Dr. Claudio Sauro. Maggiore esperto italiano di Vitamina D a rischio radiazione dall’ordine

 

25 pazienti colpiti da tumore hanno presentato una memoria difensiva nei confronti del Dr. Claudio Sauro, medico laureato nel 1977 in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Padova operante a Badia Calavena, è stato sottoposto dall’Ordine dei Medici di Verona a procedimento disciplinare di radiazione che si svolgerà il 6 Giugno per aver diffuso un protocollo chiamato “chemioterapia naturale” che proponeva a coloro con cui la chemioterapia aveva fallito o non potevano farla. E’ un insieme di integratori naturali con comprovata funzione benefica per il sistema immunitario e lotta contro le cellule cancerose. Inoltre gli è stato imputato anche di aver prescritto la vitamina D3 a dosaggi elevati oltre quelli raccomandati dall’AIFA. In realtà, come molti ricercatori e scienziati hanno dimostrato, gli effetti terapeutici della vitamina D si hanno quasi solo ad alti dosaggi e non ci sono effetti collaterali con la vitamina D3 se si è seguiti da un medico. Da notare che in tutto questo il Dr. Sauro non ha mai chiesto soldi e tutti coloro che si sono rivolti a lui possono testimoniarlo, eppure «il presidente dell’Ordine mi ha accusato di operare a fini di lucro… e non ho mai nemmeno veicolato nessuno all’erboristeria di mio fratello di Bosco Chiesanuova» rivela sul suo profilo facebook.Le Linee Guida elaborate dalla Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS), affermano che “In presenza di deficit severo vanno somministrate dosi cumulative di vitamina D3 variabili tra 300.000 ed 1.000.000 di UI, nell’arco di 1-4 settimane”. Basta pensare che una persona bianca in costume d’estate produce circa 10.000 UI in 20 minuti, mentre l’AIFA vuole far assumere un massimo di 600 UI al giorno, con cui anche i ricercatori affermano che ci si fa ben poco. E’ infatti la somministrazione della vitamina D2, ovvero una forma attivata di vitamina D, su cui bisogna mantenere un basso dosaggio attentamente monitorato perché altrimenti può avere effetti tossici.«Tutto è partito da una denuncia di un collega di Napoli, credo, che mi accusava di salvare le persone con l’omeopatia, di esser contro i vaccini, di avere un’azienda familiare dove produrrei la vitamina D», spiega il Dr Claudio Sauro in un articolo sul giornale L’Arena. Infatti già nel 2015 stavano cercando di ostacolare la sua professione.«Sono stato convocato in prima battuta per rispondere a queste assurdità, dimostrando che non uso l’omeopatia ma la vitamina D a dosi talmente alte che sono inconcepibili per l’omeopatia; non sono contro i vaccini perché si può controllare all’Ulss 9 che ne ho somministrati ben 140 di quelli antinfluenzali, solo negli scorsi mesi a Badia Calavena e la produzione di vitamina D è così complicata che è impensabile produrla in famiglia: servono laboratori farmaceutici di tipo industriale. Pensavo di aver esaurito con questo la mia difesa, invece mi è stato rinfacciato l’utilizzo di un nuovo protocollo di chemioterapia naturale. In realtà si tratta di un documento che avevo messo in un gruppo chiuso di Facebook dove si discuteva fra studiosi e interessati alla materia. Qualcuno lo ha poi estrapolato dal gruppo e rigirato su Google e così sono nati i problemi per un tema che doveva restare circoscritto alla discussione».E aggiunge: «Avevo cominciato a interessarsi di vitamina D dopo uno studio pubblicato dalla Columbia University sull’utilizzo di questa vitamina come antitumorale. Da allora ho cominciato ad usarlo e ne ho prescritto 700 dosaggi e avrei continuato a farlo se dall’Ulss non fosse arrivato lo stop perché troppo costoso».

Insomma gli hanno detto che prescrivere vitamina D è troppo costoso che si trova a pochi euro dappertutto… Mentre radio e chemioterapia sono invece tranquillamente prescrivibili… Giusto se qualcuno non lo sapesse, ecco i costi della chemioterapia:

1. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 128.217,00 euro.
2. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Vinolrelbina associata a Cisplatino (TAX 326 + ILCP) per 100 pazienti: 200.940,00 euro
3. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Carboplatino (ECOG 1594 + ILCP) per 100 pazienti: 216.945,00 euro
4. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Gemcitabina associata a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 409.020,00 euro
5. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594 + TAX 326) per 100 pazienti: 540.093,00 euro
6. – Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Carboplatino (TAX 326) per 100 pazienti: 548.955,00 euro.

«Ma io non ho mai detto a nessuno di non fare la chemioterapia. Ho solo prescritto dosaggi di vitamina D a persone che venivano disfatte da diversi cicli di chemioterapia e che non ne avrebbero potuto sopportare altri se non rischiando la morte, ad anziani indeboliti o cardiopatici. I dosaggi non erano alternativi alla chemio, ma in alcuni casi si aggiungevano e in altri la sostituivano quando non potevano farla» afferma il medico.

Purtroppo oggi c’è una vera dittatura governata dal business, la medicina come cura non esiste più, bisogna solamente prescrivere farmaci, vaccini, chemioterapia a iosa e poi se funzionano o no, se ti ammazzano o no, non è un problema perché tanto si è seguito il protocollo. Si vuole togliere ai medici il diritto di personalizzare la cura ad ogni paziente, di poter decidere quale strada terapeutica seguire sulla base del proprio cervello funzionante, sugli studi e le conoscenze degli effetti collaterali e diretti delle sostanze.

Come scrive Michela Nicolussi Moro sul Corriere del Veneto nell’edizione di Verona a pagina 8, i testimoni assicurano di non aver mai subito da lui pressioni per rifiutare le cure con la medicina tradizionale.«Il trattamento con la vitamina D, peraltro accreditato da oltre 400 studi internazionali, l’ho proposto a malati in metastasi, che avevano già concluso cicli di chemio e radioterapia purtroppo senza risultati.»

«I pochi pazienti che mi avevano chiesto di essere visitati li ho ricevuti tutti nel mio ambulatorio di Badia Calavana. Se questo non fosse vero, i pazienti a cui avessi chiesto qualcosa o li avessi veicolati a Bosco possono segnalarlo all’Ordine dei Medicidi Verona.. Mi si presentavano solo pazienti che avevano già esaurito i cicli di chemio e di radioterapia, pazienti sofferenti ai quali non mi sono mai sentito di chiedere denaro. I miei consigli si limitavano a Vitamine, oligoelementi e piante medicinali e per queste integrazioni non potevo chiedere qualcosa in denaro. Qualcuno poi so che è stato meglio, e mi ha telefonato e ringraziato».«Nessuno dei miei pazienti mi ha voltato le spalle, sto ricevendo una solidarietà straordinaria, la gente mi vuole bene». A riprova del sostegno al dottore è stata aperta una petizione su change.org con oltre 7 mila firme per fermare la sua radiazione dall’Albo oltre che centinaia di appelli su Facebook.

AGGIORNAMENTO. Alla fine il Dr. Sauro è stato sospeso per 6 mesi e non radiato, quindi continuerà a svolgere la sua professione nel rispetto delle sue conoscenze..

Vitamina D 10.000 UI 120 compresse (vegan prodotta dai licheni) 15,99€

Vitamina D 10.000 UI 360 softgel 37,90€

Print Friendly, PDF & Email