FOSSIMO IN USA, SAREBBE IL PERFETTO “SOLITARY ASSASSIN”

Grazie allo sparacchiatore di Macerata, tutti i media  e i politici hanno potuto cancellare   dalla  prima pagina  il fatto  orribilmente vero e spaventoso:   un nigeriano pregiudicato, spacciatore di droga recidivo,  senza permesso di soggiorno,   con foglio di via di cui si è infischiato,  ha squartato una giovane donna (con una perizia da far pensare che al suo  paese o anche qui, l’abbia fatto più di una volta) strappandole prima gli organi  interni.

Un orribile crimine, con l’aggravante di essere un “femminicidio”, ma  le femministe non gridano contro l’assassino,ma contro Salvini.  Un orribile squartamento africano,  che incarna in sé l’atto di accusa diretto dell’inadempienza delle sinistre di governo.  Inadempienza e stupidità di Renzi e soci che hanno preteso   dalla UE che l’accoglienza fosse concentrata in Italia, furbissimi,  credendo (così ha  detto la Bonino) che il fenomeno fosse “transitorio”  e non strutturale  – quindi senza un briciolo di capacità di previsione e comprensione dei processi, il minimo che si deve esigere da  aspiranti  a governare uno Stato.  Inadempienza dei giudici  che fermano  e lasciano libero irresponsabilmente  un  simile personaggio che non ha nessun diritto di restare fra noi.  Inadempienza delle polizie (che sono le meno colpevoli).  Inadempienza dei servizi sociali.  Inadempienza e irresponsabilità delle istituzioni degradate, parassitarie, che hanno perso persino il ricordo del loro dovere essenziale verso gli italiani, specie i più deboli.

Una breve biografia dello squartatore illustra la somma delle colpevoli inadempienze del Sistema delle sinistre:

Del nigeriano, non abbiamo quasi nemmeno una foto…

L‘assassino di Pamela,  “Innocent” è arrivato in Sicilia il 26 agosto 2014 con un gommone. In Nigeria era un decoratore edile, dice lui. Nell’aprile 2015 entra nel progetto Sprar  (Servizio centrale del sistema di protezione dei richiedenti asilo), MACERATACCOGLIE. Partecipa a due corsi di formazione per pizzaiolo e saldatore. 
Sorpreso a spacciare ai minori, il 6 febbraio 2017 viene allontanato dal progetto, bocciata la sua domanda di asilo (niente galera..). Ma lui, nonostante il permesso di soggiorno scaduto da un anno, a Macerata mette radici: a Natale è nata SUA FIGLIA, NATA DA UN COMPAGNA ITALIANA (erede dei partigiani), mentre pende un ricorso sul diniego della richiesta di rifugiato.

 

E invece a chi si fa il processo? Alla Lega.  A Salvini. Gli strilli   mediatici sono tutti per il pericolo fascista rappresentato da questo Luca Traini,  “candidato della Lega”, “simpatizzante per Casa Pound e Forza Nuova”, che si fa prendere dopo essersi messo sulla spalle un tricolore  e fatto il debito saluto fascista.

Chi è questo sparatore? Un  semisquilibrato in cura psichiatrica. Seguito dai servizi sociali. Quindi noto alle “autorità”. Con il  permesso di possedere un’arma da  fuoco.

Se fossimo  negli Stati Uniti, direi che è questo il profilo tipico del “solitary assassin”  che di tanto  in tanto appaiono  e  sparano a un presidente o in un attentato “islamico”, ne abbiamo avuto  anche in Francia. Sempre così:   già noto ai servizi, squilibrati, in cura psichiatrica, con porto d’armi. Un Oswald che sparò a Kennedy  (o così si disse, perché il giorno dopo fu ammazzato), quel Sirhan Sirhan che sparò al fratello Robert, quel John Hinckley che sparò a Ronald Reagan per  attirare l’attenzione di Jodie Foster di cui s’era innamorato (ma guarda caso era amico della famiglia Bush).

Lo sparacchiatore di  Macerata è arrivato con tempismo perfetto modificare la narrativa. Pensate   solo: senza di lui, i media avrebbero dovuto per  giorni riferire i dettagli  delle indagini, macabri e sanguinolenti. Invece non sappiamo nemmeno  se il nigeriano l’ha uccisa,   anzi ancora adesso  si mantiene che “forse è morta per overdose”. Nemmeno se l’ha violentata: anzi, all’inizio, i media hanno  riferito che non c’erano segni di violenza carnale –  per poi ammettere  sottovoce  che i segni non c’erano, perché lo squartatore le aveva  asportato anche la vagina, insieme al cuore.

Una pessima settimana per le sinistre, in campagna elettorale.   Ma ecco il Traini: spara, fa il saluto fascista, è’ leghista, un po’ Casa  Pound. Provvidenziale.

http://www.ansa.it/marche/notizie/2018/02/03/sparatorie-a-macerata-traini-candidato-con-la-lega-alle-amministrative-del-2017_83d9135c-1fbe-46e6-b2d2-425b385e0302.html

Il fermo immagine tratto da un video postato sul Youtube mostra Luca Traini, l’autore delle sparatorie a Macerata, durante un comizio di Matteo Salvini (Ansa)

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli stessi dubbi sonoventilati da Imola Oggi: 

Macerata: chi ha sparato davvero ai migranti?

di Armando Manocchia

In un clima di tensione, scaturita dalla cruenta fine di Pamela Mastropietro, massacrata da uno spacciatore nigeriano, ieri, 3 febbraio 2018, a Macerata c’è stata una sparatoria nella quale sono rimasti feriti sei stranieri, colpiti da qualcuno che, dall’interno di un’auto in corsa, sparava con una pistola semiautomatica. Questa vicenda ha distolto l’attenzione dall’atroce assassinio di Pamela, ha ribaltato la situazione ed ha focalizzato l’attenzione dei media sugli stranieri feriti, distraendo così i più suggestionabili dalla morte della 18enne.

La sparatoria

Nei due video che vi mostriamo, si vede chiaramente il braccio dell’uomo che impugna l’arma, vestito con un indumento scuro a maniche lunghe.

(leggete il resto dll’originale:

Macerata: chi ha sparato davvero ai migranti?

Noi  ci limitiamo a riportare la conclusione:

 

Questo espisodio ci ha fatto tornare alla mente l’omicidio di Jo Cox, la deputata laburista uccisa durante la campagna elettorale sul referendum per la Brexit, mentre era con la sua amica musulmana Fazila Aswat, la quale, a quel che sappiamo, non ha mai testimoniato che il killer avrebbe pronunciato le parole “Britain first”“Omicidio Cox, chi sono i veri mandanti?”

LeggiCome il sistema s’inventa i razzisti di destra per fini politici

A confermare il gesto politico in cerca d’autore, ci aiutano i media stranieri, solite aquile dell’informazione. “Il razzismo irrompe nelle elezioni“.

 

 

 

 

 

 

(Un lettore aggiunge: )

 

MANIPOLAZIONE DELLE MENTI

NON C’ENTRERÀ NIENTE, MA CERTI FATTI MI RICORDANO QUALCOSA. VE LI RACCONTO .

Nel 1968, un giordano-palestinese, certo Sirhan Sirhan, sparò a Robert Kennedy (il sicuro, ma non voluto, futuro presidente Usa, che morì poi con altri colpi “misteriosi” che non si è mai saputo chi ha sparato). 
Il bello è che questo mezzo palestinese non riusciva a spiegare il perché di questo gesto, e mai lo ha spiegato, tranne inneggiamenti alla Palestina, facendosi decenni di galera

Al tempo, un mio informatissimo amico d’infanzia, introdotto in “certi” ambienti e molto competente, era certo che le cose, apparentemente inspiegabili, erano andate così:
persone preposte e altamente qualificate e professionali, avevano intercettato e “conosciuto” il palestinese che ben sapevano essere psicolabile e suggestionabile . A poco a poco gli avevano infuso e sviluppato un certo odio verso il Kennedy per non si sa quali torti verso i palestinesi.
Il resto non si conosce, ma è intuibile: al comizio di Kennedy, il soggetto doveva essere sul posto armato, per fungere da capro espiatorio.

Ma al tempo, anche da noi in Italia, funzionava un controllo della mente, molto pragmatico e casareccio, ma efficace.
Purtroppo non è dato sapere in quanti crimini e attentanti i responsabili erano stati “manipolati” e li hanno eseguiti senza neppure saperlo.
Funzionava, e forse funziona ancora, così: attraverso le centrali di spionaggio interno, i Servizi e altri agenti preposti, che frequentano certi luoghi, ambienti , movimenti e gruppi, vengono individuati i soggetti esaltati, quelli suggestionabili e simili.
Poi ci sono anche i ricattabili, ma questi ultimi sono un’altra cosa. Il soggetto viene avvicinato, circuito e , a poco a poco, gli viene insufflata la giustezza e la necessità di una certa “azione” (per esempio: “eh, a quelli ci vorrebbe, una bomba”, e simili).
Alla fine ci scappa il crimine, di vario genere: dalla sparatoria, alla bomba, all’aggressione, e i “suggeritori” erano talmente abili da non far mai comprendere al “pollo”, che erano stati loro a spingerlo verso quell’atto.

