FINITO DAESH, SI PASSA AI CURDI PER INNESCARE LA NUOVA GUERRA PER SION

La  fine di Daesh si avvicina,  ma col referendum curdo  i gestori della sovversione globale stanno innescando il prossimo conflitto.  Per Israele, ovviamente, e sempre secondo il piano Kivunim,   la  destabilizzazione dei  paesi  islamici per linee  etnico-religiose.

No, il Medio Oriente non deve aver pace. Netanyahu esulta apertamente.  Bernard Henry Lévy  è accorso ad abbracciare (e farsi fotografare  accanto) a Masud Barzani e a  suo figlio  Najerfane, due vecchi amici. Del resto, alla sicurezza dei Barzani  provvede il Mossad, che ne dirige anche i servizi di informazione .

La presenza di BHL è sinistra, nonostante il personaggio sia ridicolo: è il più notorio fanatico, promotore e propagandista di “interventi umanitari” occidentali  con bombardamenti, pulizie etniche e stragi anche dei più ipotetici nemici di Israele. Ex nouveau philosophe e autentico  neocon,   ha tramato  con gli islamisti libici  per distruggere Gheddafi, è stato uno degli attori principali della distruzione della Libia e  della sua giustificazione mediatica.  Per anni, è stato il propagandista in Europa dei peshmerga curdi  e della loro immagine eroica, “laica  e moderna”  e secessionista.

BHL curdo. con camicia stirata.

Il motivo è ovvio. Come ha spiegato Thierry Meysssan,  è dagli anni ’60 che i servizi ebraici hanno un piede nel Kurdistan iracheno. Dopo la caduta di Saddam, vi si sono impiantati (col  benvenuto del clan Barzani) come una succursale del Mossad  e degli interessi israeliani. Hanno aiutato  la  fazione curda in ciò che Israele sa far meglio: l’espulsione, la pulizia etnica delle altre minoranze, arabe, yazide e turcomanne: è così che hanno preparato –   col favore implicito di Usa  NATO – la “stupefacente” vittoria al referendum.   Oggi  i curdi sono più preziosi che mai per  indebolire e  antagonizzare il governo di Bagdad, ormai sciita, e metterlo in difficoltà, magari provocando una guerra civile curdo-irachena.

BHL l’intrepido. E camicia stirata.

Adesso Netanyhu ha promesso a Barzani “200 mila israeliani” per “aiutarlo” ad  amministrare il paese.  Un accordo segreto, sembra, rivelato da un settimanale che si pubblica a Erbil e si chiama, guarda caso, Israel-Kurd. (https://issuu.com/kurdisrael)

Duecentomila? Non è un numero assurdo come pare.

“L’aspirazione al Grande Israele si accorda perfettamente coi progetti dei curdi per il “Grande Kurdistan” – scrive Sara Abed,  esperta di storia e politica curda – “Il piano per un “Grande  Israele” di Oded Yinon [l’estensore del  piano Kivunim]  pone che è imperativo utilizzare i kurdi per meglio dividere i paesi vicini e  così contribuire ad un piano di dominio allargato […].  Un recente studio dell’Università Ebraica ha appurato che la  popolazione geneticamente più prossima ai giudei  potrebbero essere i  kurdi”.

http://www.haaretz.com/study-finds-close-genetic-connection-between-jews-kurds-1.75273

Insomma,  gli ebrei hanno scoperto che i kurdi sono quasi ebrei come loro. Una profonda fratellanza li unisce.

Autopromozione, e propaganda peshmerga.  Qui a Cannes.  Camicia  stirata. 

Israele ha  finalmente qui, a ridosso dei nemici di cui ha giurato la distruzione, una  vasta enclave ricchissima di petrolio, realmente sua,  da cui preparare  il conflitto contro l’Iran da distanza ravvicinata   e  riattivare un “piano B” per la Siria, dopo che il piano A è stato mandato a fallimento da Mosca,Hezbollah e Teheran.

IRAN: la  comparsa, anzi l’esibizione a Kirkuk  delle unità  di combattenti curdi iraniani, venuti apposta dall’Iran,   e mostrati in mimetiche NATO con armi americane (e non i kalashnikov di servizio) sono una evidente  e arrogante minaccia  a  Teheran.  Si è vista l’unità “Hoshabi al Khalil”,del “Partito  della Libertà  del Kurdistan” (PAK O  PJAK):  sono arrivati a migliaia  dall’Iran per “combattere lo Stato Islamico” a  fianco dei curdi iracheni. Adesso il PJAK  proclama di “essere pronto a tutto sacrificare  per impedire alle forze sostenute dall’Iran di riprendere i territori controllati dai curdi”.

