicuro. Il futuro lo dirà.
Israele per mantenere il vantaggio azero nella guerra del Karabakh  (https://asiatimes.com/2020/10/israel-to-maintain-azeri-edge-in-karabakh-war/)

A  questa analisi,  aggiungiamo informazioni che completano il quadro della crisi in corso:

Terroristi ex ISIS dalla Siria all’Azerbaigian

Secondo il Wall Street Journal del 14 ottobre 2020, centinaia di “ribelli siriani” stanno partendo per l’Azerbaigian assoldati dalla Turchia. Ciascuno riceverà uno stipendio da 7 a 10 volte superiore allo stipendio medio in Siria [1].I ribelli in partenza affermano di voler servire la Turchia, che è l’unico paese ad aiutarli ancora. La Turchia ha già trasferito 5.000 jihadisti dalla Siria alla Libia e almeno altri 1.000 in Azerbaigian. Diverse dozzine di loro sono già morte in Artsakh riportano avvisi di morte su siti jihadisti. La Russia considera questo afflusso di jihadisti nella sua area di influenza come una grave minaccia. Il 13 ottobre il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha telefonato al presidente Erdoğan, esortandolo a spiegare.

Un migliaio di questi terroristi si sarebbero  già arresi  in Karabakh

Se si deve credere al ministero degli Esteri armeno, l’esercito del Karabakh ha ottenuto un incredibile successo, circondando circa un migliaio di terroristi filo-turchi che sono arrivati ​​in Nagorno-Karabakh. Karabakh pochi giorni fa, costringendoli ad arrendersi incondizionatamente.La fonte riferisce che i miliziani hanno deciso volontariamente di arrendersi, perché nonostante le promesse della Turchia, non hanno ricevuto alcuna ricompensa.

Tutte le volte che Bibi  ha minacciato l’Iran di “annientamento nucleare”

(Reseau Voltaire)

l primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, si è pubblicamente vantato delle operazioni terroriste d’Israele contro l’Iran. Netanyahu ha minacciato di sabotare la vendita di petrolio dell’Iran e minacciato il suo popolo di annientamento nucleare.

Atti terroristici, sabotaggio economico e minaccia nucleare sono violazioni della Carta delle Nazioni Unite, ma Israele è l’unico Stato membro dell’ONU che non rispetta le regole, ormai da tre quarti di secolo.

  • Il 29 agosto 2018 Netanyahu si è pronunciato da Dimona, sito sotterraneo per lo sviluppo di armi nucleari, additando l’Iran e affermando che «sul piano militare Israele dispiegherà tutta la propria forza contro l’Iran», minacciandolo esplicitamente di aggressione e di «distruzione» nucleare.
  • Il 18 dicembre 2018 Netanyahu ha ammesso la presenza in Iran di agenti israeliani implicati in attività terroristiche e di spionaggio, aggiungendo che vi si recano con regolarità.
  • Il 6 marzo 2019, prendendo la parola alla base navale di Haifa, Netanyahu ha dichiarato che la Marina avrebbe svolto un ruolo più rilevante nel blocco del trasporto del petrolio iraniano, raccomandando che vi si ponga fine con qualsiasi mezzo.
  • Il 25 giugno 2019 Netanyahu ha dichiarato che Israele avrebbe preso «tutte le misure necessarie» contro gl’impianti nucleari iraniani.

Ricordiamo che il Consiglio di Sicurezza ha rimosso tutte le sanzioni contro l’Iran e che l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, dopo molte verifiche, ritiene che il programma nucleare iraniano sia soltanto civile.

La Luftwaffe si addestra in segreto alla guerra atomica

גרמניה

E’ uno  scoop della Bild: “L’aviazione tedesca si sta attualmente addestrando con i partner della NATO per difendere la zona dell’alleanza con armi nucleari”. Questa settimana è iniziata un’esercitazione militare segreta della NATO, chiamata Steadfast Noon. Vengono impiegati cacciabombardieri, che potrebbero essere armati di armi nucleari in caso di guerra.

“Quest’anno, la base aerea di Nörvenich nel Nord Reno-Westfalia sarà il luogo dell’esercitazione” e “che è considerata una possibile posizione alternativa per le armi nucleari tattiche statunitensi [bombe all’idrogeno statunitensi o bomba H] tipo B61, che, secondo informazioni ufficialmente non confermate, è immagazzinato a Büchel in Renania-Palatinato ”.”Allo stesso tempo, a Büchel si sta svolgendo l’esercitazione Resilient Guard, durante la quale l’aviazione [tedesca] si sta addestrando per difendere la base aerea da un attacco” e che “secondo la Bundeswehr, l’uso del sistema missilistico antiaereo Patriot è praticato su terreni difficili ”.Combattenti olandesi, belgi e italiani sono coinvolti nelle esercitazioni. Esperti militari affermano che le esercitazioni della Resilient Guard mirano ad addestrare, tra le altre cose, al trasporto sicuro di armi nucleari statunitensi dai depositi sotterranei all’aereo e alla sua struttura. Si sottolinea che le prove si svolgono senza i carichi.

Il presidente  Xi Jinping ha ordinato all’armata di essere pronta alla guerra

Il presidente cinese Xi Jinping ha invitato le truppe a “mettere tutte le loro menti ed energie nella preparazione per la guerra”, durante una visita martedì (13 ottobre) a una base militare nella provincia meridionale del Guangdong, secondo l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Durante un’ispezione da parte del Corpo dei Marines dell’Esercito popolare di liberazione nella città di Chaozhou, Xi  ha esortato i soldati a “mantenere un alto stato di allerta” e li ho invitati ad essere “assolutamente leali, assolutamente puri e assolutamente affidabili”. La visita militare arriva mentre le tensioni tra Cina e Stati Uniti rimangono ai livelli più alti da decenni, con disaccordi su Taiwan e la pandemia di coronavirus che creano forti divisioni tra Washington e Pechino. La Casa Bianca ha informato il Congresso degli Stati Uniti lunedì 12 ottobre che prevede di andare avanti con la vendita di tre sistemi d’arma avanzati a Taiwan, secondo un assistente del Congresso, incluso il sistema missilistico avanzato di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS).

Print Friendly, PDF & Email