Ecco questo mio ricordo, non c’entrerà nulla, ma quando leggo che il soggetto di Macerata era in cura psichiatrica e poi aveva anche agibilità per una pistola, i dubbi mi vengono.
Del resto la sparatoria di Macerata è stato un regalo di Natale per gli “afrikanizzatori” che erano in crisi per il crimine del nigeriano. Ora si parla di tutt’altro, di fascisti, di razzisti e di Main Kampf. Complimenti, il regalo è arrivato

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
  • guidino

    Grazie direttore per l’articolo. Volevo solo far osservare che deve esservi da qualche parte un algoritmo automatico “reverse hate alert control service”. Ovvero quando ne accade una di grossa, subito ne accade un’altra grossa ma di segno contrario. E’ la seconda volta. La prima è stata con la Polacca a Rimini questa estate scorsa; fu infatti subito seguita dai due carabinieri a Firenze. Mah…

    • Vamos a la Muerte

      Bravissimo. Come è finita la faccenda dei due carabinieri? Nessuno lo sa perché, passato il momento, a nessuno fregava più nulla continuare a raccontare quella “notizia”.
      L’importante era silenziare il caso della povera turista polacca stuprata che, specie nel periodo estivo quando l'”informazione” (si fa per dire) è a corto di “notizie” in quanto anche i politici sono impegnati al mare o in montagna e non a rubare come loro solito, rischiava di occupare le prime pagine dei giornali per giorni e giorni. E invece la “provvidenza” ha voluto che due carabinieri…

    • Senza contare che hanno i loro sondaggisti personali e che quando si vedono sprofondare nei consensi, accade sempre qualche fattaccio sanguinoso e increscioso “a sorpresa”: vedi l’uccisione della deputata laburista Jo Cox, quando c’era la campagna referendaria sulla Brexit.
      Chapeau agli Inglesi, che in quell’occasione non batterono ciglio e votarono per il LEAVE. Chissà se riusciremo ad essere all’altezza…

      Una cosa è certa: le élites oligarchiche non sono più disposte ad accettare che dalle urne salti fuori un esito ad essi sgradito e che intralci i loro piani.

  • Direttore, mi permetto di correggerti: i media italioti non avrebbero mai parlato a dovere dell’orribile mattanza della ragazza, anche se non ci fosse stato lo sparatore.

    • Gianni

      concordo pienamente !!!

    • In particolare alle femministe firmatarie di manifesti sulle “molestie” interessa solo mettere alla berlina il palpatore VIP. Bianco, ovviamente, e con molti soldi. Col nero, pregiudicato, spacciatore diventano improvvisamente daltoniche, anche quando fa lo squartatore. Le femministe sono le cameriere “rosse” del sistema sinistrato.

  • cenzino fregnaccia pettinicchi

    Uno dei pochi articoli, sul tema, che abbiano un minimo di logica e etica giornalistica. Grazie Direttore. Ti riverisco.

  • Diego Grandi

    Mi pare una tipica “PSYOP”. Vedremo quanti del popolino si faranno ̶r̶i̶n̶c̶o̶.̶.̶.̶.̶i̶r̶e̶ imbrogliare…

    • Stefano

      La penso assolutamente come lei Diego, l’operazione è chiaramente inquadrabile nel modus operandi classico delle psyops, e come ben descritto dal direttore possiede le stesse identiche caratteristiche che ogni volta possiamo osservare in “incidenti” di questo tipo durante simili contingenze politiche… Ora una cosa mi vien da pensare, tutto ciò vuol dire che hanno veramente timore di un governo a trazione leghista? Se fosse così come credo che sia, forse la strada del voto a Salvini appare ancora più invitante; e considerando che durante la brexit il risultato ottenuto dalla propaganda di regime fu opposto a quella perseguito, forse abbiamo una chance in questo senso, anche se labile per via del clima che si instaurerà e che potrebbe impaurire le solite forze moderate e auto-conservatrici che da sempre in Italia tendono ad instillare nel popolino la paura del “salto nel buio” e del “pericolo democratico”, per conservare i loro piccoli e grandi privilegi. Saluti.

  • Francesco

    Questo Paese è perso per sempre

    • Giovanni Parodi

      … no, no, il “paese” prospera gaio e felice sono la Nazione e la Patria che sono defunte …
      un saluto
      Piero e famiglia

      • Emanuele Reho

        vero. Terminologia che ritengo appropriata. A proposito, saranno mica i giudei ad aver messo in circolo il ‘tutto il mondo è paese ?’

  • Dodo

    Eppure secondo me c’è qualcosa che non torna. Non è questo il copione.
    L’attentaticchio potrebbe essere stato inscenato non per portare avanti la causa pro-immigrati, ma la causa OCCIDENTALISTA. Mostrare che è ora di mobilitarsi per difendere l’Occidente e il suo sistema, che si teme sempre più messo in crisi dall’immissione di masse semi-occidentalizzabili o comunque con valori diversi. In fondo è lo stesso scopo dei finti attentati “islamici”: compattare attorno ai valori occidentali.
    I poteri forti hanno ormai scelto da tempo di sdoganare il pensiero “patriottico” o “identitario” (in senso kosher ovviamente): ovunque fioriscono e prosperano partitoni “identitari” in senso occidentalista, e la stessa area neofascista è tollerata e lasciata prosperare, col pegno dell’anti-islamismo. L’importante è non toccare mai i veri occupanti dell’Europa.

    • Stefano

      Analisi interessante sicuramente da prendere in considerazione, abbiamo visto come l’affermazione di certi partiti “populisti” come AfD ad esempio sia funzionale al consolidamento di un certo sentimento destro-sionista, anti-islamico tout court, fallaciano, nazionalista da bar sport, insomma sicuramente occidentalista e neocon… Questo discorso forse andrebbe inserito in un quadro più grande, in cui lo scontro fra sionismo nazionalista di destra(Netanyahu , Kushner) e sionismo internazionalista di sinistra(Soros, Clinton) diventa praticamente universale e si gioca anche e soprattutto in Europa, insomma è una lite tutta in famiglia, che si rispecchia nella lotta in Europa fra l’occidentalismo populista e anti-immigrati e l’occidentalismo pro-immigrazione,gay friendly etc… Sappiamo bene per esempio del filo-sionismo di Salvini, come allo stesso tempo di quello di Renzi, o Di Maio etc.. Detto questo però, e ammettendo che questa lettura sia corretta anche riguardo al caso di Traini, c’è qualcosa che non va, perchè per diciamo sollevare un opinione pubblica pro-patriottica e nazionalista avrebbero dovuto creare un “solitary assassin” magari immigrato, musulmano etc e non una specie di “neo-nazista” che ha avuto a che fare con la Lega, perchè in questo caso appare evidente che il sentimento che si genera è quello di paventare un “pericolo fascista”, si crea un sentimento anti-populista e anti-fascista, non un sentimento patriottico , altrimenti tra l’altro il caso già c’era da sfruttare, ovvero il raccapricciante assassinio di Pamela su cui però si sorvola calamitando l’attenzione appunto sul ritorno del razzismo, del fascismo etc etc… Cordiali saluti.

      • Emanuele Reho

        commento il vs. che mi ridà fiducia nella persona umana e soprattutto sulle ns. italiche risorse. Fin quando persone come Voi vivranno forse non tutto è perduto. Se permette profitto per aggiungere che cmq l’emotività dell’evento porta a consolidare le convinzioni sia dell’una che dell’altra parte politica. Al Dipartimento analisi saranno pure cretini, ma non sono certo sciocchi; il ‘fascismo’, oggi, è solo strumentalizzato da quell’autoritarismo massone appunto di destra e di sinistra, del PR e del PD usa, perdendo di vista che al centro di una politica Sociale c.d. Fascista, ci dovrebbero essere le Nazionalizzazioni. Nazionalizzare tutto. Nazionalizzare tutte le forze prospere dello Stato. Chiunque non vada in questo senso è solo un volgare tribuno

        • Stefano

          Vi ringrazio e Vi assicuro che anch’io leggendo i vostri interventi e quelli di qualche altro utente penso che alla fine ci siano delle possibilità perlomeno di piantare dei semi che possano dare frutto in futuro, per adesso il nostro compito è soprattutto quello della testimonianza. Assolutamente concordo anche con quest’ultima considerazione, cioè che in fondo la reazione emotiva può essere duplice, e favorire in maniera quasi speculare le due parti in gioco. Sul Fascismo la penso come lei,e per questo penso che si debbano superare le ideologie del ‘900 oggi strumentalizzabili (vedi gladio), per quanto mi riguarda credo che lo sviluppo della 4°Teoria Politica di Dugin possa essere una possibilità in proposito, ma che alla fine la vera “rivoluzione” nel significato etimologico di “ritorno all’origine”, non possa che coincidere con un ritorno del Sacro e della Tradizione al centro della comunità. Cordiali Saluti.

