RELAZIONE FRA MARIJUANA E OMICIDI

Un report  rivelatore di un autore premiato ed ex reporter del New York Times rivela il legame tra l’uso di marijuana e la malattia mentale, e un’epidemia nascosta di violenza causata dalla droga – fatti che i media hanno ignorato mentre gli Stati Uniti si precipitavano a legalizzare la cannabis. 

La marijuana ricreativa è ora legale in nove stati USA. Quasi tutti gli americani credono che il farmaco dovrebbe essere legale per uso medico. I sostenitori affermano che la cannabis può aiutare tutti, dai reduci ai malati di cancro. Ma la legalizzazione è stata costruita sui miti – che gli arresti di marijuana riempiono le prigioni; che la maggior parte dei medici vuole usare la cannabis come medicinale; che può in qualche modo arginare l’epidemia di oppiacei; che non è solo innocuo ma benefico per la salute mentale. In questo libro meticolosamente riportato, Alex Berenson, un exIl reporter del New York Times , analizza e sviscera  quei miti:

• Quasi nessuno è in prigione per la marijuana;
• Solo una piccola percentuale di medici scrive la maggior parte delle autorizzazioni per la marijuana medica, soprattutto per le persone che hanno già usato;
• L’uso di marijuana è legato all’uso di oppiacei e cocaina. Dal 2008, Stati Uniti e Canada hanno visto un uso crescente della marijuana e un’epidemia di oppiacei. La Gran Bretagna ha un calo nell’uso di marijuana e nessuna epidemia;
• Soprattutto, il THC – la sostanza chimica nella marijuana responsabile dell’elevato livello del farmaco – può causare episodi psicotici. Dopo decenni di studi, gli scienziati non discutono più seriamente se la marijuana causa psicosi.

La psicosi porta violenza e la violenza legata alla cannabis si sta diffondendo. Nei quattro stati che per primi hanno legalizzato, gli omicidi sono aumentati del 25% dalla legalizzazione, ancor più del recente aumento nazionale. In Uruguay, che ha permesso vendite al dettaglio nel mese di luglio 2017, gli omicidi sono aumentati vertiginosamente quest’anno.

Il rapporto di Berenson spazia dall’istituto londinese che ospita gli scienziati che hanno contribuito a dimostrare il collegamento tra la psicosi della cannabis e la prigione del Colorado, dove un uomo ora sconta una condanna a trent’anni dopo aver mangiato una barretta di merendine  contenete TCH e ucciso la moglie. Si attacca ai fatti e sono devastanti.

Con gli Stati Uniti già attanagliati da un’epidemia di droga, questo libro farà sì che i lettori riconsiderino se l’uso di marijuana vale il rischio.

Print Friendly, PDF & Email