Le “forze sostenute dall’Iran”  sono  le Unità di Mobilitazione Popolare, Hashd al-Chaabi, che hanno combattuto Daesh.  Sono   combattenti sciiti iracheni –che rispondono al principale imam sciita dell’Irak, Ali Al Sistani, e iraniani,  fedeli alla Guida suprema  dell’Iran, Ali Khamenei.

Curdi iraniani a Kirkuk. Pronti a battersi contro l’Iran

“Li consideriamo terroristi, peggio dell’IS,  consideriamo Hashd al Chhabi una minaccia per il  mondo”: così, esponenti armati del PJAK hanno detto ai giornalisti occidentali.   Una minaccia “per il  mondo”, l’esagerazione tradisce le iperboli di Netanyahu. Del  resto è noto che PJAK è una vecchia creazione di Cia e Mossad in condominio.  Negli anni precedenti hanno usto i membri per infiltrare e sabotare in territorio iraniano e raccogliere intelligence.  Ora li armano e addestrano per qualcosa di maggiori dimensioni – una lotta armata dell’indipendentismo curdo nel territorio iraniano –  magari con l’aiuto dei 200 mila israeliani?

“in gennaio 2012,  Le Figaro  ha raccontato che agenti segreti reclutavano e addestravano dissidenti iraniani nei campi clandestini del Kurdistan iracheno”, scrive l’analista Sarah Abed: “schierandosi coi curdi, Israele guadagna occhi ed orecchie in Iran, Irak  e Siria”. Del resto, “tutti i  gruppi politici curdi nella regione hanno legami di lunga data con Israele. Ciò è legato a gravi violenze etniche contro gli arabi, gli assiri e i turkmeni”. Le pulizie etniche  che hanno  “omogeneizzato” l’area facendo dei curdi   la maggioranza.

“Un secondo Israele geopolitico”: così  anche  l’analista Andrei Korybko non esita a definire il Kurdistan iracheno indipendente di fatto. “Un Kurdistan   creato dai territori presi all’Irak e alla Siria, uno stato-cuscinetto che andrebbe da Irbil   fino al Mediterraneo   attraverso il territorio siriano “. Ecco che torna il progetto di tagliare l’integrità territoriale della Siria. Il disegno  per il quale  l’Occidente e  Israele  avevano creato i jihadisti di Al Nusra e Daesh, oggi sconfitti.

In questo manifesto elettorale  irakeno, il Grande Kurdistan:  deborda in territorio iraniano e siriano.

“Il 1° giugno 2014, i servizi segreti dell’Arabia Saudita, degli Stati Uniti, di Israele, della Giordania, della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, del Qatar, del Regno Unito e della Turchia hanno organizzato ad Amman, in Giordania, un incontro preparatorio per l’invasione dell’Iraq da parte di Daesh  – conferma infatti Meyssan  –   Sappiamo dell’esistenza di questa riunione dal documento turco che Özgür Gündem ha pubblicato immediatamente [2]. Questo quotidiano – con cui ho collaborato – è stato chiuso dal “sultano” Recep Tayyip Erdoğan” [3].

http://www.voltairenet.org/article198068.html

Il  che pone la domanda: con chi sta adesso Erdogan? Certo  dovrebbe vedere la nascita di uno stato curdo in Irak come un  pericolo estremo.

Ma  “gli S 400 proteggeranno la Turchia da una forza aerea curda”; butta là Korybko. Una forza aerea del Kurdistan iracheno e indipendente? Non  è affatto impossibile ora (con Sion a pilotarla).  Ricordo  che gli americani hanno ceduto ad Erdogan la loro base di Al Udeid in Katar,  con un avvicendamento pianificato. Come mai? Forse non c’è più bisogno di una base simile per le prossime mosse offensive, avendo “un secondo Israele” in Irak con una forza aerea ……. Forse anche Al Udeid è troppo vulnerabile ai missili iraniani,in caso di guerra guerreggiata.

Secondo il modesto parere di chi scrive, è proprio quello cui punta Israele: un conflitto di grandi dimensioni contro l’Iran, che stracci gli accordi sulla moratoria nucleare iraniana, che costringa Washington a fare l’ultimo sforzo per Sion, e l’Europa ad accodarsi, come sempre.

Esercitazioni cinesi a Gibuti. 

