Maurizio Blondet

La spietata misericordia di “El General”

2 febbraio 2017 by kattolika

Da quel 13 marzo 2013 è cominciata un’era di spietata misericordia…

Forse è finito davvero l’Anno straordinario della Misericordia, o forse non è mai cominciato, certo è che per Padre Stefano Manelli è cominciato un incubo, il suo Purgatorio in terra. Quel fulmine dell’11 febbraio 2013, che simbolicamente spaccava la Cupola di San Pietro in due, da qualche parte doveva pur cadere perché, quel parafulmine stava comunicando al mondo la sua Rinuncia, e qualcuno doveva

Leggi tutto “La spietata misericordia di “El General””

KIEV ALL'ATTACCO IN DONBAS.  COMPLICI,  MCCAIN E  I "FAKE MEDIA"

 

Le truppe di Kiev da giorni hanno compiono bombardamenti d’artiglierie contro il Donbass separatista – uccidendo volontariamente gran numero di civili (qualcosa che hanno imparato dalla Cia?).  Durante le ultime 24 ore, le truppaglie della giunta hanno sparato 3016  volte contro il territorio separatista, di cui 490 volte con razzi multipli Katiusha,  e 939  volte con artiglieria pesante (122 e  152 mm).  Così’  hanno  ucciso due persone (una anziana di Avdeyevka), colpito un’ambulanza  ferendone gli occupanti,   distrutto

Leggi tutto “KIEV ALL’ATTACCO IN DONBAS. COMPLICI, MCCAIN E I “FAKE MEDIA””

Redazione SUPU | gennaio 31, 2017

 

Generale, qualcosa non  torna. Donald Trump giura il 20 gennaio 2017  fedeltà alla Costituzione e diventa il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America. E il 30 gennaio, appena dieci giorni dopo avviene la strage in un moschea di Quebec City, in Canada, dove vengono uccisi sei islamici in preghiera.

“Commissario, ha ragione lei: qualcosa non torna per alcune stranezze, che la stampa e le TV italiane, vendute a questo regime politico di abusivi

Leggi tutto “UN COMMISSARIO DELLA POLIZIA DI STATO E UN GENERALE DEI CARABINIERI “QUALCOSA NON TORNA””

MOGHERINI E TUSK  TRACOTANTI CONTRO TRUMP.  PERCHE', SE LO POSSONO PERMETTERE?

C’è  qualcosa di intollerabile, oltre che inquietante e comico, nelle dichiarazioni  tracotanti  “di guerra”  a Trump da parte dei nostri  burattini  “europei” che nessuno  ha eletto. Dichiarazioni di guerra  vera e propria  fatte a nostro nome.  La Mogherini   ha convocato il parlamento europeo per dichiarare: “L’Europa ha il dovere di essere chiara in caso di disaccordo soprattutto se questo riguarda i nostri valori fondamentali. E certamente siamo in disaccordo con l’ordine esecutivo emanato dal presidente degli Stati Uniti il 27

Leggi tutto “MOGHERINI E TUSK TRACOTANTI CONTRO TRUMP. PERCHE’, SE LO POSSONO PERMETTERE?”

 

Il Bahrain della repressione anti-sciita, ospita da oggi manovre navali con unità britanniche, americane, francesi e australiane. Il fine è mandare un pesante avvertimento a Tehran già presa di mira da Donald Trump

 

di Michele Giorgio   il Manifesto

Roma, 31 gennaio 2017, Nena News – Si chiamano “Unified Trident” e si svolgeranno a partire da oggi davanti alle coste del Bahrain, quindi non lontano da quelle iraniane, le manovre navali che vedranno la Marina britannica guidare per tre giorni navi

Leggi tutto “UNIFIED TRIDENT – ATTACCO SIMULATO ALL’IRAN”

I Rotschild: 8 volte più ricchi degli 8 più  ricchi

Per un  giorno, i media hanno parlato della ricerca di  Oxfam International   da  cui risulta che la ricchezza degli 8 principali miliardari supera quella della metà povera della popolazione mondiale, 3,6 miliardi.  Gli otto sono

Bill Gates   con  75 $  miliardi

Amancio Ortega – $ 67 mdi

Warren Buffett – 60,8 $ mdi

Carlos Slim Helu – 50 $ mdi

Jeff Bezos – 45,2 $ mdi

Mark Zuckerberg – 44,6 $ mdi

Larry Ellison – 43,6 $ mdi

Michael

Leggi tutto “I Rotschild: 8 volte più ricchi degli 8 più ricchi”

di Roberto Pecchioli

                                                                   Parte I

Alla cassa di un supermercato, tre giovani uomini, due con la cappa aziendale e l’altro con la tuta di una cooperativa che trasporta le merci ai punti vendita, commentano la diminuzione delle ore di lavoro dei dipendenti che svolgono i servizi esterni. Parlano con tono sommesso, sembrano  rassegnati, senza la passione, la tensione e l’indignazione delle generazioni precedenti, uno dei tre afferma addirittura che è un “non licenziamento”. Poi, passano a discutere d’altro, eppure la

Leggi tutto “L’inverno del nostro scontento. Ma la rivolta non c’è.”

Da cittadino elettore ritengo essenziale restituire quanto prima la parola agli italiani. Anche per riavere finalmente una rappresentanza parlamentare che rispecchi davvero l’orientamento politico del nostro popolo e non sia falsata da “premi di maggioranza” incostituzionali come accade oggi.

Tuttavia – al di là delle chiacchiere di Renzi – ritengo impossibile che il Pd vada in Parlamento a sfiduciare il suo stesso governo. Pagherebbe un prezzo d’immagine pesante. Inoltre abbiamo anche a che fare con delle regole.

Quella della “coerenza”

Leggi tutto “PRIMO. Regole internazionali dicono che non si può votare per un anno dopo aver cambiato la legge elettorale. SECONDO: può essere un anno prezioso. Nei prossimi mesi si dovrà rivedere tutto (euro, che probabilmente salterà, Ue che ne seguirà le sorti e globalizzazione) e l’Italia deve decidere del suo destino. I partiti siano seri e propongano vie percorribili per il nostro Paese. Altrimenti è il baratro.”