          • Dodo

            Che il fatto del Traini rientri nel gioco suddetto (mettere l’uovo indice, mostrare che si può e si deve incominciare a difendere concretamente “i nostri valori”) non lo so, è una mia ipotesi. Di certo c’è che gli ambienti J, perlomeno di destra, hanno da tempo puntato sui nostri ambienti, come cavallo. Ci vogliono far fare il lavoro sporco per loro, specie contro l’Islam: non che non gli faccia piacere l’immigrazione e l’immigrazione islamica, ma per tenerla “dentro il seminato”, per elevare una sacra barriera anti-contaminazione dei valori occidentali (gli ambienti atlantisti e J sono terrorizzati in primis dal fatto che gli immigrati specie islamici sono immuni all’Olo-ricatto, e temono che ci possano “contagiare”). In tutta Europa si stanno formando i battaglioni di impavidi “crociati” contro l’Islam, i palestinesi, gli iraniani, e tutti i non-occidentalizzabili. Non sia mai che ci insegnino a rigettare il femminismo, l’omosessualismo, l’edonismo, e l’Olo-senso di colpa (i “nostri valori”), e a ritornare al senso del sacro. Giammai! Salvini, AfD, Wilders, e cristianisti vari sono li a impedirlo! Cosa aspettiamo a farci infinocchiare per l’ennesima volta, o prodi fascisti?

  • Marian

    Il Messaggero 21/02/2002, 21 febbraio:
    “A Lagos, Nigeria, un bracciante di 23 anni è stato arrestato con l’accusa di omicidio e cannibalismo. L’uomo ha ammesso di aver ucciso la sua datrice di lavoro dopo una lite per il salario, di averla fatta a pezzi con un machete e poi di averla cucinata a zuppa e mangiata. Il fatto è stato scoperto solo perché l’uomo ha vomitato dopo il pasto.”
    .
    Da ‘Blasting news’ di maggio 2015:
    “Ristorante nigeriano serviva bistecche di carne umana ai clienti. Agghiacciante notizia resa nota dalla BBC, un ristorante nigeriano è stato chiuso e sequestrato, serviva carne umana…”
    .
    Da theslash.eu del 13 marzo 2017:
    “Infine, in Nigeria, accade una situazione del tutto singolare, nella sua assurdità: la carne umana è oggetto di regolare commercio. In alcuni borghi di Lagos, infatti, è possibile trovare mercati dove possono essere acquistati prodotti a base di carne umana. Tale pratica è sostenuta sia dalla scienza medica del luogo che dai guru religiosi del posto. (Antonio Cormaci)”.
    .
    Magari alcuni di loro si sono evoluti e sono diventati persino vegetariani , ma ci vogliono parecchie generazioni prima che questo retaggio tribale sia eradicato dal sostrato culturale di appartenenza. Occorre rendersi conto che non tutte le culture sono compatibili con la nostra e chi non ha il permesso di soggiorno deve ritornare a casa sua. Non si tratta di razzismo, lo Stato ha il dovere di tutelare i suoi cittadini. In Israele possono rimanere solo i ‘veri’ richiedenti asilo, i clandestini vengono imprigionati e, se recidivi, collocati in un paese terzo (Ruanda). Cosa che dovremmo fare anche noi per avere meno Kabobo e Innocent in circolazione.

    • Luben22

      Hai ragione al 100%

    • Vamos a la Muerte

      Per come siamo messi non mi stupirei se fra qualche anno l’Unione Europea, con una delle sue ormai “mitiche” direttive, commercializzasse il commercio e il consumo di carne umana.
      Sto esagerando? Forse. Nel frattempo sono arrivati gli insetti sulle nostre tavole. Fra qualche anno…

    • Tizio.8020

      Al posto di dover cercare i migranti “non aventi diritto” per respingerli..non sarebbe molto più semplice evitare di andarli a prendere?
      Ormai è appurato che gli aventi diritto sono circa il 5%.
      Il restante 95 % ci costa soldi, tempo e fatica ben sapendo che non potrebbero venir qui.
      E ci restano, non mi risulta che li stiano riportando indietro.
      Identificateli là, e portate qui solo chi ha diritto.

      • Marian

        Non è così semplice. I migranti clandestini abusano della cosiddetta ‘legge del mare’ (diritto internazionale) che impone il salvataggio dei naufraghi, o di chi rischia tale condizione (barconi stracolmi), da parte delle navi o motovedette che pattugliano il mare. Queste, hanno l’obbligo di sbarcarli nel primo porto ‘sicuro’ più vicino (Lampedusa, coste siciliane) dove si procede all’identificazione. Ma, se non hanno documenti il procedimento di identificazione può durare parecchi mesi e, se avranno il foglio di via, non se ne andranno perché possono ‘imboscarsi’ facilmente… Questo, in sintesi, è quello che succede…

        • Tizio.8020

          Questo è quello che ti raccontano!
          Partendo dalle coste della LIbia, il “porto sicuro più vicino” è in Tunisia, o al massimo a Malta, sicuramente non Lampèedusa o la Sicilia!
          Anzi, a rigor di logica, il porto sicuro più vicino alle coste Libiche…è in LIbia!

          Poi, da quel che han detto, è stato Renzi con l’Operazione Triton a richiedere che venissero portati in Italia.
          Ma i “barconi”, li mettono in acqua solo perchè sanno che tu li vai a caricare vicino a riva, sennò col cavolo che arriverebbero qua da noi.
          Caso strano, appena hanno impedito alle varie ONG di raccoglierli, sono calati drasticamente.
          Altra coincidenza: in Italia hanno dichiarato “tolleranza zero” su tutto, basta una bolletta pagata in ritardo per vedersi piombare il contatore.
          Puoi eccedere tutte le scuse del mondo: non gliene frega nulla!
          Se vuoi che lo riaprano, paghi la bolletta, più circa 130 €, poi aspetti una decina di giorni.
          Nel mentre, stanno togliendo gli assegni di acocmpagnamento agli invalidi al 100%, e calando gli addetti ed i posti letto nella sanità.
          Se non hai soldi, nemmeno puoi andare a farti visitare ai CMP:

          Questo però vale solo per noi.
          Per i migranti, c’è un comodissimo foglietto che dà diritto per sei mesi al 100% di cure gratuite, compresa la diagnostica ed interventi chirurgici vari.
          Io mi sono rotto i coglioni.

          • Marian

            Qui ci siamo ‘rotti’ tutti, credimi ! E come hai ben descritto tu, gli Italiani vengono tartassati in ogni modo possibile. Comunque, la Tunisia non accetta migranti, non fa parte della Ue e fa valere la propria sovranità. L’ operazione Triton (o Frontex plus) finanziata da 15 Paesi europei è subentrata a Mare Nostrum che era, invece, completamente a carico dell’ Italia. Dal primo febbraio Triton ha cessato la sua attività essendo iniziata l’ Operazione Themis con la quale si spera di coinvolgere anche Malta. Come vedi, I nomi cambiano, ma il risultato sarà sempre lo stesso: agevolare l’invasione dei migranti in Europa attraverso il corridoio italiano. Se ne vuoi sapere di più, ecco il link:
            .http://sicurezzainternazionale.luiss.it/2018/02/01/frontex-operazione-themis-sostituisce-triton-istituisce-nuove-regole/

          • Emanuele Reho

            non devono partire da dove partono, in subordine devono essere fatti rientrare lì da dove partono. Ma l’italica marina non è di difesa, ma di offesa

  • Aseno Vestuto

    però poi alle elezioni i mandanti hanno perso … perchè ripetere lo stesso errore ?

  • Valerio Picchi

    Caro Blondet lei ha argomenti estremamente interessanti… A volte…
    Ma tirare fuori i partigiani mi sembra come minimo un tantino inutile se non addirittura insensato.
    Anche lei è figlio dei partigiani, come me e come tutti coloro che la leggono e non.
    Non dimentichi che lei come tutti noi ha il privilegio di poter tracciare un segno con una matita indelebile su di una scheda elettorale grazie ai NOSTRI PARTIGIANI e che siamo NOI e nessun’altro che dobbiamo ridare dignità a quel gesto.
    È facile incolpare gli altri…
    È facile gridare al passato…
    È facile far parlare la pancia…
    Il problema è che al futuro non ci punta più nessuno

    • Diego Grandi

      Ecco appena sfornata un’altra vittima delle “PSYOPS” di settant’anni fa! Caro Valerio non mi cada in picchiata sui partigggiani… quelli mica volevano il pluripartitismo o la “democrazia” come la intende lei! Volevano la repubblica sovietica schiava dell’URSS! Mi spiace notare che la propaganda dei “liberatori” mieta ancora vittime.

      P.S.
      No, caro amico, non tutti siamo figli di partigggiani; qualcuno, grazie a Dio, è figlio di chi non ha tradito.