Magari sarà un caso se  venerdì 22, i militari cinesi  che presidiano la base di Gibuti – la prima base cinese   nel Golfo Persico petroliero,  Bab el Mandeb  –  aperta per giunta da nemmeno due mesi,  hanno condotto esercitazioni   di  tiro con proiettili veri.  Forse Pechino sa qualcosa che noi ignoriamo (ma sospettiamo).

Print Friendly, PDF & Email

7 commenti

  1. Stefano

    Curdi, Israeliani e Turchi insieme, a me ricordano molto le descrizioni dei popoli di Gog e Magog nelle varie leggende sia bibliche che riguardanti l’epica di Alessandro Magno… Infatti l’origine delle orde che devasteranno la terra all’epoca dell’Anticristo dovrebbero secondo varie letture far parte del ramo Jafetico, ed in particolare dovrebbero essere popoli di origine turanica, indo-europei quindi, discendenti di Alani, Medi ,Sciti o popoli affini a questi… In effetti “Si ritiene che i Curdi moderni discendano dagli abitanti dell’antico Regno di Corduene, noti anche come Carduchi, a loro volta discendenti dagli antichi Medi, con apporti di Sciiti e Galati, di stirpe celtica.”… Per quanto riguarda i Turchi sappiamo tutti la loro provenienza dalle steppe centro-asiatiche, ma molti per esempio li identifcano proprio con i popoli Turanici.:”Gli originari Turani erano il popolo iranico dei Tuirya dell’epoca avestica.
    « Il popolo di Tura ci è ben noto dall’Avestā recente: si tratta di nomadi tra il Caspio e l’Aral e delle regioni dell’Oxus e dello Iaxartes. si segnala ancora in epoca sasanide, nel Khwārezm, sul basso Oxus, un distretto di Tur. I Tura, o Turanici sono diventati nella leggenda il simbolo di tutto ciò che non era iranico (sono stati identificati con i Turchi, per la rassomiglianza dei nomi); ma è evidente che essi erano di origine ārya, perlomeno per quanto riguarda la classe dominante »… Quindi i Turanici erano una:
    « tribù del Centro Asia, che nell’Avestā rappresentano il popolo nomade nemico per antonomasia degli Arii. Forse sono Sciti nomadi in lotta con gli Irani divenuti agricoltori stanziali » Lo Shahnameh associa i Turani con i Turchi… Anche gli Ungheresi venivano chiamati Turchi dai bizantini, e guarda caso quando venneo cristianizzati il capostipite delle genti ungare vienne fatto risalire mitologicamente proprio alla discendenza di Magog…. Per chiudere parlando degli Israeliani, se si fa risalire l’origine degli odierni israeliani dalle genti cazare il quadro è completo, in quanto i Cazari “sono una confederazione di popolazioni turche seminomadi originarie delle steppe dell’Asia Centrale in cui confluirono elementi slavi, iranici e i resti dei Goti di Crimea…. Intorno al periodo di fondazione del khanato molti Cazari si convertirono al giudaismo.
    Il nome ‘Cazari’ che essi stessi si sono dati proviene da un verbo in lingua turca che significa “vagabondare”…. A proposito di Gog e Magog si ritiene che “essi berranno le acque del Tigri e dell’Eufrate”… Ricordo anche un bellissimo articolo del Direttore Blondet su questo tema interessantissimo a mio parere.

    1. Stefano

      P.S. Anche gli Uiguri, sempre di etnia turcofona, sono un altro “popolo senza nazione” che vive nel nord-ovest della Cina e potrebbe esser associato alla lista di cui sopra, anche loro lottano da sempre per un ideale indipendentista simile a quello curdo, e sono sempre stati un bel problema per la Cina, chissà se la Muraglia cinese corrisponda a quella costruita da Alessandro per imprigionare le Orde di Gog e Magog…

  2. Larry06

    Per la felicità dei centri sociali e collettivi studenteschi vari dislocati in tutta la penisola italiota. Ora avranno motivo di festeggiare per la nascita della Rojava ed esultare per Kobane “libera”!
    D’ora in poi vedremo i nostri giovani aitanti, impavidi e sprezzanti del pericolo, partire in massa per il fronte curdo. Motivazione: free Kurdistan! Ci diranno. …salvo poi compiangerli con le solite lacrime di coccodrillo (non è vero Goracci&company?) quando torneranno in patria avvolti in un sacco nero. Allora si che vedremo i nostri media, la Gruber e soprattutto le varie mamme strillare in coro per le piazze d’Italia: libertà per Regeni, libertà per mio figlio morto in Kurdistan!!!

    …intanto Israele e gli yankee, col ghigno, ringraziano.

Lascia un commento