STUDIO del 2012: Vaccino anti-flu accresce rischio polmoniti virali

(Pubblicato  da:
US National Library of Medicine
National Institutes of Health
 . 15 giugno 2012; 54 (12): 1778–1783.

Pubblicato online il 15 marzo 2012 :  10.1093 / cid / cis307
PMCID: PMC3404712
PMID: 22423139

Aumento del rischio di infezioni da virus respiratorio non influenzale associate alla ricezione di vaccino antinfluenzale inattivato

Dati associati

Materiali supplementari

Abstract

Abbiamo randomizzato 115 bambini a vaccino antinfluenzale inattivato trivalente (TIV) o placebo. Nei successivi 9 mesi, i destinatari della TIV avevano un aumentato rischio di infezioni non influenzali confermate virologicamente (rischio relativo: 4,40; intervallo di confidenza al 95%: 1,31-14,8). Essendo protetti contro l’influenza, i destinatari della TIV potrebbero non avere un’immunità temporanea non specifica che proteggeva da altri virus respiratori.

La vaccinazione antinfluenzale è efficace nel prevenire l’infezione da virus influenzale e la morbilità associata tra i bambini in età scolare [  ,  ]. È stato ipotizzato il potenziale di immunità temporanea non specifica tra virus respiratori dopo un’infezione e la conseguente interferenza a livello di popolazione tra epidemie di questi virus, con prove empiriche limitate fino ad oggi, principalmente da studi ecologici [  ]. Abbiamo studiato l’incidenza di infezioni acute del tratto respiratorio superiore (URTI) associate a infezioni virali virologicamente confermate in uno studio randomizzato controllato sulla vaccinazione antinfluenzale.

METODI

Assunzione e follow-up dei partecipanti

In uno studio controllato randomizzato in doppio cieco, abbiamo assegnato in modo casuale bambini di età compresa tra 6 e 15 anni per ricevere il vaccino inattivato per l’influenza trivalente stagionale 2008-2009 (TIV; 0,5 mL Vaxigrip; Sanofi Pasteur) o placebo [ ]. I campioni di siero sono stati ottenuti dai partecipanti prima della vaccinazione da novembre a dicembre 2008, un mese dopo la vaccinazione, a metàstudy intorno ad aprile 2009, e alla fine dello studio da agosto a ottobre 2009. I partecipanti sono stati seguiti per le malattie attraverso diari dei sintomi e telefonate e le segnalazioni di malattie in qualsiasi membro della famiglia hanno innescato visite a domicilio durante le quali sono stati raccolti campioni di tampone nasale e della gola (NTS) da tutti i membri della famiglia. Abbiamo definito il periodo di follow-up per ciascun partecipante da 14 giorni dopo il ricevimento di TIV o placebo alla raccolta di campioni di siero midstudy come la stagione invernale e dalla raccolta di campioni di midstudy fino all’ottenimento del campione di siero finale come stagione estiva.

Il consenso informato scritto scritto è stato ottenuto per tutti i partecipanti dai loro genitori o tutori legali, con ulteriore assenso scritto da coloro di età ≥8 anni. Il protocollo di studio è stato approvato dall’Institution Review Board della Hong Kong University.

Metodi di laboratorio

Gli NTS sono stati testati per 19 virus respiratori dall’array multiplex ResPlex II Plus [  ] e per l’influenza A e B mediante reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) [  ,  ] ( Appendice supplementare ). Ci riferiamo alle infezioni determinate da questi saggi come infezioni “confermate”. Le informazioni sulla sierologia influenzale sono fornite nell’appendice supplementare .

Analisi statistica

Abbiamo definito una malattia respiratoria acuta (ARI) determinata da segni e sintomi autosufficienti come ≥2 dei seguenti segni o sintomi: temperatura corporea ≥37,8 ° C, mal di testa, mal di gola, tosse, presenza di catarro, corizza e mialgia [  ]. Abbiamo definito la malattia respiratoria acuta febbrile (FARI) come temperatura corporea ≥37,8 ° C più tosse o mal di gola. Poiché la durata del follow-up variava in base al partecipante, abbiamo stimato i tassi di incidenza degli episodi di ARI e FARI e confermato infezioni virali nel complesso e durante le stagioni invernali ed estive e stimato il rischio relativo di questi episodi per i partecipanti che hanno ricevuto TIV rispetto al placebo con l’uso di il rapporto del tasso di incidenza usando la regressione di Poisson ( Appendice supplementare). Tutte le analisi statistiche sono state condotte utilizzando R, versione 2.11.0 (R Development Core Team, Vienna, Austria). I dati e la sintassi per riprodurre queste analisi statistiche sono disponibili sul sito Web dell’autore corrispondente.