      • Giovanni Parodi

        … o nipote, come me …
        un saluto
        Piero e famiglia

      • Emanuele Reho

        il suo p.s. lo ritengo personalmente più valido di tutto il commento. Mi permetta di contraddirla sul fatto che i gruppi organizzati da usa/giudei denominati con l’etichetta di ‘partigiani’ volessero l’URSS: è una palese contraddizione e, all’uopo, posso consigliarle la lettura della storia vissuta di Licio Gelli

    • Giovanni Parodi

      … forse le sfugge che è proprio “grazie” ai partigiani e ai loro eredi

      se siamo nelle attuali condizioni di disastro morale, sociale, economico, religioso e sovranista …
      ci pensi su
      un saluto
      Piero e famiglia

    • martini ermanno

      Nell’estate del ’46 in una frazione di una valle valdese partigiana, c’era una bambina di nome Silvana Picchi, in villeggiatura. Gli anziani dicevano a noi bambini di non giocarci e tra loro sottovoce che il padre era un operaio che aveva ammazzato vari fascisti. La cosa mi è rimasta impressa perchè emotivamente coinvolto verso quella bimbetta mia coetanea dai bei boccoli neri. Chissà se tu…che porti il nome del comandante Valerio…..sei parente?

      • Valerio Picchi

        Non credo…
        Ma ne sarei orgoglioso…
        Riporto la frase della signora Settimia Spizzichino, orgogliosa e coraggiosa staffetta partigiana della mia città MEDAGLIA D’ORO PER LA RESISTENZA: “il problema in Italia non è che non ci sono più i fascisti di una volta, il problema è che non ci sono più i partigiani di una volta”
        Siete sempre gli stessi
        Incapaci di intendere un disegno più grande
        Sempre pronti a seguirà la bandiera del momento
        RIP italia

        • Emanuele Reho

          non si può riposare in pace quando si danno medaglie d’oro al tradimento. Reggio Emilia? Genova? Milano? Sono Onorato di ritenermi fortunato ad essere originario delle Sicilie; fummo innocenti per quello scempio che avete fatto

        • martini ermanno

          No, proprio perchè l’abbiamo inteso, “il disegno più grande”, siamo qui, a vederne le origini nel tradimento di parte di cui sei fiero, benchè inconsapevole e illuso alfiere.
          Nel ’45 il paese è stato occupato da portatori di boogie woogie, mars e cewing gum, con al seguito episodi collaterali come le marocchinate…E quell’occupazione (tutt’ora le basi militari saranno una trentina, più che in Siria) ha corroso le menti, ci ha depredato la riserva valutaria, ha degradato i costumi, ha eretto a cardine della società il furto con destrezza e la menzogna ipocrita. Siamo “debitori” di quell’occupazione, non solo metaforicamente, ma anche nel 136% del PIL.
          E se per te l’accusa di fascismo è segno di spregio, ebbene, io, che non lo sono, mi dichiaro tale e fiero di rinnegare il mio passato di segretario di un circolo della resistenza. Su una cosa hai ragione: su quel RIP Italia che giace maramaldeggiata e con le pudenda esposte come Claretta Petacci in quel piazzale Loreto, dai partigiani di una volta che non ci sono più.

        • martini ermanno

          Mi spiegate perchè mi avete fatto sparire la mia pacata risposta a Valerio Picchi? Grazie

          Il giorno 5 febbraio 2018 13:33, Disqus ha scritto:

        • martini ermanno

          Non credo… non è una negazione…. E quanto all’orgoglio è invece stretto parente di quel detto e graffito dappertutto. “Uccidere un fascista non è reato” Anche solo in base al sospetto o alla calunnia.

        • Zeneize

          Spizzichino? Nomen omen. Comunque non sei gradito qui, puoi anche sparire. Ciao.

    • Emanuele Reho

      partigiani ? L’isis ? Le BR ? Ciarlatanerie da democratico filoameric ano

    • Albert Torresan

      Vai a fare il tuo comizio alla piu’ vicina scuola elementare…porta anche la matita indelebile, mi raccomando…

  • davide

    Direttore la prego di ripostare il suo precedente dove elencava articoli di stampa (incredula) su manifestazioni o possessioni sataniche in giro per il mondo. Penso che sia un accostamento logico con un omicidio (pardon femminicidio, non sia mai che manchi di riguardo alla neolingua) che sembra partorito da un rituale di sacrificio umano satanico.
    Don peppino Co, missionario in Africa (Senegal) ha scritto cose molto interessanti su certi costumi africani improntati al culto luceferino.
    Il libro “l’aramata di satana e l’armata di Cristo” ediz.Villadiseriane.

    • lochlomond

      in effetti pochi hanno notato che in vari post sul suo profilo Fb, la ragazza uccisa faceva vari riferimenti (per lei positivi, apparentemente) al diavolo. La sua fine più che meri riti vodoo, ricorda il mostro di Firenze (ora pare che il pube sia stato asportato: un’opera da chirurgo più che da drogato invasato, si direbbe)

      • Emanuele Reho

        certo è che viviamo in una società, se non di mostri, mostruosa

        • Emanuele Reho

          ringraziando ancora l’egregio Valerio Picchi e i suoi sodali

  • Secondo me nell’articolo c’è un pò troppa dietrologia. Penso che una persona esaltata possa benissimo commettere un gesto simile senza per questo essere mandata da nessuno. Del resto siamo in 60 milioni e statisticamente un Traini deve esistere e con buona probabilità non sarà l’unico.
    Detto questo, il doppiopesismo dei media è a dir poco criminale. Veramente, la notizia del nigeriano voodoo è passata in sordina in mezzo a questa cacofonia suonata da vecchi tromboni che ancora suona il ritornello del fascismo, roba morta e sepolta 73 anni fa. Io penso che buona parte del paese sia veramente stanca di starli a sentire.

    • Emanuele Reho

      non credo. Gente che guarda ore il GF e l’isola dei famosi accetta di tutto

      • Lupaccio Maimangi

        se mandi in onda il GF guardano il GF, se mandi in onda documentari di storia o geografia guarderebbero quello o se ne uscirebbero a fare sport e socializzare, il che é sempre buona cosa. A spingere masse di italiani verso questa obnubilazione intellettuale sono strategie di dominio sociale ormai conclamate, non é casuale e non si può pensare altrimenti di convincere nel giro di pochi anni la gente che per esempio il maschio é femmina e viceversa – oppure che un’immigrazione senza controllo di queste dimensioni e con queste prevedibili conseguenze sia razionalmente argomentabile. A supporto di ciò riporto sia un interessante articolo apparso su questo sito riguardo il Tavistock institute, sia le rivelazioni di Snowden sia i libri del nipotino di Freud, Bernays, che ispirò Roosevelt a predicare la pace per vincere le elezioni e poi portare il paese proditoriamente in guerra. Ma cito anche la retorica politicamente corretta che alza continuamente nuovi steccati alla libertà d’espressione, ridotta praticamente a un consenso obbligato.

        • Emanuele Reho

          studiarsi i ‘protocolli dei savi di sion’, lì c’è tutta la loro abilità nel progettare. Le veridicità di quei documenti sono palesi oggi. Per il domani…siamo fra le mani di Dio: speriamo che non applauda

      • Vero, indubbiamente c’è molta gente ridotta così ma forse sono in fase di risveglio perchè dai sondaggi la sinistra è in caduta libera, segno che le vecchie accuse stanche (fascista, razzista, xenofobo etc..) non fanno più vergognare nessuno, anzi.

  • Frank Dax

    Se il Sistema è ricorso in maniera così rapida a una PSYOP significa
    che i veri sondaggi (non quelli che ci raccontano i Media) sono devastanti… ed
    anche un fatto singolo come quello di questa povera ragazza porterebbe l’ago
    della bilancia verso limiti non più “malleabili” . Chi detiene il Vero Potere
    ha puntato tutto sui 2 Clown antagonisti Berlusconi-Renzi (che se guardate bene sono la stessa identica cosa e sono al potere da ben più di 15 anni) ed ha capito che forse i numeri non bastano più… quindi tenete duro e rimanete nelle vostre scelte che siano M5S , Lega e Partiti Estremi da una parte all’altra , è l’ultima speranza per iniziare un cambiamento.
    Consiglio per chi non crede sia una PYSOP , non dimentichi e segua cosa succederà nel tempo all’indagine e al successivo iter processuale al personaggio coinvolto….

    • Emanuele Reho

      mai votato in vita mia. Non riconosco nei fatti un sistema che critico a parole. Lo tengo ancora duro

      • Frank Dax

        Votare o non votare è una scelta personale , secondo me con
        pro e contro da entrambe le parti . Rispetto la tua idea e spero tu rispetti anche chi non la pensa come Te . Dopo che molti anni fa , il mio voto è stato tradito nel suo spirito anch’io non ho votato per anni , ancora adesso non mi riconosco in nessuno
        degli schieramenti esistenti , ma in questo momento (ripeto è una mia scelta personale) siamo ad un punto cruciale e l’unica maniera è creare un insieme di persone ed idee anche completamente diverse da anteporre ai 2 Clown e cercare
        di rallentare , sperando successivamente di fermare , la caduta nel baratro .

        • Emanuele Reho

          anni di democrazia hanno effemminato le società con la mancanza di determinazionismo e il latino tutto questo ce l’ha incarnato, strutturato più di altri. Nell’atteggiamento, nella vita di relazione, nella produttività. Ma…forse…però…chissà…atteggiamento che indusse l’alleato Nazional Socialista Tedesco alla fine a darci UN BEL CALCIO NEL CULO !

