Commissione UE: “L’Orchesta Soros” condanna l’Ungheria

11.12.2019 09:50 

Un’audizione sulle accuse della Commissione europea contro il governo ungherese è sfuggita di mano. Le due parti sembrano alienarsi politicamente.

Un’udienza dell’UE  contro le limitazioni allo stato di diritto in Ungheria si è conclusa con uno scandalo. I fronti sono rimasti duri alla riunione dei ministri dell’UE per l’Europa a Bruxelles martedì: il ministro della giustizia ungherese Judit Varga ha parlato di una “caccia alle streghe” a causa di un procedimento penale dell’UE in corso contro Budapest. La presidenza finlandese del Consiglio dell’UE ha accusato un portavoce del primo ministro ungherese Viktor Orban di aver espresso antisemitismo su Twitter.

Il governo ungherese è stato accusato da Bruxelles di aver minato i valori fondamentali dell’UE per anni. Oltre a una serie di procedimenti di infrazione, Budapest sta anche svolgendo procedimenti penali che possono portare al ritiro del diritto di voto del paese  a livello dell’UE. Alla riunione dei ministri europei, il paese è stato tenuto per la seconda volta, rappresentato dal ministro della giustizia Varga. Ha insistito sul fatto che i procedimenti penali avviati dal Parlamento europeo si basano su “false accuse” e devono essere chiusi.

La vicepresidente responsabile Vera Jourova ha dichiarato dopo l’incontro che le discussioni nell’ambito della procedura penale ai sensi dell’articolo 7 del trattato UE dovrebbero continuare. “La parte ungherese ha cercato di convincerci che va tutto bene, ho l’impressione che ci siano ancora preoccupazioni”.

Didier Reynders, commissario europeo per la giustizia, ha persino parlato di un “peggioramento” della situazione. Il ministro degli Esteri tedesco Michael Roth (SPD) ha anche affermato prima dell’inizio che le attuali iniziative legislative ungheresi “suggeriscono piuttosto che potrebbero esserci delle battute d’arresto”.

Le organizzazioni  (ONG)  finanziate e gestite privatamente e la Commissione europea accusano Budapest di minare sistematicamente l’indipendenza della magistratura, la libertà di stampa e i diritti dei rifugiati e delle minoranze. Il governo ungherese respinge le critiche in riferimento a una presunta cospirazione del miliardario americano George Soros, che è attivo in tutto il mondo attraverso numerose fondazioni e organizzazioni. Orban accusa l’uomo d’affari ungherese di promuovere l’immigrazione clandestina in Ungheria finanziando agenzie di aiuto.

Il fatto che il portavoce del governo di Orban, Zoltan Kovacs, abbia pubblicato una serie di tweet su Twitter a porte chiuse durante l’udienza e abbia commentato le dichiarazioni di rappresentanti di altri Stati membri, ha destato preoccupazione. L’Ungheria ha quindi ricevuto un rimprovero ufficiale dal Consiglio dell’UE per aver violato la riservatezza delle deliberazioni.

Prima dell’inizio, Kovacs aveva scritto su Twitter una foto dell’edificio del consiglio: “Soros Orchestra sta per entrare sul palco”. Questo è stato seguito da un tweet in cui ha accusato la “Soros Orchestra” tra i ministri europei di scrivere per spingere l’UE nella “loro lotta politica guidata ideologicamente”.

“Questo è scandaloso”, ha dichiarato il ministro finlandese degli affari europei Tytti Tuppurainen, il cui paese detiene attualmente la presidenza dell’UE. “Ogni atto antisemita deve essere condannato nel modo più duro possibile”. Anche la violazione della riservatezza durante la riunione è stata “una faccenda seria”.

Nel frattempo, il Parlamento ungherese ha approvato una serie di proposte legislative martedì. Un pacchetto legislativo di 200 pagine sulle procedure amministrative comprende, tra le altre cose, le riforme giudiziarie che i critici sostengono stanno limitando l’indipendenza della magistratura. Altre leggi si riferiscono ai comuni e alle istituzioni politiche in Ungheria.

Un emendamento criticato dall’opposizione come “legge sulla museruola” consentirà in futuro al presidente del parlamento di imporre pesanti multe ai parlamentari o di escluderli dalle riunioni se protestano nell’edificio del parlamento. In futuro anche i parlamentari dell’opposizione avranno difficoltà ad accedere a istituzioni pubbliche come i ministeri.

Altre modifiche legislative sono fondamentali, secondo le reazioni del Primo Ministro Viktor Orban alle recenti sconfitte elettorali del suo partito. Un emendamento limita la capacità di più parti di formare alleanze durante le elezioni. Inoltre, la libertà dei comuni è limitata nell’uso del denaro dei contribuenti.

DWN

Per ricordare la Soros List dei parlamentari che Soros considera affidabili:

UE: 4 COMMISSARI E 73 DEPUTATI NELLA SOROS LIST.

DALLE ELEZIONI 2019 BRUTTO COLPO ALL’OPEN SOCIETY
DIMEZZATI I PARLAMENTARI DI FIDUCIA A BRUXELLES
MA OTTIENE 4 “MINISTRI” GRAZIE ALLA VON DER LEYEN

IL PLUTARCA SIONISTA PUO’ CONTARE SU GENTILONI
BENEDETTO DAI 5STELLE NONOSTANTE LE POLEMICHE
DI GRILLO PER L’INCONTRO SEGRETO A PALAZZO CHIGI

….

Quel dossier di ben 177 pagine aveva suscitato l’indignazione in tutta l’Europa (2) dove era stato segnalato in anteprima dal giornalista Marcello Foa, prima che diventasse presidente Cda RAI, tanto da innescare persino la minaccia di querele da parte del Partito Democratico che aveva ben 13 eurodeputati nella lista.

Le recenti elezioni hanno falcidiato proprio il PD che ha perso a Bruxelles deputati di spicco come l’ex sindacalista Sergio Cofferati, l’ex ministro Cecile Kienge ma anche Daniele Viotti, co-presidente dell’intergruppo europarlmentare Lgbt. Non riconfermata nemmeno la giornalista di sinistra Barbara Spinelli, indipendente della lista Tsipras, pugnace antiberlusconiana dalle colonne de La Repubblica e già presente alle riunioni del Bilderberg.

Gli eurodeputati italiani ritenuti vicini alla Open Society dallo studio Kumquat da 14 sono cos’ rimasti solo 3: Brando Benifei, Andrea Cozzolino e Roberto Gualtieri, finito sotto i riflettori in quesi giorni dopo la sua nomina a Ministro dell’Economia.

UE: 4 COMMISSARI E 73 DEPUTATI NELLA SOROS LIST. MOLTI PRO “NO GENDER”

Print Friendly, PDF & Email