Friends

PAOLO SENSINI – E’ possibile che in quest’Europa che si straccia le vesti e intraprende “guerre umanitarie” dovunque per presunte violazioni dei “diritti umani”, della “libertà di parola, di pensiero e di culto”, che accoglie supposti “profughi” africani e da ogni altra parte del mondo non abbia nulla da ridire, soprattutto dopo la grande parata parigina di “Je suis Charlie”, che un celebre avvocato tedesco come Horst Mahler sia stato condannato a 12 anni e 11 mesi di prigione (dodici … Leggi tutto

PAOLO SENSINI – Che Israele sia di fatto una etno-teocrazia militarizzata per soli ebrei (vedi ad esempio tutta la legislazione religiosa sul matrimonio, sul divorzio, sulla cittadinanza, sul possesso della terra, ecc.), è cosa ormai risaputa da tutti coloro che, eccettuata la malafede, non abbiano fette di prosciutto davanti agli occhi. Ma attenzione, perché se quel prosciutto non dovesse ottemperare i rigidi criteri stabiliti dal rabbinato per la cucina kosher, il rischio concreto è la galera. E’ ciò che infatti … Leggi tutto

PAOLO SENSINI – Poiché la Corte Costituzionale partecipa a pieno titolo del ceto parassitario che vive della fatica altrui, ha dovuto inventarsi una dottrina su misura sui “diritti acquisiti” che non esiste in nessun altro paese al mondo. Con quest’ultima misura viene sancita ufficialmente una differerenza per così dire ontologica tra chi “vive di Stato” e tutti gli altri lavoratori. Insomma, l’ennesima violazione e oltraggio a una Costituzione sempre blandita e di cui la Corte, in teoria, dovrebbe, essere il … Leggi tutto

PAOLO SENSINI – Com’era logico e prevedibile aspettarsi, tutti i partiti-associazioni-sindacati che hanno fatto della battaglia immigrazionista la loro bandiera politica “ideale” passano ora all’incasso. Niente di strano dunque se PD-SEL-CGIL-CISL-UIL-ARCI-Caritas allestiscono un seggio “pilota” che inizierà a tastare il terreno e raccogliere i primi frutti di una semina ultra ventennale. Mica si fanno operazioni del genere a gratis o senza prefigurare un determinato futuro. Si tratta di milioni e milioni di voti che, al momento opportuno, “migreranno” con una … Leggi tutto

Gli Stati Uniti hanno ordinato alla polizia svizzera di arrestare, imprigionare ed estradare negli Stati Uniti sei funzionari della FIFA per presunta corruzione. Il raid, ovviamente con pre-allarme per avere i reporter del New York Times sulla scena, avviene poco prima della votazione nella FIFA per espellere Israele dall’associazione. L’associazione calcistica mondiale FIFA si riunisce a Ginevra, in Svizzera, per il 65° Congresso Mondiale. Una delle votazioni all’ordine del giorno (.pdf) era su “Sospensione od espulsione di Leggi tutto

PAOLO SENSINI – La Casta politico-burocratica è trasversale e non ha un colore prevalente, anche se un posto d’onore spetta di fatto e di diritto alla nomenklatura comunista e post-comunista. Capostipite di questa lunga schiera di “eletti” è l’ex presidente della Camera Pietro Ingrao, poeta, partigiano, anticapitalista, ispiratore di Nichi Vendola, ma anche vincitore nel 1934 di un Littoriale della cultura con un’esaltazione della bonifica mussoliniana delle paludi pontine dal titolo: «Coro per la nascita di una città» (Littoria). Leggi tutto

PAOLO SENSINI – Continua implacabile la torchiatura fiscale ai danni dei contribuenti i-taglioti, collocando l’Italia ai vertici mondiali per inciviltà e vessazioni nei confronti dei produttori di ricchezza. E’ la Corte di Cassazione a ribadirlo con una sentenza dell’8 maggio, confermando – semmai ce ne fosse stato bisogno – l’indissolubile complicità di tutti gli apparati di regime.

http://www.miglioverde.eu/la-cassazione-il-fisco-puo-fare-quel-che-vuole-dei-vostri-conti-correnti/Leggi tutto

PAOLO SENSINI – Nella sua “Lettera di un’ebrea a Francesco” pubblicata sul Giornale (15 magggio 2015), Fiamma Nirenstein intima “con umiltà ma guardandolo negli occhi” a Papa Bergoglio di non riconoscere ufficialmente la Palestina perché ciò, nell’economia del suo ragionamento, significherebbe “avallare uno Stato antisemita”. In questo modo, giocando sull’ignoranza (nel senso di non conoscenza) della ggeente e sul senso di colpa instillato dal secondo dopoguerra nei non-ebrei, si vuole far credere in maniera fraudolenta che gli unici “semiti” Leggi tutto