          • Emanuele Reho

            AMO IL POPOLO TEDESCO. E ANCHE QUELLO ARABO

  • Giuseppe

    La nuova senatrice a vita propone l’abolizione della parola razza in Costituzione. Berlusconi dice che è giusto.
    Cominciamo con le stron..ate.

    Io divento matto

    • Paciullo

      Secondo me è coerente, dato che loro dicono che le razze non esistono.

    • Emanuele Reho

      isolati, come prevedeva Julius Evola. E leggiti ‘la disintegrazione del sistema’ di Franco Freda. E’ l’unico consiglio che mi permetto di darti per non diventare ‘matto’

  • lochlomond

    io non sono però sicuro che, se la sparatoria fosse una psy-op (e allora amio avviso lo deve essere anche l’orribile delitto della ragazza, essendo collegati), essa sia stata necessariamente concepita come a favore degli “immigrazionisti”. In molti di questi casi le finalità sono doppie, triple, intrecciate, e molto difficili da comprendere dal nostro punto di osservazione. Qui ad esempio si potrebbe invece puntare anche a suscitare emulazioni violente? Rendere evidente che lo Stato non protegge più? Suscitare un generale senso di paura, vuoi verso gli immigrati, vuoi verso i “fascisti”, di cui ne guadagna il potere costituito?

    • Emanuele Reho

      argute osservazioni, si denota che non guardi il GF e giochi poco al telefonino

    • la ragazza non era in possesso del suo cellulare perché, da prassi, le era stato tolto all’ingresso nella struttura.
      giá questo dettaglio rende l’organizzazione e la pianificazione del suo omicidio impossibile in quanto non potevano sapere quando, né tantomeno SE, sarebbe fuggita.

      non ha senso che sia stata una psy-op, quando se ne adombra una c’é sempre un filo logico (e una plausibilitá logistico-tecnica sempre piuttosto banale e intuitiva a renderlo possibile), mentre qui il tutto é troppo casuale.
      la realtá é che la ragazza s’é messa nelle mani delle persone sbagliate.

      d’altro canto la sparatoria potrebbe tranquillamente esserlo invece, per tempistica e modalitá poco chiare (il braccio inquadrato che vestiva di nero quando Traini aveva una tshirt e un piumone mimetico, il secondo fermato che invece vestiva di nero….).

      • lochlomond

        la ringrazio per le osservazioni, Le potrei dire che verso le strutture per minori o simili ho sempre un certo sospetto, avendo presente le vicende fiorentine del Forteto (provi a googlare se non le conosce, proprio recentemente collegate alle indagini sul Mostro di Firenze, da lì mi è venuta quella suggestione). E se l’aver lasciato il cellulare là fosse stato necessario per non far conoscere i suoi spostamenti? Sono sempre ipotesi, chiaramente, ma non mi pare così chiara la fine di questa povera ragazza…

  • Yukio Mishima

    Intanto vorrei ringraziare l’illustre Maurizio Blondet di questo spazio che per me e penso per molti è molto più dell’acqua nel deserto. Sul fatto di cronaca non mi interessa avere un opinione. Io non me lo posso permettere. Quello che m’interessa è che nel mio paese si possa muovere qualcosa. Sotto il tappeto per nostra indolenza, da Italiani è stata accumulata troppa colpa, ovviamente spinta da poteri forti, ma mai colpevolmente combattuta. Non credo che le pecore si possono trasformare magicamente in leoni. Ma penso altrettanto che se la debolezza di una grossa parte del popolo italiano può essere sfruttata in un senso potrebbe essere sempre sfruttata in un altro.

  • giuseppe polizzi

    Quello che ha fatto il nigeriano rientra nei macabri rituali “religiosi” MOLTO attuati in Africa… anche con i bambini.
    Certamente anche questo è un rischio dell’importazione dei clandestini.
    Ovviamente non tutti gli africani sono voodisti.

    • Diego Grandi

      Certamente. Basta osservare i taglietti che hanno sugli zigomi molti di loro per rendersene conto.

    • Emanuele Reho

      Il Senegal è molto più civile dei suinocrati che sono al potere qui. Provi ad entrare illegalmente a Dakar, apra la tovaglietta contenente la paccottiglia illegale della sua mercanzia; conti fino all’ arrivo della gendarmeria locale…
      1) scommettiamo che nel giro di un paio d’ ore deve intervenire l’ ambasciata itagliota in Senegal?
      2) scommettiamo che, se vi va bene, vi imbarcano velocemente con un foglio di via?
      3) scommettiamo che, se invece vi và male, restate a svernare in una galera senegalese?
      La differenza stà tutta quì:
      l’italietta odierna NON applica le regole, le leggi immigrative internazionali basilari.
      Le Nazioni civili, (gli Stati africani come il Senegal lo sono), invece le applicano.

  • Paciullo

    Secondo me ci si scervella per nulla, senza analizzare per bene la situazione.

    Ci troviamo davanti ad un problema sociale enorme, ossia la DROGA. Una ragazzina diciottenne si fa di eroina, va dal nigeriano spacciatore per cercare la dose, dunque frequenta gente poco raccomandabile.
    Questo agisce come se fosse nel suo paese, con violenza ed accanimento sul corpo esanime.
    Poi legge la notizia dell’omicidio e del successivo arresto un italiano con idee fasciste, disoccupato, con problemi psicologici, contro questa società, armato.
    Lui decide di fare in qualche maniera l’eroe, vendicando la ragazzina tossica assassinata brutalmente, sparando a quelli della comunità del nigeriano.
    Risultato?
    Il nigeriano assassino passa in secondo piano, passa in secondo piano la ragazzina che ha il problema sociale della droga e tutto si focalizza sull’italiano che pensa di fare giustizia da sè, con un curriculum da non vantare.
    Io sono nazionalista, ma non frequento certi personaggi come questo, perchè sono potenzialmente pericolosi e vulnerabili.
    Non scomoderei foto di armi e quanto altro, qua abbiamo un personaggio debole, che voleva fare l’eroe, sparando a caso. Non si combatte l’emigrazione in questo modo, mi spiace.

    • Emanuele Reho

      non si riduce il tutto in termini di misantropia, non mi dispiace

      • Paciullo

        Dunque non siamo oggettivamente di fronte ad una drogata, ad un assassino ritualista e ad un disadattato asociale? Questo è il ritratto dell’Italia odierna, non vedo virtuosi in questa storiaccia.

        • Emanuele Reho

          è sul disadattato che non sono d’accordo, altrimenti si dovrebbero mettere le sbarre a interi quartieri

          • Paciullo

            Infatti viviamo tutti in cattività e con risentimenti, rancori, odi, sotto pressione e sull’altolà chi va là. Chi è più debole si fa influenzare e scoppia, come in questo caso, altri, come me, hanno qualcosa che gli rode dentro, però razionalizzano e non vogliono concretizzare, sapendo che la pagherebbero carissima per sempre.

          • Emanuele Reho

            d’accordo sul razionalismo: il sacrificio di 48 gradi in cella mentre gli altri/maggioranza rumorosa che vanno a votare stanno in spiaggia questi ultimi credo non se lo meritano. Per cui, considerando tutte le belle donne che ci sono in giro, tendo personalmente a concretizzare con quelle

          • Paciullo

            C’è bisogno di teste pensanti in un periodo storico come questo, anche perchè in primo luogo ha colpito degli strumentalizzati, secondariamente non siamo ai tempi del regicidio, quando il re successore poi, per placare le ire del popolo, faceva riforme. Qua non serve neppure ammazzare chi spalleggia il sistema, perchè lo stesso ha creato tantissimi spalleggiatori che si trovano ovunque, anche nella nostra vita comune. Ergo è bene considerare che la libertà propria è sacra, te lo dice uno sotto processo per tre frasi stupide su internet. Se lo avessi saputo prima stai tranquillo che non le avrei mai postate, non ne valeva la pena.

    • Lupaccio Maimangi

      la tua analisi non spiega perché si sia fatto prendere. Che senso ha sparare a gente che non c’entra nulla, poi lasciare a disposizione l’arma del delitto, fare il saluto romano, avvolgersi nella bandiera e aspettare di essere arrestato? Non ha senso. Nel caos di questi giorni se avesse voluto, un vendicatore avrebbe tranquillamente ucciso a casaccio senza farsi prendere. Perché rovinarsi la vita? Tutti citano l’omicidio Cox, ma c’é un altro caso molto più simile a questo per certe modalità, mutatis mutandis. Provate a rileggervi le analisi sul caso Breivik, provate a ricordare anche in questo caso l’incredulità degli investigatori circa la possibilità che tale mattanza fosse stata effettuata da una persona sola, provate a ricordare quei saluti nazisti esibiti artificiosamente davanti alle telecamere… e ricordate dettagli non secondari come la presenza del figlio di un ministro su quell’isola, ovviamente scampato, ma insomma il messaggio doveva esser pervenuto. Quale messaggio, dite? Ah, beh il giorno prima quei poveri ragazzi -tra cui il figlio del ministro -avevano manifestato per promuovere un boicottaggio… ah, poi anche quello ha sparato perché ce l’aveva con gli immigrati, ricordate?

