Friends

di ROBERTO PECCHIOLI

 

La questione della mozione parlamentare con cui il PD ha chiesto di non rinnovare il mandato del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, in scadenza a fine ottobre, è di quelle che purtroppo non appassionano l’opinione pubblica. La maggioranza pensa che si tratti di un tema ostico e scivoloso, fatto di giochi di potere, questioni oscure, irrilevanti nella vita quotidiana dei comuni cittadini. Come accade spesso l’idea corrente è del tutto sbagliata. Bankitalia conta, eccome, ben più

VERITA’ CRISTIANA E PERENNIALISMO

quinta ed ultima parte

AGOSTINO D’IPPONA

Conformemente alla tradizione patristica, che troverà continuazione fino al medioevo ed anche successivamente, Agostino espone una dottrina del tutto fondata nella Rivelazione primordiale . Il mondo ha avuto un inizio ontologico ed il tempo stesso è una “creatura”. L’Archetipo della creazione è “sin dagli inizi” ossia “ante tempora” ovvero ἀχρόνως, ab aeterno. Il Disegno di Dio, che fa perno metafisico sul Verbo e la Sua Incarnazione, è disegno di creazione

Di Natasha Daneu

L’aspetto più eclatante delle elezioni politiche austriache rimane la campagna elettorale del partito socialdemocratico Spö; per dirigerla il suo leader Christian Kern assunse il consulente israeliano Tal Silberstein. La rivista Profil ha recentemente rivelato che l’esperto avrebbe aperto un ufficio a Vienna per gestire la campagna sporca, ivi comprese due pagine controverse di Facebook “Wir für Sebastian Kurz ” e “Die Wahrheit über Sebastian Kurz”, focalizzate a ridicolizzare il leader del partito popolare Övp.. Il partito popolare

VERITA’ CRISTIANA E PERENNIALISMO

quarta parte

L’ESEGESI DEL GENESI

La gnosi spuria, quindi, identifica l’Adam Kadmon, o Uomo Universale, che è invece il Verbo di Dio, con l’Uomo Adamico prima della sua “caduta” nella corporeità-limitazione, nella corporeità-prigione. Essa, in altri termini, postula che l’uomo, perdendo la consapevolezza della propria connaturata auto-divinità, è “caduto” nella  manifestazione esteriore, materiale, che è stato “gettato” nell’“oscurità” del mondo, che è stato “esiliato” dal Cielo sulla terra. Il Giardino di Eden, infatti, viene qui inteso

VERITA’ CRISTIANA E PERENNIALISMO

terza parte

ADAMO ED EVA – UOMO E DONNA

L’esegesi gnostica della creazione biblica della Donna presume la confusione tra l’Adam Kadmon/Verbo-Divino e l’Adam creatura. Riproponendo lo stesso tema del mito platonico dell’androgino, e di altre similari concezioni, l’Uomo Primordiale è presentato come asessuato, o, meglio, come al di là del dualismo sessuale. Quest’ultimo risponde alla necessità intrinseca della creazione retta, per l’appunto, dalla ciclicità duale della simmetria spazio-temporale ritmata sull’alternarsi del giorno e della notte,

VERITA’ CRISTIANA E PERENNIALISMO

seconda parte

 

SILVANO PANUNZIO

La mancata attenzione alla distinzione tra la gnosi pura e la gnosi spuria ha portato insigni pensatori e probi, ottimi, cristiani a porre, talvolta, il piede in fallo. Nei secoli patristici capitò persino ad un Origene per la sua dottrina, di evidente ma non purificata derivazione platonica, sulla pre-esistenza della anime che postula implicitamente la concezione della caduta frammentaria dello Spirito nella materia. In tempi più recenti è capitato, ad esempio,

VERITA’ CRISTIANA E PERENNIALISMO

prima parte

QUALE PHILOSOPHIA PERENNIS?

Secondo la Treccani “Philosophia perennis” è espressione coniata dal teologo agostiniano Agostino Steuco (“De perenni philosophia”, 1540), il quale riprendendo motivi di Marsilio Ficino e di Giovanni Pico della Mirandola, soprattutto quello relativo all’accordo tra la “prisca theologia” e il Cristianesimo, intese riferirsi alla presenza di un nucleo comune di verità – consistente nella ricerca del principio delle cose e nel conseguente anelito alla conoscenza di Dio – in tutta la

di Roberto PECCHIOLI

 

Non siamo teologi, la nostra preparazione religiosa è quella di tanti italiani formati da modeste famiglie cattoliche e da quella che una volta si chiamava dottrina, gli insegnamenti del catechismo appresi in parrocchia. Siamo vissuti con le semplici formule da mandare a memoria, chiare e prive di sfumature: Dio è l’essere perfettissimo creatore del cielo e della terra. Retaggi del passato, affermazioni nette, apodittiche, che destano orrore nell’uomo moderno e che la Chiesa nasconde, trascura, tutt’ al