RISULTATI

Tra i 115 partecipanti che sono stati seguiti, la durata mediana del follow-up è stata di 272 giorni (intervallo interquartile, 264-285 giorni), senza differenze statisticamente significative in età, sesso, dimensioni della famiglia o durata del follow-up tra TIV e destinatari placebo (Tabella 1). Abbiamo identificato 134 episodi ARI, di cui 49 hanno incontrato la definizione più rigorosa del caso FARI. Malattie verificatesi durante il periodo di studio ( appendice supplementare, figura 1 ). Non vi era alcuna differenza statisticamente significativa nel rischio di ARI o FARI tra i partecipanti che avevano ricevuto TIV e quelli che avevano ricevuto placebo, sia durante l’inverno che l’estate 2009 (Tabella 2).

Tabella 1.

Caratteristiche dei partecipanti e durata del follow-up

Caratteristica TIV (n = 69) Placebo (n = 46)
Gruppo d’età, No. (%)
 6-8 anni 19 (28) 16 (35)
 9-11 anni 41 (59) 27 (59)
 12-15 anni 9 (13) 3 (7)
Sesso femminile, No. (%) 30 (43) 23 (50)
Durata mediana del follow-up, giorni 272 272
Significa no. di individui per famiglia 3.7 3.6

Abbreviazione: TIV, vaccino antinfluenzale inattivato trivalente.

Tavolo 2.

Tassi di incidenza di infezione acuta del tratto respiratorio superiore tra 115 partecipanti di età compresa tra 6 e 15 anni che hanno ricevuto vaccino per l’influenza inattivato trivalente o placebo

TIV (n = 69)


Placebo (n = 46)


Variabile Vota a (IC al 95%) Vota a (IC al 95%) Rischio relativo (IC al 95%) Valore P
Inverno 2009
Episodi di  ARI b 2080 (1530-2830) 2260 (1550-3300) 0.92 (0,57-1,50) .74
Episodi di  FARI b 609 (346-1070) 753 (392-1450) 0.81 (0,34-1,92) .63
Estate 2009
Episodi di  ARI b 1510 (1130-2020) 1160 (757-1780) 1.30 (0,78-2,18) .31
Episodi di  FARI b 658 (424-1020) 442 (221-884) 1.49 (0,65-3,38) .33

Abbreviazioni: ARI, malattia respiratoria acuta; CI, intervallo di confidenza; FARI, malattia respiratoria acuta febbrile; TIV, vaccino antinfluenzale inattivato trivalente.

a I tassi di incidenza sono stati stimati come il numero di episodi ARI o FARI per 1000 persone-anni di follow-up.

b ARI è stato definito come almeno 2 dei seguenti sintomi: temperatura corporea ≥37,8 ° C, tosse, mal di gola, mal di testa, naso che cola, catarro e mialgia; FARI è stata definita come temperatura corporea ≥37,8 ° C più tosse o mal di gola.

Siamo stati in grado di raccogliere 73 NTS per i test da parte dei partecipanti per 65 episodi ARI di 134 (49%), che includevano 22 di 49 episodi FARI (45%). Il ritardo medio tra l’insorgenza di ARI e la raccolta del primo NTS è stato di 1,22 giorni e il 5% degli NTS è stato raccolto> 3 giorni dopo l’insorgenza della malattia, senza differenze statisticamente significative tra i destinatari di TIV e placebo. Abbiamo rilevato virus respiratori in 32 su 65 NTS (49%) raccolti durante episodi ARI, che includevano 12 di 22 (55%) episodi FARI. Abbiamo raccolto 85 NTS dai partecipanti in momenti in cui uno dei loro contatti familiari ha riportato un URTI acuto ma i partecipanti non erano malati e abbiamo identificato virus in 3 dei campioni (4%), tra cui influenza A (H3N2), coxsackie / echovirus e coronavirus 229E.

Non vi era alcuna differenza statisticamente significativa nel rischio di infezione influenzale stagionale confermata tra i destinatari di TIV o placebo, sebbene la stima puntuale fosse coerente con la protezione nei destinatari di TIV (rischio relativo [RR], 0,66; intervallo di confidenza al 95% [CI],. 13-3,27). I destinatari di TIV avevano un rischio significativamente più basso di infezione influenzale stagionale sulla base di prove sierologiche ( Appendice Supplementare). Tuttavia, i partecipanti che hanno ricevuto TIV avevano un rischio maggiore di ARI associato a infezione da virus respiratorio non influenzale confermata (RR, 4,40; IC 95%, 1,31-14,8). Comprese 2 ulteriori infezioni confermate quando i partecipanti non hanno riportato ARI, i destinatari della TIV avevano un rischio più elevato di infezione da virus respiratorio non influenzale confermata (RR, 3,46; IC al 95%, 1,19-10,1). La maggior parte dei rilevamenti di virus respiratori non influenzali erano rinovirus e coxsackie / echovirus e anche l’aumento del rischio tra i destinatari di TIV era statisticamente significativo per questi virus (Tabella 3). La maggior parte dei rilevamenti dei virus respiratori è avvenuta nel marzo 2009, poco dopo un periodo di picco dell’attività stagionale influenzale nel febbraio 2009 (Figura 1).

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3404712/

Print Friendly, PDF & Email