      • Paciullo

        Si è fatto prendere perchè in fondo non è un cinico assassino, ma uno sprovveduto che poi ha capito di avere fatto una grossa stupidaggine. Non farà molti anni di galera, verrà considerato pazzo e con le leggi italiane sarà libero. Breivik è un caso imparagonabile a questo qua, che ha dimostrato dilettantismo anche nel non uccidere un solo bersaglio. Il toscano a Firenze ebbe più mira verso i senegalesi.

        • Lupaccio Maimangi

          e quando ha capito di aver fatto una grossa stupidaggine per peggiorare le cose ha fatto il saluto nazista? Suvvia! Ma se é per la perizia psichiatrica che lo attende, guarda che il caso Breivik é simile anche per quello. Quanto al fatto che i bersagli non siano stati uccisi ma solo feriti più di un giornale ha avanzato qualche perplessità: sia in caso di presenza di un eventuale tiratore a bordo dell’auto sia che effettivamente il giovane avesse agito in solitaria la perizia dimostrata nel tiro con l’auto in corsa é incompatibile col ritratto dello sprovveduto cui altri stanno pensando. E si pensa che il morto sia stato scientemente evitato. E per ottener questo ci vogliono dei professionisti on dei dilettanti allo sbaraglio. Le leggi italiane e i giudici italiani non saranno affatto sensibili verso le “difficoltà” di questo ragazzo: il caso é balzato di diritto sulla ribalta internazionale e richiede una punizione esemplare. Pensa che il caso di Pamela, che obiettivamente ha fatto da catalizzatore alla reazione dell’estremista, nelle cronache europee non appare nemmeno. Amici di Francia Germania e Spagna mi hanno chiesto un’opinione a riguardo del fatto ma nessuno conosceva il precedente raccapricciante dello squartamento rituale di una povera 18enne.

          • Paciullo

            Se sei mai andato a sparare al poligono capirai che ci vuole una fortuna incredibile se sparando ferisci il bersaglio lievemente, basta un millimetro e puoi ucciderlo. Non puoi avere un professionista che colpisce scientificamente per ferire. Inoltre la massa non è stata scalfita da questo avvenimento, a telecamere spente i maceratesi dicono che il ragazzo ha fatto bene.

          • Emanuele Reho

            non ne sarei così sicuro. Negli anni ’70 il carabiniere ‘Rocco’ veniva addestrato a Capo Marrargiu alle ‘gambizzazioni’. Stessa figura la ritroviamo nell’operazione ‘Moro’. Un’operazione da elevata scuola militare. Il Presidente DC non venne ferito da un solo proiettile nell’ambito di un volume di fuoco eccezionale

          • Paciullo

            Anche gli olotestimoni dicevano che i tedeschi lanciavano in aria i bimbi per sparargli addosso, centrandoli come bersagli. Fai tirare in aria un sacco di dieci kg e tu prova a colpirlo al volo.

      • Emanuele Reho

        se non ricordo male poco prima di quell’attentato la Norvegia si dichiarò a favore di un qualcosa per la Palestina..o sbaglio ?

  • Alessandro Bindi

    Sinceramente mi sembra impossibile, che un uomo ha il coraggio di tagliare a pezzi una donna e poi per paura abbandona le valigie, con dentro il corpo a pezzetti, sul bordo della strada.
    Poi chi non capisce che in Italia esiste un gravissimo problema di immigrazione, questa va bloccata totalmente, è un imbecille o in mala fede.

    A questo ritmo fra dieci anni finiamo come gli Usa con gang di varie etnie che si spartiscono il territorio italamo.

    • guidino

      Mi scusi Signore, è proprio come dice Lei. Un “uomo” non lo farebbe mai. Cos’è quindi chi lo fa?

      • Alessandro Bindi

        Da criminologo o psichiatra forense ti direi che siamo in presenza di un delinquente che fa quello che faceva in Nigeria, visto il sangue freddo.
        Da cristiano che è opera di Satana.
        Da persona normale che è una bestia.
        Ma di sicuro era clandestino che non doveva stare in italia, visto tutti i problemi che abbiamo in italia, non c’era bisogno di far venire cani e porci in Italia.

      • gaetano lombardo

        una BESTIA

    • Emanuele Reho

      ‘l’italia’ è un territorio internazionale dove gli usa hanno 113 basi militari. Sulle Sicilie poi, una colonia, i piemontesi e i lombardi la fanno da padroni

  • Vamos a la Muerte

    Chiamasi INFORMAZIONE.
    Ovviamente i ringraziamenti al Direttore per avere, ancora una volta, unito i puntini che, a una lettura superficiale degli accadimenti sarebbero rimasti fini a se stessi, è doverosa. E anche a “Imola Oggi” che testimonia che, sebbene sempre in pochi, il Direttore non è da solo nella sua battaglia per far conoscere i Fatti ( ovviamente non mi riferisco soltanto al fatto in questione).
    Il paragone con l’omicidio della deputata Jo Cox è senz’altro pertinente: un omicidio – in questo caso una sparatoria – che capita proprio al momento opportuno per gli “afrikanizzatori” distogliendo l’attenzione dall’Omicidio della povera Pamela, una ragazza tossicodipendente, certamente, ma proprio per questo Debole e Indifesa che meriterebbe Giustizia e Pietà proprio per la sua vita non propriamente felice mentre invece è stata (e sta) venendo trattata come un rifiuto della società a cui, tutto sommato, il nigeriano ha fatto addirittura un piacere uccidendola. Da vomitare.
    “Trovato il Mein Kampf a casa del Traini”: già, guarda caso. Il libro di Hitler, proprio per suggestionare i gonzi più suggestionabili che stanno davanti alla tv (un libro del Ku Klux Klan farebbe meno effetto). E poco importa se, come presumo, trattasi di una probabilissima fake new: le narrative mainstream sono oramai sempre più pacchiane e superficiali ma per un “popolo” – italiano e occidentale in genere – sempre più addormentato e lobotomizzato bastano e avanzano.
    Certo che anche l’attacco diretto alla Lega Nord deve far riflettere: presumendo che chi è orientato a votare a “destra” non si sposterà, presumibilmente, verso il M5S, la scommessa è di svuotare il partito di Salvini facendo convergere i suoi voti verso il Berlusconi, da qualche tempo trasformatosi, “stranamente”, in un europeista accanito.
    Perché a pensar male si fa peccato però…

    Gianluca

    • Emanuele Reho

      ho il Sacro Corano e il Mein Kampf sul comodino vicino al letto ove mi riposo, vorrà dire che continuerò a scrivere sino a che la digos non mi bussa alla porta

      • Paciullo

        Anche io li possiedo, il secondo me lo sequestrarono come prova ideologica.

        • Tizio.8020

          Mah, se siamo a questi livelli…
          Fra migliaia di libri è normale avere anche una copia di “Mein Kamp”, “Il Capitale”,”La Bibbia” “Il Corano” il “Talmud” ” Il Libro di Mormon” etc.etc.
          LI trovi ai mercatini a pochi €, un fumetto nuovo costa di più.
          Avere un determinato libro in casa non significa seguirne l’esempio!

          Con questo ragionamento, arrestiamo per omicidio chiunque possieda un coltello da cucina, e per stupro chiunque sia dotato di pene.

          • Paciullo

            Ho tutti i libri che hai citato, tranne il Talmud…..

          • Tizio.8020

            Non ti perdi nulla: è noiosissimo…

          • Paciullo

            Anche il Corano è cavilloso, monotono, a tratti paranoico e fin troppo ripetitivo. Più divertente la Torah in generale. I quattro vangeli invece sono molto scorrevoli, Il Capitale è pesantuccio, macchinoso, il Libro di Mormon è roba da psicopatici e deliranti, il Mein Kampf è ostico, a tratti illeggibile.

          • Tizio.8020

            Concordo su quasi tutto.
            I quattro vangeli sono scorrevoli ma hanno troppe discrepanze fra loro.
            IL Corano nella traduzione letterale è veramente troppo ripetitivo.
            Però se leggi le traduzioni delle varie sure commentate da A.Di Nola, è addirittura commovente.
            SE, e ripeto SE;venisse applicato alla lettera, non esisterebbero guerre ed ingiustizie nei paesi Islamici.
            Il fatto che ci siano dimostra già che applicano solo quello che fa loro comodo.

          • Paciullo

            Le discrepanze sono dettate dal fatto che quattro persone raccontano le cose dal punto di vista umano in maniera personale. C’è chi trascura un particolare, chi un altro, però importante è l’essenzialità del racconto, che coincide per bene confrontandoli. Puoi scrivere qualunque testo nel mondo, purtroppo questo sistema è governato dal male e noi siamo vulnerabilissimi. Bisogna attendere alla fase in cui si starà come in cielo, così in terra.

          • Emanuele Reho

            L’Islam è perfetto, i musulmani non lo sono

          • Emanuele Reho

            le traduzioni ‘letterali’ del Corano sono impossibili per via della traslitterazione; esistono quindi traduzioni soggettive (come anche per la Bibbia) che possono avere quanto più di letterario possibile si avvicini al senso di una parola dal significato molto ampio come da lingua Araba chiara e classica. Ritengo la migliore quella del Dott. Luigi Bonelli, già titolare dell’Istituto Orientale di Napoli, attenzione al Bausani, di tipica impronta massonica. Quella del Piccardo, dell’ucoi, ovvero la confraternita salafita, provoca danni cerebrali permanenti

          • Emanuele Reho

            è utile leggerlo invece. Soprattutto per quei cristiani che considerano gli ebrei i loro ‘fratelli maggiori’ …

        • Freddy Zanetello

          io pure lo possiedo, ma dico la veritá letto solo alcune pagine. Possiedo molti libri anche sulla prima e seconda guerra mondiale, biografie di varie divisioni di Waffen ss, mi affascina quella fase della storia, sono colpevole ? Sin da bambino amavo le divise ed il mio desiderio da adulto era di essere un militare di carriera, magari pará o lagunare. La vita poi mi ha portato a fare altro, ma il fascino rimane ed anche del rimpianto di non aver inseguito quel sogno Spesso m´immagino e desidererei rinascere in un´altra epoca, propria quella nata ed educata verso la metá degli anni 20. So con certezza con che parte avrei lottato e che uniforme avrei indossato con orogoglio fino alla fine.

  • Carlo Trotalli

    sul caso Kennedy è possibile tutto, però Blondet vorreste credere o farci credere che la donna di Madonna dei Monti, dopo aver ricevuto le cure psichiatriche, è stata avvicinata dai servizi segreti e convinta col controllo della mente a mettere il figlio in lavatrice? o che il pizzaiolo di Vadidentro dopo essere stato in cura psichiatrica e stato convinto da uomini dei servizi a suicidarsi? o la ragazzina di Valdisotto dopo essere stata ricoverata 3 mesi in psichiatria per un banale sangue da naso a scuola, è stata poi avvicinata dalla cia e convinta a buttarsi dal 3 piano ? esistono casi di persone pilotate cui qualcuno monta la testa , ma esistono innumerevoli casi , (e se si facesse uno studio statistico serio sulle persone che hanno ricevuto cure psichiatriche lo rivelerebbe in modo inconfutabile) in cui le persone impazziscono proprio dopo e in seguito alle cure psichiatriche per effetto dei farmaci droga che vengono loro prescritti. Smettetela di atteggiarvi da persone superiori e sentenziare di chi la pensa diversamente “questo è da TSO quello è da TSO” e aprite gli occhi sulla realtà, della colossale bidonata imbroglio delle sedicenti “cure psichiatriche”, dei morti per TSO e degli omicidi in corsia coi “sedativi”, eufemismo per dare un nome diverso agli stessi farmaci usati per le iniezioni letali in USA. Voi Blondet siete un genio del giornalismo , in Italia abbiamo però anche altri geni della medicina, quando darete ascolto per una volta al Mozzi quando dice “non ce niente di meno scientifico del concetto di psiche” ? quando butterete la psichiatria in quel posto e tirerete l’acqua ?

    certo la stampa ci sguazza su questi casi, la propaganda si muove, avete ragione attaccano Salvini, nascondono il nigeriano, non fa una grinza, però per una volta invece di incolpare presunti controlli della mente forse sarebbe bene aprire gli occhi per una volta sugli effetti devastanti degli psicofarmaci e delle cosiddette “cure psichiatriche” , perche questi effetti sono sotto gli occhi di tutti in migliaia di casi che la stampa e la letteratura sedicente “scientifica” puntualmente ignorano.

    • Emanuele Reho

      in questa velleitaria fallimentare penisola bastano 3 firme e si viene rinchiusi e marchiati per sempre. Prestare molta attenzione ai nemici che ci si fa, in subordine andarsene

  • Matty Ninty

    Fotocopia di Edgar Welch.
    Qualcuno ricorda chi è?

    • cillathecat

      pizzagate?

  • farouq a

    Come immigrato di vecchia data penso che è un furto partecipare al benessere del Paese ospitante senza dare il proprio contributo positivo, le nazioni cosiddetto sviluppate hanno costruito nei secoli il loro benessere ed avere la pappa pronta è da furfanti, comunque il problema è molto più grande, il progetto di sterminio globale prevede l’iniezione di immigrati a scopo distruttivo, il sionismo mondiale è il promotore, alimentato da forze oscure

    • Emanuele Reho

      tutti di deve concorri a benessere materiale e spirituale di società in politica giusta. No c’è posto per vagabondi in sistema Sociale e Nazionale Popolare. Da come scrivi tu benvenuto, altri no. Però sistema italico no buono, perché è democratico, credo sistema di tuo paese, se è l’Egitto, è molto meglio oggi con Al Sisi. Però c’è altro discorso: perché no operare per tua Nazione stando lì ? Perché tu lavora per degli stranieri di altra ‘Nazione’ ? (paesello…diventato solo un paesello…)

      • farouq a

        Domanda semplice e legittima al contrario della vita che è molto complicata

        • Emanuele Reho

          vita no è complicata. Sono persone che fanno complicazioni

          • farouq a

            Hai sbagliato sito per divertirti

      • Paciullo

        Ma che italiano è?!

        • Emanuele Reho

          non sono ‘italiano’, almeno non volontariamente

          • Paciullo

            Non so, due tue post sono scritti in un italiano deficitario, il resto invece è riportato con un italiano encomiabile….rileggi tu stesso i due scritti ed avrai i miei stessi dubbi, ma poco conta, importante è comunicare.

        • farouq a

          Sta prendendo in giro scrivendo in questo modo, ha trovato un modo per divertirsi di fronte alle tragedie

          • Emanuele Reho

            assolutamente no prendo giro di nessuno. Io comunico modo rispettoso anche per straniero qui, per rispetto sua identità che no mischiare con nostra. Si tu vuole ti scrivere anche arabo posso farlo no tutti qui siamo uguali, io sono Siciliano e penso tu mi capito. Però aggiungo, visto che tratti di sito, questo, che no leggo parte tua nulla di sostanza ideale, solo tu vuole polemica inutile. Noi bisogno stranieri porta qualcosa no che prendi profittare sistema no va bene. Bislama maàssallama

          • farouq a

            Hai ragione “Ogni cani è liuni na sò casa” non vuole essere un’offesa ma per dire che sei in vantaggio

          • Emanuele Reho

            marhaba …

  • Matty Ninty

    Ma anche Tartaglia ,nel suo piccolo, ha fatto “abbassare i toni”

  • Valerio Picchi

    Aspetto con ansia un…
    E allora le foibe??
    Siete divertenti
    Dopo 60 anni ancora a fare i nostalgici

    Per quanto riguarda la sottomissione dell’Italia al paese che più di tutti gli altri nel mondo sponsorizza pratiche antiumane, amico siciliano, lei insieme a qualche picciotto dovrebbe ritenersi vagamente responsabile visto che la mafia ha aperto la strada all’invasiore americano…
    È come parlare della cena della sera prima con un arteriosclerotico

    • Emanuele Reho

      non la ringrazio per ‘l’amico’, ma mi pregio significarle che la massoneria è un cancro che porta in metastasi il mondo intero anche grazie ai ‘partigiani’ e quindi la Sicilia non ne è esente. Se con il termine ‘mafia’ allude all’origine etimologica Araba e col suo significato un volere corroborare le sue tracce civili e culturali allora nelle Due Sicilie un po’ tutti lo siamo. Se invece intende criminalizzare, da Brigante Onorato, ci sono abituato, noi Napolitani e Siciliani ci reggiamo sui valori della ‘resistenza’ (al piemontese)

      • Paciullo

        Quando nel 1848 ci furono i moti anti borbonici a Messina non mi sembra ci fosse grande amicizia fra voi ed i partenopei. E difatti, alla prima occasione, i siciliani aprirono le porte ai garibaldini, vendicandosi delle repressioni borboniche di qualche anno prima. Tutti dimenticano questi piccoli particolari, dove si evidenzia il grande contrasto che vigeva fra siciliani e napoletani…….

        • Emanuele Reho

          le nostre Capitali sono sempre state 2, Napoli e Palermo e Napolitani e Siciliani sono Fratelli, nessuno ci dividerà, siamo uniti dal 1130. Nel 1848 già era in fermento l’idea unitarista (coloniale) e repubblicana. Erano molti i sediziosi, molti i sorvegliati di polizia, molti gli esuli in Piemonte e a Londra, compresa parte dell’aristocrazia palermitana. Nell’ambasciata piemontese a Napoli naturalmente si cospirava …

          • Emanuele Reho

            i c.d. ‘moti del ’48’ furono a Palermo

          • Paciullo

            Anche a Messina, città assediata e depredata.

          • Paciullo

            I napoletani fecero stragi di innocenti, stupri e violenza deliberata per sedare la rivolta, c’è da ammettere che molti siciliani videro la possibilità di vendicarsi contro il re, aprendo le porte ai garibaldini. Erano circa 1000, non diverse decine di migliaia, poi metti pure la mega corruzione dei soldati borbonici (pagati con dollari americani) e quindi il terreno era fertilissimo. Del resto si fecero troppo tardi le riforme a favore della popolazione, il popolo meridionale non se la passava benissimo fuori da Napoli, c’era un sistema di servitù feudale, appannaggio dei baroni e dei latifondisti. E poi il clero rendeva la popolazione ignorante, superstiziosa ed analfabeta, indottrinabile. Un errore grandissimo fu lo scannamento di fine 700 a Napoli, nei confronti di medici, studiosi ed altri personaggi illustri che volevano creare un regno delle due Sicilie più moderno ed efficiente.

            https://it.wikipedia.org/wiki/Repubblicani_napoletani_giustiziati_nel_1799-1800

            p.s.

            Ho letto il libro “terroni” anni fa, ma non mi ha convinto del tutto, perchè così come allora, ci sono anche adesso troppe sacche di ignoranza giustificata ed in fondo a tanti meridionali va bene così, ossia che comandino pochi e che comunque sia si mangi.

          • Emanuele Reho

            fu Il Principe di Castel Cicala che fece rispettare le Leggi Napolitane in Sicilia e nel 1848 venne coadiuvato, perché inviato direttamente da Napoli, dal Generale Filangieri per reprimere le manifestazioni. A cannonate. Con Maniscalco per la Polizia politica fecero tutti il loro dovere agli ordini di Re Ferdinando II, ma con la morte di questi gli successe Re Francesco, degnissimo Sovrano anche se giovane. La massoneria inglese e i Rothchild avevano però deciso la fine di questo Regno libero, pacifico e Sovrano dei primati in tutta Europa perché i savoia, che tra di loro parlavano francese, erano indebitati con i giudei. Infatti al largo delle coste Siciliane stazionavano navi da guerra inglesi. Altro mito da sfatare ‘i mille’: che secondo ‘la matematica risorgimentale’ dei vincitori omettono che poi nei primi mesi successivi diventarono 10.000 …

          • Paciullo

            Divennero 10.0000 perchè le loro file assorbirono tanti picciotti siciliani. Tutto giusto quel che hai detto, ma nel 1861 non correva buon sangue fra le truppe partenopee ed il popolo siciliano, questo bisogna dirlo. I siciliani hanno sempre accolto tutti nella loro lunga storia, facendo finta che questi comandassero, quando invece non è mai accaduto nei fatti. Perchè in Sicilia, senza connivenza con i siciliani, non si comanda.

  • Albert Torresan

    Guardate, sinceramente : i media di regime non avrebbero sviluppato COMUNQUE la orripilante vicenda dell’omicidio Mastropietro. Ma stiamo scherzando? Stiamo scherzando? Sono anni che gli allogeni compiono ogni genere di nefandezza nella acquiescenza generale. Qui ha fatto un poco specie lo squartamento, ma nessun lib-lab, Bo-Bo o anarcocomunista rimarrà mai folgorato per Damasco da episodi simili!!!
    Sapete cosa ha dichiarato un consigliere regionale del Veneto del P.D., tale Azzalin Graziano da Rovigo? Che non si dovrebbe nemmeno specificare la nazionalita dello squartatore, perché occorre giudicarlo soltanto in base al crimine commesso! E questi figuri avrebbero bisogno di uno sparatore isolato per giustificare… Che cosa? Ormai se ne fregano, non hanno alcun ritegno…

    • Giuseppe

      Hai ragione. La cancrena di questo Paese è il PD e tutto il mondo mediatico che ci gira attorno. Dico il PD (ma possiamo anche spostarci verso sinistra, LEU, – vedi Boldrini -) quale rappresentanza politica di un certo modo di pensare.
      E se un corpo è affetto da cancrena, occorre tagliare di netto.
      Operazione che nel caso italiano è oltremodo problematica.

  • Albert Torresan

    Leggo di fantomatiche “Psyops”… Tutto è possibile. Ma… Qualcuno pensa veramente che lo sparatore di Macerata possa spostare anche un solo voto dalla “destra” alla “sinistra”?

  • Giovanni Parodi

    salve
    a proposito del Mein Kampf faccio notare che io l’ho acquistato, dove è tutt’ora in vendita e cioè da librerie Feltrinelli … le chiudiamo tutte per incitamento all’odio ?
    un saluto
    Piero e famiglia

  • Albert Torresan

    Vi dirò di più… La folla è femmina. Teme, e dunque INCONSCIAMENTE RISPETTA, il violento, non la vittima. Incredibile? Nessun popolo civile e fiero di sé stesso potrebbe tollerare un simile e continuato stupro della propria identita’ da parte di barbari allogeni ; l’italiano sì.
    Gli italiani sono un non popolo, una folla, appunto. Si lasciano fare dal Negro tutto questo perché percepiscono nel Negro il potere maschile. Vi sembra un caso che proprio l’Italia sia il Paese europeo dove è maggiore il numero di prostitute transessuali e di travestiti?

    • Emanuele Reho

      che vi siano più popoli italici e che il popolo ‘italiano’ sia stato inventato nel 1861 è vero, ma non esagerare. E soprattutto non dare numeri

  • Saverio GPallav

    tra poco si dirà che la povera ragazza è morta per colpa propria e che chi l’ha macellata ha fatto un’autopsia non autorizzata..

  • Paciullo

    Pochi minuti fa Grasso ha affermato dalla Gruber che lui è disposto ad accogliere tutti quanti, compresi quelli che non hanno i requisiti. Morale della favola, con questa dichiarazione, se gli va bene prenderanno il 4%. Fare dichiarazioni simili significa mettersi da soli la corda al collo, letteralmente s’intende, ciò mi fa piacere, più vanno in tv a dire queste cose, meno avranno seguito.

    • Sono proprio scollati dalla realtà. Se ne accorgeranno il 4 marzo

    • Emanuele Reho

      ma come fai a guardare certe trasmissioni …

      • Paciullo

        Seguendo la politica, non posso fare altrimenti. A casa mia, se li invitassi, non ci verrebbero mai.

  • Matteo Brunetti

    Io sono indeciso proprio tra la Lega e Casapound. E questa faccenda mi puzza alquanto. Ricorda qualcosa? Ah, sì, Berlino tre giorni dopo la morte di Karlov

    • Freddy Zanetello

      anche Forza Nuova non é male…peró la Lega mi sembra piú radicata ed abbia ancor maggior impatto.

      • Emanuele Reho

        ma non disperdete la vostra intelligenza…in parlamento appunto si parla, non si agisce; non vi fate truffare dalla dittatura ingiusta e violenta quale è la democrazia. Guardate bene i simboli che vi sono. Chiunque entri li è vincolato da questi. Volete concorrervi?
        http://faigirare.it/wp-content/uploads/2015/08/parlamento.jpg

  • Andrea Catalano

    Mi sembra un false flag palesemente gestito dai servizi deviati franco-tedeschi (DVD). Francia e Germania hanno moltissimo da perdere in caso di vittoria del centrodestra in Italia. Specialmente adesso con il Brexit ancora gioco, con la svolta sovranista in Austria, con un ulteriore peggioramento dei rapporti con i paesi dell’Europa orientale e con il forte indebolimento politico della Germania sul fronte interno. La mia impressione è che il criptogoverno europeista sia uno stato di disperazione terminale.

  • 51M0NE

    un Manchurian Candidate

  • Valerio Picchi

    Siete troppo divertenti… soprattutto tu @zeneize…
    Probabilmente sei gradito solo qui…
    Nemmeno ai lavori forzate sareste utili per la società…
    Retrogradoi paurosi del diverso

    • Emanuele Reho

      tant’è vero che nessuno quì le impedisce di manifestare il suo pensiero. Io personalmente non sono ne di destra, ne di sinistra, ne di centro, ma non sono certo un provocatore. Lei sicuro commenta qui per divertirsi, ma, sinceramente, non c’è nulla di attuale nel ricordare i partigiani oggi; è solo per lei un volere uscire da quella monotonia dei giardini pubblici dove è relegato per voler sfidare a parole chi…i reati dei partigiani li conoscono tutti quelli che li hanno voluti conoscere: sono stati delinquenti e criminali della peggior specie organizzati dall’allora OSS usa. Questo sono stati i partigiani, gentaglia che per soldi o una forma di cacio vendeva il vicino di casa e lo uccideva a tradimento dopo averlo seviziato. Mi creda, leggerla non è una bella scena

  • Gabri Di Gaia

    Io vorrei tanto vedere la faccia dell’italiana che ha avuto il coraggio di fare un figlio con un tizio simile, brutto fuori quanto dentro!!!

  • Mi dà l’idea che il nigeriano abbia eseguito un rito a Satana. Per questo, le maestranze sataniche, tendono a scagionarlo. Le femministe mica protestano se una nascitura femmina viene abortita. Se invece una minorenne aspira a diventare una casalinga, da grande, allora protestano. Perché? C’è una solidarietà peccaminosa in tema di satanismo.